Menu
Francesco Caprini

Francesco Caprini

Studio Marconi '65 presenta Arnaldo Pomodoro: Grafiche

Studio Marconi '65

presenta

Arnaldo Pomodoro
Grafiche

 

OPENING

Giovedì, 17 ottobre 2019

dalle 18.00 alle 21.00

dal 18 ottobre al 21 dicembre 2019

ingresso libero dal martedì al sabato dalle 15.00 alle 19.00


Studio Marconi ’65 ha il piacere di presentare una selezione di grafiche e multipli di Arnaldo Pomodoro eseguiti tra il 1967 e il 1970. In questi anni l’artista matura la propria indagine sulle forme e simboli primitivi e semplici come la sfera, il cubo, la colonna, la ruota diventano i temi del suo lavoro.

Nel 1964, un anno dopo la nascita della sua prima sfera, Pomodoro rende una sintesi perfetta della sua operazione inventiva in un’intervista a Mila Pistoi: “Ecco ciò che mi muove a fare le sfere: rompere queste forme perfette e magiche per scoprirne (cercarne, trovarne) le fermentazioni interne, misteriose e viventi, mostruose e pure; così provoco col lucido levigato un contrasto, una tensione discordante, una completezza fatta di incompletezze. Nello stesso atto, mi libero di una forma assoluta. La distruggo. Ma insieme la moltiplico.”

Una variante di questo processo di moltiplicazione sono i Rotanti che l’artista presenterà qualche anno dopo, nel 1968, allo Studio Marconi e successivamente alla Marlborough Gallery di Londra. Una ventina di sfere, di varie dimensioni, realizzate in lucido metallo riflettente, vengono poste su una pedana leggermente inclinata per dare al visitatore il senso di un ipotetico movimento. Qui le corrosioni hanno l’aspetto di spaccature geometriche, perforazioni nette e definite, più simili a quelle prodotte da una macchina che al risultato di un’erosione naturale. In una lettera al Maestro del 1970, lo storico dell’arte Tom Freudenheim individua la differenza tra “sfere” e “rotanti”: le une poggiano su una base, sono smangiate e dunque incapaci di rotolare; le altre invece “possono” essere viste da ogni angolo e “possono” rotolare; nelle une l’energia sprizza dall’interno e nell’interno; nelle altre si aggiunge l’energia del proprio movimento (o del potenziale movimento). Elemento comune a entrambe è la presenza di “contrasto e polarità”, “positivo-negativo”, “pieni e vuoti”. Dai Rotanti deriveranno poi anche le Onde e una serie di lavori intitolati Forma X.

È precisamente a questa fase del lungo e prolifico percorso artistico di Arnaldo Pomodoro che appartengono le grafiche esposte allo Studio Marconi ’65. L’artista non sembra preoccuparsi della sfida posta dalla superficie piatta e bidimensionale del foglio di carta. E se nel realizzare queste opere si confronta con il problema di come riuscire a conservare l’aspetto scultoreo delle sue immagini, in realtà, basta guardarle per scoprire che è in queste grafiche che si svela la genesi del primo Rotante immaginato durante il soggiorno americano a Stanford: traforato “in modo netto e ben definito, tracciando un segno a forma di X, senza slabbrature”. Oltre che nella scultura Arnaldo Pomodoro ha sviluppato la sua ricerca artistica in altri ambiti: gioielli, architettura, scenografia. Ha realizzato anche opere grafiche che mostrano un diverso linguaggio espressivo e sono, come scrisse Sandro Parmiggiani nella sua intervista del 2006 al Maestro, “un’officina, un grande, fervido laboratorio”.

 

INFO:

Studio Marconi '65

Via Tadino 17 - 20124 Milano

T. +39 02 2951 1297

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  1. studiomarconi.info

 

BLOG rocktargatoitalia.it

Palermo, mostra collettiva di pittura: Salvo D’Acquisto

Il 15 ottobre 2019 in occasione dell’anniversario della nascita di Salvo D’Acquisto, alle ore 19.00,

presso la Galleria d’Arte Studio 71 di Palermo Via Fuxa n. 9,

verrà presentata la mostra collettiva di pittura:

Salvo D’Acquisto

(amò il suo prossimo più di se stesso)

Si tratta del “racconto” del giorno della fucilazione del Vice-brigadiere Salvo D’Acquisto avvenuto a Palidoro. Il Vice-brigadiere D’Acquisto si accusa di un reato mai commesso per salvare la vita di 22 italiani che erano stati rastrellati dalla milizia nazista per essere giustiziati in quanto accusati di avere causato attraverso lo scoppio di un ordigno la morte di due soldati tedeschi.

Il linguaggio pittorico consente ad ogni singolo artista di evocare la profonda intimità dei sentimenti di questo giovane Carabiniere immolatosi alla brutale arroganza della milizia nazista.

La mostra, composta da 12 tavole tutte di cm 60 x 80 e di una scultura, prende spunto dalla passione di D’Acquisto per l’Arma dei CC interpretata da Turi Sottile per proseguire poi con le prime fasi della sua vita  interpretate da Antonella Affronti ed Enrico Meo e culminate nel triste giorno della sua morte realizzate da Tiziana Viola-Massa, Massimo Piazza, Vanni Quadrio, Aurelio Caruso, Alessandro Monti, Sebastiano Caracozzo, Alessandro Bronzini e Pina D’Agostino. Caterina Rao ha realizzato il ritratto e Ninni Iannazzo un bassorilievo.

Le opere, sia pure nella libertà stilistica dei singoli autori, trovano connotazione per la loro drammaticità ma soprattutto trasbordano di quella commozione che palesemente si avverte guardandole.

Come scrive Cosimo Scordato: "L'arte trova la propria perfezione all'interno e non all'esterno di se stessa.”

Catalogo edito da Studio 71 con testi di; Aldo Gerbino, Tommaso Romano, Cosimo Scordato. Vinny Scorsone e Ciro Spataro. La mostra resterà aperta fino al 30/11/2019 ed è visitabile dalle ore 16.30 alle ore 19,30 festivi esclusi.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 091 6372862

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 333 2737182

 

BLOG  rocktargatoitalia.it 

La voce è il tuo strumento più prezioso!

La voce è il tuo strumento più prezioso!



la tua voce è una risorsa incredibile! La voce ha il potere di influenzare immensamente l’impatto che ha il tua discorso e può contribuire a rendere la tua comunicazione un successo… o un fallimento.
Pensa un attimo a quanto possano incidere sull’efficacia di un messaggio il tono, il timbro, il ritmo e il volume.

Sei sicuro di conoscere la tua voce?
Insieme a due docenti d'eccezione, Dominique Evoli e Elda Olivieri, imparerai a migliorare l’uso della tua voce e poter così aumentare le tue competenze personali e lavorative!

Se senti che ci sei quasi, che vuoi vedere la tua voce crescere, che vuoi andare oltre, che vuoi acquisire le competenze che senti che ti stanno mancando…. Ecco i corsi che fanno per te!

DIZIONE
Parlare è il primo modo per comunicare. Ecco perché sapersi esprimere correttamente con chiarezza e senza alcuna inflessione dialettale è utile non sono nella vita lavorativa, ma anche in quella quotidiana.
Seguendo questo corso scoprirai di avere una nuova voce, e poter utilizzare il palato, le labbra, per allenarti e imparare a fare suoni diversi e pronunciare le parole in modo diverso.

VOCE, DOPPIAGGIO, E SPEAKERAGGIO
Elda Olivieri, attrice e doppiatrice, nota per essere stata la voce ufficiale di Lara Croft, sarà la tua voice coaching di pubblicità, speech giornalistico, videogiochi e doppiaggio, il tutto all'interno di una sala di registrazione professionale. Perchè la tua voce può diventare il tuo strumento di lavoro!

Ti aspettiamo!

TEATRI POSSIBILI
via Savona 10 20144 Milano
(+39) 02 83 23 182
https://www.teatripossibili.it

 

blog rocktargatoitalia.it

IL TRIO BOBO “Sensurround”

 CD / DIGITALE - Street date 18 ottobre 2019

IL TRIO BOBO

"Sensurround" è il nome di un sistema sonoro per il cinema brevettato negli anni 70 dalla Universal, il cui effetto era quello di "circondare" gli spettatori con le basse frequenze, rendendo la visione del film molto più intensa e reale. “Sensurround” è il titolo del terzo album del Trio Bobo, in uscita a ottobre 2019, dopo “Trio Bobo” (2005) e “Pepper Games" (2016): un lavoro che punta a mettere definitivamente a fuoco lo stile peculiare e i concetti che dal 2002 Faso, Christian Meyer e Alessio Menconi cercano di portare avanti ovvero “musica  ben composta e registrata live da uomini in carne ed ossa come si faceva negli anni “70”.

Se il Trio Bobo è la somma di tre anime il cui risultato è, come si suol dire, maggiore del valore delle singole parti, "Sensurround" vuole essere l’album che riassume tutte le influenze musicali che formano il DNA del Trio: jazz, rock, blues, progressive, funk e anche un po’ di discomusic, il tutto condito con spezie estratte da ritmi africani.

I tre musicisti danno vita a un’esperienza sonora intensa, coinvolgente e divertente, dal vivo come in studio: la differenza tra le due situazioni, nel loro caso, è labile e consta soprattutto dei siparietti esilaranti che caratterizzano le performance sul palco (del resto la loro musica “sorride" anche nella sua versione registrata).
Il Trio Bobo è colore, varietà e amore totale per la musica: gli strumenti dialogano, giocano e creano un ibrido caldo e vitale. Sensurround è un album pieno di composizioni diverse e amore totale per la musica: gli strumenti dialogano, giocano e creano un ibrido caldo e vitale, sorretto da una tecnica eccellente e mai ostentata.

In alcuni brani sono presenti ospiti d’eccezione: Stefano Bollani, la straordinaria cantante/flautista indiana Varijashree Venugopal, i percussionisti Alex Pacho Rossi e Matteo Scarpettini che danno ancora più sapore alla ricetta del Trio. Una ricetta che nasce europea, ma che da sempre guarda verso l’Africa e l’Asia, ovvero la culla dell’umanità e la terra in cui nasce il sole.

Il limpido ed avvolgente suono è stato registrato con i migliori sound engineer italiani: Foffo Bianchi (da anni guida spirituale del Trio), Andrea “Pelle” Pellegrini, Gianluca Guidetti, Tommaso Bianchi.  

https://www.instagram.com/trio_bobo/

https://www.facebook.com/triobobo/

 

blog rocktargatoitalia.it

Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?