Menu

MUSICA PER IL CERVELLO / a Caravaggio Studio di registrazione

MUSICA PER IL CERVELLO/ Non solo studio di registrazione: la sfida di Riky Anelli e Francesco Matano

Riky Anelli e Francesco Matano sono due musicisti di elevatissimo talento, colmi di amore per la musica tanto da aprire a Caravaggio Musica Per Il Cervello.

Riky Anelli e Francesco Matano sono due musicisti di elevatissimo talento, colmi di amore per la musica tanto da aprire a Caravaggio Musica Per Il Cervello, che non è solo un nome, ma soprattutto uno slogan del modo in cui interpretano l’arte. Francesco è il figlio di Roby Matano, storico musicista dagli anni ‘50 in poi quando suonava con un non ancora ben noto Lucio Battisti. Anche Riky segue le orme artistiche della famiglia riuscendo in ogni cosa che fa, infatti i due si accompagnano ormai da diversi anni e hanno visto i loro desideri realizzati con diversi riconoscimenti, tra cui la vittoria al Premio Bruno Lauzi, con “Una Mattina che Vale”. Musica per il Cervello secondo me racchiude l’essenza dell’arte in questi studi affogati in un blu meraviglioso che regala vitalità e serenità. Se l’arte non la si mette a disposizione del prossimo, è arte a metà, così questi due talenti hanno deciso di unirsi per poter dare la possibilità agli altri di riuscire in qualche modo anche ad abbattere la presunzione di locali o pub che tendono a sminuire costantemente giovani cantanti o band emergenti perché soppressi dalle major discografiche.

In questi studi potrete trovare: REGISTRAZIONE (4 SALE DI RIPRESA CABLATE) - MIX - MIX ONLINE - PRODUZIONE MUSICALE - CONSULENZA ARTISTICA - LEZIONI DI MUSICA - WORKSHOP - LABORATORIO D'ARTE - VIDEOCLIP - LIVE STREAMING. Io sono fermamente convinta del fatto che tutti i grandi artisti, quelli di una volta, sarebbero fierissimi di questi giovani soci che svincolando anche il muro del talent sono riusciti in qualcosa di assolutamente straordinario. (MARIA CHIARA SACCHETTI)
 
CONTATTI
 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.t

facebook.com/musicaperilcervello

 


Francesco Matano

(Technical Director, Studio Manager)

 

 Riky Anelli

Art Director e Producer

Musicaperilcervello 

 

by MusicMaker

 

Studio di Registrazione, Laboratorio d'arte, Sale prova, Scuola di Musica

 

Caravaggio (BG)

 

Via dell'Industria 12

 

+39 0363190608

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Leggi tutto...

I 2ELEMENTI, VINCITORI DELLA 28/A EDIZIONE DI ROCK TARGATO ITALIA, SI AGGIUDICANO IL PREMIO PER IL MIGLIOR VIDEOCLIP MUSICALE AI LA FILM AWARDS

A Los Angeles, durante la serata finale del 2 gennaio 2017, il duo lucano vince con "La Fabbrica del Talento" scelto tra migliaia di videoclip in gara ai LA Film Awards, festival internazionale del cinema.

Il video prodotto da Studio Antani con la regia di Luca Acito è stato realizzato attraverso una serie di casting nei paesini della Basilicata.

Le musiche di Vito Coviello, co-autore del testo assieme a Vito Santamato, e l’orchestrazione di Luca Petraccarichiamano fortemente le atmosfere fiabesche tipiche dei classici della Walt Disney. Il video è un inno alla creatività artistica e uno sprono per i giovani musicisti a raggiungere i loro sogni.

“Le uniche regole – spiegano gli artisti - sono l’impegno, la costanza e la caparbietà nell’obiettivo che si vuole perseguire, perché non è vero che il successo, in special modo quello musicale, sia semplicemente una coincidenza immeritata, raggiungibile da tutti, ma è una meta sudata, dopo un lungo percorso in cui l’unico motore è la passione. Il brano non vuole essere quindi una critica ai talent show che la televisione odierna ci propina continuamente, il suo significato è molto più profondo e oscuro di quanto si possa immaginare”

Il soggetto della canzone, che è appunto la fabbrica, si configura come la metafora della standardizzazione di qualsiasi prodotto, anche della musica. Tra le linee si può infatti avvertire una certa malinconia nei confronti dei meccanismi moderni in cui è immersa la discografia italiana, la quale si nutre dell’ingenuità degli artisti offuscandone qualsiasi caratteristica attraverso false speranze di successo, con l’obiettivo di creare un prodotto commerciale e vendibile.

Dopo aver smosso l’impetuoso mare del web con oltre 115.000 visualizzazioni su Facebook, i 2eleMenti - Vito Coviello (cantante e chitarrista) e Vito Santamato (basso elettrico e cori) - si discostano dal panorama musicale italiano proponendo un prodotto fortemente innovativo a metà tra un cortometraggio e un brano pop dalla melodia semplice e mai banale, da ascoltare e guardare in tutte le sue forme. Più che videoclip, si tratta di un vero e proprio “Videocorto“.

Un duro lavoro che li ha portati il 5 agosto scorso ad aprire il concerto del cantautore romano Niccolò Fabi al Pollino Music Festival e quello dei Bluebeaters il 23 agosto al Frequenze Mediterranee Festival di Miglionico.

2elementi hanno anche partecipato e vinto alla 28/a edizione di Rock targato Italia.

Vito Vito, da sempre condividono una comune passione per la musica e, vantando entrambi un ricco curriculum che li vede impegnati con numerose band in veste di musicisti, nell’estate del 2013 decidono di intraprendere un percorso inedito, 2eleMenti.

ll nome del progetto è un gioco di parole che vuole sottolineare l’idea originale che racconta vari aspetti della loro personalità e centra in pieno il significato dell’idea stessa, due amici, due musicisti, due interi, due opposti. Le loro idee sostenute da una forte simbiosi a livello musicale e personale si trasformano in composizioni basate su una costante ricerca a livello sonoro e da una forte attenzione per la componente musicale, caratteristica che li porta a collaborare con diversi nomi del panorama Italiano come Umberto Fiorentino e Cristiano Micalizzi nel loro primo EP, Questioni, un disco che risulta essere, alle orecchie degli addetti ai lavori, capace di rimodulare il concetto di forma canzone pur lasciando spazio alle melodie limpide, capaci di strizzare l'occhio al miglior pop inglese ma anche di concedersi qualche richiamo a una delicatezza anni ’60. Col passare del tempo, il progetto diventa sempre più una sperimentazione verso nuove forme di composizione e convivenza tra generi opposti.

Una ricerca che affonda le radici nell’opera, nelle colonne sonore, nella musica contemporanea e nel sound design, sintetizzata e circoscritta in un contenitore di creatività che coinvolge oggi diverse figure di riferimento sempre mutevoli nella forma ma non nel significato, quello di raccontare sensazioni, emozioni e proiezioni legate al contesto storico e sociale nella loro nuova chiave: il Fantasy/Pop.

Leggi tutto...

Roberto Bonfanti, scrittore e musicista - Rock Targato talia

Roberto Bonfanti scrittore e musicista, collabora silenziosamente con professionalità e cultura straordinaria, alla stesura delle bio e delle mini recensioni, durante le finali nazionali di Rock targato Italia, degli artisti in gara. Inoltre è l'autore delle mini presentazioni dei brani raccolti nelle compilation della manifestazione.

Forte dell'esperienza nel mondo musicale e la passione letteraria racconta con efficacia le opere degli artisti e il mondo straordinario e multicolorato della musica indipendente. Le sue recensioni sono immagini precise coinvolgenti ricche di informazioni e descrivono straordinariamente un mosaico musicale in continua mutazione.

...oggi parliamo di lui, lo presentiamo a tutti coloro che amano la musica, originale e di qualità.

un abbraccio da tutto lo staff di Rock Targato Italia

 

ROBERTO BONFANTI

Biografia

Roberto Bonfanti è nato in un paesino ai margini della provincia lombarda in un sabato pomeriggio di fine giugno dell'anno in cui morirono Piero Ciampi, Henry Miller e Riccardo Mannerini.
Malinconico per indole, testardo per vocazione, sognatore per dna, disilluso per puro caso, incostante e incoerente per necessità, il suo primo tentativo di scrivere un racconto risale all'età di sette anni.

Dopo una serie di esperienze legate al mondo della musica indipendente (come redattore del webmagazine Kronic e all'interno dell'etichetta discografica Ilrenonsidiverte), ha esordito come scrittore nell'ottobre del 2007 dando alle stampe la raccolta di racconti “Tutto passa invano” (ed. Uni Service).
L'incontro con Falzea Editore è stata la molla per dedicarsi seriamente alla scrittura e lavorare ai suoi primi due romanzi, “L'uomo a pedali” e “In fondo ai suoi occhi”, usciti rispettivamente nel maggio 2009 e nell'ottobre 2010, a cui ha fatto seguito, nel novembre 2012, “Suonando pezzi di vetro", pubblicato da Edizioni Del Faro in collaborazione con il collettivo Neverlab.
Fra il 2010 e il 2012 è stato responsabile del progetto “Nella mia ora di libertà”, che si poneva l'obiettivo di far conoscere ai detenuti del carcere di San Vittore la storia della canzone d'autore italiana, e nel 2014 ha prestato la voce al tour del reading-concerto ispirato a “Nicovid” di Miky Marrocco.
Il suo ultimo libro, "Alice", è uscito per Edizioni del Faro l'11 marzo 2015 e proprio dalle schegge emotive di questo romanzo e dal lungo tour di reading che ne è seguito è nato "Ogni sorso un ricordo", un progetto musicale frutto dell’unione della voce e le parole di Roberto Bonfanti con le Miky Marrocco, pubblicato nella primavera del 2016.

Roberto gira spesso l'Italia per raccontare le sue storie in ogni tipo di contesto, dalle librerie ai bar e dai circoli culturali ai locali alternativi, dando vita a una sorta di "teatro rock".

Pubblicazioni:
2007 – Tutto passa invano (ed. Uni Service – Racconti)
2009 – L’uomo a pedali (Falzea Editore – Romanzo)
2010 – In fondo ai suoi occhi (Falzea Editore – Romanzo)
2012 – Suonando pezzi di vetro (ed. Del Faro – Romanzo)
2015 – Alice (ed. Del Faro – Romanzo)
2016 – Ogni sorso un ricordo (autoproduzione – album musicale)

 

Sul web:
www.robertobonfanti.com
www.facebook.com/robertobonfanti
www.instagram.com/rob.bonfanti
www.twitter.com/robbonfanti

Leggi tutto...

Roberto Bonfanti, scrittore e musicista - Rock Targato talia

Roberto Bonfanti scrittore e musicista, collabora silenziosamente con professionalità e cultura straordinaria, alla stesura delle bio e delle mini recensioni, durante le finali nazionali di Rock targato Italia, degli artisti in gara. Inoltre è l'autore delle mini presentazioni dei brani raccolti nelle compilation della manifestazione.

Forte dell'esperienza nel mondo musicale e la passione letteraria racconta con efficacia le opere degli artisti e il mondo straordinario e multicolorato della musica indipendente. Le sue recensioni sono immagini precise coinvolgenti ricche di informazioni e descrivono straordinariamente un mosaico musicale in continua mutazione.

...oggi parliamo di lui, lo presentiamo a tutti coloro che amano la musica, originale e di qualità.

un abbraccio da tutto lo staff di Rock Targato Italia ROBERTO BONFANTI

 

Biografia

Roberto Bonfanti è nato in un paesino ai margini della provincia lombarda in un sabato pomeriggio di fine giugno dell'anno in cui morirono Piero Ciampi, Henry Miller e Riccardo Mannerini.
Malinconico per indole, testardo per vocazione, sognatore per dna, disilluso per puro caso, incostante e incoerente per necessità, il suo primo tentativo di scrivere un racconto risale all'età di sette anni.

Dopo una serie di esperienze legate al mondo della musica indipendente (come redattore del webmagazine Kronic e all'interno dell'etichetta discografica Ilrenonsidiverte), ha esordito come scrittore nell'ottobre del 2007 dando alle stampe la raccolta di racconti “Tutto passa invano” (ed. Uni Service).
L'incontro con Falzea Editore è stata la molla per dedicarsi seriamente alla scrittura e lavorare ai suoi primi due romanzi, “L'uomo a pedali” e “In fondo ai suoi occhi”, usciti rispettivamente nel maggio 2009 e nell'ottobre 2010, a cui ha fatto seguito, nel novembre 2012, “Suonando pezzi di vetro", pubblicato da Edizioni Del Faro in collaborazione con il collettivo Neverlab.
Fra il 2010 e il 2012 è stato responsabile del progetto “Nella mia ora di libertà”, che si poneva l'obiettivo di far conoscere ai detenuti del carcere di San Vittore la storia della canzone d'autore italiana, e nel 2014 ha prestato la voce al tour del reading-concerto ispirato a “Nicovid” di Miky Marrocco.
Il suo ultimo libro, "Alice", è uscito per Edizioni del Faro l'11 marzo 2015 e proprio dalle schegge emotive di questo romanzo e dal lungo tour di reading che ne è seguito è nato "Ogni sorso un ricordo", un progetto musicale frutto dell’unione della voce e le parole di Roberto Bonfanti con le Miky Marrocco, pubblicato nella primavera del 2016.

Roberto gira spesso l'Italia per raccontare le sue storie in ogni tipo di contesto, dalle librerie ai bar e dai circoli culturali ai locali alternativi, dando vita a una sorta di "teatro rock".

Pubblicazioni:
2007 – Tutto passa invano (ed. Uni Service – Racconti)
2009 – L’uomo a pedali (Falzea Editore – Romanzo)
2010 – In fondo ai suoi occhi (Falzea Editore – Romanzo)
2012 – Suonando pezzi di vetro (ed. Del Faro – Romanzo)
2015 – Alice (ed. Del Faro – Romanzo)
2016 – Ogni sorso un ricordo (autoproduzione – album musicale)

 

Sul web:
www.robertobonfanti.com
www.facebook.com/robertobonfanti
www.instagram.com/rob.bonfanti
www.twitter.com/robbonfanti

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?