Logo
Stampa questa pagina

Sabato 4 novembre Angelo Gaccione presenta: Cassola e il disarmo. La letteratura non basta. Lettere a Gaccione 1977-1974

Sabato 4 novembre Angelo Gaccione presenta: Cassola e il disarmo. La letteratura non basta. Lettere a Gaccione 1977-1974

Sabato 4 novembre - ore 16.30

Sede Pro Loco Pero e Cerchiate

Via Sempione 18 - Pero - Sala del Caminetto

 

A 100 ANNI DA CAPORETTO, A 99 DA VITTORIO VENETO

Angelo Gaccione presenta Cassola e il disarmo. La letteratura non basta. Lettere a Gaccione 1977-1974

Ed. TralerigheLibri 2017, a cura di Federico Migliorati e Angelo Gaccione

Il volume continene 82 lettere, 16 preziosi documenti inediti e alcune foto

 

Angelo Gaccione è stato l'intellettuale più vicino a Cassola nella sua campagna pacifista. Di sicuro è stato il solo, dopo la morte dello scrittore, a tenerne desta nei suoi scritti l'idea del disarmo unilaterale.

A Cassola toccò la stessa sorte vissuta negli anni precedenti da Pasolini, fatta di avversione, ostilità, isolamento.

Con rare eccezioni, questo fu l'atteggiamento dell'ambiente intellettuale al quale era sempre appartenuto, e da cui si aspettava un convinto appoggio al suo impegno per il disarmo.

Disarmo caparbiamente ribadito con scritti e conversazioni, fino a quando ne avrà le forze, dalla fine degli anni Settanta del secolo scorso a oltre la metà degli anni Ottanta; disarmo colto nella sua drammatica urgenza non più dilazionabile, e che lo porterà anche a fondare una lega disarmista. Un'urgenza chele lettere a Gaccione registrano in tutta la loro lucida e spietata consapevolezza.

 

Al termine vin brulè e castagnaccio.

 

 

 

 

Rock Targato Italia © Divinazione Milano Srl web realizzato da Franco Sainini. Tutti i diritti riservati. All rights reserved.