Menu

Pillole libere dal fondo dell’abisso.

Pillole  libere dal fondo dell’abisso.

Pillole  libere dal fondo dell’abisso.

Difficili. Così definirei le ultime settimane … Ho ragioni personali e ragioni collettive per affermarlo con certezza. Per così dire, molte cose strane e alcune molto tristi ci hanno coinvolto, fatto soffrire e indignati.

La parabola terrena di Chris Cornell è finita per sua stessa volontà. E’ nella nostra natura: scegliere. Per quanto ci faccia sentire addolorati ed estranei, la morte. Per quanto noi si possa comprendere la sofferenza, la sensibilità estrema di coloro che sono (spesso) meno materialisti di noi… Per quanto noi ci si sforzi di applicare alla realtà una rete interpretativa che abbia maglie più larghe, pensieri con dinamiche più flessibili, noi abbiamo il dovere di rispettare anche chi compie gesti estremi. Una delle più belle voci di sempre, aveva 52 anni e un’enorme talento. Talento che, naturalmente, è mancato anche questa volta a chi ha scritto della sua scomparsa sulla stampa italiana, nell’ennesimo orribile modalità con cui si discute dei tatuaggi o delle foto osé della starlet di turno. Altro che Rob Zombie … Io sono terrorizzato tutte le volte che apro un giornale del nostro Paese, soprattutto se pretende di parlare di musica o musicisti.

Sto andando un po’ a caso … so che mi perdonerete. Quindi, salto di palo in frasca e vado alla dichiarazione di un noto e ricco atleta. Lui, in TV, ci ricorda che per essere i numeri Uno, si deve avere la testa libera! Ha ragione, penso io: evitare distrazioni, restare concentrati e stare sul pezzo. E, invece, no!!!! Sta facendo la pubblicità di uno shampoo anti forfora… Certo che cadere così in basso …

Non c’è di peggio, mi direte. Invece, sì. Lo spazzettone per la pulizia del pavimento è (cito testualmente) “la rockstar del pulito” … Perché il pulito è rock? Scusate … non era quella musica sporca, asimmetrica, diabolica, osteggiata dalle mamme, dedicata al culto demoniaco, composta e suonata da tossici sciroccati??? E’ evidente che chi scrive oggi la pubblicità dovrebbe andare a farsi vedere da uno bravo. Bravo, davvero.

Altra pillola amara. E’ scomparso un ragazzo straordinario. Buono e ingenuo come solo un americano della provincia può essere. Nicky è (sì al presente!) un grande uomo e un grande campione. In Italia, i giornalisti non gli hanno mai perdonato di aver vinto un mondiale contro Rossi ma, la stampa italiana è la stampa italiana e non cambia la sua qualità se si cambia argomento. Il suo sorriso solare e la sua generosità fino all’ultimo resteranno sempre con noi e speriamo che ci siano di esempio per diventare persone migliori.

In nome di Allah il misericordioso, l’ISIS ha colpito i crociati ancora una volta. Peccato che non erano crociati ma, bambini. Non credo che esista una divinità così gretta e vigliacca da potere tollerare un atto del genere solo uomini piccoli, incattiviti dalle vite nei ghetti e instupiditi dalla sete di violenza. Poi, qui da noi, mentre a Manchester si piangeva, politici e opinionisti hanno fatto a chi la sparava più grossa. Io non me ne intendo, come più volte ho detto, so solo che la Gran Bretagna è una nazione meravigliosa: culla di diritti, di democrazia e di grande musica. I britannici sono un popolo onesto e fiero a cui il resto dell’Europa e del mondo deve molto (provate a immaginare cosa sarebbe successo se si fossero arresi ai nazisti). Sono certo che non si faranno piegare, né derogheranno rispetto ai loro valori, cedendo alla paura. Se poi, tutti smettessimo con una mano di combattere il Califfato e con l’altra  implorare di fare affari con noi chi lo ha ispirato e finanziato, l’ISIS non sarebbe mai esistito.

Tra l’altro, stiamo facendo le prove generali per un conflitto termonucleare. I due uomini peggio pettinati del pianeta stanno facendo a chi ce l’ha più a lunga gittata. Purtroppo, come l’atleta dello spot di prima  ci ricordava, per scatenare la Terza Guerra Mondiale ci vuole una bella testa. Forse, l’intervento di un hair stylist di grido potrebbe scongiurare il pericolo … Il segretario generale dell’ONU è avvisato: meno negoziatori, più parrucchieri!

L’ultima pillola è per un amico che mi legge. So che è difficile, so che sono più le difficoltà delle gioie. Ho vissuto abbastanza per sapere quello che so dell’amore, dell’amicizie e della vita. La nostra natura è quella di dover scegliere in mezzo al caos dei nostri destini. Tuttavia, spero che tu voglia fare la mia stessa scelta e decida di vedere come finisce questo film. Scusatemi per l’uso privatistico.

Un’avvertenza: forse per un po’, non riuscirò a scrivere con la frequenza di prima. Voglio dirvi, anzi no … voglio promettervi che continuerò e mi troverete sempre qui se avrete voglia e io spero che ce l’abbiate.

Vi auguro il meglio.

Paolo Pelizza

© 2017 Rock targato Italia

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?