Menu

THE ELEPHANTS CEMETERY JAZZ BAND, Perfidie di Stefano Torossi

IL CAVALIER SERPENTE

Perfidie di Stefano Torossi
9 marzo 2015

THE ELEPHANTS CEMETERY JAZZ BAND


In realtà il nome vero della formazione che il 26 febbraio ha suonato alla Sala Casella della Filarmonica Romana è “New Roman Jazz Orchestra”. Ma noi ci siamo permessi la leggera modifi-ca che vedete in alto, e qui di seguito si capisce il perché.
La serata del secolo (anzi, dei secoli) era organizzata da Adriano Mazzoletti e Mario Cantini.
Ecco la formazione, in ordine di età:
I Seniores: Ivan Vandor, sax: anni 83; Mario Cantini, pianoforte: anni 82; Gianni Sanjust, clarinetto: anni 81.
Gli Juniores: Guido Pistocchi, tromba: anni 78; Giorgio Rosciglione, contrabbasso: anni 76. Di Michele Pavese, trombone e di Lucio Turco, batteria, non abbiamo i dati anagrafici, ma siamo assolutamente certi che non sono minorenni.
Pubblico di fascia alta (di età, naturalmente).
Nella foto vediamo i fiati in pausa (l’altra metà sta lavorando, ve lo garantiamo). Certo, un ri-posino ogni tanto…A parte gli scherzi, la band ha suonato appassionatamente, con qualche scivolata nella tenuta dell’insieme, soprattutto nel finale dei Marching Saints, che chiudeva anche il concerto. Questo succede a un gruppo che, pur composto di eccellenti solisti, non prova abbastanza. Avranno di meglio da fare.
Ma, come diceva (ci pare) Rubinstein, suonare la nota sbagliata è poco importante, mentre suonare senza passione è imperdonabile. La passione c’era. Quindi, tutto bene; ci siamo molto di-vertiti, anche nella cena dopo concerto, nella quale si è abbondantemente scherzato su malattie, coccoloni e, inevitabilmente, imminenti funerali.


Richiami
Venerdì 6 marzo. Sole scintillante e vento gelido a cento chilometri l’ora. Impavidi ci siamo spinti di buon passo fino al Museo Canonica di Villa Borghese per l’inaugurazione della mostra “Richiami” (il significato del titolo ci sfugge), opere degli allievi dell’Accademia di Belle Arti. Lavori decisamente brutti presentati da studentesse invece graziosissime.
Con questo chiudiamo l’argomento.
Ma lo riapriamo subito per parlare della Fortezzuola, così è chiamato il casale, probabilmente del ‘600, poi rifatto secondo la moda dell’800 nelle forme di un finto castello medievale. All’epoca era conosciuto come il Gallinaro e serviva per l’allevamento di struzzi e pavoni destinati alle partite di caccia dei principi Borghese.
Finché lo scultore Pietro Canonica, verso il 1930, chiese e ottenne di andarci a vivere donando in cambio, alla sua morte, le proprie opere allo stato perché in quella casa ci facesse un museo. Non si sa chi dei due abbia fatto l’affare, probabilmente lo scultore perché il posto è davvero speciale. Una villa in mezzo ai prati, con un giardino di agrumi circondato da un muro merlato: insomma proprio un piccolo castello in città.
Il museo permanente conserva i suoi marmi, bronzi e gessi, in uno stile retorico ma anche patetico e intimista. Molti, quelli retorici naturalmente, realizzati su commissione degli Zar di Russia; altri, per commemorazioni in giro per il mondo: Queen Victoria a Buckingham Palace, Ataturk in Turchia, Simon Bolivar in Colombia, perfino Don Bosco in Vaticano.
Insomma, un insieme di cose davvero non memorabili, anche se ricche di una notevole abilità tecnica, e di sicuro aderenti al gusto dell’epoca. Comunque, decisamente gradevole la mattinata, bello il posto (e le studentesse) e gli alberi del giardino pieni di splendide arance mature.


Irresistibile
BRAHMS E SCHUMANN PAPPANO CARBONARE.
Abbiamo trovato e poi sintetizzato questo miracoloso titolo a pag. 8 del programma di marzo del Parco della Musica di Roma. Quando il destino ti offre un simile bocconcino su un vassoio d’argento, sarebbe un vero sacrilegio rifiutarlo.
Calma, sappiamo anche noi che non si tratta di un invito a unirsi ai due famosi musicisti per una degustazione di piatti tipici romaneschi, bensì dell’annuncio di un concerto, il venti marzo alla Sala Si-nopoli.
Musiche di Brahms e Schumann, orchestra diretta da Antonio Pappàno (ricordarsi di spostare l’accento) con la partecipazione del noto clarinettista Alessandro Carbonare.
Troppo facile? Forse. Comunque ci autoassolviamo perché siamo sicuri che nessun altro al mondo avrebbe resistito alla tentazione.


------------------------------------------


L’archivio del Cavalier Serpente, o meglio la covata di tutte le sue uova avvelenate, sta al caldo nel suo blog. Per andare a visitarlo basta un click su questo link: http://blog.libero.it/torossi

 

 

 

“New Roman Jazz Orchestra

Leggi tutto...

ANTIPATICI E SIMPATICI

Perfidie di Stefano Torossi 

2 marzo 2015

ANTIPATICI E SIMPATICI

Tutta colpa di Berio
E’ stato piuttosto buffo, mercoledì 18 alla Dante Alighieri, seguire le variazioni di tono dei relatori: all’inizio di rispettosa circospezione, poi (pur esprimendo stima per l’artista) un po’ più esplicito, e alla fine francamente critico. Insomma, come musicista sarà stato grande, ma come Sovrintendente dell’Accademia di Santa Cecilia, ha proprio toppato. Stiamo parlando di Luciano Berio, il quale risulta reo confesso del fatto che la “Santa Cecilia” del Parco della Musica, con i suoi 2.800 posti, sia l’unica grande sala del mondo senza un organo da concerto.
L’occasione di questa condanna è stata il convegno “Un organo per Roma” organizzato da Giorgio Carnini. Il maestro Carnini, battagliero organista, lavora da tempo perché anche Roma abbia un vero grande organo laico. Ce ne sono, organi, nelle tante chiese della città, ma in disuso, perché, a quanto pare, al dignitoso, austero, mistico organo i parroci preferiscono le suorine con le chitarrine (integrandole nelle occasioni importanti con formazioni di chierichetti con i bonghetti).
Insomma, il grande organo monumentale a Roma manca, come abbiamo visto, proprio dove dovrebbe esserci. E’ successo nel 2002, quando era tutto pronto: Renzo Piano nel suo progetto aveva previsto lo spazio, critici e musici erano in trepida attesa, e pare che ci fossero perfino i contanti. Berio, fresco di nomina, mise il veto, anzi, un arrogante veto (parola di Paolo Isotta). Perché? Nessuno lo sa. Fra le feroci critiche dell’epoca, e forse in loro risposta, spunta una lettera che lui scrisse a Italia Nostra. Sembra la giustificazione di un alunno di prima media.
“Cara Italia Nostra, sì, avrei dovuto spiegare meglio le ragioni che mi hanno portato a sospendere il progetto organo…bla bla…decisione assai sofferta…bla bla…la tragica indifferenza del Vaticano alla musica in genere e all’esecuzione del grande repertorio organistico nelle chiese (vuol dire che era proprio il momento giusto per realizzare un organo laico – nota del Cav. Serp.)…bla bla…l’Accademia sarebbe felice di contribuire alla diffusione del grande repertorio organistico in condizioni più intime di quelle offerte da una spettacolare sala di 2.800 posti concepita per altri usi (in poche parole, secondo Berio la sala è troppo bella e grande per l’organo – altra nota del Cav. Serp.)…bla bla…”. Per chi non lo sapesse l’imputato era l’ultimo di una stirpe di organisti.
Naturalmente affrontare il problema adesso, anche lavorando in agosto quando il Parco della Musica è chiuso, o di notte, è non solo molto più costoso ma anche burocraticamente complicato.
Philip Kleis, rappresentante di un’antica ditta di organari, che era presente, ci ha mostrato una serie di progetti uno più fantastico dell’altro. Funzionali e anche decorativamente bellissimi.
In chiusura abbiamo saputo, con un certo brivido, che un organo nuovo costa sui tre milioni…
A questo punto, visto che era il momento di sdrammatizzare, Carnini, confessando la sua apparte-nenza alla tifoseria giallorossa, ha invitato Totti perché, dopo l’inaugurazione del nuovo stadio della Roma, passi dalle parti dell’Auditorium per dare la sua benedizione anche al nuovo organo.



Ciao Gianni
Venerdì 20 al Teatro Studio, una serata di amici per ricordare Gianni Borgna, morto un anno fa. Elenco foltissimo di invitati. La serata, bisogna dirlo, si è trascinata; un po’ per la mosciaggine del presentatore Barlozzetti, un po’ per la discutibile idea di affidare ad attori, anche se bravi, lunghe, troppo lunghe letture di poesie e pagine di libri, alcuni dei quali decisamente sul funereo. Basti dire che per ultimo è stato scelto un brano del “Pasticciaccio”. Già Gadda in generale è pesante, immaginarsi la dettagliata ricognizione, a inizio romanzo, del commissario Ingravallo sul cadavere della vittima.
Ci sfugge proprio ogni possibile nesso con Borgna e il suo sorriso.
Per fortuna ci ha consolato qualche buon intervento musicale; soprattutto la voce di Miranda Martino, che, anche se ha un’età veneranda che non vi sveliamo, mantiene tutta l’intonazione, il calore, il colore e soprattutto la potenza di una volta.
Ma la curiosità di tutti, fortemente venata di malignità, era di vedere con che faccia si sarebbe presentato il Presidente della SIAE, Gino Paoli, atteso come ospite d’onore per cantare in duo con Danilo Rea. C’era chi sosteneva che mostrandosi avrebbe testimoniato la propria estraneità ai fatti che sappiamo. E chi invece che non farsi vivo era un segno di estrema cautela, se non di vera e propria co-da di paglia.
In ogni caso il Maestro non si è fatto né vivo né morto, e Rea ha suonato, peraltro benissimo come il suo solito, ma da solo. Crediamo che nei prossimi giorni ne vedremo delle belle. O delle brutte.


Un fenomeno
Classe 1938. Una voce più precisa di un bisturi. Interpretazione e ironia che sfidano il mezzo secolo, e oltre. Un repertorio di canzoni che avevano già in partenza tutte le doti per diventare quei successi che sappiamo: temi orecchiabili, astuti riferimenti a stagioni e piccoli fatti personali che non perdono mai di attualità. Infatti a ogni estate torna “Abbronzatissima”, a ogni inverno “Sul cocuzzolo”, e dovunque ci sia una festa, “I Watussi”.
Lunedì 23 eravamo al suo concerto al Teatro Roma. Sul palco, anche la ex moglie, ex compagna di successi, ora ritornata a cantare con lui: Wilma Goich, più un bel gruppo di solisti. Due ore intense che ci hanno lasciato senza fiato e pieni di ammirazione.
Il nome? Scommettiamo che non serve.


------------------------------


L’archivio del Cavalier Serpente, o meglio la covata di tutte le sue uova avvelenate, sta al caldo nel suo blog. Per andare a visitarlo basta un click su questo link: http://blog.libero.it/torossi

Leggi tutto...

Perfidie di Stefano Torossi: QUELL’ANIMA NERA DI VINILE

IL CAVALIER SERPENTE

23 febbraio 2015


Per colpa di Sanremo siamo rimasti indietro. Dobbiamo recuperare.
Quell’anima nera di vinile
8 febbraio, Music Day, mostra mercato del vinile. Lo abbiamo già scritto: il collezionismo, in generale, è un fenomeno per noi incomprensibile. Va bene raccogliere futuristi italiani o ceramiche etrusche (avendo i soldi) perché, se non si è tanto paranoici da chiudere tutto nel caveau di una banca, significa mettersi in casa un sacco di belle cose da guardare. Ma i vecchi LP!? Il disco è un supporto tecnologico che quando non è più nuovo funziona male, fruscii, scrocchi e salti di solco che rendono il suo contenuto inascoltabile. Allora si collezionano le copertine? Certo, le copertine dei vecchi LP, quelle sì, erano opere d’arte. A due, anche tre facce. Quell’anima nera di vinile che gli dorme dentro forse non è altro che una scusa.
Certo è un po’ una raccolta fantasma: il materiale sta piazzato su uno scaffale, di costa, e lo si tira giù di rado, per un minuto, per riguardarselo, per mostrarlo a qualche amico fidato o a qualche rivale da ingelosire. Per non rovinarlo, probabilmente il collezionista neanche osa ascoltare il suo amato, raro vinile. E poi non ne avrebbe il tempo. Abbiamo calcolato che per suonare venticinquemila LP, che è il folle traguardo raggiunto da alcuni nostri amici maniaci, servono dodicimilacinquecento ore, ovvero cinquecentoventi giorni, quasi due anni senza fermarsi mai.
Gli basta sapere di averlo, l’amato vinile. Lì, al sicuro dentro la sua bella copertina.
Detto ciò, partecipare a questo evento che Francesco Pozone organizza due volte l’anno è un divertimento. Si rivedono amici e colleghi e si è informati delle novità di un mondo che, anche se vive nel passato, è gestito da giovani. E ci si stupisce delle incredibili valutazioni di alcune edizioni che a suo tempo noi abbiamo avuto fra le mani, e poi abbiamo regalato o addirittura buttato. (Meglio che non si sappia in giro: una notizia del genere potrebbe provocare un coccolone a qualcuno. D’altra parte se non ci fosse gente come noi, le rarità non sarebbero rarità, ma oggetti comuni).
Giovanni Tommaso e Bruno Biriaco hanno presentato il nuovo cofanetto del mitico Perigeo. Tommaso, che come sappiamo è il nostro migliore contrabbassista, è anche quello dei jazzisti italiani che ha più la faccia da americano, un po’ maledetto. Una di quelle facce che starebbero bene in una foto anni cinquanta/sessanta, vicino a Dizzy, o a Charlie, in qualche Jazz Club semibuio.
Poi abbiamo festeggiato tutti insieme l’ottantesimo compleanno di Edda Dell’Orso. Timida e umile come persona, stratosferica come apparato vocale, è lei che ha dato un’impronta inconfondibile a centinaia di colonne sonore; più famosa di tutte: “Giù la testa”.
C’erano anche Claudio Simonetti, Fabio Frizzi e Stelvio Cipriani, quest’ultimo noto fra gli amici per la sua narcisistica incontinenza verbale. In pochi secondi ci ha raccontato che negli ultimi tempi ha composto la musica su parole del Vangelo (Cipriani – Gesù di Nazaret), di Michelangelo (Cipriani – Buonarroti) e di Giovanni Paolo II (Cipriani – Wojtila).

Lya de Barberiis
Torniamo all’attualità. Martedì 17, ore 16.30. Le giornate si sono allungate un bel po’, e ancora non c’è un accenno di buio. Anche se siamo a metà febbraio, ci sono diciotto gradi e l’aria è cristallina e balsamica. Nel centro di Roma da qualunque finestra ti affacci inquadri un capolavoro. Vicinissima la cupola di S. Maria di Loreto, un po’ più in là, la Colonna Traiana e la Loggia dei Cavalieri di Rodi; sullo sfondo i Colli Albani, una ventina di chilometri e li puoi quasi toccare. Da un altro angolo, ma sempre con la Colonna sullo sfondo, questo tipaccio ci guata.
Siamo arrampicati al quinto piano del Palazzo delle Assicurazioni a Piazza Venezia. Qui l’Associazione Civita organizza oggi un incontro per presentare un libro sulla pianista Lya de Bar-beriis.
Si apre con un filmato d’epoca. Il nostro occhio pignolo è colpito da una trasandatezza frequente in queste manifestazioni: dopo, e anche prima del film, incombe dietro il tavolo dei relatori la inutile proiezione del salvaschermo del computer, in questo caso la classica collina verde sotto il cielo blu con nuvolette. E’ brutto, e non è neanche difficile spegnerlo. Un click. Basta ricordarselo.
Apre l’incontro la forbita, perfetta introduzione di Gianni Letta, del quale siamo convinti che condivida con Padre Pio un dono soprannaturale: la bilocazione. E’ dappertutto nello stesso istante e con la stessa inappuntabile eleganza e garbo. Naturalmente a un certo punto svanisce (questa volta, ci racconta, per raggiungere il Papa e il Presidente della Repubblica in Vaticano).
Fra un ricordo e l’altro dell’illustre scomparsa trova posto il doloroso sfogo del musicologo Agostino Ziino, al quale ci associamo in pieno, che denuncia lo scandalo dell’archivio musicale Rai. Di che si tratta è presto detto: la maggior parte delle registrazioni delle orchestre che agivano nelle sedi Rai e fuori (ora abolite, altro scandalo nello scandalo) sono state semplicemente buttate. La giustificazione di questo sacrilegio? Non c’era abbastanza posto sugli scaffali. Non siamo al livello dei nazisti (e adesso dell’ISIS) e dei loro roghi di libri, ma poco ci manca. Risultato, la drammatica rarefazione del repertorio italiano del ‘900: Malipiero, Casella, Petrassi…
Malgrado tutte le nostre cupole, le colonne e i fori, rimaniamo un Belpaese da terzo mondo.
Dopo un non indimenticabile concertino, a chiudere l’incontro ci pensa il cielo di Roma.
Le nuvole tiepolesche cominciano a diventare viola, l’azzurro si incupisce, le terrazze si accendono e i gabbiani si abbandonano alle loro volgari sghignazzate.
Il gabbiano reale, quello grande, che è arrivato negli anni ’70 dal nord Europa e si è piazzato, trovandosi benissimo, anche da noi, si chiama “Larus Cachinnans”. Il cachinno, come molti sanno è lo sghignazzo. Ed è proprio quello che il larus fa: sghignazza. C’è chi si chiede cosa avrà da sghi-gnazzare, dato che si accoppia solo una volta all’anno e mangia rifiuti. Ma tant’è. Evidentemente a lui va bene, e sghignazza. Noi intanto scendiamo a livello strada, e ce ne torniamo a casa.

------------------------------------------
L’archivio del Cavalier Serpente, o meglio la covata di tutte le sue uova avvelenate, sta al caldo nel suo blog. Per andare a visitarlo basta un click su questo link: http://blog.libero.it/torossi

Leggi tutto...

SANREMO DUEMILAQUINDICI - Perfidie di Stefano Torossi

IL CAVALIER SERPENTE

Perfidie di Stefano Torossi
16 febbraio 2015

SANREMO DUEMILAQUINDICI


10 Febbraio – L’AMATRICIANA CON L’AGLIO

Sì, perché l’ultima notizia del TG 1, prima dell’Evento, riferiva la secca smentita del Consiglio Comunale di Amatrice con in testa il sindaco: “No, nel sugo all’amatriciana non ci vuole l’aglio!” Questo per controbattere la blasfema dichiarazione di senso opposto dello chef Cracco, che aveva generato non poche preoccupazioni fra i buongustai italiani.
Chiarito questo punto fondamentale, rimaniamo su RaiUno e passiamo al sessantacinquesimo Festival di Sanremo che inizia con una breve intervista a un barbiere in ghingheri e panama e a una pingue matrona: Al Bano e Romina.
Poi, interrotta da un indecente numero di annunci pubblicitari, attacca l’Anteprima Sanremo.
Carrellata (finalmente un montaggio veloce e moderno, anche se lungo) sui personaggi del festival. Ci hanno colpito i denti ferrati di Malika Ayane (sempre pensato che quella protesi fosse un fatto adolescenziale) e una bella patacca di grasso sulla camicia di Platinette. Non fa niente. I per-sonaggi sono, ognuno per il suo verso, abbastanza robusti da reggere queste piccolezze.
Comincia lo spettacolo. Come da tradizione si ripetono i tempi lenti e imprecisi, le pause lunghe, gli attacchi in ritardo; il presentatore che a un certo punto chiama un rullo di tamburo, e il batterista chissà a cosa stava pensando perché non risponde, e lui, veloce: “Ma ce le hai le bacchette?” Insomma le solite cose all’italiana.
Conti, bisogna dirlo, a parte il vezzo, che a un certo punto diventa fastidioso, di ripetere mille volte “meraviglioso”, è bravo, prontissimo e mai volgare.
E siamo al primo momento di estasi nonché a un’altra botta di oratorio parrocchiale.
Appare sul palco la famiglia Anania di Catanzaro: marito, moglie e sedici figli. Alle prevedibili domande sul perché di una famiglia di quelle dimensioni, il paterfamilias ringrazia Dio e dichiara che la sua figliolanza la deve allo Spirito Santo. A questo punto ci è venuto il sospetto che i coniugi Anania non abbiano chiara la differenza fra coito (umano) e intervento (divino).
Tiziano Ferro, in impeccabile papillon, canta con il suo simpatico sorriso, mentre dietro di lui torreggia una specie di Mastrolindo gigante con violino fra le braccia, giacchetta striminzita e jeans da barbone. Come mai uno in smoking e l’altro in stracci?
Ma arriviamo al vero momento di abiezione. L’entrata in scena di un personaggio obbrobrioso; il classico servo insolente della commedia dell’arte, il guitto che ridacchia dopo aver detto la battuta, che sfotte i compagni di lavoro insultandoli per far ridere il pubblico, forte della protezione del microfono che ha in mano e del palco che indegnamente calpesta.
Per prima cosa offende un bambino grasso chiedendogli come riesce a entrare nella poltrona. Poi si dedica ai musicisti dell’orchestra, puntando comunque e sempre sul difetto fisico (pelata, statura, ciccia): un classico. Infine scivola nella vera volgarità quando, verso la chiusura del suo troppo lungo intervento (12’), la butta sul patetico, cambia registro, si mette a piagnucolare e a chi manda il suo pensiero nell’alto dei cieli? Ma a Pino Daniele, naturalmente! Applausi lacrimosi.
Non vorremmo che vi sfuggisse il nome di costui: Alessandro Siani.
Avanti intrepidi. Cantano Romina e Al Bano. A Conti non riesce la progettata rappacificazione fra i coniugi litigati. La figura della zitella stizzosa comunque la fa Al Bano, mentre alla rubiconda Romina sembra non gliene importi gran che.
Siamo in chiusura. Ma non prima di aver registrato un terzo momento di schietto livello parrocchiale: il numero dei tre giornalisti finti che fanno le domante. Battutacce, doppi sensi, ammic-camenti. Squallore.
E finalmente, per chiudere davvero, arriva per bocca di Conti un annuncio che supera ogni decenza: Alessandro Siani devolverà il compenso per la sua prestazione a due ospedali pediatrici, uno di Genova, ci pare, e uno di Napoli.
Eh? L’avesse fatto sapere prima forse avrebbe guadagnato un po’ della nostra stima, ma detto a fine trasmissione, dopo che qualcuno gli avrà fatto notare la sua cafonaggine, fa l’effetto di una bella toppa piazzata su uno strappa irrammendabile.
Quando uno è guitto, guitto rimane, non c’è niente da fare.


------------------------------------------


11 Febbraio – DONNA BARBUTA SEMPRE PIACIUTA

Superfluo specificare di chi si tratta. Prima di andare a raccontare lo spettacolo, ci pare giusto fare le nostre più vive congratulazioni alla donna barbuta di stasera. Non tanto per la canzone che ha cantato, un pezzo commerciale niente male e con un bell’arrangiamento, quanto per lo spirito con cui ha scelto il proprio nome d’arte, bisex e bilingue.
In Sudamerica “concha” vuol dire conchiglia, ma anche vulva, e il suo diminutivo conchita, sta per fighetta. In tedesco ”wurst” significa salsiccia, come sanno tutti quelli a cui piacciono gli insaccati. I riferimenti ci sembrano indicativi: Conchita Wurst, ovvero Fighetta Salsiccia. Geniale.
Seconda puntata. Avanti di un giorno e indietro di cinquant’anni nella formula blanda e funzionante, formato famiglia. Solita scenetta parrocchiale Conti-Caizzi con smorfie e occhioni sgranati, tanto per far capire bene al pubblico quando ridere. Anche stasera quantità esagerata di pubblicità. Se ci regge il fisico, domani promettiamo di contare gli spot.
Superate di corsa le prime canzonette arriviamo alla comparsata di Joe Bastianich, il superchef, di fronte al quale Conti, l’inappuntabile, discreto Conti fa una lieve scivolata. Lo chef accenna a un piatto americano molto popolare: spaghetti with meatballs, che vuol dire spaghetti con polpette. Ma la parola inglese può essere maliziosamente tradotta letteralmente con “palle di carne”. E qui il nostro non ha resistito: “Ma sono solo due?” “No, sono di più” risponde l’ignaro Joe. “Ah, meno male, perché se erano solo due…” Prevedibili sghignazzate del pubblico; poi Conti per fortuna si riprende.
Rocìo fa la spiritosa da copione, ma con l’espressione tesa della brava studentessa che non vuole sbagliare l’interrogazione. Certo è proprio bella. E alta.
Come Charlize Teron, bella e alta anche lei, ma (è un’attrice professionista) molto più rilassata. Chi è decisamente simpatica; di più: simpaticamente ruspante è Emma, che sembra non prendersi mai troppo sul serio, rara e pregiata caratteristica in quell’ambiente.
Sotto il monologhino comico di Angelo Pintus confessiamo di esserci appisolati per risvegliarci, per fortuna, verso la fine dell’inqualificabile marcetta dei Soliti Idioti.
Fiacchissimi i Boiler che replicano il numerino dei tre finti giornalisti. Davvero pietosi: dialetto, smorfie e parrucche. Il comico, quando c’è, dovrebbe reggere senza questo patetico armamentario.
Di Conchita Wurst abbiamo già detto; c’è da aggiungere che riesce a essere nello stesso ambiguo momento un bell’uomo coi capelli lunghi ed elegante abito femminile, e una bella donna senza finte poppe, ma con barba vera. E canta pure bene.
Sorpresa finale con Javier Zanetti, che dimostra con lo spirito e i tempi giusti del parlare che il vecchio tipo dello sportivo mezzo intronato è proprio estinto.


------------------------------------------


12 Febbraio – PUBBLICITA’!

Wind, Unicredit, Suzuki, Conad, Wind, Unicredit, Suzuki, Conad, Wind, Unicredit, Suzuki, Conad, Conad, Regina, Hyundai, Emoform, Lidl, Yamamay, Mutà, Chateau d’Ax, Aquafresh, Audi, Libretto Smart. Aiuto! In quest’ordine: 23 annunci pubblicitari nei primi 14 minuti. Se tengono questa media, fa più di trecento tormentoni a fine serata. Con la contabilità noi ci fermiamo qui.
Ma procediamo con ordine. Nell’insertino del TG 1, Luca e Paolo, di cui avevamo già notato la delicatezza in passato, ci comunicano che stare sul palco di Sanremo li fa cagare addosso. Prosit.
Momento di brivido marinaro quando Conti (sulla cui faccia non è mai apparsa, da quando lo guardiamo, la più piccola goccia di sudore; e questo è davvero autocontrollo ai massimi livelli, oltre a una bella tenuta epidermica o magari qualche fondotinta segreto) rivendica l’onore e l’onere di comandare la nave del festival. Attenzione, proprio in questi giorni la figura del comandante di nave, anche se simbolica, è parecchio screditata, e sappiamo chi ringraziare.
Arriviamo al bel collegamento con la Cristoforetti dallo spazio, che è una doppia lezione: di fisica e di spettacolo. La prima non l’abbiamo capita. Perché fra la domanda di Conti in studio e la risposta di lei dal satellite passano almeno cinque secondi di silenzio? Eppure il segnale elettrico che trasporta la voce e l’immagine viaggia alla velocità della luce. Ci dev’essere qualche fatto tecnologico che ci sfugge. Non ci sfugge invece il disagio che in uno spettacolo rappresentano cinque, solo cinque se-condi di silenzio. Un’eternità.
Cantano insieme una delle cover in gara Grazia Di Michele e Platinette. Non ce ne voglia quest’ultimo ma come uomo in vesti femminili trasforma in triste macchietta quella che per Conchita Wurst rimane una forse ambigua ma indiscutibile eleganza. Per chiarire meglio, lo sappiamo be-nissimo che lui, con la sua indubbia intelligenza, lo fa consapevolmente e in maniera ironica, ma a guardarlo con quel panzone e la parrucca si prova comunque una certa patetica malinconia, mentre per Conchita no. Lei è qualcosa. Qualcosa di serio e per niente patetico. E’ una o uno (non importa) in un certo senso normale.
Cominciavamo a preoccuparci: come, siamo già alla terza puntata e ancora non è arrivata? Non avranno mica deciso di eliminarla? Invece eccola, recitata, si fa per dire, da Luca e Paolo, l’attesa, l’ovvia, l’inevitabile scenetta gay! Uno degli stereotipi dello spettacolo popolare più duri a morire. E comunque, gay o no, tanto per rimanere nello schema, anche questa finisce con il prevedibile vaf-fanculo. Però ci è sembrato che il pubblico fosse più freddino del previsto. Hanno riso meno. Buon segno: forse stiamo uscendo dall’adolescenza parolacciaia.
E finisce anche la terza serata. Breve giro su facebook e scopriamo un’ondata di indignazione, che condividiamo, per la bocciatura istantanea di Serena Brancale, ottima jazzista (questa dev’essere la ragione) e con un buon pezzo. In questo caso l’esclusione è un vero e proprio riconoscimento. Quindi va bene lo stesso. Anzi, meglio.


---------------------------------------------


13 Febbraio – UNA MERAVIGLIOSA VECCHIA PAZZA

Pillola del TG 1. Lettore, immagina di essere un professionista che ha sudato per mesi a preparare uno spettacolo impegnativo come questo. Arriva un giornalista che chiede, in tua presenza, ai collaboratori e alla gente intorno come ti vedono, e questi rispondono, testuale: “Come Charlie Chaplin. Come un pelouche. Come Calimero, così piccolo e nero”. Come reagiresti? Al tuo posto Carlo Conti ha finto di essere felice e contento. Questa è professionalità. Andiamo al Festival.
Nella prima puntata abbiamo criticato Conti per l’uso eccessivo e ripetuto di una parola. Bene, dopo essere stati testimoni (insieme a 15 milioni di altri italiani) con crescente stupore e ammirazione della scarica di disinvoltura, spirito, padronanza della scena di Ornella Vanoni, dobbiamo usarla, quella parola. Ornella è una MERAVIGLIOSA vecchia pazza. (E’ Virginia Raffaele, lo sappiamo, ma l’imitazione è così ben fatta che abbiamo voluto esagerare l’omaggio alla genialità di Virginia continuando a chiamarla Ornella).
E invece, che immagine di dignità serena, tanto a proprio agio da mettere a disagio il perfetto Carlo Conti, che a un certo punto non sapeva più bene come congedarlo, e infatti lo abbiamo visto per la prima volta incerto. Parliamo naturalmente di Sammy Basso, il diciannovenne malato di progeria, che vive in un corpo di ottantenne.
Spesso noi anziani pensiamo e ci raccontiamo quanto sarebbe bello tornare ai vent’anni, ma mantenendo il cervello e l’esperienza che abbiamo adesso. Un sogno, naturalmente, della cui irrea-lizzabilità ci consoliamo perché comunque il nostro tempo lo abbiamo vissuto. E invece che ingiusta tragedia quella di uno come Sammy che vive (e non può neanche illudersi che sia un sogno dal quale potersi svegliare) con la mente di un ragazzo nel corpo di un vecchio, che non potrà ospitarlo ancora per molto perché sta per morire. A diciannove anni!
Una testimonianza così intensa ha gettato un’ombra, peraltro meritata, sulla successiva scenetta comica di Gabriele Cirilli. Battute su mogli e suocere e sulla paura di volare. Solita robetta.
E finalmente arriva quella che il presentatore definisce un’eccellenza italiana. Un jeans e una maglietta (più un paio di Superga e un sacco di capelli). Suona un motivetto insignificante, fa un di-scorsetto new age a base di amore e comprensione, un po’ di umiltà e tanta semplicità, si tira i riccioli e si aggiusta gli occhiali sul naso.
Abbiamo raccolto con devozione, perché lo consideriamo un vero genio dell’autopromozione, quello che in varie occasioni, ha detto di sé stesso: “Travolto dalla musica abbandono ogni difesa, e, fragile ed emotivo, guardo il mondo col cuore di un bambino. La mia evoluzione giunge qui all’ingenuo e sublime incanto”... “La musica mi arriva in testa già strutturata”…”Mentre dirigevo il concerto, saltellavo giulivo davanti all’orchestra”. Travolti anche noi da un irresistibile imbarazzo di fronte a questa scarica di scemenze (non dimentichiamo che il nostro non è un teenager con turbe adolescenziali, ma uno scaltro ultraquarantenne), non possiamo fare a meno di spiattellarvi il nome del responsabile: Giovanni Allevi!
E con questo chiudiamo la serata, ma non senza chiederci: quanto tempo passerà prima che Giovanni Caccamo si cambi il cognome?


------------------------------------------


14 Febbraio – CINQUANTA SFUMATURE DI BRONZO

Festival start. Finalmente dopo anche troppi riferimenti all’abbronzatura, chiaramente artificiale, del conduttore e di altri, è arrivato il vero nero: Will Smith, così la piantiamo con le cinquanta sfumature di bronzo.
Dentro una torta di fragole camuffata da albero di natale semovente e sbrilluccicante si presenta in scena, camuffato da Renato Zero, Panariello. Anche lui fa battute sul fisico delle politichesse, sulle troike da pagare o no, sui testi ambigui delle canzoni, ma avendo un’esperienza, una tenuta, e un livello comico ben superiore, anche se adopera gli stessi ingredienti, i suoi timballi risultano molto più gustosi di quelli insipidi di Cirilli, scotti di Luca e Paolo, rancidi di Siani.
E poi, col fatto che sbeffeggia Schettino (quando morirà, all’inferno è probabile che non ci arrivi mai: riuscirebbe a far naufragare anche la barca di Caronte), guadagna la nostra totale simpatia. Perché, se fra le eccellenze italiane ci hanno messo Allevi, come è successo ieri, forse c’è un posto, in fondo, anche per il Comandante. Naturalmente stiamo esagerando l’accostamento e i termini del paragone: uno è solo innocuo, l’altro è laidamente pericoloso, ma sono entrambi degli impostori.
Fin qui tutto bene. La chiacchierata con Will Smith va bella sciolta, con l’aiuto della prontezza dell’americano, della sua bella presenza e delle risate (di tanto in tanto fra i due il più chiaro effetti-vamente risulta Smith, saranno le luci?). Ottima la reazione al dramma di Conti quando si è guastato il tabellone della classifica, e davvero professionale la sua disinvoltura. Immaginiamo il panico da controllare, ma ci è riuscito benissimo.
Insomma, stavamo al livello alto della prestazione scenica, e poi…(ma che bisogno c’era, ci siamo chiesti), siamo precipitati di nuovo all’oratorio con le scenette di San Valentino: troppe, troppo lunghe, troppo volgari, troppo forzate; inutili. I responsabili (oltre agli autori dello spettacolo, certo): tali Marta & Gianluca, da aggiungere di diritto alla lista dei cuochi che il timballo lo fanno molto peggio di Panariello. Troppo salato, diremmo.
Letterine delle vallette, lacrimuccia di Rocìo e buonanotte ai suonatori.


------------------------------------------------------


L’archivio del Cavalier Serpente, o meglio la covata di tutte le sue uova avvelenate, sta al caldo nel suo blog. Per andare a visitarlo basta un click su questo link: http://blog.libero.it/torossi

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?