Menu

Tornano in concerto in Italia gli AC/DC, 9 luglio Imola

Tornano gli AC/DC per un unico concerto in Italia il 9 luglio 2015 a Imola + Special Guest

La band - leggenda del rock mondiale all’Autodromo Internazionale "Enzo e Dino Ferrari" per il più grande evento open air dell’estate 2015

Dopo il sold out dell’ultimo concerto in Italia nel 2010 a Udine, in uno Stadio Friuli invaso da 50.000 fan in delirio, tornano gli AC/DC per un unico e imperdibile concerto nel nostro Paese (organizzato da Barley Arts) il 9 luglio all’Autodromo Internazionale "Enzo e Dino Ferrari" di Imola.

La band-leggenda del rock mondiale infiammerà così, con la sua energia e i suoi riff inconfondibili, una location storica per la musica live in Italia, per il più grande evento open air dell’estate 2015 dedicato ad un unico artista internazionale.

Le prevendite per il concerto degli AC/DC partiranno dal 17 dicembre, il prezzo del biglietto (posto unico) è di 75 euro (più 11,25 euro di prevendita). Non sono previsti VIP packages, early entry o simili iniziative.

Quello di Imola è l’unica data in Italia di un tour mondiale, il "ROCK OR BUST WORLD TOUR", con cui gli AC/DC porteranno live i loro più grandi successi e presenteranno per la prima volta dal vivo i brani del loro ultimo album di inediti ‘Rock Or Bust’, in testa alle classifiche in Italia e in tutto il mondo! Sarà inoltre il primo tour senza Malcom Young, che ha recentemente lasciato la band per motivi di salute. Al suo posto Stevie Young, nipote dei membri fondatori Angus e Malcolm Young, che ha suonato la chitarra ritmica in ‘Rock or Bust’ e che accompagnerà la band sul palco.

Pubblicato il 1 dicembre scorso, ‘Rock Or Bust’ contiene 11 brani inediti e viene pubblicato a sei anni di distanza da “Black Ice”, album del 2008 che ha riscosso un grandioso successo mondiale. Il disco, registrato nella primavera del 2014 al Warehouse Studio di Vancouver, prodotto da Brendan O’Brien e mixato da Mike Fraser, ha ricevuto recensioni molto positive da tutta la stampa mondiale, che lo ha già definito ‘uno dei punti più alti raggiunti dagli AC/DC nella loro lunghissima e gloriosa carriera’.

Il concerto degli AC/DC a Imola rappresenta per Barley Arts un grande ritorno ai raduni rock internazionali in Emilia Romagna, regione dove ha sempre portato la grande musica rock, già dagli anni ’80, con lo storico festival Monsters of Rock, fino al più recente Flippaut Rock Festival.

L’evento si svolgerà nel Paddock Rivazza, una delle zone più verdi e accoglienti dell’autodromo e, come tutti gli eventi Barley, sarà caratterizzato dalla massima attenzione verso le migliaia di fan che accorreranno da tutta Italia e Europa.

www.acdc.com

Da gennaio 2015 il disco "Vdb23/nulla è andato perso" di Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi

Dal 13 gennaio 2015 sarà nei negozi di dischi “Vdb23/nulla è andato perso” di Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi su label Alkemi/Ala Bianca Group - distribuzione Warner/Kiver

È un disco speciale “Vdb23/Nulla è andato perso” di Gianni Maroccolo con Claudio Rocchi, che esce a gennaio ufficialmente dopo una prima pubblicazione limitata nel 2013, prodotta grazie al crowdfunding.

Innanzitutto perché non era automatico vedere due musicisti con un passato così impegnativo superare retroterra e logiche di appartenenza e aprirsi l’uno all’altro, artisticamente ma prima ancora umanamente. Non era automatico che il grande psichedelico del rock italiano si trovasse a interagire con il pilastro di Litfiba e CSI nonché deus ex-machina di molto indie del nostro paese.

Non che i rispettivi retroterra o il leggero gap generazionale portassero elementi di incompatibilità musicalmente, tutt’altro. È che questo tipo di collaborazioni accadono e accadono felicemente solo se prima c’è un’intesa umana che permette di andare al di là di barriere personali e capricci dell’ego. L’album assume un valore preciso poi se si considera che è l’ultimo a cui ha lavorato Rocchi prima di morire nell’estate del 2013 per il veloce aggravarsi di una malattia degenerativa. E ascoltandolo non si può non rimanere colpiti dall’inevitabile valore testamentario delle canzoni scritte e cantate da Claudio, che in cuor suo avrebbe voluto sopravvivere ma sentiva probabilmente che quella in corso era una session estrema e particolarmente importante. Parole che guardano in faccia la morte con la luce che ha sempre illuminato la sua poetica, cantate con tutta la forza possibile in una fase già di grande sofferenza, e che trovano perfetto completamento nell’architettura sonora levata da Gianni, spigolosa e battagliera, intensa nell’intimo di un tessuto rock intriso di trame psichedeliche ma mobile nel suo regno in territori tra wave, elettronica e industrial.

Un lavoro che parla di transiti, terreni e ultraterreni, di cambiamenti e di tappe, di morte che si trasforma in vita, di energie che sembrano scomparire per rinascere in un boom di luce forte. E tutto avviene senza retorica e con mirabile asciuttezza, anche nella lunga Rinascere Hugs Suite che occupa la parte centrale del disco, venti minuti dove sfilano i contributi tanto numerosi quanto sobri e funzionali di Franco Battiato, Piero Pelù, Cristina Donà, Massimo Zamboni, Cristiano Godano, Emidio Clementi, Ivana Gatti, Monica Matticoli, Alessandra Celletti, Beppe Brotto, in un momento che sembra sviscerare l’idea di “viaggio” come esperienza di tutti, come percorso di condivisione umana.

Un passaggio di umanità in definitiva, ed è un cerchio che si chiude, a ripensare all’esordio di un Rocchi diciannovenne nel 1970, nel suo classico primo album “Viaggio”.

Un disco poi che segna una pietra miliare nel lavoro solista di Gianni, che in accordo con i contributori del crowdfunding iniziale ora lo rende disponibile a tutti, e che arriva sopra ogni altra cosa come una viscerale espressione di qualità e serenità, requisiti oggi difficilmente rintracciabili nella gran parte dei prodotti musicali di un’industria discografica sempre più virtuale e chiusa in sé stessa.

EDITORS, concerto Milano 20 luglio 2014

PIOGGIA DI EMOZIONI

Scena Rossa ...geometrie perfette .... da subito Tom Smith (un nome comunissimo nel mondo anglosassone) cantante, dalla voce rugosa calda potente, elegantissimo, originale ed unico, sul palco incanta con gli EDITORS
Il preludio stordisce le aspettative crescono. Concerto da ricordare.
Canzoni dai suoni reiterati minimali, melodie straordinarie, aperture incantevoli il viaggio con gli Editors è partito grazie Milano si sta bene. Si prevede pioggia.

Nulla di virtuosismo, ma la sensazione e non solo ê questa: i ragazzi venuti dal nord sono straordinari musicisti che sanno muoversi tra dark anni '80 all'indie '90 usare le carte tra mestiere e fantasia in modo perfetto. Concerto dalle forti emozioni.
L'ombroso lato della nostra vita è rappresentato sul palco, nel modo migliore, tra echi di narrazione New Order, The Cure, Il malessere come opportunità. Grandissimi!!
La scenografia scarna, semplicemente essenziale, proiezioni e luci monocromatiche (tante) valorizzano maggiormente il concerto.

Preparazione studio professionalità, tecnica e una dose massiccia di belle canzoni premiano gli Editors gruppo internazionale dall'approccio immediato coinvolgente, con diversi gradi in più di tanti artisti locali che riempiono San Siro grazie all'abuso dei media ma insignificanti artisticamente.
Quella del gruppo di Tom Smith è musica altro non è. Gusto sensibilità ricerca sperimentazione, lavoro. Tra Atom For Peace e National, la storia musicale del rock contemporaneo ci stanno anche gli Editors tra i protagonisti ai massimi livelli, assoluti.

Al City un'altra serata indelebile per chi ama musica, gli angeli sanno incantare!
Potenza delle 7 note: per alcuni si sono aperte le strade del paradiso per gli altri le verdi praterie, per tutti la luce.
Emozioni tante

FURETTO

Nota.
Una emozione senza freni, empatica, magica, coglie anche l'amico di Marco. Presissimo, coinvolto dal concerto canta tutti i brani della band e, con dovizia certosina, racconta particolari del gruppo, parla delle canzoni. Uno straordinario cicerone dalla cultura rock, una conoscenza musicale immensa; dal dark inglese al metal internazionale fino ai nostri ELI, il Magia e altro. Grandissimo, preparato, sorprendente. Grandissima sorpresa umana.

Marco sostiene che ai concerti incontri il mondo, scopri cose nuove, una grande occasione per uscire dalla banalità quotidiana dalla routine.
È vero!!

Ciao Mondo amici sempre.

Abba il libro

È la storia della degli ABBA, (uno show incredibile), il gruppo svedese più famoso nel mondo.
La band che nel giro di pochi anni è riuscita a vendere la bellezza di quasi 400 milioni di dischi, fare tournèe mondiali, in ogni luogo, dal Giappone all’Australia con sold-out ovunque.

Icone gay, Principi delle Discoteche, protagonisti assoluti della musica Dance e Pop, ammirati e imitati da migliaia di musicisti e simbolo di quegli anni ’70, anni di grande vitalità gli ABBA, ancora oggi, hanno fans sparsi in tutto il mondo, sono spesso citati in straordinari film e grandi Stars contemporanee coverizzano, ancora, i loro brani con grande successo.

I personaggi principali sono sempre: Agnetha, Bjorn, Benny e Frida.

Il libro, bellissimo, elegante, pieno di illustrazioni e memorabilia, prodotto da 24 Ore Cultura – Gruppo 24 ORE è di quelli che sono considerati imperdibili, che bisogna avere a casa.

I motivi sono diversi, ugualmente importanti. Sintetizzando ne cito tre - ma voi, leggendolo, troverete senz'altro altre ragioni – La prima di interesse storico-culturale per gli amanti della musica pop, la seconda i fans, che avranno modo di rivivere le tappe, fondamentali, del successo dei loro beniamini un viaggio fantastico, la terza ragione, per coloro che gli ABBA non hanno conosciuto o, come succede qualche volta per artisti vincenti, sono refrattari se non addirittura detrattori, questi avranno modo leggendo il libro di comprendere meglio il successo della band e di farsene una ragione.

Sfogliando il libro, scritto da Ingmarie Halling con Carl Magnus Palm, approvato dagli ABBa, con testi di Agnetha, Anni-Frid, Benny, Bjorn, imbatterete in poster, riproduzioni di documenti rari, memorabilia personali da far felice e deliziare tutti.

Confesso, infatti, che sono stato attratto dalla straordinaria storia e attività della band, dalle sue origini nel ’72 e chiusa 10 anni più tardi, che ha realizzato molti brani tra i quali: Mama Mia, Fernando, I have a Dream, Dancing Queen, Eagle, e molti altri …..tanto per non farci mancare nulla

Uno straordinario viaggio rivissuto sulle pagine del libro con foto, testi di canzoni entrate nella storia, lettere, disegni e, i racconti degli stessi protagonisti.

ABBA gruppo indimenticabile, libro irrinunciabile per gli amanti della musica e non solo

Furetto

Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?