Menu

ROCK TARGATO ITALIA. Favorevole alla legge che promuove in Radio e TV la musica italiana emergente

ROCK TARGATO ITALIA

Un contributo alla discussione sulla diffusione della musica italiana e sostegno alle realtà emergenti. Favorevole alla legge che promuove in Radio e TV la musica italiana emergente (Francesco Caprini, ideatore della rassegna)

 1) Chi ci conosce sa che da anni ci battiamo affinchè la nuova normativa riguardo la diffusione della musica italiana in radio e Tv sia portata al 70% la quota di brani prodotti in italia. (come succede in Francia). Abbassandola o richiedere il paletto al 30% peggiorerebbe di molto la già fragile scena culturale musicale e economica italiana emergente e non solo.

2) La promozione deve avere maggior spazio con programmi radiofonici e televisivi a doc, Facendo attenzione che ci sia un controllo da parte dei produttori nostrani e non, da rappresentanti di etichette discografiche e non solo che, sotto falso nome, in realtà, promuovono prodotti delle multinazionali che hanno già abbondantemente invaso il settore musicale italiano,  azzerando di fatto le diversità culturale dei territori,  secondo una loro democrazia operativa mondiale che è tutta, naturalmente dalla loro parte.

Gli interventi o iniziative per garantire la qualità della filiera musicale nazionale, (tanto per interderci per salvaguardare il lavoro dei produttori, arrangiatori, studi di registrazione, uffici stampa, artisti, autori e compositori, ecc ecc,) devono essere gestiti da persone competenti e di grande esperienza nel settore è una condizione imprescindibile.

3) Sostenere la piccola impresa musicale italiana anche con il contributo della SIAE e di tutti gli altri Istituti preposti (andare oltre il monopolio) pe l'acquisizione di economie dei diritti musicali, editoriali grazie al lavoro fatto degli artisti stessi. Cosi come il recupero di diverse economie che non vengono ridistribuite e utilizzati per diversi fattori (che non sto ad elencare per questione di spazio ma sono sempre disponibile al dibattito) e che ora attraverso i bandi (cmq importanti) sono impegnati a sostegno di  autorevoli iniziative favorendo meeting incontri festival e rassegne, ma purtroppo anche, per meccanismi vari e mancanza di addetti operativi sul territorio (decentramento), premiano burocrati della musica, amici e parenti e non i creativi veri, musicisti, operatori del settore, che oltre alla qualità del prodotto garantiscono una imprenditoriale nazionale di livello.

4) Valorizzare i nostri talenti? C'è bisogno anche e soprattutto di interventi del Ministero alla Cultura e Assessorati Regionali alla Cultura) con interventi mirati al territorio con, ad esempio, la promozione e contributi finanziari per festival e rassegne varie, C'è bisogno di minore burocrazia, maggiore fantasia e fiducia da parte degli Enti Pubblici (al contrario norme anche severe per i furbetti di quartiere), affinchè anche musicisti operatori del settore, nel loro piccolo si attivano a realizzare prodotti nazionali, non messo in difficoltà o penalizzato, ma al contrario valorizzato.

Bisogna guardare con favore alla produzione e promozione della nostra cultura musicale ed essere unici, originali, propositivi e positivi. Ma non basta ci vuole chiarezza e un dibattito continuo estremamente positivo e collaborativo. Basta guardare come nel tempo il successo dell' imprenditoria della Moda, Design, Food, di cui tutti ne beneficiamo dei risultati ottenuti a livello di immagine ed economia, sia cresciuta nel mondo. Confrontiamoci, organizziamoci facciamo valere le nostre competenze operative e qualità artistiche. Abbiamo arte e musica importanti da comunicare

Come? ecco alcuni esempi  creando e favorendo la produzione di  programmi a doc in tal senso si ricorda  Mezzanotte su Italia1 e DOC sulla Rai ( ma sono diversi i programmi che meritano attenzione nel campo della musica emergente) che hanno creato un mercato nazionale davvero importante favorendo una scena musicale economica di valore come la scena rock Italia.

blog rocktargatoitalia 

Leggi tutto...

Appuntamento Mercatino RAVIZZINO - Milano

Appuntamento Mercatino RAVIZZINO - Milano
9^ anno

Domenica 17 febbraio 2019

Ritorna al Parco Ravizza Milano

Il mercatino è un incontro tra gli hobbisti e amatori di tutti quegli oggetti che ci incuriosiscono e che ci affascinano, per la loro storia, per la loro epoca o più semplicemente per la loro bellezza. Si va al il mercatino per curiosare tra oggetti antichi ed interessanti, per trovare occasioni o semplicemente per fare una passeggiata tra prodotti, manufatti e articoli che vi riporteranno in un’altra epoca

Il mercatino Ravizzino Arti e Mestieri

dalle ore 9,30 alle ore 16,30

Milano Viale Brahms – Parco Ravizza Milano

Promosso dall’ Associazione Culturale Milano in Musica

(Zona Università Bocconi).
Ampio Parcheggio zone limitrofe

Facebook: Ravizzino arte E mestieri

INFO:
cell. 393 2124576
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Francesco Caprini

Leggi tutto...

NASCE #CULTURAIDENTITÀ, IL NUOVO MENSILE

NASCE #CULTURAIDENTITÀ IL NUOVO MENSILE PER RISCOPRIRE IL VALORE DELL’ITALIANITÀ, 32 PAGINE CONTRO IL POLITICAMENTE CORRETTO

Venerdì 1 febbraio in edicola, in allegato al quotidiano Il Giornale, approfondimenti, opinioni, interviste e racconti firmati da intellettuali di prestigio che esaltano le bellezze storiche, culturali e artistiche del Paese.

In un momento storico in cui i giornali fanno fatica ad andare avanti, in completa controtendenza, venerdì 1 febbraio esce in edicola il nuovo mensile #CulturaIdentità. Fondato dall'attore e regista Edoardo Sylos Labini, che ne è anche editore, e diretto da Alessandro Sansoni, il giornale sarà distribuito gratuitamente in tutta Italia in allegato al quotidiano Il Giornale il primo venerdì di ogni mese.

Chiediamo a Edoardo Sylos Labini fondatore e editore del mensile #CulturaIdentita quali sono i motivi che lo hanno spinto ad investire nel progetto editoriale?

"Sarà come riscoprire il valore dell'italianità in una nuova chiave contemporanea, lontano dal politicamente corretto.  Dopo 24 anni di carriera artistica ho deciso di lanciare una nuova sfida alle stelle per liberare energie e pensieri della nostra migliore Italia.”

Come sarà strutturato il giornale e quali sono i protagonisti della cultura che collaboreranno al giornale?

 #CulturaIdentità sarà un mensile di 32 pagine e ospiterà le firme più interessanti e controcorrente del panorama culturale e giornalistico italiano come Vittorio Sgarbi, Alessandro Meluzzi, Angelo Crespi, Giampaolo Rossi, Angelo Mellone, Giovanni Terzi, Laura Tecce e Nino Spirlì facendosi portavoce della battaglia a difesa della cultura e dell'identità italiana lanciata un anno fa sul palco del teatro Manzoni di Milano dall'omonimo movimento.

Nomi importanti, influencer  di spicco, ma quali sono gli obiettivi che si è dato?

L’obiettivo è fornire ai lettori uno spaccato dell'immenso patrimonio artistico del Bel Paese e del Made in Italy, con ampio spazio dedicato al racconto degli eventi culturali realizzati in ogni regione d'Italia e allo straordinario lavoro che, su tutti i territori, viene messo in campo da fondazioni, associazioni, cittadini e imprenditori che hanno a cuore il destino del paese più bello del mondo.

Ha pensato a delle rubriche o appuntamenti fissi, quali in particolare?

Tra gli appuntamenti fissi all’interno del mensile la rubrica “In viaggio con Itinere”, le mie interviste a grandi personaggi della Cultura, dello Spettacolo e dello Sport italiano nella FRECCIALounge delle stazioni di Milano e Roma, una pagina con il racconto delle librerie e degli editori su tutti i territori italiani a cura di Mondadori Store e grande attenzione per Cinema, Musica, Teatro, Moda, Agroalimentare, Sport e Benessere.

Per concludere quali sono i vostri obiettivi?

“La nostra ambizione è diventare punto di aggregazione e di discussione per quell’ ambiente culturale che, pur alternativo al mainstream e al mondo radical-chic, non vuole cedere al più banale populismo”, conclude Edoardo Sylos Labini.

Protagonista in copertina un’opera dissacrante e irriverente dell’artista comasco Mr. Savethewall, che farà sicuramente discutere.

Francesco Caprini

blog www.rocktargatoitalia.eu

Leggi tutto...

“I COLORI DELL’INVERNO“ La musica indipendente, by Rock Targato Italia (blog)

Play-List

“I COLORI DELL’INVERNO“

La musica indipendente, by Rock Targato Italia (blog)

Spotify: https://goo.gl/cTMsYm

Realizzata da: Divinazione Milano e Roberto Bonfanti (scrittore/artista)                                                                                                                           

Dopo "I colori dell'estate" e "I colori dell'autunno", ecco "I colori dell'inverno": la terza playlist patrocinata da Rock Targato Italia (Blog) che cerca di scattare una fotografia dell'energia positiva che continua a muoversi nel sottobosco della musica italiana. 

Rispetto alle due precedenti playlist, "I colori dell'inverno" prova a rendere il quadro ancora più completo e dettagliato affiancando a un manipolo di promettentissimi artisti emergenti alcuni nomi storici della scena indipendente italiana che proprio in questi mesi hanno pubblicato dei album.

Rock, canzone d'autore, new-wave, punk, elettronica, pop e indie. C'è tanta musica da scoprire in giro. Basta aprire le finestre nonostante il freddo e lasciarla entrare.

Caso - Ogni volta l'inverno

Un artista che, col suo stile da cantautore punk, ha sempre fatto della purezza la propria bandiera dipingendo la vita di provincia con una sincerità che non lascia scampo.

Galoni - Trattato monetario

Fra folk e canzone d’autore, un musicista che ha la dote rara di saper filtrare la realtà attraverso uno sguardo poetico e mai banale.

Giulio Casale - Sono corpo

Una delle voci più coerenti, profonde e viscerali degli ultimi trent’anni di rock italiano. Un artista capace di far sanguinare le parole.

Qualunque – Panico

Un cantautore dall’attitudine punk, lo spirito “do it yourself” dal gusto anni zero e un desiderio enorme di raccontare il proprio mondo nel modo più diretto possibile.

Ground Control - Utube killed the video star

Una vera macchina da guerra sonora. Un brano rock moderno, claustrofobico e rabbioso che travolge l’ascoltatore come un treno in corsa.

Giorgio Canali - Undici

Un monumento vivente del rock italiano. Un artista necessario. Un meraviglioso sessantenne che continua a dare a tutti quanti lezioni di urgenza comunicativa.

Francesco Sbraccia - Etimologia                              

Raffinatezza e desiderio di scavare in profondità nelle cose. Un artista da gustare come una pausa di silenzio in mezzo al caos del mondo.

Caravita - Fino in fondo

Un cantautore vero. Di quelli capaci di scrivere canzoni apparentemente semplici in cui si intrecciano attente riflessioni intime e belle melodie

La rappresentante di lista - Guarda come sono diventata

Un progetto affascinante e irrequieto in cui la canzone d’autore dalle tinte più fosche incontra delle personalissime venature pop deviate.

Roberto Casanovi - L'anima della festa

Psichedelia folk, melodie delicate e sonorità minimali accompagnano un artista capace di rivestire la malinconia con una patina di piacevole leggerezza.

Amandla - Febbre

Intrecci rock, sapore new-wave, melodie pop e ritornelli che non lasciano scampo. Un progetto interessante capace di mettere d’accordo palati diversi fra loro.

Mercalli - Ciclisti

Ritmiche lineari, melodie immediate, sonorità indie-pop attuali e una scrittura narrativa sinceramente d’autore. Vogliamo chiamarlo indie-pop d’autore?

Diaframma – Leggerezza

Federico Fiumani è una certezza. Un pilastro degli ultimi quarant’anni di rock italiano che continua a portare avanti un percorso poetico e coerente come pochissimi altri.

Magar – Le mie orge

Una rock band autentica e moderna. Un progetto capace di impastare chitarre affilate, elettronica tagliente, approccio sfrontato e melodia.

Simona Norato - Orde di brave figlie

Un’artista particolarissima e non facile da gestire che ama destrutturare la forma canzone per portarla in territori imprevedibili.

Tum - ChristmasTime Sadness

L’ex leader dei Pocket Chestnut ritorna con un progetto in cui sviscera tutto il suo amore per l’indie-rock made in USA e il folk alternativo.

(Recensioni a cura di Roberto Bonfanti)

 

FRANCESCO CAPRINI

Divinazione Milano S.r.l

Ufficio Stampa, Radio, Tv,

Web & Social Network.

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 58310655 Mob. 392 5970778  - 393 2124576

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

  1. rocktargatoitalia.eu

 

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?