Logo
Stampa questa pagina

ESSENZA ANIMALE disegni di Giovanni Manzoni

ESSENZA ANIMALE disegni di Giovanni Manzoni

ESSENZA ANIMALE

disegni di Giovanni Manzoni

Spazio Arte Tolomeo 16-28 maggio 2019

 

E così essi passavano nudi, senza evitare gli sguardi

né di Dio né degli angeli, in quanto

non pensavano il male; passavano

la mano nella mano, la coppia più bella che mai

si sarebbe incontrata più avanti in abbraccio d’amore”.

da Il paradiso perduto di John Milton

 

Dopo il peccato originale, la vestizione. Dopo la vestizione e il pudore, la civiltà moderna: che stavolta ci spoglia, dei peli, dell’odore, del nostro originale essere animali.

Animali si, ma razionali, al punto di dimostrare la superiorità del raziocinio anche nell’apparire. E poi?

La separazione dal mondo naturale, il sonno dell’essenza animale, ha generato mostri. Non mangeremmo i nostri simili, se li considerassimo tali, non uccideremmo per ottenere vestizione da altre pellicce, se accettassimo di condividere lo stesso biologico adattamento all’ambiente. Ed ecco che la rivoluzione è salvaguardare ciò che ci sembrava civile distruggere, da cui ci sembrava razionale dividerci per dominare la Terra.

Forse non è auspicabile tornare indietro, riacquistare innocenza e fragilità. Ma il segno dei tempi postmoderni, (e quale epoca non è postmoderna dopo varie atrocità e una Storia che pare aver mostrato già tutto il concepibile), è la presunzione di reimpastare diverse visioni in una, andare a caccia di una continuità. La continuità inafferrabile nella nostra essenza.

Continueremo per sempre a domandarci chi siamo.

Nell’era dell’immagine le domande sono poste dall’arte più che dalla filosofia. E l’arte racconta la sua epoca in maniera più efficace quando pare meno attuale. La maestria del disegno sembra ancora anacronistica per l’arte contemporanea, a meno che non si veda il suo prodigio funzionale nell’architettura, nel design, nella tecnologia in generale. Il genio aiuta a vivere meglio, ad aumentare la fortuna di essere animali, sì, ma razionali, che sconfiggono la Natura cosiddetta matrigna.

Giovanni Manzoni è un disegnatore schietto, che guarda le contraddizioni dell’uomo con una semplice matita. Ama guardare i sogni disillusi della nostra civiltà attraverso una visione trasversale, con le  sue iconografie religiose a cui ha dedicato un ciclo di lavori nel 2013, ma non rinuncia al dato saliente dall'homo sapiens in avanti, la sua anatomia.

Sul corpo i grandi artisti del passato hanno depositato testimonianze culturali, ad esso hanno delegato il mistero dei simboli. Posture, espressioni del volto, atteggiamenti e movimento, tutto è funzionale alla comunicazione tra esemplari della specie umana, prima ancora dei suoi ornamenti.

Oggi in mostra l’Essenza Animale è senza arroganza evolutiva: in un ciclo di disegni l’artista ricongiunge l’anatomia femminile a quella di pesci e uccelli.

Senza vergogna la specie evoluta ammette l’origine, e ne fa una metafora concreta e carnale. Con un preciso riferimento ad alcuni esemplari esotici, gli ibridi conservano potenziata la loro singola grazia; confrontano ciò che è necessità profonda e spirituale per l’umano, alla pura e incredibilmente sofisticata conformazione evolutiva nella bestia.

In un’opera la donna si muove attraverso una coreografia che celebra la gioia, ma nel suo lanciarsi nell’aria ricerca nuovo spazio vitale, che non è ancora abbastanza. Cerca di riempire di ossigeno i polmoni e la mente,  come un pesce testa di leone a fior d’acqua aspira per un istante, fuori dal consuetudinario sopravvivere. E’ un lusso, un’ eccezione riuscire ad emergere dall’acqua quotidiana.

A volte vorrebbe volare, prepara se stessa al salto contemplando la possibilità. Il suo corpo appare la controparte umana di un piccolo uccello del sudamerica, la sua linea sinuosa si ibrida alla rara coda animale e ne assimila la stabilità del movimento.

Non è un semplice uccello quello ritratto, ma un piccolo prezioso resto della millenaria civiltà Maya.  E’ il colibrì. Per Manzoni un animale totem quale entità simbolica di un ideale forse irraggiungibile nella vita, almeno in quella moderna, più che in qualunque altro momento storico o culturale.

E’ il totem dell’equilibrio, ed emblema della felicità attraverso la poetica dell’originario o selvaggio. Ovvero l’élan vital liberato riporta ad un esempio non dionisiaco ma di cristallina perfezione. Infatti il colibrì è l’unico essere che riesce a rimanere immobile in volo, nella stessa posizione: che la stabilità cercata dall’uomo del 2019 sia rappresentata dal più piccolo tra gli uccelli, specie non ancora estinta in grado di ammaliare dai tempi più antichi?

Ad osservare questo dono selvaggio erano e sono gli indios del Sud America. Un altro esempio di civiltà lontano dalla cultura consumistica di oggi, in equilibrio con l’ecosistema, una delle rare comunità originarie che veramente si sono adattate all’ambiente.

Manzoni osserva, attraverso alcuni disegni e lightbox degli ultimi anni, come il loro modo di vivere ricordi quello degli animali stanziati in un luogo: “hanno usato le risorse naturali soltanto per ciò che era loro necessario, si sono sposati con l’ambiente come altre comunità animali, sono quindi l’unico esempio di integrazione completa con la Natura, che rispettano e ammirano al punto da renderla religione con il panteismo. E’ una divinità ogni sua manifestazione”. La dimostrazione di un diverso rapporto con le risorse della Terra, passando dall’integrazione allo sfruttamento, sono le desolanti immagini di mucchi enormi di scheletri di bisonti, con l’arrivo dei coloni.

Depauperare l’ambiente selvaggio, addomesticarlo per consumarlo, anche nel vestirci di indumenti che sono dote naturale per gli animali, non per noi.  Togliersi i peli ed indossare pellicce, che sono solo strumento per ottenere calore o aumentare visibilità, per noi. 

Per l’indio il piumaggio è inteso come elemento di vestizione, ma condivide la sua stessa comunicazione, il suo codice simbolico di quando apparteneva ad un uccello amazzonico. E la nudità, senza soluzione di continuità si confonde con le piume, perché anche il corpo comunica.

Non c’è vergogna per Adamo ed Eva di fronte agli animali, esiste solo dopo che l’assaggio della Natura diventa colpa davanti a quel Dio che non ne fa parte.

Michela Ongaretti

 

blog rocktargatoitalia.eu

Rock Targato Italia © Divinazione Milano Srl web realizzato da Franco Sainini. Tutti i diritti riservati. All rights reserved.