Menu

VIRTUS, La connessione tra il reale e il virtuale

VIRTUS

La connessione tra il reale e il virtuale

Fabbrica del Vapore 

Spazio The Art Land - lotto 10
Via G.C. Procaccini 4 – Milano
Ingresso libero


Giovedì 7 febbraio 2019 alle ore 18.00, dopo il MACRO di Roma si inaugura, presso la Fabbrica del Vapore - Spazio The Art Land - lotto 10 a Milano, la mostra dal titolo: Virtus | La connessione tra il reale e il virtuale - Con la direzione artistica di Antonietta Campilongo, è promossa dall’Associazione Neworld, Nwart, con il patrocinio del Comune di Milano nell’ambito del progetto Spazi al Talento.


Con la collaborazione degli artisti invitati a partecipare, per 6 giorni saranno esposti gli sviluppi del mondo del web nella visione odierna e ciò che produce oggi in campo artistico. Gli artisti, ognuno con il proprio linguaggio espressivo interpreterà il mondo virtuale attraverso l’arte e la creatività.
Aree multidisciplinari: Arti visive, video, performance.
Artisti: Marco Billeri, Antonella Bosio, Juna Cappilli, Isabel Carafì, Vincenza Costantini, Pino de’ Notariis, Schirin Fatemi, Lucia Ferrara, Ignazio Fresu, Valeria La Torre, Marco Loddo, Fabrizio Loiacono, Maria Carla Mancinelli, Tina Milazzo, Flaviana Pesce, Adriana Pignataro, Simonetta Pizzarotti, Loredana Raciti, Consuelo Rodriguez, Gerardo Rosato, Giovanna Silvestri, Renata Solimini, Anna Tonelli, Flora Torrisi, Jack Tuand, Angela Valentini, Lisa Yachia, Grace Zanotto
PERFORMANCE
Anteprima video e performance: • Raptus in Lapsus Ideazione performance: Juan Diego Puerta Lopez - Performer: Lara Ferrara - Ideazione video: Lara Ferrara - Per la regia di: Juan Diego Puerta Lopez noto regista teatrale colombiano.I suoi spettacoli sono stati in tournée in tutta Italia, suscitando un grande interesse sia del pubblico che della critica. Ha aderito alla mostra multimediale TORTURE con tre performance da lui dirette, contra le torture nel mondo per i diritti umani con il patrocinio di Amnesty International. - Direttore della fotografia e montaggio: Andrès Arce Maldonado, sua la regia deI lungometraggio “Falene” (selezionato al festival di Montpellier e al Raindance di Londra) e “Carta Bianca” vincitore al Riff (Roma IndipendentFilm Festival ) del premio della distribuzione, proiettato al cine Festival di Bogotà. Ultime sue regie il docu-film "Bernini racconta Bernini" ed "Il mio regno" prodotto da Siliàn e prossimamente in uscita. - Descrizione video, performance: Auto installazione video, un percorso composito, un'opera errante che coinvolgerà il pubblico ad intraprendere un’esperienza di attraversamento e partecipazione immediata e spontanea. Una fusione tra opera e performance durante la quale si potrà osservare ascoltare ed entrare a far parte di un collegamento globale, in diretta, tra l'opera e il luogo che la ospita. Interamente girato nella struttura del ex manicomio Santa Maria della Pietà - Si ringrazia la ASL Roma 1 per la gentile concessione.
• Changing Together : Nanotech Burka VS Climate change
Super Burka Girl project di Grace Zanotto. Live A/V set by Katatonic Silentio.
Se le soluzioni all'interno del sistema sono così difficili da trovare, allora dobbiamo cambiare il sistema stesso. Nanotech Burka è una cellula abitativa mobile in simbiosi con la natura, grazie all'applicazione delle nanotecnologie può affrontare gli elementi rimanendo impermutabile. Fuoco e Ghiaccio, Aria e Acqua, Neve e Lava, tutto scorre e nulla è troppo piccolo per non poter fare la differenza. Come un'arca che attraversa il tempo, trasportando l'umanità verso la comprensione dell'ineluttabile simbiosi con il Pianeta. Presentazione di Katatonic che collabora alla performance: Katatonic Silentio è un’artista multimediale, sound designer e dj di base a Milano, co-fondatrice del collettivo Cyberspeak Music. Tra le espressioni musicali e culturali che la spingono ed alimentano troviamo le arti digitali, la sound art, la musica elettronica, ambient e sperimentale. Musicalmente, i suoi set spaziano da atmosfere dense e profonde a veloci passaggi cinematici.
Intervento: Heritage BIM (H - BIM)
La visione olistica nel restauro sostenibile della metodologia BIM applicata agli edifici storici. Casi studio di palazzo Gulineli - Canonici Mattei. Architetto Cristiano Ferrari
VIDEO
• Third Eye Flying di Maria Korporal
In questo video, l’artista agisce con quello che chiama il suo “terzo occhio”: una piccola videocamera collegata alla fronte. Sulla pista dell’aeroporto storico Tempelhof di Berlino decolla e vola nello spazio. Vediamo ciò che vede attraverso il suo terzo occhio, quando raggiunge l’area di cui Man Ray ha parlato nel suo “Pepys Diary” (1959): “In qualche parte dello spazio le immagini di tutta la storia passata dell’umanità viaggiano sulle onde dell’etere”. Musiche: “The Geometry of Time” di Michael J. Stewart - Sceneggiatura originale: Maria Korporal
• Writing on the Moon di Daniela de Paulis
Commissionato per il programma radiofonico 'Ether Snuiven', Writing on the Moon è ispirato al romanzo di Italo Calvino 'Cosmicomiche' e in particolare al primo capitolo, 'La Distanza della Luna'. Il video mostra le parole mentre 'cadono' dalla superficie della Luna, come suggerito dal romanzo, che utilizza concetti scientifici, costruendo storie fantasiose intorno a loro. Le parole, convertite in suono e trasmesse verso la Luna come onde radio da una stazione in Brasile, sono riflesse dalla superficie lunare, ricevute dal radiotelescopio di Dwingeloo nei Paesi Bassi e visualizzate mentre tornano dal lungo viaggio, creando una poetica cascata visiva, in un atto giocoso di libere associazioni. La distorsione delle lettere è causata dalla lunga distanza percorsa dalle onde radio (circa 800.000 Km) e dalle irregolarità rocciose della superficie lunare, che disperde i segnali radio in tutto lo spazio circostante, dopo che essi ne hanno toccato il suolo. Le parole, che possono essere lette verticalmente, riecheggiano simbolicamente la condizione speciale della Luna descritta nel romanzo, per cui gli oggetti semplicemente cadono dalla sua superficie, verso la Terra.…


SCHEDA TECNICA
Titolo: VIRTUS La connessione tra il reale e il virtuale
A cura di: Antonietta Campilongo
Luogo: Fabbrica del Vapore – spazio The Art Land - lotto 10 - Via G.C. Procaccini 4 – 20154 Milano - Ingresso libero
Durata: Dal 7 al 12 febbraio 2019
Inaugurazione: giovedì 7 febbraio ore 18.00 – 21.00
Orari di apertura: Venerdì 11.00 - 19.30 - Sabato 11.00 – 20.00 – Domenica ore 11.00 - 20.00 – Lunedì /martedì 14.30 – 18.30
Progetto: Associazione Neworld
Organizzazione: Associazione Neworld - ecologia e sociale - NWart
Patrocinio: Nell’ambito del progetto Spazi al Talento Fabbrica del Vapore - Comune di Milano
Press Office: Lara Ferrara Comunicazione – T. 347 8812239 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Neworld - Nwart
www.antoniettacampilongo.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
T. 339 4394399

 

blog www.rocktargatoitalia.com

 

 

Leggi tutto...

LO STUDIO DI GIORGIO MORANDI - Fotografie di Gianni Berengo Gardin

PRINT ROOM
a cura di CONTRASTO GALLERIA

 

LO STUDIO DI GIORGIO MORANDI
Fotografie di Gianni Berengo Gardin
Inaugurazione

giovedì 7 febbraio 2019, ore 18.30

L’artista sarà presente

La mostra rimarrà aperta fino al 24 marzo 2019

 


Lo studio di Giorgio Morandi
Print Room a cura di CONTRASTO GALLERIA
Via Meravigli 5
20123 Milano
t. 02 89075420 - c. 339 7124519
lunedì – venerdì h. 10-18 e su appuntamento
ingresso gratuito

 

La Fondazione FORMA per la Fotografia è creata da CONTRASTO.

Leggi tutto...

SCREEN TEARING

 

SCREEN TEARING


Agostino Bergamaschi, Davide Dicorato, Matteo Gatti, Francesco Pacelli, Marco Schiavone, Alan Stefanato, Natália Trejbalová

A cura di Dimora Artica


Inaugurazione: mercoledì 6 febbraio ore 18.30

Apertura mostra: dal 6 febbraio al 7 marzo 2019
Sabato, domenica, lunedì h 16.00 – 20.00, altri giorni su appuntamento

Luogo: DIMORA ARTICA, via Dolomiti 11 – Milano (MM1 Turro)


Dimora Artica presenta Screen Tearing, mostra collettiva che unisce le opere di sette artisti nati tra il 1988 e il 1992, con la quale viene inaugurata la nuova sede espositiva del project space milanese.
Il progetto espositivo nasce dalla volontà di indagare gli attuali cambiamenti nella percezione della realtà attraverso le opere di artisti di una generazione nata e cresciuta in un mondo dominato dalla pervasività della tecnologia e della comunicazione digitale.


La sempre più capillare diffusione di computer, internet e smartphone ha imposto nuove modalità di archiviazione e scambio delle informazioni, determinando nuove modalità di percezione del mondo. La sovrabbondanza di informazioni che ci provengono dal web, e la loro organizzazione in schermi e finestre sempre a portata di mano attraverso i dispositivi mobili, proietta in una dimensione fluida in cui coesistono infinite possibili realtà che possono essere richiamate con un clic, con una parola nel motore di ricerca o con un hashtag.
Parallelamente alla diffusione della comunicazione digitale, l'ingegneria genetica è divenuta di uso comune, rendendo manipolabili i processi biologici, e la robotica diviene sempre più sofisticata, presentando macchine e device a base organica in grado di interagire fluidamente con l’umanità.
In tale scenario il confine tra vero e falso e tra naturale e artificiale decade a favore di una realtà ibrida in cui finzione narrativa, biotecnologie e androidi si fanno elementi costitutivi della realtà contemporanea.
La tecnologia si mostra sempre più morbida, ergonomica, lieve, efficiente, ma ciononostante permangono zone di imponderabilità in cui il distratto fluire delle immagini s'interrompe a favore di una maggiore problematicità dell'esperienza estetica.

Influenzata dalle recenti trasformazioni tecnologiche, la ricerca artistica degli ultimi anni ne esprime l'impatto culturale, senza farne una copia pedissequa ma riportando sempre l'attenzione sulla complessità dei processi evolutivi, spesso associando modalità artigianali a forme avveniristiche o rallentando il ritmo visivo per coinvolgere lo sguardo in una dimensione meditativa.
Il fenomeno è simile allo screen tearing, meccanismo digitale per cui si genera un’immagine alterata a partire da due o più frame simili di base. Il processo, dovuto a una differenza nella frequenza di aggiornamento tra sorgente e monitor, genera dunque un’immagine nuova e inattesa, possibile ma non reale, in cui l’errore diventa soggetto attivo nella generazione della forma. Come un’immagine generata da un processo di screen tearing, l'arte pone momenti d'incongruenza nella linearità della visione ordinaria, stimolando l'attenzione e aprendo a diverse possibilità interpretative.

________________________________________


DIMORA ARTICA
Via Dolomiti 11 – Milano
Sabato, domenica, lunedì h 16.00 – 20.00, altri giorni su appuntamento
Saturday, Sunday, Monday 4.00 - 8.00 pm, other days by appointment
Tel. +39 380 5245917
www.dimoraartica.com / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

Gianni Maroccolo: L'Altrove/ Video

Gianni Maroccolo
L'Altrove / Video


  1. 01.2019

Chi riesce a raggiungere i confini del mondo, il mondo lo sente meglio di chiunque altro, fino a fondersi con esso in un unico respiro, quello di Madre Natura. Dopo l'anteprima pubblicata da la Repubblica, è online da oggi, 31 gennaio 2019, il video di "L'Altrove", tratto dal Vol. 1 del "disco perpetuo" ALONE recentemente pubblicato da Contempo Records.

“Tu sei tempesta e tu sei l’urlo del vento. Tu sei la sterminata distesa nella quale vaghi da tempo immoto, tu sei la neve e tu sei il muschio che rigoglioso ricopre la terra. Tu sei l’acqua che si insinua sotto la sua superficie, tu sei il suo respiro, il suono che ne scaturisce. Tu sei un piccolo possente bue muschiato, sei l’universo che lo ospita, tu sei qui e tu sei Altrove.” Così scrive il critico musicale e scrittore Mirco Salvadori nel racconto che, insieme alle immagini dell’artista visivo Marco Cazzato, accompagna l’album di Marok. E da quelle parole e da quei disegni nasce il video, realizzato a quattro mani da Michele Bernardi, uno dei migliori animatori italiani, e dallo stesso Marco Cazzato.

Un bue muschiato che attraversa lentamente e solennemente una tundra situata in uno spazio-tempo diverso, una Natura sconfinata a tratti serena e attraversata da stormi di uccelli migratori, che d’un tratto può diventare ostile, con il cielo oscurato dalle nuvole e l’aria sferzata da una neve calma ma costante, che ricorda vagamente quella presente nell’incipit della graphic novel di culto L’Eternauta. Un viaggio faticoso ai confini dell’ignoto superato il quale il bue da bestia diventa spirito, immagine archetipica, anima mundi.

Videomaker, regista e autore di diversi videoclip animati per alcuni fra i maggiori protagonisti della scena musicale alternativa italiana (Le luci della centrale Elettrica, Tre allegri ragazzi morti, Colapesce, Punkreas, 24 grana, Prozac+, The Zen Circus), Bernardi ha sviluppato con la tecnica del cut out digitale 2D l’artwork del disco e gli ulteriori disegni che Cazzato – autore in ambito musicale delle copertine di album come Canzoni per un figlio dei Marlene Kuntz e C’eravamo abbastanza amati di Luci della centrale elettrica – ha aggiunto per arricchire la narrazione visuale di questa traccia numero quattro di Alone.

Una traccia dominata dalla chitarra, dal basso e dall’elettronica di Marok. Un brano di ispirazione induista, un mantra di buon auspicio, psichedelico e spirituale, attraversato da una voce inimitabile, quella di Stefano Rampoldi, in arte Edda – figura culto della storia del rock indipendente italiano, fin dal suo esordio negli anni’80 come voce dei Ritmo Tribale – e accarezzato da sitar e esraj suonati da Beppe Brotto. Il video di L’Altrove verrà presentato, insieme all’intero progetto Alone, il 2 febbraio all’Auditorium Flog di Firenze, in occasione della Contempo Night, e il 5 febbraio al Circolo dei Lettori di Torino. Ai due appuntamenti saranno presenti Gianni Maroccolo, Edda, Mirco Salvadori, Marco Cazzato e Michele Bernardi.


GIANNI MAROCCOLO feat. EDDA

On line da oggi 31 gennaio il video di 

L’ALTROVE

Animazione di 

MICHELE BERNARDI
MARCO CAZZATO

Brano estratto dal Vol.1 del “disco perpetuo” ALONE

Presentazione disco e video:

2 febbraio h21, Contempo Night, Auditorium Flog, Firenze
https://www.facebook.com/events/387399031821542/

5 febbraio h21, Circolo dei Lettori, Torino
https://www.facebook.com/events/2042128449204685/

 

 

Il Vol. 1 di Alone vede la partecipazione di ospiti illustri come Iosonouncane, Stefano “Edda” Rampoldi, Enrico Farnedi, Luca Swanz Andriolo e Beppe Brotto.

Per qualsiasi informazione sul Vol. 1 e sulle uscite successive, che avranno cadenza semestrale, potete scrivere a

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  1. contemporecords.it
    www.facebook.com/giannimaroccolo.official/
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?