Menu

Lemuri il Visionario ospite a ROCK TARGATO ITALIA Edizione Speciale

Lemuri il Visionario

a ROCK TARGATO ITALIA.

 Protagonista del pomeriggio artistico nei parco del LegendClub di Milano il 30 luglio, un super artista storico, un autentico visionario capace di stupire ed ammaliare con la sua performance. Un pomeriggio artisticamente magico e sorprendente per il ritorno a Milano di Lemuri Il Visionario

Oltre al suo concerto, Lemuri con  Roberto Manfredi presentano un racconto sulla scena musicale italiana degli ultimi trent'anni. Da Video music a oggi. Dal libro Talent Shop ( dai Talent scout ai talent show ) di Roberto Manfredi 

Il 2930 Luglio al LEGEND CLUB DI MILANO dalle ore 15,30  si svolgerà un’edizione speciale di Rock Targato Italia, due giornate colme di incontri e concerti (Ingresso Gratuito) tra gli ospiti in programma

Lemuri il Visionario

Vittorio Centrone in arte Lemuri è un cantautore visionario. All’età di 6 anni la sua famiglia si trasferisce dalla Puglia a Pordenone luogo che in seguito si rivelerà determinante per la sua crescita come musicista. Infatti nel 1978 in piena epoca Punk la cittadina friulana balza agli onori della cronaca per la nascita di un movimento di gruppi musicali giovanili riuniti sotto la denominazione di Great Complotto. Dal 1983 al 1990 è il tastierista dei pordenonesi Futuritmi, uno dei migliori gruppi rock italiani del periodo. Del gruppo fanno parte anche Davide Toffolo (Tre Allegri Ragazzi Morti) e Gianmaria Accusani (Prozac +). Con i Futuritmi realizza un EP Colour of Fight ed un album Il Bambino che Baciava e Marameo alla morte e partecipa alle compilation Union (CGD) con la cover di Battiato “Up Patriots to Arms” e Italian Rock Invasion (Dischi Noi) con il brano L’Aviatore. Il Bambino che Baciava... realizzato nel 1989, è prodotto da Nick Griffiths (David Bowie, Pink Floyd e Roger Waters). Il gruppo appare in TV a Sanremo Rock, Sanremo International del 1990, Be Bop a Lula ed alla prima mitica edizione di D.O.C. di Renzo Arbore. I Futuritmi nel 1992 si sciolgono e comincia la sua carriera solista. Si trasferisce a Milano e nel 1993 vince un concorso indetto dalle case editrici EMI, DDD e WARNER come autore. Debutta come solista con il CD "Il Porto dei Santi", e nel 2003 partecipa come autore al Festival di Sanremo con il brano "Chi sei non lo so" eseguito da Verdiana. Nel 2004 è la voce maschile del progetto Haiducii nel brano dance "Dragostea Din Tei". Nel 2008 partecipa come attore e cantante alla commedia musicale Karma Party e allo show "Chroma" dedicato all'artista inglese Derek Jarman. Successivamente, crea l'opera "Lemuri il Visionario" che narra la storia di un bizzarro musicista sognatore. A seguito dell’uscita di un libro illustrato, la storia diventa un’opera rock. In scena Vittorio, che interpreta il protagonista, interagisce con i disegni animati del fumettista Giulio De Vita. Lo spettacolo viene rappresentato in Italia, Stati Uniti, Canada e Francia dove viene inserito anche nel programma del prestigioso festival francese del fumetto di Angoulême Nel 2020 partecipa alla manifestazione Musicultura a Macerata, vincendo il premio dedicato alla miglior performance e alla fine dello stesso anno nasce la collaborazione con l’etichetta indipendente Vrec Music Label. Il nuovo disco, in formato CD e vinile, dal titolo “Viaggio al centro di un cuore blu” esce il 23 aprile 2021 anticipato dal singolo “Niente da dire”. Nel 2021 Lemuri vince anche il premio di Rock Targato Italia inserendo nella relativa compilation il brano “La strada degli spiriti”

Francesco Caprini

Divinazione Milano S.r.l. 

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network 

Fb  www.divinazionemilano.com

Tel. 393 2124576

e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

instagram  francesco_caprini_rock

fb francesco.caprini..5

 

 

Leggi tutto...

Il terzo e conclusivo incontro del mese sarà con Maurizio Marsico, nome di battaglia Mr. Monofonic Orchestra

REWIND/RECOUNT
Maurizio Marsico/Monofonic Orchestra

19 luglio 2022, ore 19.00
#Agorà

REwind/REcount è una serie di incontri per ascoltare e rivivere storie di musicisti e personaggi fondamentali della scena musicale italiana e non solo, filtrati dallo sguardo e dall’orecchio dei protagonisti.

Il terzo e conclusivo incontro del mese sarà con Maurizio Marsico, nome di battaglia Mr. Monofonic Orchestra, anche se gli alias dietro i quali si è nascosto sono innumerevoli. Dagli anni Ottanta è un inarrestabile agitatore mutante della musica italiana e non solo. La sua discografia è variegata, caleidoscopica e imprevedibile, tra elettronica, dance/italo disco, wave e avanguardia. Attraversando quarant’anni di carriera, dalle tante perle del passato fino alle produzioni degli ultimi anni, ci immergeremo tra ascolti e storie raccontate sotto la fedele guida di Demented Burrocacao.

 

L’incontro si svolgerà presso la Galleria Vetrata.

Leggi tutto...

ROCK TARGATO ITALIA estate 2022 Incontro e Musica con MIMMO PAGANELLI

Milano 29 e 30 luglio al Legend Club

Ingresso gratuito

Venerdì 29 luglio ore 15,30 “Una Vita per la Musica”

Incontro e Musica

MIMMO PAGANELLI

Storico Direttore Artistico della società EMI Italiana

(Vasco Rossi, Francesco Guccini, Franco Battiato)

Ospite: Marco Di Noia

Il 29 e 30 Luglio al LEGEND CLUB DI MILANO un’edizione speciale di Rock Targato Italia, due giornate colme di incontri e concerti (Ingresso Gratuito)

Con il Patrocinio della Regione Lombardia Assessorato Autonomia e Cultura

 Un incontro da seguire con Mimmo Paganelli, che per raccontarci la sua esperienza professionale nel mondo della discografia una sorta “Vita per la musica” si avvale del supporto musicale dell’artista Marco di Noia che si esibirà con una strana chitarra/tastiera accompagnato da Lorenzo GhiriNGhelli che l’ha inventata

Mimmo Paganelli professionista discografico di valore internazionale, ha occupato nella sua bellissima carriera professionale, cariche dirigenziali di notevole e primissimo livello. non ultima la carica di Direttore Artistico della Società EMI Italiana.

Mimmo sarà il protagonista, - con la sua testimonianza ed esperienza di vita (vedi il suo recentissimo lavoro il libro “Volevo lavorare dentro i dischi”) -  di questa edizione speciale di Rock Targato Italia dedicata a tutti coloro che hanno sofferto la pandemia, il tempo sospeso, vietato fare musica, i concerti e, d’ incontrarci

Per l’occasione  MIMMO PAGANELLI da scouting maturo e preparato qual è, ha pensato di raccontare la sua storia, impreziosendola con interventi musicali a cura dell’artista MARCO DI NOIA, ospite dell’incontro/dibattito.

Una vera e propria performance da seguire con particolare attenzione

BIOGRAFIA – Domenico ‘Mimmo’ Paganelli 

Domenico ‘Mimmo’ Paganelli è un discografico italiano, nato a Taranto e milanese d’adozione.

Inizia la propria carriera nel settore discografico nel 1971 alla CGD-Messaggerie Musicali (l’attuale Warner Music) di Milano.

Dopo un lungo soggiorno in Inghilterra nel 1977 approda alla RCA (oggi Sony Bmg) e vi rimane fino al 1981. Lavora alla promozione con i più grandi cantautori e artisti della musica italiana del calibro di Rino Gaetano, Lucio Battisti, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Renato Zero, Ivan Graziani, Mia Martini, Riccardo Cocciante, Ron.

Nel settembre del 1982 entra nella multinazionale americana Peer Southern dove per la prima volta ricopre il ruolo di Direttore artistico ed editoriale, e dove resterà fino a gennaio del 1991.

Nel febbraio del 1991 approda alla EMI alla direzione artistica fino alla primavera del 2007.

Qui ha collaborato con artisti del calibro di Vasco Rossi, Francesco Guccini, Stadio, Litfiba, Roberto Vecchioni, Franco Battiato, Angelo Branduardi, Ivano Fossati, Tiziano Ferro, Amedeo Minghi, Edoardo BennatoBanco del Mutuo soccorso e Mango.

Dal 2007 in avanti svolge l’attività di produttore artistico e consulente musicale per diversi artisti. Comincia inoltre a divulgare la sua grande esperienza professionale dedicandosi a corsi e master nelle scuole e conservatori italiani. Spesso viene chiamato come giurato in importanti contest musicali.

A giugno 2022 ripubblica il suo libro:”Volevo lavorare dentro nei dischi” (Dantone Edizioni) in una versione rivista e ampliata, con foto d’epoca e un nuovo capitolo dove ha l’onore di ospitare dediche di Vasco Rossi, Guccini, Branduardi, Vecchioni, e importanti addetti ai lavori e giornalisti del settore.

Prefazione a cura di Maurizio Becker (Vinile)

Nel 2013 ha pubblicato anche un romanzo dal titolo “Angeli senz’ali’”

Marco Di Noia è un cantautore e giornalista milanese, con due lauree in materie umanistiche e un dottorato in culture e letterature comparate, caratterizzato da una forte propensione alla sperimentazione, ai concept-album e una particolare voce di quasi quattro ottave di estensione vocale. Dopo alcuni singoli, un Ep e alcuni premi, nel 2018 pubblica “Elettro Acqua 3D”, innovativo concept app-album per cellulari, patrocinato da Amref Health Africa, e si esibisce in pionieristici concerti in 3D audio.

Con l’Ep “Leonardo da Vinci in pop” (2019), porta gli strumenti ideati dal genio rinascimentale a suonare per la prima volta con quelli moderni. Il singolo estratto dall’album, “Stella del pop”, viene scelto come colonna sonora del videogioco “La corsa di Leonardo” ideato dall’Amministrazione del Comune di Milano.

Nel 2020 esce “La sovranità dei robot”, Ep impreziosito dai featuring con i robot iCub dell’Istituto Italiano di Tecnologia e Teotronico. Il progetto, che lo porta ad esibirsi al Web Marketing Festival 2020 di Rimini e ad intervenire al TEDxFermo 2021 e al WSIS Forum 2022 dell’ITU (unione internazionale delle telecomunicazioni dell’ONU), diviene oggetto del paper accademico “Human to Artificial (H2A): from Duets with Robot to a New Model of Relationship” presentato a Content 2021. A maggio 2022 esce "Camillevolt" (Stardust/Columbia Records), brano frutto di una collaborazione con il Laboratorio EDME della Scuola di Design del Politecnico di Milano.

 

Francesco Caprini

Divinazione Milano S.r.l. 

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network 

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano 

Tel. 02 5831 0655 mob. 3925970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

web: www.divinazionemilano.it 

 

Leggi tutto...

IL MONDO NUOVO.

 Qualche giorno fa, celebrando il cinquantesimo anniversario dell’uscita di The Rise And Fall of Ziggy Stardust And The Spiders From Mars, mi sono domandato come è stata possibile una così devastante e becera regressione dell’umanità. Il nuovo mondo moderno tecnofilo e dominato dal neoliberismo finanziario ci ha portato ad una involuzione senza precedenti. Si sono abrogati diritti che davamo per assodato, si è tornati ad una nuova versione “calda” della Guerra Fredda. Abbiamo riesumato temi come quello dello “spazio vitale” che tanti lutti e sofferenze ci avevano portato nella prima metà del secolo scorso, abbiamo abolito il dissenso a favore di un confortevole pensiero unico acritico e siamo ormai sull’orlo dell’estinzione. Il mondo non sentirà la nostra mancanza, lo so. Strano che proprio cinquant’anni fa, nel pieno della competizione tra le due superpotenze e dentro al dibattito che voleva i benpensanti per il mantenimento delle classi sociali e i loro antagonisti che ci volevano tutti uguali, qualcuno ha detto che abbiamo il diritto ad essere tutti diversi. Tutti unici. David Bowie dovrebbe essere beatificato perché ha compiuto molto più di tre miracoli. Ziggy Stardust cambia il paradigma e apre gli occhi ad una società avvitata in schemi di contrapposizione ideologica che non hanno e non avevano molto senso. Essere umani tutti ugualmente diversi è la soluzione. E’ sempre lui, con Heroes, a dare la prima picconata al Muro ed è lui che cambia per sempre la musica con la trilogia berlinese contaminando armonie e generi. Ora la domanda è: com’è possibile che cinquanta anni dopo, noi non si abbia capito nulla? Com’è possibile che non si capisca che la lotta in atto non è tra il mondo cosiddetto libero e la dittatura ma tra il capitalismo finanziario e l’autarchia? Perché la democrazia non c’entra nulla, in gioco c’è l’equilibrio geopolitico di chi governa la finanza contro chi possiede le materie prime. Quale democrazia, poi? Quella che criminalizzava i no vax per poi dover ammettere che non c’entravano nulla? Quella che ammette che i morti per la pandemia si contano in modo sbagliato (lo ha detto il nostro sottosegretario alla Salute, non io o un terrapiattista) salvo poi continuare a contarli nello stesso modo? Il diritto all’aborto fa tornare l’America agli anni Cinquanta con buona pace del fatto che fosse impossibile, in Occidente, che diritti fondamentali e libertà potessero essere solo messi in discussione! La privacy non esiste più. La tecnologia permette di rendere controllabile, controllata e condizionata la comunità umana. Lavoriamo per la finanza: per banche e fondi. La transizione ecologica è riaprire le centrali a carbone? Va bene che tanto se domani dovessimo eliminare completamente le emissioni di CO2 (cosa impossibile), per almeno altri tre decenni la temperature del pianeta continuerebbe a salire. Per una diminuzione significativa ci vogliono cinquanta anni e forse un altro disco come quello più sopra citato. Cosa si può pensare quando oggi, in ventimila, vanno a vedere una “cosa” in Piazza Duomo a Milano che è la sagra dell’autotune? Se qualche speranza me la danno i settantamila che (pagando! La “cosa” in piazza Duomo era gratuita ancorché fatta per scopo benefico e meritorio) sono stati a vedere i Maneskin a Roma, i diecimila che sono stati a vedere i Greta van Fleet e le tantissime decine di migliaia di persone che vanno a vedere concerti non “cose” devo ammettere che, oggi, la musica è dappertutto eppure è assente.

Magari qualcuno potrebbe portare quei ventimila ragazzi ad un concerto vero. Forse qualcuno potrà  assumersi la responsabilità di mettere sulla piastra The Rise And Fall Of Ziggy Stardust And The Spiders From Mars e farlo ascoltare a quei ragazzi. Magari anche spiegare quei valori su cui si dovrebbe fondare il nostro modo di pensare e di organizzare la società. E, forse, sentendo questo piccolo enorme album capirebbero che se si pronuncia la parola “musica” di cosa si tratta.

di Paolo Pelizza

© 2022 Rock targato Italia

www.rocktargatoitalia.eu

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?