Menu

DUPERDU “Chiameròlla Milano”

Il disco Dal 25 marzo in tutti i web store

Lo strabiliante ed irrequieto album “Chiameròlla Milano” dei DUPERDU, dal 25 marzo, sarà disponibile in tutti i web store. Il disco è una novità assoluta del duo leader della tendenza REGRESSIVE

Fantastico mondo storie straordinarie, “Chiameròlla Milano” è un progetto sulla città di Milano e dintorni per veicolare notizie storiche con la leggerezza della musica e l'ironia delle parole.

Il ciclo epico-didattico, così definito dal duo, comprende canzoni e narrazioni, ispirate ad antiche leggende e personaggi mitici lombardi, curiosità e aneddoti sconosciuti (o quasi) sulla Milano storica. Il tutto accompagnato da musica dal sound folkloristico e coinvolgente, con ironia e allegria. L’album è distribuito dall’etichetta Terzo Millennio.

I DUPERDU si definiscono simpaticamente esponenti del REGRESSIVE: gli artisti attingono alla memoria collettiva ricercando nel passato uno spunto creativo, rielaborato con un linguaggio contemporaneo e innovativo.

DUPERDU, sono stati così battezzati dal grandissimo maestro Nanni Svampa dei GUFI, per il quale si esibiscono come gruppo di supporto a Il mio concerto per Brassens. Musici di casa de La Scighera, dove suonano nei radio-spettacoli di RadioBandita, per gli eventi più di nicchia e nelle serate amabilmente conviviali.  Hanno registrato il loro primo album presso la MC-Music con il contributo del Maestro Tony Cercola, percussionista di Edoardo Bennato e Pino Daniele.

Marta Marangoni, laureata in lingue, ha studiato a Milano, Dresda, Berlino e Barcellona. Dal 2002 è attrice del Teatro della Cooperativa diretto da Renato Sarti, dal 2006 collabora stabilmente con la Filarmonica Clown. Lavora anche come cantante e ha recitato fra gli altri diretta da Serena Sinigaglia e Marco Rampoldi in Italia, Matthias Langhoff e Annette Jahns in Germania.

Fabio Wolf, laureato in filosofia è insegnante di italiano. Si diletta da sempre con il pianoforte come autore e come interprete. Collabora come musicista per la scena con il Teatro della Cooperativa e con la Filarmonica Clown.

Il singolo “SIAMO DINOSAURI”, tratto dall’album “Chiameròlla Milano”, è in questi giorni in rotazione radiofonica.

Nel web:

http://www.duperdu.org/

https://www.facebook.com/duperdu-626542537430004/info/

Leggi tutto...

Un piccolo omaggio a Dario Fo

È nato oggi nel 1926 un uomo che ha portato avanti la tradizione gloriosa della cultura italiana: Dario Fo.

Drammaturgo, attore, regista, scrittore, autore, illustratore, pittore, scenografo: un uomo d’arte e cultura a tutto tondo.

Dario Fo si è sempre contraddistinto per la capacità di trattare importanti tematiche, soprattutto politiche, con la semplicità e l’ironia tipica della satira. Non dovete però pensare che la sua sia una satira tradizionale: teatro nel teatro, tutto è ribaltato, facendo notare come le cose possano perfettamente funzionare se capovolte, come lui stesso ha più volte detto.

Con la sua schiettezza, ha avuto il coraggio di trattare fatti storici e politici scomodi, come i processi giudiziari dell’allora premier Silvio Berlusconi o l’omicidio Calabresi.

Ciò che più mi ha colpito di Fo è la coerenza che è riuscito a creare tra ideali politici e lavoro artistico.Dichiaratamente di sinistra, Fo considera il teatro uno svago per borghesi, inaccessibile per la maggior parte del grande pubblico: numerose sono infatti le esibizioni in fabbriche e piazze. Giullare dei nostri tempi nella satira politica, ha sempre basato tutto il suo lavoro sul contatto con la gente, con il “popolo”.

Non stupisce quindi il riconoscimento del premio Nobel nel 1997 e le lauree Ad Honoris Causa conferite dall’università di Wolverhampton, dalla Sorbona e infine, dopo Pirandello e De Filippo, dalla Sapienza.

Buon compleanno ad un orgoglio italiano, stimato anche all’estero!

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?