Menu

Alice, due piccoli stupidi.

Le ultime notti sono durate troppo poco. Non abbastanza perché il sonno ci abbia rinfrancato davvero. Non abbastanza per finire qualche discorso che non ricordo ma, che sembrava importante e meritava una sintesi. L’ultima, in particolare, è stata brevissima. E’ finita troppo presto insieme al romanzo di Roberto Bonfanti “Alice”. Senza darci la possibilità di farcene una ragione, di ordinare pensieri ed emozioni. La luce ci ha colpiti con un preavviso minimo, riportandoci alla vita vera, al lavoro, al mutuo da pagare, alla scuola dei bambini, alla revisione dell’auto …

Non ricordo più chi ha scritto che la vita è quella cosa che passa mentre sei occupato a fare altro.
Alice sceglie di abbandonare il Paese delle Meraviglie. Trova una risposta estranea alla favola, lontana dal sogno. Prima di abbandonarsi ad una normalità di facciata, prima di consegnare un pezzo di anima alla stabilità del quotidiano, però, riprende contatto con il suo primo e unico grande amore: Francesco.
E così morde di nuovo la mela avvelenata della fiaba. Tornerà nella tana del Bianconiglio? Oppure, sulla Terra riconquistando la convinzione che la vita vera sia fatta di mariti e figli, di mutui e pranzi domenicali?
Un’amica, la settimana scorsa, mi ha detto che non c’è niente di male a essere normali, a volere una vita normale … Mi tocca darle ragione, ovviamente.
Tuttavia, c’è qualcosa che non mi quadra. Intanto, non riesco a dare un significato univoco alla normalità. Chi è normale? Chi non lo è? Cos’è la normalità?
Troppo spesso rinunciamo ai nostri sogni e ai nostri desideri per immergerci nella fatica di tirare avanti. Viviamo vite in apnea, oppressi dallo spread e dalla retta dell’università dei nostri figli. Lo facciamo perché, per quanto possa essere faticosa e banale, la vita vera è l’unica via. E’ quella di tutti. Lo facciamo perché, a un certo punto del percorso, smettiamo di sognare. Smettiamo di crederci. Non vogliamo più impegnarci né prendere rischi.
Qualche volta, però, colti da un’insonnia improvvisa (magari aiutati da un buon libro), ricordiamo. Il nostro primo grande amore, il nostro impegno artistico, le nostre lotte sociali sono ancora là in un caleidoscopio indistinto dove un tema si fonde con l’altro senza soluzione di continuità. Rammentiamo la fede con cui ci impegnavamo e come la nostra energia ci sembrasse inesauribile. Nulla era impossibile. Poi, implacabilmente, suona la sveglia e poco dopo sale il caffè. Torniamo a una realtà folle e priva di senso: il mondo dell’esistentivo, del concreto, del grande gioco nel quale siamo solo pedine. Avremmo potuto urlare e correre più forte ma, ora, non abbiamo più fiato. Quella sfera che avevamo dentro, ardente come un piccolo Sole, è un deserto di ghiaccio. Una prigione di massima sicurezza, senza crepe nelle mura spesse.
Avremmo dovuto provare con più impegno o, forse, avremmo solo dovuto continuare a provare. Invece, la resa ci è sembrata più dolce, più sicura. Così abbiamo gettato la spugna, prima che fosse finito il primo round anche se eravamo ancora integri.
Rimangono in pochi, gli irriducibili del sogno. Di solito, i loro destini sono tristi quando non sono tragici. Ma, per poco che sia, suscitano l’ammirazione e l’invidia di tutti noi che abbiamo mollato, che ce ne siamo fatti una ragione.
Il romanzo di Bonfanti è il racconto di una storia d’amore ma, è anche una formidabile guida sulla ricerca della felicità, sulla crescita e su quella straordinaria sana forza primordiale che è la nostra sfera emotiva. Quindi, non assomiglia per niente ad un Harmony!
Alice si legge senza che opponga resistenza. L’investimento è piccolo, la resa è importante.
L’autore dimostra una profonda conoscenza dell’anima dei due protagonisti, tanto da farmi sospettare che ci sia un elemento di autobiografia nella vicenda narrata. Anche dell’immaginario maschile e femminile, Bonfanti ha una consapevolezza rara e preziosa. Le parti di erotismo sono scritte bene: lontane dalla pornografia, quanto dalla banalità. A tratti commuovente ci lascia molti interrogativi su come facciamo le nostre scelte, sul perché le facciamo. Soprattutto, sul fatto incontrovertibile che, prima o poi, tutti siamo sconfitti e domati.

Siamo tutti piccoli e stupidi.

Paolo Pelizza

© 2015 Rock targato Italia

Leggi tutto...

Quello che luccica …

Quello che luccica …

Giuro che ci ho provato … Niente tv, neanche telegiornali. Niente giornali, né riviste. Niente radio. Computer spento.
Non ci sono riuscito neanche così. Quando pensavo che anche l’ultima eco della kermesse rivierasca si fosse spenta, ho riacceso tutto e sono stato investito dallo tsunami.
Possibile che il Festival di Sanremo duri mesi? Passi che il format polveroso è anche lunghissimo ma, che noi ce lo si debba sorbire fino alla prossima edizione, poi …
Capisco i preliminari, farsela durare per una settimana (che neanche Rocco!) e arrivare all’orgasmo plurimo simulato del sabato notte, capisco le polemiche di plastica, capisco la (finta) trasgressione del trans bravo e barbuto ma che siamo ancora qui a farne una disamina fotogramma per fotogramma?
Perché dobbiamo discutere di come cadeva l’abito ad Emma? Chissenenfrega se Conti porta lo smoking come un contadino trasportato direttamente dal Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo! Vogliamo discutere per mesi del pezzo pieno di cliché di Luca e Paolo sui matrimoni gay?
Propongo una petizione! Casalinghe di Voghera di tutte le terre, unitevi!
Manifestiamo contro questa ingiustizia! Vogliamo che il Festival duri tre serate (al massimo) e che poi non se ne parli più. Fino all’anno dopo, almeno. Non ci interessano più i pre e i dopo Festival. Non vogliamo più sapere degli abiti di ospiti, conduttori e madrine. Non ci interessa sapere niente, né prima né dopo. Fate un canale tematico per masochisti, se proprio volete.
Ci pensino le radio (sob!) a ritrasmettere i brani della manifestazione e chiuso! Noi abbiamo un sacco di problemi: le tasse, l’ISIS al citofono, la Grecia che non vuole più farsi sospendere la democrazia per via finanziaria, l’eiaculazione precoce, la prostata come un melone, nostra moglie è scappata con il marito della vicina e (dulcis in fundo) abbiamo perso il lavoro!
Quindi, ci offendiamo se pensiamo ai compensi di Conti e i suoi amici. Noi con quella cifra avremmo rimesso a posto anche il condominio (fatta esclusione per il marito della vicina, si paghi i suoi millesimi il fedifrago) e, invece, mentre languiamo in problemi che non sappiamo come risolvere, ci appare il suo faccione perennemente abbronzato e sorridente a dirci quanto tutto sia magnifico e strepitoso … Carlo! Lo sarebbe anche per me con metà dei tuoi soldi!!! Se presenti anche il prossimo, faccelo sapere che ti mandiamo le nostre coordinate bancarie. Anche quelle di Emma che ha preso solo un rimborso spese, questa volta!
Una vecchia canzone (ma sempre attuale) parlava di una signora che credeva che tutto quello che luccicasse fosse oro. Purtroppo … purtroppo è un riflesso solo un po’ troppo lungo di lustrini senza valore.

Paolo Pelizza

© 2015 Rock targato Italia

Leggi tutto...

IL VOLO DI ICARO.

Di cosa parliamo esattamente quando parliamo di amore? Abbiamo davvero una risposta? Esiste una, seppur vaga, possibilità di averla?

Birdman è l’ultima fatica del regista messicano Alejandro Gonzales Inarritu, nato il giorno di Ferragosto del 1963. Il film racconta la storia di Riggan Thompson, attore decaduto divenuto celebre per aver interpretato il personaggio di Birdman. 

Lontano dal personaggio super-eroico interpretato a Hollywood in una fortunata serie di Blockbuster, Riggan decide di mettere in scena a Broadway una piece teatrale di Raymond Carver: What we talk about when we talk about love. L’estremo tentativo dell’attore di conquistarsi una nuova fama da artista, lontano dalle dinamiche del cinema mainstream becero e dipendente dal botteghino.

Riggan perseguitato dal suo vecchio personaggio, afflitto da rapporti complicati con l’altro attore (Shiner-Edward Norton) e da relazioni difficili con tutte le persone che gli gravitano attorno cercherà di portare al successo il testo che ha rivisitato lui stesso.

Non facciamo spoiler della pellicola (anche se ci è piaciuto talmente tanto che ci verrebbe voglia di raccontarla e di parlarne per ore!) ma, vogliamo consegnarvi alcune impressioni e una riflessione.

Il lungometraggio è un’unica piano-sequenza, dentro la quale le coreografie degli attori e della macchina da presa sono perfettamente strumentali alla narrazione. Quindi, la scelta di Inarritu non è motivata da un generalizzato “famolo strano” o dalla volontà di infilarci il guizzo del presunto cineasta d’avanguardia, bensì una necessità drammaturgica. Tecnicamente difficili e geniali alcuni passaggi in ambienti pieni di specchi.

La vicenda si svolge su diversi piani di realtà o, se preferite, del surreale. Dimensioni in cui esistentivo ed esistenziale si confondono senza soluzione di continuità.

La colonna sonora è quasi esclusivamente composta da frasi di batteria. Anzi, quando meno te l’aspetti appare anche il batterista intento a picchiare su pelli e piatti.

Inarritu mette insieme un cast da Michael Keaton (che è il protagonista) a Norton, all’ultima comparsa di gente straordinaria e perfetta nel recitare e nel danzare nello spazio insieme alla macchina da presa. Nella parte affidata a Keaton ci si potrebbe leggere un sospetto meta-cinematografico: Batman/Keaton (nella saga inaugurata da Tim Burton che sembra non aver portato grande fortuna all’attore) e  Birdman/Thompson. Una porzione di auto-biografia, forse c’è anche e soprattutto nella volontà del regista. Il bravissimo Michael è candidato all’Oscar e ci mancherebbe che non lo fosse!

Birdman è il film che non ti aspetti da Inarritu. Birdman è il film che ti aspetti dal regista più talentuoso del pianeta, dal numero uno. Che poi, è sempre lui. Il suo Birdman è intenso, confuso, ricattatorio, bellissimo e leggero.

Leggero, appunto. Il regista chiede allo spettatore di fare lui una riflessione su molte cose dentro al film (a parte l’incombenza di scegliersi un finale tra quelli proposti): sulla fragilità, sulla modernità, sull’ego, sulla fama, sull’amore e sulla vita. Il suo passaggio è quello di una piuma su uno specchio nella descrizione della condizione umana.

Posso provare a raccontare le risposte che ho trovato personalmente.

A chi ci ama, non importa di quanto voliamo alto se poi siamo lontani. Chi ci ama ci vuole vicino, con i piedi per terra.

Cosa conta una fama vana e provvisoria? A chi importa se siamo arrivati così vicini al Sole? Non importa a nessuno se abbiamo milioni di visualizzazioni sui social media. Non importa a nessuno quanti leggano le “Visioni” . Se non ci siamo per gli altri, se non siamo capaci di concederci, non esistiamo.

La ricerca della gloria, del successo individualista è il volo di Icaro. Atterriamo finché siamo in tempo!

Perché l’unica cosa che conti nella vita per voi,  per me e per Raymon Carver è amare, essere stati ed essere amati.

 L’amore è indefinibile è vero ma, è l’unica certezza nella vita di tutti E’ questa la ricetta per la felicità.

 Nello specifico della storia che Inarritu ci confeziona mirabilmente c’è il fallimento della più importante condizione: quella degli affetti. E’ la superficialità nel concepire sé stessi come mondi separati dagli altri, più importanti degli altri. Pensare che il nostro posto debba essere sopra l’umanità che calpesta la Terra provoca un cortocircuito letale, poco importa se come colto istrione dell’arte teatrale o come uccello antropomorfo in costume ridicolo. Non abbiamo scampo se non viviamo i nostri sentimenti insieme agli altri ed i loro nei nostri confronti. Rischiamo di vivere un coitus interruptus senza piacere, senza trasporto e infecondo.

Siamo importanti solo se e quando amiamo. No, ho sbagliato: siamo solo se e quando amiamo.

Scusa te … Cosa stavamo dicendo esattamente?

Paolo Pelizza

© 2015 Rock targato Italia

 

 

 

Leggi tutto...

Le visioni di Paolo: L’EREDITA’ DEGLI DEI

L’EREDITA’ DEGLI DEI.

Nessun uomo è un'Isola,
intero in se stesso.
Ogni uomo è un pezzo del Continente,
una parte della Terra.
Se una Zolla viene portata via dall'onda del Mare,
la Terra ne è diminuita,
come se un Promontorio fosse stato al suo posto,
o una Magione amica o la tua stessa Casa.
Ogni morte d'uomo mi diminuisce,
perché io partecipo all'Umanità.
E così non mandare mai a chiedere per chi suona la Campana:
Essa suona per te.

John Donne

Nelle ultime settimane, abbiamo assistito ad un’offensiva mediatica su questioni relative alle principali religioni monoteiste ed alle differenze rituali ed etiche. La moda collaudata che segue sempre un’offensiva terroristica di secolarizzati sedicenti islamici. La gamma delle discussioni sui giornali e nei salotti televisivi andava dalla garbata ignoranza (in senso etimologico) al becero delirio integralista (e parlo di persone intrise a chiacchiere di carità cristiana …).
Mi rendo conto che tra due interlocutori che pensino entrambi di essere depositari della verità, sia difficile il dialogo. Se non impossibile. Per chi vi scrive esistono solo le verità e non la verità.
Tuttavia, dentro al quadro della Storia, è facile intuire il perché di alcuni precetti e dogmi dell’Islam come del Cristianesimo. Ad esempio, il divieto di consumare carne di maiale (nell’Islam e nell’Ebraismo) è un’esigenza sanitaria che acquisiva, in una società in cui le questioni relative al benessere erano di derivazione prettamente empirica, la funzione di evitare malattie potenzialmente letali. La carne di maiale deteriorava molto rapidamente facendo proliferare una schiera di batteri che aumentavano con la frollatura; frollatura spesso effettuata sotto la sella del cavallo o del cammello con quaranta gradi all’ombra e a contatto con il pelo dell’animale. Anche, solo per il semplice contatto ci si poteva ammalare. Stessa cosa per il consumo di bevande alcoliche. Chi si sbronza al bar in Egitto a Sharm-el-Sheick e poi esce, senza il conforto dell’aria condizionata, sa di cosa parlo.
Il quadro della Storia, appunto. Sembra che sia l’ambito meno interessante per chiunque e non soltanto per i volgari tagliagole dell’ISIS. Sembra che ci sia un rigurgito di Medioevo anche nel nostro “libero Occidente”. Stiamo tornando ad essere come i Crociati che uccidevano e saccheggiavano all’urlo: Dio lo vuole!
Ho sentito applausi per chi, di fronte alla barbara uccisione di un proprio cittadino, abbia attuato un’ulteriormente barbara rappresaglia. Scusatemi ma, se una cosa è sbagliata e ne rimaniamo vittima, diventa giusta se rispondiamo nello stesso modo? O stiamo negando i nostri princìpi?
Ho scritto di come viene tradotto il termine “progresso” nel mondo dell’oggi. Più vado avanti e più mi convinco di essere dalla parte della ragione: stiamo diventando integralisti con lo smartphone. Tutti. Siamo circondati da talebani di tutte le risme e convinzioni: anche, atei e agnostici, purtroppo. Persone che pensano che giustizia sia sinonimo di vendetta, che la vita e i modi di vivere degli altri contino meno dei loro, che rispettano solo quelli del proprio clan. C’era una tribù nell’Africa centrale di cannibali che si rivolgevano a loro stessi come agli “uomini” ed agli altri come al “cibo”. Stiamo diventando così anche noi?
Sì, inappellabilmente. E se esiste un’eredità che la Storia e lo studio delle religioni ci hanno lasciato è che non ci sono Dei vendicativi e crudeli, solo destini avversi. Non c’è nessun Dio o Demonio che possa gestire la nostra vita. Non esiste nessun Dio che lo vuole. Esistono solo uomini piccoli e sadici, affamati di sangue e potere. Esistono solo uomini deboli e ignoranti che li seguono.
Per quanto mi riguarda, ho apprezzato e apprezzo molto il soprannaturale. L’eredità che mi ha lasciato il diavolo, ad esempio, quando fa un patto con Robert Johnson o quando ispira Iron Maiden e Ac Dc. Gli Dei pagani del Nord Europa quando esplodono nel misticismo dei pezzi di Robert Plant e sulle corde della Gibson di Page.
E’ un gioco naturalmente. Anche se dobbiamo ammettere che, tornando di moda, molte religioni neo-pagane possono ancora insegnarci qualcosa in termini di rispetto e di vita armonica con la natura.
La cosa seria è che siamo già su posizioni uguali e contrarie di assassini di massa e ne siamo orgogliosi. Per favore, prendiamo coscienza del fatto che Dio è morto ma, noi siamo ancora qui.

Paolo Pelizza

© 2015 Rock targato Italia

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?