Menu

Agostino Ferrari "TERRE SEGNATE" galleria Cà Di Frà

Agostino Ferrari "TERRE SEGNATE" galleria Cà Di Frà

CA' DI FRA'

Via Carlo Farini 2  - 20154 Milano

 

Agostino Ferrari

Terre segnate

 

INAUGURAZIONE GIOVEDI’ 6 Giugno 2019

 

Ore 18.30 – 21.00

 

Termine mostra Venerdì, 6 Settembre 2019

 

Orario galleria: LUN – VEN 10-13 / 15-19

 

TERRE SEGNATE  - 28 ceramiche di Agostino Ferrari

La Galleria Ca’ di Fra’ presenta la mostra personale di Agostino Ferrari,Terre segnate”, con una selezione di ceramiche, che costituiscono la produzione più recente dell’artista milanese. Ferrari aveva già sperimentato la ceramica in passato ma mai con questa convinzione e originalità, tanto da farne la protagonista di una nuova stagione della sua ricerca.

Si tratta di opere di dimensioni relativamente contenute, dalla forma per lo più rotonda o ovale, e linee morbide che caratterizzano un corpo spesso dolcemente convesso. I toni cromatici variano fra l’avorio e l’ocra chiaro. La particolarità di queste opere però è che un segno fisico, un elemento metallico snodato e flessuoso, fuoriesce da una profonda incisione, fessura o orifizio praticato nella ceramica e sottolineato dall’emergenza del nero al di sotto della superficie. Il segno poi tende a riprendere gli andamenti plastici della forma complessiva dell’opera, muovendosi attraverso curve più o meno ampie che corteggiano la forma sottostante nello spazio fisico e producono un’ombra più o meno visibile in base alle condizioni di illuminazione. Le opere hanno dunque una valenza plastica reale, che permette al segno di emergere con elasticità e nettezza dal corpo ceramico smaltato.

Tutte queste opere sono pensate per essere appese alla parete come quadri, sostenute da un supporto non visibile: l’effetto è quindi di corpi plastici che “galleggiano” nel vuoto, tracciando ombre intense e leggere sulla parete retrostante che offre loro una specie di schermo o di “scena” teatrale, ove le ceramiche risultano quasi personaggi mitologici, o scudi, o “maschere” in senso greco, “prosopon” letteralmente “davanti alla vista”, come suggerisce il semiologo Ugo Volli che da anni segue il lavoro di Agostino Ferrari.

Nella loro consistenza tridimensionale quindi, anche le opere di questa serie, come i Prosegni che le hanno precedute, riprendono direttamente gli spunti anticipati quasi mezzo secolo fa dal Teatro del segno, in cui l’elemento segnico risultava effettivamente provvisto di una natura concreta e tale da andare oltre la bidimensionalità della superficie. Il “discorso” pittorico, plastico e spaziale di Agostino Ferrari viene arricchendosi di sempre nuove sfaccettature e di nuovi materiali.

Biografia Agostino Ferrari nasce a Milano il 9 novembre 1938. Espone per la prima volta nel 1961 alla galleria Pater, presentato da Giorgio Kaisserlian. Incontra Lucio Fontana e gli artisti con cui l’anno successivo fonderà il gruppo del Cenobio. I giovani milanesi vogliono “salvare al pittura” interpretandola e rinnovandola così da renderla gesto puro, primitivo ma al contempo proteso verso il futuro. La via da seguire è quella che porta alla nascita di una vera e propria “poetica del segno” dove la tecnica pittorica si riduce a grafia e la composizione a un sovrapporsi di tratti archetipici cifrati. Dopo lo scioglimento del gruppo, Ferrari continua a coltivare il segno come scrittura non significante. Nel 1966 espone a New York, alla Eve Gallery. Successivamente, tornato in Italia, elabora cicli oggettuali e processuali dedicati agli ingredienti della pittura, segno, forma e colore, vere e proprie “messe in scena” dal carattere “fondamentalmente plastico”, come scrive Lucio Fontana nel 1967. Questa ricerca lo conduce, nel 1975, all’Autoritratto, l’unica installazione prodotta in tutto il suo itinerario creativo, esposta per la prima volta all’Arte Fiera di Bologna con la Galleria L.P.220 di Torino e, l’anno successivo, nella mostra personale a Palazzo dei Diamanti a Ferrara. Negli anni successivi, tra il 1976 e il 1978, Ferrari esegue l’Alfabeto, due serie di sei opere che sono la conseguenza dei suoi studi di Segno Forma Colore e che segnano la sintesi di quanto contenuto nell’Autoritratto. Nel 1978, dopo un soggiorno a Dallas dove espone l’Alfabeto presso la Contemporary Art Gallery, riemerge in lui l’esigenza di esprimersi con il segno puro ed entra in un periodo di “rifondazione”. Quasi contemporaneamente incomincia l’uso della sabbia vulcanica, che resterà caratteristica costante del suo lavoro fino ad oggi. 

Agostino Ferrari ha esposto in centinaia di mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Fra le più importanti si ricordano soltanto le personali al Palazzo dei Diamanti di Ferrara (1976), al Palazzo Braschi di Roma (1992), alla Casa del Mantegna di Mantova (2010), alla Fundacion Frax di Alfas del Pi (Alicante, Spagna) (2011), al Palazzo Lombardia (2013) e al Museo del Novecento di Milano (2018).

Fra le onorificenze ricevute, il premio per l’incisione Joan Mirò (1971) e il premio alla carriera Bugatti-Segantini (2017). Nel 2007 ha realizzato alcune opere pubbliche permanenti nella piazza Borgoverde di Vimodrone, su incarico del gruppo Land (Landscape Architecture) di Milano.  Ha lavorato con gallerie di primo piano in Europa come Franz Paludetto (Torino), Thomas Levy (Amburgo), Lorenzelli (Milano), Centro Steccata (Parma).  Oggi è rappresentato da Ca’ di Fra’. Sue opere figurano fra l’altro nelle collezioni Manuli, Moratti e RAMO.

 BLOG @ROCKTARGATOITALIA.EU

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?