Menu
Francesco Caprini

Francesco Caprini

FRINGE NIGHT Seratina con asta di beneficenza

28 maggio – ore 21.00

in diretta facebook sulla pagina del NoLo Fringe Festival

FRINGE NIGHT
Seratina con asta di beneficenza
In collaborazione con Radio NoLo

 

Il 28 maggio, alle ore 21.00 in diretta facebook sulla pagina del NoLo Fringe Festival, sarà possibile assistere alla FRINGE NIGHT. Una serata con tanti ospiti, durante la quale saranno messe all'asta sette borse speciali, ricavate dai banner in pvc del Fringe 2019. Il ricavato dell'asta sarà devoluto interamente in beneficenza.

Petra Loreggian, speaker di RDS, Riccardo Poli, Beppe Salmetti, Alessandro Longoni e Andrea Roccabella di Off Topic (Radio24), Valeria Perdonò de Il Menu della Poesia, l'attore Ivan Bellavista, ecco alcuni dei tanti ospiti che parteciperanno alla diretta, recitando una poesia, cantando una canzone o semplicemente strappandoci una risata.  Tra un intervento e l'altro verranno battute all'asta le sette borse, partendo da una base d'asta di 40 euro a borsa. Per partecipare basterà connettersi durante la diretta e rilanciare, scrivendo nei commenti.

Solidarietà

Il ricavato dell'asta andrà a sostenere due realtà importanti per Milano: la spesa sospesa organizzata nel quartiere di NoLo e la scuola del Parco Trotter (IC Giacosa).

La spesa sospesa è un'iniziativa spontanea di solidarietà tra vicini di casa nata all'interno di Nolo Social District. Iscrivendosi sul sito della spesa sospesa è possibile donare, mettersi a disposizione per consegnare fisicamente una spesa, oppure in completo anonimato chiedere un aiuto. https://spesa-sospesa.web.app/

La scuola del Parco Trotter (IC Giacosa) è uno dei comprensori scolastici più grandi di Milano, modello di multiculturalità e inclusione. In collaborazione con la Cartoleria Gambardella (viale Monza 61/A), il ricavato dell'asta servirà a fornire kit scolastici alle famiglie in difficoltà.

Il Fringe e l'ambiente

Da sempre crediamo nella sostenibilità come fattore creativo e siamo molto felici che qualcosa del Fringe continui a vivere con voi!

Ci è stato chiaro fin da subito che anche gli eventi culturali non sono esenti dalla produzione diretta e indiretta di inquinamento, per questo motivo la nostra azione è duplice. Da un lato ci impegnamo ad adottare sistemi a basso impatto su tutti gli aspetti che riguardano l’evento, dall’altro produciamo idee e soluzioni concrete dalle quali il pubblico possa trarre spunto e ispirazione.

In particolare il riuso creativo dei materiali, soprattutto quelli di scarto, è una delle sfide fondamentali che ci troviamo ad affrontare.

Le borse che venderemo all'asta sono pezzi unici fatti a mano, create da GarbageLab, che per i suoi prodotti utilizza materiali di recupero come banner pubblicitari in pvc e cinture di sicurezza rigenerate. www.garbagelab.it

Cos’è NoLo Fringe Festival

Il Fringe è un festival di teatro che nasce a Edimburgo nel 1947 e oggi arriva a Milano. Il NoLo Fringe Festival è nato nel 2019 a Milano ed è organizzato dall’associazione culturale Bardha Mimòs. NoLo è l’acronimo di un quartiere milanese che significa “a Nord di piazzale Loreto”, e delimita un’area, particolarmente attiva e multietnica, alla periferia nord della città.

 

Informazioni

evento fb: www.facebook.com/events/277514660307671/

facebook@nolofringefestival
www.nolofringe.com
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
instagram NoLo Fringe Festival

Chi intervista l’intervistatore? Due chiacchiere con Paolo Pelizza

Chi intervista l’intervistatore? Due chiacchiere con Paolo Pelizza.

di Roberto Bonfanti

“Chi controlla il controllore?” si diceva un tempo. Allo stesso modo: chi intervista l’intervistatore?
In queste settimane Paolo Pelizza è stato impegnato in un giro di interviste a una serie di personaggi vicini al mondo di Rock Targato Italia. Era quanto meno doveroso che qualcuno si impegnasse ad andare a intervistare lui, che da anni porta avanti sul sito del concorso la rubrica “Le Visioni di Paolo” e che è ormai una colonna portante anche della giuria della manifestazione.

Partiamo dalle basi: chi è Paolo Pelizza?

Paolo Pelizza è uno che da ragazzino ha studiato un po’ di pianoforte e un po’ di chitarra, e per qualche tempo nella sua vita ha anche cantato e composto con scarsissimi risultati sia commerciali che qualitativi. Il fatto è che non ero un gran musicista né un gran compositore, però avevo una discreta voce con una buona sporcizia blues, così per qualche tempo si è ritrovato a cantare in un locale che era anche ristorante, per cui si suonavano pezzi di Battisti, Billy Joel o Sinatra. Comunque ben presto ha capito che non aveva i numeri per vivere con la musica così ha cercato di lavorare in mondi che fossero consoni alla sua indole e alle sue capacità … Quindi, ho iniziato scrivendo per la pubblicità e, frequentando quell’ambiente, sono finito a lavorare nella produzione di spot e da lì nel cinema e nella televisione, sempre per ciò che riguarda la produzione. Insomma, fondamentalmente ora gestisco budget e organizzo produzioni per cui, anche se il fuoco sacro dell’arte non si è mai spento, le mie velleità artistiche hanno lasciato spazio, per ragioni “alimentari”, a ruoli più prosaici. Oltre a questo, insegno produzione al Centro Sperimentale di Cinematografia, la scuola nazionale di cinema, che è un’esperienza che mi riempie tantissimo la vita, anche se ora siamo fermi per le ragioni che tutti conosciamo.

Che affinità e divergenze vedi fra il mondo del cinema e quello della musica?

Il mondo del cinema è un argomento complesso da trattare perché negli ultimi anni è entrato in tackle scivolato, come ovunque, il digitale. Per questo molte delle grandi produzioni adesso le fanno Netflix o Amazon. E la grande domanda è: perché chi gestisce fondamentalmente degli algoritmi si deve impegnare in attività di tipo artistico, creativo e dell’intrattenimento? Però lo fanno e, oltre a farlo, quel mondo lo governano anche. Ognuno di noi può pensare che gli piaccia o meno ma è così. Queste realtà ormai si sono prese tutto, dalla consegna delle pizze alla produzione dei film di Scorsese.  Oltretutto l’invasione del digitale ha influito molto anche sulla concezione stessa di cinema: un tempo il cinema era quello che vedevi in sala, e ci sono ancora registi che lavorano con quella concezione -penso a Nolan, Inarritu o Tarantino, tanto per fare qualche nome. C’è tutto un mondo che fa anche cose di qualità e le fa pensandole per una fruizione digitale, proponendo quindi un altro tipo di esperienza concepita per essere individuale. Un altro linguaggio, per così dire. Io, come tutti, ho gli abbonamenti alle piattaforme e non nego che producano cose ottime, ma l’esperienza del cinema in sala è ovviamente un’altra cosa. Scrivere un film per una grande proiezione collettiva o per un’esperienza individuale in cui sei da solo, metti in pausa perché ti suona il cellulare o ti cade il mozzicone sul tappeto oppure ti interrompi perché è pronto l’arrosto, sono cose completamente diverse. Anche lo stesso film visto in sala e poi  a casa è un film completamente diverso.

Sulla musica il discorso è simile: cambiando il tipo di fruizione e il modello di business, è cambiato anche l’ascoltatore. L’utente medio ora è più predisposto ad ascoltare ciò che gli propinano piuttosto che andare a cercarsi delle cose, a provare a coltivarsi un gusto e questo porta inevitabilmente a un appiattimento, all’omologazione.

Da insegnante invece che idea ti sei fatto delle nuove generazioni?

Premetto che il mio osservatorio è quello di uno che lavora in una scuola di cinema, per cui è sicuramente un punto di vista privilegiato rispetto a chi lavora in altri ambiti. Io credo che i giovani d’oggi abbiano realmente una marcia in più in termini di sensibilità, di creatività e di capacità di intuire il mondo che stanno per affrontare. E sicuramente non sono contenti di ciò che stanno per ereditare da noi e, su questo, è difficile dargli torto. Quello che noto però è che da un lato c’è una grande consapevolezza ma dall’altro un senso di resa rispetto ai mutamenti che impatteranno sulla loro vita. Sono come “arresi” a ciò che hanno di fronte. Questo senso di resa è la cosa che più mi dispiace vedere ed è quello che tarpa loro  maggiormente le ali. Il fatto di sapere usare i social, poi, permette a ognuno di loro di avere un proprio pubblico ma ha frammentato la comunità in milioni di piccolissime particelle sociali, di comunità microscopiche, per cui non riescono ad avere un’idea unitaria confrontandosi,  né a creare movimenti che siano realmente efficienti nel perseguire il cambiamento. Poi forse anche i grandi movimenti degli anni Sessanta e Settanta non hanno di fatto portato a chissà quale grande risultato, però quanto meno il movimento c’è stato e nella maturazione delle coscienze e del vivere civile qualcosa ha saputo smuovere.

A proposito di grandi movimenti degli anni ’60 e ’70: le tue radici musicali vengono da lì, giusto?

Sì. Io ho avuto due momenti di formazione importanti: uno è stato la musica degli anni ’60, con il movimento hippie e il rock psichedelico americano, dai Grateful Dad ai Jefferson Airplane per fare i nomi più famosi. Il secondo invece è stato la sponda più popular britannica di quel movimento, per cui: i Beatles, gli Stones, ecc… Poi dentro quel movimento ho iniziato a scoprire cose che erano un po’ meno scanzonate. Insomma, negli anni ’60 c’erano degli artisti immensi ma anche molta positività e molta voglia di fare anche del casino. Negli anni ’70 invece tutto questo si è evoluto in qualcosa di più cupo e cattivo ma anche, dal punto di vista sonoro, più aperto alla sperimentazione e al cercare di fare cose non necessariamente facili da ascoltare. Insomma, i Led Zeppelin, a parte qualche canzone, non è che fossero così semplici. Poi in quel periodo è esploso un rock più scuro e robusto che è poi confluito nella nascita dell’heavy metal. Ovviamente sto sintetizzando moltissimo: so bene che le cose sono molto più complesse e ci sarebbero molte altre sfumature da raccontare. Ma credo che tu a una certa ora debba andare … Secondo me gli anni ’70 sono gli anni della “Grande Isola”, perché è dalla Gran Bretagna che è esploso il fermento maggiore. Nella seconda metà di quel decennio poi c’è stata una grande divisione: da un lato quelli che sono diventati musicisti più raffinati e colti dando origine alla corrente del rock progressivo, di cui noi abbiamo avuto un bellissimo movimento misteriosamente dimenticato, e dall’altro l’estremo opposto che ha fatto emergere il punk. Però la cosa bella degli anni ’70 è che c’erano delle correnti molto definite ma anche molta voglia di mescolarsi e mischiare le carte.  C’è stato anche l’inizio dell’elettronica, i primi synth, i Kraftwerk, i Neu, i Tangerine Dream e altri. È stato un decennio pazzesco che secondo me è finito in grande con la pubblicazione di “The Wall” dei Pink Floyd. Ma la fine degli anni ’70 è stata anche l’inizio della fine perché grandi musicisti, con l’avvento degli ’80, hanno scelto di convertirsi al pop. Penso ad esempio a David Bowie. Anche se il pop che David Bowie ha fatto negli anni ’80 era di livello eccelso e, ovviamente, non mi permetterei mai di dire nemmeno che il pop di Madonna o Michael Jackson non sia stato di alto livello e non abbia lasciato qualcosa di importante. Però è stato l’inizio della stagione dedicata al dare in pasto al pubblico cose più immediate. Io non ho niente contro il pop. Il pop c’è sempre stato: pensa ai Beatles che hanno fatto anche delle straordinarie canzonette oltre ai vari capolavori come “Revolver”, “White album” e “Sgt. Pepper”. Però, secondo me, quel periodo ha creato una china che è poi quella da cui, negli ultimi anni, siamo rotolati. Anche se il rock non è morto negli anni ’80, né tantomeno nei ’90 e ancora oggi ci sono band e dischi eccellenti in quell’ambito. È solo più difficile farlo ascoltare alla gente perché è meno curiosa e appagata da quello che viene loro propinato.

Tornando a Rock Targato Italia: tu hai iniziato a collaborare tramite la rubrica “Le visioni di Paolo”, prima di fare il giurato nel concorso. Ci racconti come è nata la tua collaborazione con Rock Targato Italia?

“Le visioni di Paolo” è nata come rubrica su una radio che si chiamava Radio Meneghina e che era portata avanti da Francesco Caprini. Era una radio che trasmetteva solo in dialetto milanese. Io facevo due ore alla settimana in cui, mentre Francesco parlava di musica indie italiana, io parlavo un po’ di quello che mi pareva, anche di cinema e libri. Avevo anche intervistato un paio di scrittori. Poi, finita l’esperienza in radio, Francesco mi ha invitato a dargli un seguito scrivendo direttamente sul sito di Rock Targato Italia. Così è nata la rubrica e da lì, continuando a collaborare con il sito e a frequentare Francesco, sono finito anche nella giuria del concorso.

Da giurato che idea ti sei fatto di ciò che ruota attorno al concorso?

La mia idea è quella che credo ci siamo fatti tutti: c’è tantissimo entusiasmo, c’è anche un certo tipo di qualità, ma c’è pochissima consapevolezza. Ovviamente è anche cambiato il mondo: un tempo c’erano i produttori che investivano sulle band per permettere loro di crescere e di emergere mentre oggi se vai da un produttore devi essere tu a pagarlo. Per cui la musica la fai a casa tua col computerino e questo purtroppo è triste.
Ciò non toglie che negli ultimi anni siano passati dal palco di Rock Targato Italia almeno 5 o 6 band o artisti che meriterebbero una chance seria e che, se avessero avuto alle spalle un minimo di investimenti, sarebbero usciti molto bene.

Abbiamo parlato del Paolo Pelizza produttore, del Paolo Pelizza insegnante, del Paolo Pelizza ascoltatore di musica, del Paolo Pelizza de “Le visioni di Paolo” del Paolo Pelizza giurato. Ci manca il Paolo Pelizza scrittore.

Il Paolo Pelizza scrittore è uno che scrive cose che non leggerà mai nessuno. Scherzi a parte, ho scritto un romanzo e ho avuto varie vicissitudini con un paio di editori. Di recente un amico mi ha proposto di provare a trasformarlo in una sceneggiatura perché secondo lui la storia è meravigliosa e potrebbe diventare un lungometraggio. Io non sono uno sceneggiatore per cui ho lasciato tutto nelle mani di questo mio amico e vedremo cosa ne uscirà. Di questo romanzo ho abbozzato anche una prima stesura di un seguito e un plot di un ulteriore seguito che andrebbe a chiudere la trilogia. Però sono abbastanza tranquillo sul fatto che chiuderò gli occhi senza vederlo pubblicato. Sono ottimista per questo: nessuno sarà costretto a leggerlo!
A parte questo, al di là di Rock Targato Italia, scrivo delle cose o correggo delle cose per altri scrittori di cui non farò i nomi neanche sotto tortura ...

Credo che ci siamo già detti molto. C’è qualcosa che vuoi aggiungere?

L’unica cosa di cui non abbiamo parlato è il Covid, ma ne parlano già tutti. Direi che nessuno ci sta capendo un cazzo. Oggi leggevo che un virologo ne ha querelato un altro, per cui siamo veramente al tutti contro tutti. Siamo in un periodo davvero oscuro. Ci sono troppe cose che sfuggono. Già cinque o sei anni fa c’era stato un allarme della comunità internazionale su un virus che sarebbe potuto arrivare, per cui forse già lì si sarebbe dovuto iniziare a mettere in pista dei protocolli globali per far sì che le cose andassero diversamente. Invece questo allarme è stato completamente ignorato da tutti e, alla resa dei conti, in un mondo in cui tutti siamo tracciati e ognuno di noi ha in tasca un affare che si collega a un satellite a ogni passo che facciamo, non hanno trovato di meglio che chiuderci in casa come per la peste del ‘500. Allora qualcuno dovrebbe spiegarci a cosa serve tutta questa tecnologia, questa fiducia cieca nella scienza salvifica. Se ci siamo evoluti per tornare alle situazioni di 500 anni fa, forse non ci siamo evoluti poi così tanto. Se ci dobbiamo salvare da soli e chi garantisce la sopravvivenza della specie sono i gendarmi c’è qualcosa che mi sfugge. Insomma, si evolvono le macchine ma non noi. Siamo in una situazione quanto meno bizzarra. E meno male che questo virus, che è veramente molto contagioso, non è altrettanto letale. Prova a pensare allo stesso virus con la letalità dell’Ebola…

Poi è naturale che, in una situazione nuova e imprevista -anche se tanto imprevista abbiamo visto che non era- chi deve governare possa commettere degli errori. E ci sta. Ci sta, anche, che si debbano fare delle rivoluzioni copernicane di fronte a situazioni che magari inizialmente si pensava potessero essere in un determinato modo e alla fine si sono invece rivelate tutt’altro. Non ci sta però che su queste cose ci si giochi. Non ci sta che determinate situazioni diventino colpose o addirittura dolose. Ma questo purtroppo noi lo sapremo solo fra chissà quanti decenni. D’altra parte, quando si inaugura una stagione di questo tipo, c’è chi vince e c’è chi perde, ma quelli che vincono sono sempre pochissimi.

Roberto Bonfanti, scrittore e artista

blog di Rock Targato Italia 

Radio Karma Revolution un nuovo programma musicale

Giovedì 28 Maggio dalle ore 18.00 alle ore 20.00

Radio Karma Revolution presenta, in collaborazione con Rock Targato Italia, Il Lato Oscuro con Paolo ed Helena.

Una strana coppia: lei nata alla fine del secolo scorso, lui alla fine di quello prima; lei con una spumeggiante vita sentimentale, più noiosa di un documentario sulla vita sessuale del boa constrictor, lui che non sa più neanche di cosa si stia parlando; lei super tecnologica, lui che scrive ancora su una stele coperta di cera. Tutti i giovedì dalle 18.00 alle 20.00 i due ci porteranno in un viaggio tra blues, rock, musica cosmica ma, soprattutto, cercheranno di intrattenervi con le loro grottesche personalità e la loro effervescente idiozia!

 

mixlr.com/radio-karma-revolution

https://www.facebook.com/events/235516037873793/

https://www.instagram.com/p/CAkwwmEgdK1/?utm_source=ig_web_copy_link

 

 

FRANCESCO CAPRINI – FRANCO SAININI

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 393 2124576 – 392 5970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

SAVE THE MUSIC, intervista a Claudio Formisano

SAVE THE MUSIC, OVVERO COME IL VIRUS COLPISCE L’ARTE E LA CULTURA E LE IDEE E LE AZIONI DI CLAUDIO FORMISANO.

Claudio Formisano è il Presidente della giuria di Rock targato Italia ma (incidentalmente!) è anche il referente per il mercato di CAFIM, la confederazione europea che rappresenta i maggiori produttori di strumenti musicali.

Visio: Buon pomeriggio, Claudio! Grazie mille per essere con noi.

Claudio: Ciao e grazie a voi!

Visio: Allora, tu sei il Presidente della prestigiosissima Giuria di rock targato Italia ma, nella vita, fai anche altro!

Claudio: Sì … in modo minoritario ma faccio anche altro. (ridiamo) soprattutto in questi giorni mi sto dando molto da fare perché purtroppo, nel mondo degli strumenti musicali non sta facendo niente nessuno. Io vedo che, per esempio, FIMI insieme agli altri della discografia (nonostante siano realtà diverse e in competizione tra loro) nel momento del bisogno si sono messe insieme e hanno fatto un manifesto di dieci punti chiedendo provvedimenti per il comparto al Presidente del Consiglio. La stessa cosa ha fatto Assomusica e il MEI. Nello strumento musicale non ha fatto niente nessuno se non richieste molto blande. Per questo, mi sono sentito in dovere di espormi in prima persona anche perché le prospettive sono poco incoraggianti

Visio: Puoi spiegarci?

Claudio: Si potrebbe parlate di settore della musica in generale ma, lo strumento musicale viene toccato in modo particolare dalla crisi Covid 19 per la conformazione stessa del settore: è un’attività industriale più piccola con una logistica… Il tema che noi ci siamo fermati a marzo e le nostre prospettive di ripresa sono per marzo 2021 … Tu dimmi qual è quel comparto o quell’impresa che può sopportare uno stop di dodici mesi…

Visio: Credo nessuno! Ma prima del Coronavirus come andava?

Claudio: Abbiamo avuto alti e bassi. Abbiamo subito la crisi del 2008 che da noi è arrivata in maniera pesante dal 2010. Questo è un dato abbastanza storico, nel senso che, a partire dalla vecchia “crisi del Golfo”, di crisi ce ne sono state più di una ma sono sempre durate due o tre anni e sono arrivate a toccare il nostro settore quasi mai o verso la fine e in modo marginale. La sostanza e la nostra fortuna è stata che queste crisi finivamo prima di poter arrecare un danno importante al nostro settore. Eravamo convinti che sarebbe successo così anche nel 2008 … Ma quella non è ancora finita adesso!! E’stato un crescendo di anno in anno. Nel 2014 ci sono stai cenni di ripresa e ci siamo un po’ illusi ma poi dal 2015 siamo caduti di nuovo nel baratro.

Visio: Quindi vi ritrovate con un problema più grave di altri comparti.

Claudio: Purtroppo si! Già colpiti dalla crisi economico/finanziaria ora si è aggiunto anche il coronavirus … Ma dobbiamo fare un’analisi un pochino più approfondita. Ad esempio, in Italia non tutte le aziende hanno sviluppato l ‘uso di internet. Infatti in Italia il 20% delle imprese non usano ancora internet. A questo aggiungi che il settore strumenti musicali è composto in grande numero da aziende piccole o piccolissime, spesso a conduzione familiare che non sono (spesso) orientate alla digitalizzazione e proiettati all’uso delle tecnologie più avanzate. Questa situazione già difficile di per sé ci penalizza ulteriormente in confronto agli altri paesi europei. In Europa in fatti, il comparto fa fatturati molto più importanti del nostro. Mi riferisco a Germania, in primo luogo, con oltre un miliardo di Euro di fatturato, Francia circa 680 milioni e Regno Unito circa 600 milioni mentre in Italia poco più di 350. la Germania è in testa ma vanta anche di aver acquisto 18 milioni di utenti ex DDR che avevano i soldi nel materasso e che volevano comprare tutto, compresi gli strumenti musicali. Quindi se consideriamo che in Germania abbiamo una popolazione di circa 82 milioni di abitanti la sua posizione è più giustificata mentre Francia, Italia e Regno Unito sono tutte intorno ai 60 milioni e questo evidenzia la carenza del nostro Paese.

Visio: Anche da un punto di vista dell’utente … Tu sai che io sono un vecchio ragazzo o un post hippie come mi hanno spesso definito … io ho una percezione mia. Io non comprerei mai una chitarra su internet … Io andavo in negozio, dovevo toccarla, provarla … tra l’altro, forse, per una tastiera elettronica posso immaginare di poter fare uno “strappo” e ordinarla in rete ma per una chitarra non lo farei mai … La chitarra ha una forma che si presta ad essere “accarezzata”, ha un po’ la forma del corpo femminile … Mi sentirei come uno che ordina una moglie per corrispondenza.

Claudio: (ride) Il paragone mi piace moltissimo! Però devi considerare come una società cambia … Dipende anche da come crescono le nuove generazioni … I ragazzi ormai non “scelgono” di fare acquisti in rete, lo fanno in modo naturale perché oggi quello è il sistema più diffuso e anche più rapido e spesso il più economico. Forse le persone della mia generazione la pensano diversamente. Tieni anche presente che con l’e-commerce hai del tempo per decidere se tenere o meno il prodotto che hai acquistato. In definitiva se guardiamo a fondo tutta la struttura del commercio è totalmente cambiata, inclusa quella dello strumento musicale. Ti porto un esempio che sto vivendo proprio in questo periodo in UK durante il lockdown, la Tanglewood ha aiutato i negozianti costretti a chiudere il punto vendita ma con molte richieste delle loro chitarre ha attivato il dropshipping ovvero la Tanglewood ha evaso dal proprio magazzino inviando il prodotto direttamente al consumatore ma fatturando al rivenditore. Siccome l ‘acquisto on line in U.K. è molto più sviluppato che da noi è stato sufficiente che la Tanglewood attivasse questo servizio per consentire sia a lei che hai suoi rivenditori una flessione delle vendite solo del 5% rispetto allo stesso periodo del 2019. Il futuro va in quella direzione, lo si voglia o no.

Visio: Io non voglio ma non me lo hanno chiesto! (ridiamo). Secondo me, entrare in negozio, guardare una vetrina …. Sono atti deliberati. Stare a casa aspettando che venga buona … Non so… Mi toglie un po’ di poesia. Io volevo anche chiederti com’è cambiato il cliente …

Claudio: Da quando è entrato in gioco l’e-commerce, non è cambiato il cliente è cambiato il modo di vendere e di comprare. Il mondo si è globalizzato. Le persone si comportano in modo molto simile ovunque siano. Guarda nel caso del Covid19. Quando è stata dichiarata l ‘epidemia in Cina nonostante il governo avesse rassicurato sulle disponibilità delle scorte alimentari la popolazione è corsa a vuotare i supermercati ma lo stesso fenomeno poi si è ripetuto a distanza di meno di un mese in Europa, tutta quella coinvolta con il covid19, e poi in America dopo un mese e mezzo, poi in sud America e così via. Possiamo allora dire che non è cambiato il cliente ma che è cambiata la società. Nel nostro campo questo cambiamento è stato particolarmente problematico perché ha una doppia anima che rende difficile la convivenza. La prima anima è quella   elettronica, tecnologica, digitale, di attualità, della novità senza respiro, robotica, che viaggia alla velocità della luce o forse più. L ‘altra invece tradizionale, classica, più riflessiva, più vicina alla natura, alla materia prima, alle sensazioni, ai profumi. Nell’ultimo ventennio, ci sono stati tre grandi cambiamenti sul nostro continente: l’Europa intesa come mercato libero, l’Euro e l’e-commerce. L’ e-commerce naturalmente è quello che siamo in grado di valutare più facilmente tra i tre perché tocca l’attività nella quale siamo coinvolti quotidianamente. In Italia la crescita dell’e-commerce, nel nostro settore, ha significato negli ultimi 15 anni la chiusura anzi la perdita del 25% dei punti vendita esistenti passando da 1340 a poco più di 900 questo perché in questi anni molti rivenditori non hanno voluto o saputo adeguarsi al nuovo deal digitale. Ma spendiamo due parole sullo stato delle cose ad oggi a seguito del corona virus. Il settore è stato bloccato da marzo, i negozi da allora non incassano un centesimo tranne quelli che sono organizzati sull’e-commerce ma abbiamo appurato che non sono molti. La riapertura è prevista per il 18 maggio ma, nel nostro caso, quella data ha un significato relativo in quanto la nostra attività viaggia in parallelo con quella delle scuole, ma le scuole sono state chiuse e riapriranno a settembre inoltre sono stati vietati concerti, musica live, festival, fiere fino a fine anno quindi le nostre possibilità sono quasi inesistenti. In tutti i casi, se tutto va secondo quanto ci è stato anticipato noi ricominceremo a lavorare verso la fine di settembre ciò significa che avremo meno di tre mesi per recuparare i sei mesi precedenti il che già la dice lunga. Ma i produttori e i distributori come si comporteranno in questo periodo? Facciamo una ipotesi: io distributore sono fermo da tre mesi, quindi non faccio nuovi ordini ai miei fornitori. Riprenderò le vendite a settembre vendendo quello che ho ora in magazzino ma, dopo un po’, non sarò più in grado di soddisfare le richieste perché non avendo inoltrato ordini al fornitore precedentemente per i motivi che ho appena detto non avrò scorte sufficienti. Va anche detto che i tempi di approvvigionamento nel nostro settore sono lunghi: dall’ordine al produttore ci vogliono quattro mesi per la produzione più uno di spedizione. Quindi se ordino a fine ottobre, che già sarebbe un miracolo, la merce mi arriverà ad aprile… ma non è tutto c’è una ulteriore aggravante, a gennaio, in Cina si festeggia il Capodanno cinese che blocca i processi produttivi dai trenta ai quaranta giorni che vanno ad aggiungersi ai tempi che ho appena detto.

Visio: Ma quindi come la risolviamo?

Claudio: E’ necessario un intervento immediato del governo a sostegno dei negozi di strumenti musicali perché il problema è di dimensioni tali che nessun altro al di fuori del governo può porvi rimedio. Inizialmente mi sono aggregato ad altri colleghi dello spettacolo che si sono mossi facendo subito appelli di vario tipo al governo. Ma vedi, quando parliamo di spettacolo, parliamo di una infinità di attività e di settori paralleli o complementari coinvolti quindi va bene aggregarsi ma poi ognuno deve agire per il proprio campo specifico perché le problematiche sono diverse per ognuno. Ma, visto che nel mio settore non succedeva niente di concreto, mi sono unito al “coro” e ho fatto una richiesta al Mibact di 100 milioni per il comparto strumenti musicali e il suo indotto.

Questa richiesta si è basata sui dati ricavati da una precedente esperienza vissuta con l’Onorevole Raffaello Vignali, che per tre anni ha aiutato il mercato degli strumenti musicali con il bonus Stradivari, nel mio nuovo appello ho quindi chiesto la Mibact di dare vita a un nuovo bonus ma riproporzionandolo alle necessità del momento tenendo a mente che noi saremo inattivi per quasi dodici mesi. In realtà nel caso degli strumenti musicali il bonus ideale per superare il covid19 sarebbe quello di riconoscere ai negozi il 25% del fatturato realizzato nello scorso anno. Il tutto distribuito equamente tramite una apposita commissione creata per la circostanza dal Ministero e con l’obbligo da parte dei beneficiari di dedicare l’importo ottenuto esclusivamente all’ acquisto di merci, di innovazioni nel campo internet e di marketing per rilanciare l ‘attività. Questa credo sia l’unica soluzione per evitare una ecatombe di chiusure e di fallimenti di negozi entro la fine dell’anno e allo stesso tempo per cercare di contenere una invasione ancora maggiore da parte dell’e-commerce internazionale che è molto più preparato molto più agguerrito molto più strutturato ma altrettanto bisognosa.

Visio: Non è roseo … ma capisco il realismo. Ho appena fatto un’intervista ad Antonio Chimienti che sostiene che, al contrario, il virus riequilibrerà le nostre esigenze, capiremo l’importanza delle piccole cose e farà ripartire la musica e le altre forme artistiche in modo più autentico. Vero è che la situazione, da un punto di vista industriale ed economico, è disastrosa. Poi, noi siamo molto più fragili di altri, la domanda è come verranno condizionati gli aiuti … Prendere ulteriormente dei soldi in prestito, dipenderà dalle condizioni con cui ce li daranno

Claudio: Io sono convinto come Antonio che le cose possono migliorare. Non possiamo uniformare tutto alla nostra quotidianità e convincerci o provare o convincere gli altri che quello è importante e cioè che la nostra vita in selfie sia importante, solo perché potenzialmente abbiamo un pubblico. E’ l’effetto dei social. Questo è una occasione unica per ripartire da zero ma sulla base di esperienze vissute che ci aiutino a prendere la giusta direzione. Questa è un’opportunità quindi non succederà automaticamente. Parlando del debito pubblico, il fatto che il nostro settore sia di nicchia ci agevola… Non abbiamo bisogno di miliardi. Un governo può preventivarlo! Dando un supporto ora al nostro settore si darebbe indirettamente una  nuova linfa vitale a tutti i settori dello spettacolo perché la musica è ovunque. C’è musica nei locali, nei concerti, nel cinema, nel teatro, nella danza, nelle case, nelle piazze, ristoranti alberghi, palestre , dal barbiere , nei centri commerciali, ovunque … Allora mi chiedo come si può non tenere conto di tutto questo?  Chi è al governo è consapevole delle conseguenze che ci sarebbero su tutta la società intesa come arte, cultura, intrattenimento spettacolo ecc. ecc. se non si pone rimedio ora?

Visio: Al di là dei soldi … Quali sono gli interventi?

Claudio: Aiutare tutte queste realtà, fare sistema, far ripartire il loro business. Nel mio piccolo, con la Cafim abbiamo messo a disposizione dei negozi che ne avessero fatto richiesta 2500 mascherine chirurgiche gratuitamente, suddivise in pacchetti non superiori ai 25 pezzi per poter accontentare almeno 100 negozi. Ho fatto caso che la maggior parte di quelli che mi hanno risposto sono realtà piccole o di provincia. Ma abbiamo riscontrato anche casi di negozi storici costruiti con i criteri del loro tempo e che non hanno nessuna possibilità di adattamento ai decreti di prevenzione emanati in funzione del Covid19. Il settore va aiutato, in USA la NAMM (National Association of Music Merchants, N.d.R.) tramite gli iscritti, che pagano una quota annuale, organizza la fiera di strumenti musicali più importante al mondo, trattandosi di una associazione, tutti gli utili vengono reinvestiti per la crescita del mercato e lo sviluppo della pratica musicale organizzando anche corsi, workshop, master class e molte altre iniziati di supporto e stimolo al comparto della musica. Penso che anche da noi sarebbe importante creare una realtà simile dove chi fa musica è al centro dell’attenzione. In questo periodo i musicisti si sono trovati isolati … Nelle conferenze stampa governative e delle pubbliche amministrazioni, si è dedicato tempo a parlare di palestre, jogging e massaggi e non si è detto neanche una parola su cultura e musica.

Visio: Lo sai che la cultura governativa qui è che con la cultura non si mangia, indipendentemente da chi governi.

Claudio: Sì, è una triste realtà ma vedi, un musicista pochi giorni fa ha postato questo pensiero: io vivo facendo musica, mia moglie pure e abbiamo due figli. Siamo cittadini di questo paese e facciamo i musicisti. Non è possibile che il Presidente del Consiglio in conferenza stampa dedichi una infinità di tempo parlando di massaggi e di palestre e sulla musica non dica una sola parola. Direi che questo esempio renda bene l’idea di come viene percepito il “fare musica” dai cittadini e dalle istituzioni. In Italia esiste un’associazione che si chiama Note Legali che in questi mesi ha fatto e ancora sta facendo miracoli per i musicisti proprio partendo dal concetto che siamo al punto zero e da qui si può aprire un nuovo capitolo della musica e dei musicisti. I musicisti sono lavoratori che hanno le stesse necessità di tutti gli altri lavoratori. Quindi, pensione, cassa integrazione e sanità. Il Presidente di Note Legali ha chiesto e ottenuto di sedersi intorno ad un tavolo insieme a molte associazioni di musicisti per analizzare le fattispecie ed i punti comuni. Così è nato il coordinamento delle associazioni di musicisti… ne sono arrivate ben sedici, fino a questo momento! Dobbiamo prenderci cura di tutti … Non possiamo abbandonare nessuno. Per questo mi sono esposto.

Visio: Grazie Claudio.

Claudio: Grazie a voi. Speriamo che nell’ immediato futuro ci siano delle azioni virtuose … Sia io che CAFIM ci siamo e ci mettiamo ulteriormente a disposizione.

di Paolo Pelizza con Claudio Formisano

© 2020 Rock targato Italia

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?