Menu

“TUTTO QUELLO CHE NON SI PUÒ DIRE AL TELEFONO” di Alex Cadili

è disponibile in tutti i negozi di dischi e webstore

“TUTTO QUELLO CHE NON SI PUÒ DIRE AL TELEFONO”

il primo album di ALEX CADILI

con la produzione di ROBERTO DROVANDI e pubblicato da Twins104/Believe Digital

L'album è un concentrato di musica che arriva dritta al cuore di chi ascolta e che vuole contribuire ad alzare il volume del bene attraverso un mix azzeccatissimo di chitarre distorte, arrangiamenti raffinati e testi mai banali; un insieme impreziosito dalle prime due tracce che vedono la produzione artistica di Roberto Drovandi, storico bassista degli Stadio.

Si intitola “Tutto quello che non si può dire al telefono” il nuovo disco di Alex Cadili, cantautore genovese che ama raccontare quello in cui crede da sempre con la sua musica.

L’album, pubblicato dall’etichetta Twins104/Believe Digital è da oggi disponibile in tutti i negozi di dischi e webstore.

Il lavoro artistico/musicale di Alex pone l'accento su quei concetti semplici e basilari, che bisogna sempre affrontare occhi negli occhi in un momento particolare come questo, dove invece tutti dialogano quasi esclusivamente via chat.

Il risultato è un lavoro che non stanca mai e che fa scoprire sfumature nuove ogni volta che lo si ascolta!

Tracklist:

  1. Io e Te:

Il brano che apre l'album si ispira alla figura di Chiara Luce, ragazza scomparsa nel 1990, che con il suo messaggio colpisce Alex tanto da dedicare a questo personaggio il pezzo di apertura del disco. Con questa traccia si apre l'avventura musicale del disco.

  1. Dentro al mio amore:

Un concentrato di energia e adrenalina per un brano pensato ed arrangiato con un respiro davvero internazionale, per lanciare un messaggio dove la forza del bene trionfa ogni giorno e dove un'apoteosi strumentistica fa da cornice azzeccatissima al pezzo.

  1. Notte Chiara (Un sorriso in più):

La notte, molte volte, risulta uno dei momenti più magici e, al contempo, più difficili da trascorrere e pensare che non si è soli nel guardare il cielo rende il passare del tempo più dolce e meno pesante. Groove e gran ritmo in questa canzone sempre orientata ad alzare il volume del bene!

  1. Come un angelo:

Una ballad carica di sentimento che grida al cielo quanto possa esser forte un sentimento che sa andare oltre alle distanze ed oltre ogni ostacolo. Un brano che racconta una storia come tante, ma che può rappresentare la vita di ognuno di noi.

  1. Ancora più noi:

Ritmiche incalzanti, chitarre distorte e tanta energia; “Ancora più noi” è un invito a vivere la vita come una canzone che, tra una pausa e l'altra, dona emozioni che arrivano dritte al cuore.

Il tipico pezzo che invoglia ad alzare il volume!

  1. Canzone XK:

Malinconia, un sorriso amaro, ricordi... tanti ricordi legati ad una presenza che non c'è più, ma che resta fortissima nel cuore e che aiuta a guardare avanti con speranza.

  1. L'amore vince sempre:

"...e come un pugno arriva e tu non lo puoi schivare, come un dritto in mezzo al cuore..."

Questa parte del ritornello fa da icona alla traccia che ci racconta come quando meno te lo aspetti ecco che incontri ciò che ti fa sembrare ogni giorno più semplice e più bello. Un titolo ed una canzone che hanno bisogno di ben poca presentazione, una chicca tutta da ascoltare con il pedale del gas a tavoletta.

  1. Credo:

La chiosa perfetta di un album che racconta emozioni vere che fanno bene al cuore.

Credo” rappresenta ciò che Alex prova quando è davanti al suo pianoforte ed alla sua gente durante i live.

La musica come massima espressione di vita e di gioia; perché quando hai la capacità di raccontare e raccontarti con una bella canzone allora tutto diventa migliore e carico di luce.

(Presentazione a cura di Vainer Broccoli)

NEL WEB

Official Website

Facebook

Youtube

Instagram

itunes

Spotify

Google Play

Amazon

 

Francesca Giovanetti

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 58310655 Mob. 3925970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

STEFANO FERRO, autore musicale, musicista, scrittore

STEFANO FERRO, autore musicale, musicista, scrittore

 ha vinto il prestigiosoPremio Lunezia sezione autori di testo nel 2018”

 Disponibilità artistica e professionale per interpreti musicali, editori, produttori, arrangiatori.

Dopo anni di esperienze live, mi trovo oggi a rispecchiarmi nel percorso dell'autore, che sto cercando di percorrere con impegno, dedizione e costanza. Laureato in Filologia e Letteratura Moderna e Contemporanea, ho iniziato a coltivare la scrittura in versi da giovanissimo,  fra i miei “attrezzi da lavoro” non mancano un  rimario, un dizionario di metrica e la passione per la lettura.

…”Sarei molto onorato di propormi  in qualità di autore musicale ed essere messo alla prova da editori, interpreti, produttori, arrangiatori che desiderano affidarmi o condividere con me la realizzazione di un testo per una canzone” …

Stefano Ferro, autore musicale, musicista, scrittore, ha vinto il prestigioso Premio Lunezia sezione autori di testo nel 2018. 

Nel primo demo Sogni profani, ottiene nel corso degli anni l’attenzione di alcune radio fra le quali  Radio Rai che lo passa in diverse edizioni della rinomata trasmissione Demo. Le esperienze artistiche che conducono Stefano Ferro assieme alla band ad attraversare l’Italia dei Festival e dei concorsi,  regalano la vittoria al festival nazionale Pratomusicfestival nel 2007.

Nel 2009 è il Mei di Faenza ad ospitarlo al prestigioso spazio Siae dove presenta il brano Un po’ così, canzone dedicata al clima di confusione imperante in piena crisi economica.

Mentre il forte interesse per la componente testuale e la passione per la storia e la letteratura lo portano a laurearsi in Filologia e Letteratura Moderna e Contemporanea,  partecipa al premio letterario  “Panchina” di Bologna, scrivendo testi su musiche di Daniele Dallomo, storico chitarrista di Paolo Conte.

Nel 2013 arriva la convocazione al prestigioso festival Geometrie Sonore nella Repubblica di San Marino, e l’anno successivo vince il premio “Festival del Piave” riservato alla categoria autori di musica leggera e il premio  migliore autore al festival per band  Anghiari rock Contest.

Nel 2015 un'importante occasione giunge grazie a Massimo Bubola assieme al quale firma il brano Andremo via, pubblicato nella raccolta di brani Da Caporetto al Piave, antologia di canzoni dedicate alla Grande Guerra (Eccher Music, 2015).

L’interesse  per la storia del primo conflitto mondiale suscita l’attenzione di Azzurra Music che pubblica il suo libro Verona nella Grande Guerra, distribuito  ai lettori del quotidiano veronese L’Arena nel novembre del 2015,  in occasione del centenario della strage di Piazza delle Erbe avvenuta nella città scaligera.

Nel 2016, per il recital “E nemmeno un rimpianto” prodotto da Eadem produzioni

Stefano Ferro scrive il brano Il Navigante, tratto dall'Antologia di Spoon River e affidato al veronese Gilberto Lamacchi che ne trae il disco E nemmeno un rimpianto, omaggio all’opera di De Andrè  e candidato fra le 29 proposte italiane alla Targa Tenco 2016.

 

Nello stesso anno giunge contemporaneamente alla finale del concorso Cet Scuola Autori di Mogol indetto da Aletti Editore e fra i primi 10 finalisti del concorso internazionale Tour Music Fest sezione autori.

 

Nel 2018 Stefano Ferro vince il prestigioso Premio Lunezia sezione autori di testo e il primo premio alla decima edizione del Concorso Letterario Città di Chioggia sezione poesia.

 

Per la casa editrice Cierre di Verona cura un saggio all'interno del libro Verona una città di retrovia, pubblicato in occasione della fine del centenario della Grande Guerra.

 

Info

FRANCESCO CAPRINI

 

Divinazione Milano S.r.l.

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 58310655 Mob. 392 5970778  - 393 2124576

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

STEFANO FERRO, autore musicale, musicista, scrittore

STEFANO FERRO, autore musicale, musicista, scrittore

 ha vinto il prestigiosoPremio Lunezia sezione autori di testo nel 2018”

 Disponibilità artistica e professionale per interpreti musicali, editori, produttori, arrangiatori.

Dopo anni di esperienze live, mi trovo oggi a rispecchiarmi nel percorso dell'autore, che sto cercando di percorrere con impegno, dedizione e costanza. Laureato in Filologia e Letteratura Moderna e Contemporanea, ho iniziato a coltivare la scrittura in versi da giovanissimo,  fra i miei “attrezzi da lavoro” non mancano un  rimario, un dizionario di metrica e la passione per la lettura.

…”Sarei molto onorato di propormi  in qualità di autore musicale ed essere messo alla prova da editori, interpreti, produttori, arrangiatori che desiderano affidarmi o condividere con me la realizzazione di un testo per una canzone” …

Stefano Ferro, autore musicale, musicista, scrittore, ha vinto il prestigioso Premio Lunezia sezione autori di testo nel 2018. 

Nel primo demo Sogni profani, ottiene nel corso degli anni l’attenzione di alcune radio fra le quali  Radio Rai che lo passa in diverse edizioni della rinomata trasmissione Demo. Le esperienze artistiche che conducono Stefano Ferro assieme alla band ad attraversare l’Italia dei Festival e dei concorsi,  regalano la vittoria al festival nazionale Pratomusicfestival nel 2007.

Nel 2009 è il Mei di Faenza ad ospitarlo al prestigioso spazio Siae dove presenta il brano Un po’ così, canzone dedicata al clima di confusione imperante in piena crisi economica.

Mentre il forte interesse per la componente testuale e la passione per la storia e la letteratura lo portano a laurearsi in Filologia e Letteratura Moderna e Contemporanea,  partecipa al premio letterario  “Panchina” di Bologna, scrivendo testi su musiche di Daniele Dallomo, storico chitarrista di Paolo Conte.

Nel 2013 arriva la convocazione al prestigioso festival Geometrie Sonore nella Repubblica di San Marino, e l’anno successivo vince il premio “Festival del Piave” riservato alla categoria autori di musica leggera e il premio  migliore autore al festival per band  Anghiari rock Contest.

Nel 2015 un'importante occasione giunge grazie a Massimo Bubola assieme al quale firma il brano Andremo via, pubblicato nella raccolta di brani Da Caporetto al Piave, antologia di canzoni dedicate alla Grande Guerra (Eccher Music, 2015).

L’interesse  per la storia del primo conflitto mondiale suscita l’attenzione di Azzurra Music che pubblica il suo libro Verona nella Grande Guerra, distribuito  ai lettori del quotidiano veronese L’Arena nel novembre del 2015,  in occasione del centenario della strage di Piazza delle Erbe avvenuta nella città scaligera.

Nel 2016, per il recital “E nemmeno un rimpianto” prodotto da Eadem produzioni

Stefano Ferro scrive il brano Il Navigante, tratto dall'Antologia di Spoon River e affidato al veronese Gilberto Lamacchi che ne trae il disco E nemmeno un rimpianto, omaggio all’opera di De Andrè  e candidato fra le 29 proposte italiane alla Targa Tenco 2016.

 

Nello stesso anno giunge contemporaneamente alla finale del concorso Cet Scuola Autori di Mogol indetto da Aletti Editore e fra i primi 10 finalisti del concorso internazionale Tour Music Fest sezione autori.

 

Nel 2018 Stefano Ferro vince il prestigioso Premio Lunezia sezione autori di testo e il primo premio alla decima edizione del Concorso Letterario Città di Chioggia sezione poesia.

 

Per la casa editrice Cierre di Verona cura un saggio all'interno del libro Verona una città di retrovia, pubblicato in occasione della fine del centenario della Grande Guerra.

 

Info

FRANCESCO CAPRINI

 

Divinazione Milano S.r.l.

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 58310655 Mob. 392 5970778  - 393 2124576

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

LECTURE: Incontro con Michele De Lucchi

LECTURE
Giovedì 10 gennaio 2019, ore 19.30
L’architettura è artigianato?
Incontro con Michele De Lucchi

La relazione tra design e artigianato, l’attenzione per tecniche e materiali legati a conoscenze e saperi manuali è uno dei temi centrali della ricerca di Leonor Antunes.
In questo incontro Michele De Lucchi racconta la sua ultima ricerca: le Earth Stations – Many Hands, edifici progettati per essere costruiti dalle popolazioni di diverse parti del mondo utilizzando tecniche artigianali identitarie di una determinata cultura. Per De Lucchi, le Earth Stations – Many Hands sono oggetti architettonici fatti a mano capaci di “portare la sensibilità del saper fare artigiano che altrimenti rischia di perdere la sfida con la produzione industriale”.
Michele De Lucchi ha fatto parte di alcuni tra i principali gruppi dell’architettura radicale tra cui Cavart, Alchimia e Memphis. Dal 1988 al 2002 è stato responsabile del Design di Olivetti. Nel corso della sua carriera ha progettato edifici corporate, residenziali, industriali e culturali in Italia e nel mondo, oltre a edifici e sistemi espositivi per musei tra cui La Triennale di Milano, Palazzo delle Esposizioni a Roma, il Neues Museum a Berlino e le Gallerie d’Italia a Milano. Sue opere fanno parte delle collezioni del Centre Georges Pompidou di Parigi e di numerosi altri musei nel mondo. È Professore Ordinario alla Facoltà di Design del Politecnico di Milano. Nel 2018 ha diretto la rivista “Domus”.
Scopri di più

Ingresso libero fino a esaurimento posti
Prenotazioni riservate ai Member di Pirelli HangarBicocca, cliccando qui

Pirelli HangarBicocca
Via Chiese 2
20126 Milano

T (+39) 02 66 11 15 73
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
hangarbicocca.org

Foto: Max Rommel

Leggi tutto...

Anteprima del Progetto “Accendi la luce" Prima nazionale cinematografica Young@Heart (Giovani dentro)

 

Anteprima del Progetto “Accendi la luce"
Prima nazionale cinematografica
Young@Heart (Giovani dentro)

Sabato 22 dicembre 2018 | ore 20.30 | Teatro Gavazzeni | Seriate (BG) | Ingresso libero


Siete invitati al Cinema Teatro Gavazzeni di Seriate (BG) il 22 dicembre 2018 alle ore 20,30, per assistere al documentario "Young@Heart", 

in apertura della Rassegna "Accendi la luce" | Progetto "Invecchiando s'impara" di Welfare in Azione Fondazione Cariplo.

Il progetto ha l'obiettivo di sostenere l'invecchiamento attivo e positivo.

 Il documentario racconta la vera storia delle ultime settimane di prove del coro “Young and Heart” a Northampton negli Stati Uniti,
tra forti emozioni e colpi di scena.

Uscito nel 2008 in pochi anni è arrivato nelle sale cinematografiche di tutto il mondo.
Tradotto in molteplici lingue ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti.

 --------------

Commenti della Stampa Internazionale

“Questi cantanti rifiutano di arrendersi in questa grande notte. La musica per loro è ossigeno”

New York Times

“Se avete lacrime, preparatevi a versarle…tocca la mente così come il cuore”

Financial Times

Leggi tutto...

GLI ARTISTI ITALIANI COME NESSUNO VI RACCONTA

Diario di una serata di festa, arte, musica e contaminazione: il 12 dicembre al Legend di Milano.
articolo di Roberto Bonfanti

È difficile trovare la lucidità per raccontare in modo razionale qualcosa di cui si è stati parte integrante. Per fortuna però ciò che è accaduto il 12 dicembre al Legend di Milano non è stato un evento come gli altri ma una vera e propria festa all’insegna dello scambio di esperienze, della contaminazione artistica e della condivisione. E una festa, per definizione, non richiede lucidità.

L’onore e l’onere di rompere il ghiaccio in questa particolare serata sul palco dell’ultimo tempio del rock milanese tocca a Jack Anselmi che, armato solo della sua chitarra, mette in fila tre dei sui brani dal gusto folk capaci di miscelare ironia, intimismo e argute osservazioni sociali. La data del 12 dicembre nella città di Milano non può però certo slegarsi dall’anniversario della strage di piazza Fontana, e proprio di questo sceglie di parlare Paolo Pelizza nel suo monologo profondo, sincero e privo di retorica. Alia porta con le sue canzoni una ventata di delicatezza pop e raffinatezza poetica proprio prima della parentesi letteraria fuori dagli schemi di Massimiliano Morelli impegnato nella lettura di poesie tratte dal suo ultimo libro e da quello in prossima uscita di Tony Balsamo, per poi tornare alla musica pop con l’esibizione di Andrea Devis e la sua performance vocale d’alta scuola.

Il sottoscritto ha scelto, per una volta, di lasciare da parte le proprie storie per rendere omaggio con la propria esibizione ad alcuni personaggi chiave della storia del rock italiano, mentre la sferzata d’energia la danno Massimo Francescon e la sua band con un set compatto e trascinante fatto di melodie lineari, riflessioni personali e impegno sociale. La chiusura dei giochi spetterebbe di diritto ai Lo Stato Delle Cose in quanto vincitori dell’ultima edizione di Rock Targato Italia ma, dopo il loro set in veste insolitamente minimale che dona ai brani un gusto meno new-wave e più cantautorale, è un ospite a sorpresa a prendere possesso del palco: il cantautore Guajiro con le sue canzoni profumate di sudamerica.

A completare l’opera c’è infine il pittore Giò Manzoni che accompagna tutte le esibizioni realizzando un dipinto in tempo reale. Al di là della cronaca nuda e cruda, però, uscendo dal locale a fine serata ciò che resta è la sensazione di avere davvero preso parte a una festa in cui ognuno degli invitati ha voluto condividere con tutti gli altri un pezzetto della propria arte dando così vita a un fantastico caleidoscopio in cui diverse sensibilità e diverse forme d’espressione hanno voluto fondersi nel modo più sincero e puro possibile.

Roberto Bonfanti
[scrittore e artista]

www.robertobonfanti.com

 

BLOG www.rocktargatoitalia.eu

@francesco Caprini - Ufficio stampa @DivinazioneMilano

Leggi tutto...

ROCK TARGATO ITALIA, Serata Evento Live

ROCK TARGATO ITALIA, Serata Evento Live

12 dicembre dalle ore 21.15 Legend Club Milano

(Viale Enrico Fermi 98 - angolo via Sbarbaro. Milano)

 

In occasione della pubblicazione della compilation di Rock Targato Italia 2018, al LegendClub di Milano si trascorrerà una serata all’insegna di performance e concerti. Un evento nello stile Divinazione Milano (Divi In Azione): caotico, creativo, inclusivo con musicisti, scrittori, poeti e pittori a raccontarci e vivere nuove proposte artistiche.

 

Nata a Milano negli anni ottanta, la rassegna musicale italiana Rock Targato Italia è una tra le più interessanti manifestazioni di scouting, e ad oggi è giunta alla XXXI edizione in forma ottimale.

 

Foto della COMPILATION ROCK TARGATO ITALIA 2018, “1958 – 2018 Sessant’anni di rock Italiano”. Opera di  GIO Manzoni, pittore

“La Madonna Desnuda”.

 

PROGRAMMA: EVENTI, PERFORMANCE E CONCERTI

 

Alia, nome d’arte del musicista e autore Alessandro Curcio, unisce la passione per la poesia ad un gusto per melodie ariose e fortemente cantabili. Le sue influenze musicali vanno dal cantautorato italiano più raffinato e intimo al songwriting inglese anni ’80. “A dispetto di ogni cliché, si può anche essere pop senza rinunciare alla poesia”.

 

Jack Anselmi presenta la sua musica come una raccolta di storie, pensieri e riflessioni, affrontati talvolta in maniera ironica e piacevole. Il teatro canzone sposa il folk nell’era dell’eterno precariato.

 

Paolo Pelizza, (Le visioni di Paolo), dopo aver provato a suonare la chitarra e a cantare con scarsissimi risultati, si è messo a lavorare come copywriter in pubblicità. Abbandonerà il mondo dell’advertising a favore di quello della produzione di audiovisivi. Così farà tutta la gavetta da assistente ad organizzatore generale di film. E’ stato Presidente di Lombardia Film Commission ed è docente di Produzione presso Centro Sperimentale di Cinematografia – Scuola Nazionale di Cinema a Milano. Nonostante la produzione sia il suo lavoro non ha mai abbandonato i primi amori e mettendoli insieme, da qualche anno tiene una rubrica su rocktargatoitalia.eu intitolata Le Visioni di Paolo dove sproloquia di musica, recensisce concerti e chiacchiera come al bar di società e utopie.

In occasione della presentazione della compilation di Rock targato Italia, prevista in una data così storicamente significativa, il vostro amichevole Visionario (oltre ad essere autorizzato a fare da guastatore durante la serata) ricorderà la Strage di Piazza Fontana, le vittime e che per quell'orribile crimine, non esiste ancora una verità se non quella suggerita dalla Storia.

 

Andrea Devis è cantautore e vocal coach. Nel 2018 è stato pubblicato il suo album di debutto da solista: "Nella Stanza" che contiene undici brani scritti di suo pugno e due cover, sospesi tra il pop degli anni ottanta, l'elettronica e la black music

 

Massimo Francescon Band, nata nel 2013 con il progetto di arrangiare e proporre dal vivo le canzoni del cantautore trevigiano Massimo Francescon. La band è stata protagonista di numerosi contest, vincendo importanti premi, tra questi il premio “Stefano Ronzani” a Rock Targato Italia 2017.

 

Lo Stato Delle Cose, è un gruppo dell’hinterland milanese Pop - Indie Rock nato nel 2015. Non vogliono descrivere storie, ma soffermarsi solo su alcuni fotogrammi in bianco e nero di istanti ben precisi. Il suono è semplice, diretto ma curato. “Le storie esistono solo nelle storie mentre la vita scorre nel corso del tempo”.

 

Massimiliano Morelli (poeta) è cresciuto in Liguria ma è milanese d’adozione. Apprende l’inglese giocando ai videogiochi, legge i poeti ascoltando punk e rock, studia estetica nei magazzini di vestiti vintage e impara a scrivere innamorandosi. Ha pubblicato nel 2013 la silloge “prima di noi, dopo di lei”.

 

Roberto Bonfanti (Scrittore), malinconico per indole, testardo per vocazione, sognatore per DNA, disilluso per puro caso, incostante e incoerente per necessità, il suo primo tentativo di scrivere un racconto risale all'età di sette anni.

 

Gio Manzoni (pittore), autore dell’opera “Madonna Desnuda”, cover della compilation Rock Targato Italia 2018. Nato a Cochabamba, Bolivia nel 1979, cresce in Italia dove arriva all'età di un anno e mezzo. Si diploma al Liceo Artistico di Bergamo e poi studia pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera con il massimo dei voti. Lavora in Italia e all'estero per gallerie, aziende, privati e partner istituzionali. Ha esposto alla Biennale d’Arte di Venezia nel 2011.

 

VideoPerformance “Dialoghi di una tela” progetto di Marco Bilico.

 

ACCENDETE I MOTORI CONTRO LA NOIA. VI ASPETTIAMO

 

info:

  1. rocktargatoitalia.eu

fb Rock Targato Italia

  1. divinazionemilano.it

fb Divinazione Milano

https://www.youtube.com/user/rocktargatoitalia

.

 

 

FRANCESCO CAPRINI

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 0258310655 Mob.392 5970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

“1958 – 2018 Sessant’anni di rock Italiano” Compilation Rock Targato Italia 2018

 

COMPILATION ROCK TARGATO ITALIA 2018

Titolo: “1958 – 2018 Sessant’anni di rock Italiano”

Adriano Celentano, Enzo Jannacci, Tony Dallara, I Campioni - la band di Roby Matano, frontman che ha inciso per primo “Tintarella di Luna”, e gruppo che nel tempo, ha visto debuttare un giovane Lucio Battisti alla chitarra - Luigi Tenco, Franco Battiato (alle prime esperienze discografiche).

Nata a Milano negli anni ottanta, la rassegna musicale italiana Rock Targato Italia è una tra le più interessanti manifestazioni di scouting, e ad oggi è giunta alla XXXI edizione in forma ottimale.

Il 14 dicembre 2018 sarà pubblicata la compilation dal titolo: “1958 – 2018 Sessant’anni di rock italiano”, preceduta da un evento live in programma il 12 dicembre al  LEGENDCLUB di Milano.

Un evento nello stile Divinazione Milano (Divi In Azione) caotico, creativo, inclusivo con musicisti, scrittori, poeti, pittori a raccontarci e vivere nuove proposte artistiche.

La compilation di Rock targato Italia è dedicata, in parte, ai sessant’anni di storia della musica rock italiana, 1958 – 2018 e dall’altra ai gruppi emergenti contemporanei.

Dal meeting al Palaghiaccio di #Milano del 1958, ai numerosi locali rock sparsi nel territorio nazionale, frequentati oggi da molti artisti che propongono brani inediti originali e di qualità, inclusi nella compilation:

JACK ANSELMI "Libero" - DANIELE CHIARELLA "Abissi" - LO STATO DELLE COSE "Buona Fortuna" - MASSIMO FRANCESCON BAND "Arcobaleni al temporale" - NOT "Sogni e Bisogni" - ORGANICO RIDOTTO "Frate de Saie" - ROLLING CARPETS "Qualcosa di più"- VXA "Colpo di reni" - BLANK "Static Breather" – ANDREA DEVIS “Pezzi Di Cuore Tra I Cuscini Del Divano” - INSIDE THE HOLE "Beer! Sex!..and fuckin' roll" 

Divinazione Milano ringrazia la SAAR Records e alla sua storia: la casa discografica italiana, con sede a Milano, più longeva d’Italia.

La compilation è un progetto (non esaustivo naturalmente) che coinvolge tutti coloro che hanno dedicato parte della loro vita alla ricerca, alla sperimentazione e alla gioia di realizzare se stessi come artisti e persone creando tanti momenti indimenticabili, nuovi stili di vita, di cultura e costumi sociali

Un grande, immenso, grazie a tutti i protagonisti della compilation, da ascoltare con attenzione e spirito libero.

TRACK-LIST

Adriano Celentano – “Il tuo bacio è come un rock” Un brano simbolo di uno dei personaggi più iconici della nostra cultura popolare. C’è bisogno di presentazioni?

Tony Dallara – “Come Prima” Uno dei primissimi esempi, destinati a fare scuola, di ballata rock romantica in italiano. Uno dei precursori di un filone musicale ancora oggi fortunatissimo.

I Campioni – “Tintarella di luna” La versione originale, cantata da una band seminale del rock’n’roll italiano, di una canzone entrata ben presto nell’immaginario collettivo.

Franco Battiato – “La Torre” I primi passi di un promettente ragazzotto siciliano sbarcato a Milano col sogno di fare musica. La preistoria di Battiato. Prima ancora di “Fetus”.

Luigi Tenco – “Ragazzo mio” Inquietudine profonda, malinconia e impegno sociale. La rivoluzione culturale del ’68 sarebbe arrivata solo quattro anni dopo ma Tenco era già avanti anni luce.

Enzo Jannacci – “El portava i scarp del tennis” Le origini della canzone d’autore più autentica. Quando la musica incontra il desiderio di raccontare la realtà con uno sguardo fuori dai canoni.

Jack Anselmi – “Libero” Amarezza, ironia e andamento giocosa. Una brano fintamente sbarazzino per raccontare in modo pungente il mondo di un lavoratore precario.

Daniele Chiarella – “Abissi”
Una canzone d’amore delicatissima dall’atmosfera sognante scandita solo dalla chitarra acustica e poco altro.

Lo Stato Delle Cose – “Buona fortuna” Fra indie, pop e richiami new-wave.  Una band che erge a propria bandiera la spontaneità e il desiderio di raccontare le relazioni umane nel modo più sincero.

Massimo Francescon Band – “Arcobaleni al temporale” Un cantautore rock capace da sempre di coniugare una scrittura tanto immediata quanto elegante con uno sguardo aperto e attento sul mondo.

NOT – “Sogni e Bisogni” Si può anche essere pop nel modo più sfacciato possibile senza per questo rinunciare alla raffinatezza: questo brano ne è la dimostrazione.

Organico Ridotto – “Frate de Saie” Un progetto affascinante e suggestivo che parte dal dialetto abruzzese per reinventare il folk in chiave estremamente contemporanea e personale.

Rolling Carpets – “Qualcosa di più” La frizzantezza di una band giovanissima e piena di energia sposa l’amore per la melodia con la passione per le sonorità rock più internazionali.

VXA – “Colpo di reni” Una ballata rock scura, sincera e introspettiva che mette a nudo le inquietudini di un uomo qualunque di fronte 

Blank – “Statics Breather” Sonorità sintetiche e melodia. Un progetto modernissimo e affascinante tanto nelle scelte sonore quanto nell’approccio e nei contenuti.

Andrea Devis – “Pezzi di cuore tra i cuscini del divano” Elettronica dal gusto anni ’80, ritornello pop martellante e un testo malinconico sullo smarrimento che segue la fine di un amore.

Inside The Hole – “Beer! Sex!..and fuckin' roll” Il titolo dice già tutto: una band siciliana con un amore viscerale per il blues più sporco e il rock’n’roll più americano.

(presentazione a cura di Roberto Bonfanti, scittore)

Seguiteci sui social, ci saranno importanti sorprese, molta informazione, condivisione e cultura musicale italiana.

La storia continua

più informazioni su:

  1. rocktargatoitalia.eu
  2. divinazionemilano.it

fb Rock Targato Italia

fb Divinazione Milano

https://www.youtube.com/user/rocktargatoitalia.

 

FRANCESCO CAPRINI

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 0258310655 Mob. 392 5970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

Barberini - "L'ultima notte"

Barberini - "L'ultima notte"

Vogliamo chiamarlo semplicemente “dream pop”? Una canzone delicatissima, dall’atmosfera sognante e la melodia lieve come una ninnananna.

“Dopo la morte hai dei piani o ti arrendi? Ti andrebbe di dirci semplicemente la verità?”

 

il brano è nella Playlist Speciale “I COLORI DELL’AUTUNNO” da Rock Targato Italia by Divinazione Milano a cura di @Roberto Bonfanti

ascolta su spotify: https://spoti.fi/2O6ThRN

 

ARTISTI: Les Fleurs Des Maladives - Andrea Robbiani - Francesco Pelosi Sfigher Intercity - Andrea Cassetta - Priscilla Bei - Casablanca Nuju - Paolo Saporiti - Ismael - Remida - Hotel Monroe Barberini - Scudetto 

 

La Playlist I COLORI DELL’AUTUNNO contiene 15 brani. 15 artisti sballottati dagli eventi della vita in balia delle onde che tra dubbi e certezze hanno creato delle onde essi stessi per poter influenzare e cambiare coscientemente la qualità, l’essenza stessa della vita.

Creata da Divinazione Milano,  la playlist "I Colori dell'Autunno" è nel tempo passato, presente e futuro, la memoria culturale e professionale della nostra attività discografica e promozionale. La tendenza che caratterizza gran parte del nostro quotidiano lavoro, a sostegno di artisti autenticamente originali e indipendenti. Una scena musicale straordinaria 

 

Una semplice raccolta, per stimolare e per vedere più in la, per aprirci all’universo intorno a noi, aprire i nostri canali recettivi, riacquisire il senso di meraviglia che provavamo da bambini.

La meraviglia che avevamo nel notare il controllo delle nostre mani, nell’ afferrare qualcosa, o nel vedere l’onda del mare a bagnarci i piedi.

Una proposta Divinazione Milano, Francesco Caprini Roberto Bonfanti (scrittore e artista), Franco Sainini.

Una piccola scintilla musicale

IMMAGINA  L’AUTUNNO

 

 ti piace l'articolo? puoi mettere un like, condividerlo e seguire su i nostri social

 

www.rocktargatoitalia.eu
www.divinazionemilano.it
fb Rock Targato Italia
fb Divinazione Milano
https://www.youtube.com/user/rocktargatoitalia.

 

 

 

 

 

 

 

Leggi tutto...

Dal 12 novembre è disponibile CLICHÉ il nuovo racconto di Roberto Bonfanti

Il senso di sconfitta di un uomo alle prese con i propri dubbi respira nel nuovo racconto di Roberto Bonfanti da scaricare gratis

 

I dubbi irrisolvibili e il senso di disorientamento di un uomo che, in crisi profonda con se stesso prima ancora che con la propria partner, sembra arrendersi alla sensazione che lasciarsi vivere sia l'unica soluzione possibile.

Il quinto capitolo della serie "Storie Contromano" di Roberto Bonfanti è un racconto disilluso e disarmato in modo quasi fastidioso che respira fra i pensieri più intimi e inconfessati di una persona alle prese con il tramonto dei propri sogni e la resa incondizionata alla consapevolezza della propria fragilità.


Leggi il racconto, scaricalo gratis e condividilo con chi vuoi al link http://www.robertobonfanti.com/

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?