Menu

Edicola Radetzky: DEVIS VENTURELLI – CAPRICHO

DEVIS VENTURELLI – CAPRICHO
A cura di Andrea Lacarpia

Inaugurazione sabato 3 dicembre 2016 ore 19.00

Fino al 31 dicembre 2016 (visibile tutti i giorni 24 ore su 24)

Edicola Radetzky, viale Gorizia (Darsena), Milano

 
Progetto Città Ideale presenta Capricho, mostra di Devis Venturelli, parte del ciclo di esposizioni realizzate con il sostegno di Enel Energia con cui Edicola Radetzky viene attivata come spazio espositivo per l'arte contemporanea.

Nella ricerca di Devis Venturelli, il valore d’uso e le proiezioni simboliche convenzionalmente associate agli elementi architettonici e allo spazio urbano vengono trasformati in pura forma, veicoli di un’esperienza estetica in cui i significanti si liberano delle sovrastrutture linguistiche per aprirsi al divertissement.

La città diviene scenario di una rappresentazione teatrale in cui la narrazione si fa visione, estasi urbana.

Nelle proprie opere, Devis Venturelli utilizza spesso spunti derivati dall’antropologia culturale contemporanea  che, passando attraverso un’ampia diffusione popolare, assumono un valore trasversale rispetto alle differenze sociali e linguistiche.

 

Per Edicola Radetzky, Devis Venturelli realizza una visionaria colonna in cui vengono contraddette le proprietà tradizionalmente legate a questo elemento architettonico.

Da forma monumentale e celebrativa che rimanda alla stabilità, la colonna di Devis Venturelli appare come un incongruo miraggio all’interno della città. La forma asciutta e slanciata della colonna classica diviene morbida e tondeggiante, contraddistinta da una florida sensualità in cui convergono elementi promiscui.

Il ritmico chiaroscuro delle scanalature viene tradotto da Venturelli in un susseguirsi di strisce di pizzo riccamente colorato, disposte verticalmente per definire il fusto della colonna.

Materiale originariamente carico di riferimenti simbolici, dall’erotismo alla purezza e al lutto, il pizzo diviene materiale per un fantasioso nonsense dallo sgargiante cromatismo.

La struttura della colonna è animata da un perenne flusso d’aria che ne agita la sommità, costituita da fili di lana, come la chioma di una bizzarra cariatide.

Come suggerito dal titolo, l’opera di Venturelli è prossima al Capriccio, forma dell’arte e dell’architettura fondata sulla pura invenzione, bizzarra e visionaria, priva di ogni funzionalità.

Il titolo fa riferimento anche al filone del bizzarro e dell’eccesso insito nella cultura ispanica, dai Caprichos di Goya alle architetture di Gaudí, dal folklore fino all’immaginario cinematografico di Almodóvar.

L’ammiccante antropomorfismo della colonna di Venturelli attrae il passante per accompagnarlo in una dimensione visionaria in cui decade la separazione tra natura e artificio.


Prima stagione

Fino a dicembre 2016 Edicola Radetzky ospiterà Prima Stagione, ciclo di mostre riunite nell’idea di “altrove” tra natura selvatica e idealizzazione, con installazioni progettate appositamente per lo spazio dell’Edicola con il fine di promuovere la formazione di un immaginario collettivo intorno ad essa, un dono per i cittadini che andrà ad arricchire l’identità culturale che dalla zona si estende alla città.

 


Leggi tutto...

ROCK TARGATO ITALIA COMPILATION, la copertina è dell’artista DESIDERIO

ROCK TARGATO ITALIA COMPILATION

la copertina è dell’artista DESIDERIO

in collaborazione con ITALIAN FACTORY MAGAZINE

Arte e musica insieme per un connubio all’insegna della creatività, della bellezza, dell’arte in tutte le sue forme. È il senso del progetto che lega DivinazioneMIlano, attiva in campo musicale soprattutto nel sostenere e promuovere le giovani band musicali italiane, e Italian Factory Magazine, tra i più autorevoli magazine d’arte on line, molto attento alle nuove tendenze artistiche italiane, che da pochi mesi ha anche una “sponda” televisiva con la trasmissione Italian Factory News, in onda sul canale 868 di Sky e di riflesso su youtube.

Il primo appuntamento comune è con la compilation di Rock Targato Italia, di cui è in uscita l’edizione 2016, per la quale Italian Factory Magazine ha scelto un artista già conosciuto in ambito nazionale e internazionale: Desiderio Sanzi, in arte Desiderio, pittore, scultore e videomaker, che ha già al suo attivo la partecipazione a numerose mostre in musei e istituzioni pubbliche di rilievo (dal Macro di Roma alla Biennale di Venezia), e diversi film che sono stati invitati a importanti concorsi internazionali: ultimo in ordine di tempo, il suo road-movie Ahora Sí Llego!, sorta di “diario della motocicletta” tra le strade di Cuba alla ricerca dell’anima culturale più autentica dell’isola caraibica, presentato a New York in queste settimane, all’International Motorcycle Film Festival.

Per l’occasione, Desiderio ha pensato una cover per la compilation Rock Targato Italia 23, il cui simbolo principale è una colomba.

“Susanna” una colomba cyber, fortemente contemporanea, dall’anima profondamente rock”, spiega l’artista, “ma che mantiene il suo carattere di animale-simbolo della pace e dell’amore, due elementi da sempre associati alla musica rock”; che per la copertina di Rock Targato Italia si riveste di un’estetica “metallara” rafforzando quel messaggio, proprio per ribadire che è un “simbolo” forte e resistente nel tempo.

Quest’anno la compilation della 28esima edizione è disponibile dal 12 dicembre e comprende i brani di 19 artisti: Traditori, Jolly Cinema, Roberto Bonfanti, Hotel Monroe, 12 Bars Blues Revolution, CaPaBrò, i Flat-Bit, Compagni di Cappio, Merovingi, D-Storta, Insil3nzio, Watt, Sound Of Soul, 2Elementi, Salvario, Dan Cavalca, AmanoLibera, The Dark Shines e Duperdu.

Nel web:

http://www.rocktargatoitalia.eu

http://www.italianfactory.info/portale/

https://www.youtube.com/channel/UC8mCqXzJjn_RC7DFR0LF3Aw

https://www.facebook.com/Desixart/?fref=ts

Leggi tutto...

UGO LA PIETRA: SEGNO RANDONICO

Ugo La Pietra

Segno Randomico

INAUGURAZIONE GIOVEDI’, 6 Ottobre 2016

Ore 18.00 – 21.00

Termine mostra Venerdì,  25 Novembre2016

Orari galleria:  LUN – VEN 10-13 / 15-19

 

Randomico cioè aleatorio, fortuito, casuale. Tutto ciò che dipende dall’ azzardo, che non ubbidisce ad alcun metodo.

La casualità si trasforma in arte. La casualità è arte.

Gillo Dorfles coniò il termine per identificare la volontà dell’artista di assumere la casualità e la contraddizione come elementi di ricerca e sviluppo all’interno dell’arte programmata. Il lavoro di Ugo La Pietra sul “segno randomico” nasce nel 1958.

Segno come rottura di una base programmata in grado di rappresentare sinteticamente i movimenti culturali alternativi alla società organizzata e imposta.

Le Strutturazioni Tissurali (1964-1969) sono quindi le opere in cui si manifesta il “segno randomico” attraverso disegni, pitture e opere in metacrilato trasparente lavorato a freddo ed a caldo; un materiale innovativo che ha spesso caratterizzato le ricerche nell’arte degli ’60.

Lo stesso La Pietra ritiene queste opere un’anticipazione della teoria del Sistema Disequilibrante (1967 - 1980) e, quindi, sono da ritenersi alla base delle ricerche che porteranno all’analisi dell’ambiente urbano.

Una sperimentazione, dunque, fondamentale nel suo percorso artistico e, paradossalmente, poco conosciuta  al grande pubblico.

Emma Zanella sottolinea come il percorso artistico di La Pietra sia caratterizzato da una continua “…fuga dall’arte”, un “negare l’arte per fare dell’arte stessa il centro di una riflessione ”. Innegabilmente, Ugo La Pietra è un artista poliedrico, sempre in bilico tra mondi espressivi diversi, più che disposto a valicare ”confini liquidi”.  Design, pittura, scultura, architettura, musica. Contaminazione di linguaggi, assenza di confini invalicabili, coraggio di sperimentare caratterizzano, da sempre, il suo lavoro.

Ca' di Fra'

Via Carlo Farini 2

20154 Milano

tel/fax +390229002108

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

 C

 

Termine mostra Venerdì,  25 Novembre2016

C

Leggi tutto...

UGO LA PIETRA: SEGNO RANDONICO

Ugo La Pietra

Segno Randomico

INAUGURAZIONE GIOVEDI’, 6 Ottobre 2016

Ore 18.00 – 21.00

Termine mostra Venerdì,  25 Novembre2016

Orari galleria:  LUN – VEN 10-13 / 15-19

 

Randomico cioè aleatorio, fortuito, casuale. Tutto ciò che dipende dall’ azzardo, che non ubbidisce ad alcun metodo.

La casualità si trasforma in arte. La casualità è arte.

Gillo Dorfles coniò il termine per identificare la volontà dell’artista di assumere la casualità e la contraddizione come elementi di ricerca e sviluppo all’interno dell’arte programmata. Il lavoro di Ugo La Pietra sul “segno randomico” nasce nel 1958.

Segno come rottura di una base programmata in grado di rappresentare sinteticamente i movimenti culturali alternativi alla società organizzata e imposta.

Le Strutturazioni Tissurali (1964-1969) sono quindi le opere in cui si manifesta il “segno randomico” attraverso disegni, pitture e opere in metacrilato trasparente lavorato a freddo ed a caldo; un materiale innovativo che ha spesso caratterizzato le ricerche nell’arte degli ’60.

Lo stesso La Pietra ritiene queste opere un’anticipazione della teoria del Sistema Disequilibrante (1967 - 1980) e, quindi, sono da ritenersi alla base delle ricerche che porteranno all’analisi dell’ambiente urbano.

Una sperimentazione, dunque, fondamentale nel suo percorso artistico e, paradossalmente, poco conosciuta  al grande pubblico.

Emma Zanella sottolinea come il percorso artistico di La Pietra sia caratterizzato da una continua “…fuga dall’arte”, un “negare l’arte per fare dell’arte stessa il centro di una riflessione ”. Innegabilmente, Ugo La Pietra è un artista poliedrico, sempre in bilico tra mondi espressivi diversi, più che disposto a valicare ”confini liquidi”.  Design, pittura, scultura, architettura, musica. Contaminazione di linguaggi, assenza di confini invalicabili, coraggio di sperimentare caratterizzano, da sempre, il suo lavoro.

Ca' di Fra'

Via Carlo Farini 2

20154 Milano

tel/fax +390229002108

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

 C

 

Termine mostra Venerdì,  25 Novembre2016

C

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?