Menu

Articoli filtrati per data: Febbraio 2019

Laboratori Steinberg al FIM di Milano

Laboratori Steinberg al FIM di Milano

La produzione musicale di oggi viene realizzata attraverso lo studio di registrazione virtuale. Anche quando si utilizzano strumenti reali, non si può fare a meno di un computer per registrare, mixare, modificare e ascoltare la musica che abbiamo composto.


Steinberg
è uno dei marchi con maggiore esperienza nel settore della produzione musicale su computer e il suo software Cubase è quello che conta il maggior numero di utilizzatori al mondo. Si tratta di un programma realizzato in varie versioni per adattarsi alle diverse esigenze musicali, da quelle amatoriali a quelle professionali. La sua versione entry level è un ottimo strumento per fare il primo ingresso nel mondo della produzione digitale, grazie anche ai numerosi strumenti musicali ed effetti virtuali di cui dispone. 

Ritroviamo questa stessa semplicità di utilizzo anche nel software Steinberg Dorico, un programma di notazione musicale in grado di stampare spartiti di qualità ma anche di riprodurre le parti degli strumenti in partitura attraverso timbri virtuali molto realistici. 

Questi due programmi saranno i protagonisti dei laboratori "Comporre editare e registrare musica con Cubase" e "La notazione musicale con Dorico", che Steinberg offrirà agli studenti che parteciperanno al FIM, Salone dell'Innovazione e della Formazione Musicale, che si terrà in Piazza Delle Città di Lombardia a Milano nei giorni 16 e 17 maggio 2019.

I 2.600 ragazzi provenienti da scuole medie e superiori italiane parteciperanno a una ventina di altri laboratori offerti dai prestigiosi partner istituzionali e privati del FIM, il cui programma completo è ancora in via di definizione.

Per informazioni: www.fimfiera.it
Info Line: +39 010 86 06 461
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

blog targatoitalia.eu

Leggi tutto...

Offresi per Collaborazioni Artistiche, STEFANO FERRO, Autore

STEFANO FERRO, Autore

Ha vinto il prestigiosoPremio Lunezia sezione autori di testo nel 2018”

Offresi per Collaborazioni Artistiche

“Sarei molto onorato di propormi  in qualità di autore musicale ed essere messo alla prova da editori, interpreti, produttori, arrangiatori che desiderano affidarmi o condividere con me la realizzazione di un testo per una canzone”…

Laureato in Filologia e Letteratura Moderna e Contemporanea, Stefano Ferro ha ottenuto diversi riconoscimenti nazionali fra cui il Primo posto al Pratomusicfestival, il Premio autori Festival del Piave, il premio Lunezia 2018 e il premio letterario Città di Chioggia. Nel 2015 una grande occasione è giunta grazie a Massimo Bubola assieme al quale ha firmato il brano “Andremo via”, pubblicato nella raccolta di brani Da Caporetto al Piave, antologia di canzoni dedicate alla Grande Guerra (Eccher Music, 2015).

Vive a Verona e persegue l'obiettivo di collaborare e fare rete con chi ha desiderio e voglia concreta di essere interprete di canzoni originali, con la convinzione che realizzare sinergie professionali è la strada giusta per realizzare progetti musicali qualificati.

È uscita in questi giorni la compilation n. 4 di Spazio Inediti, la canzone “EHI TU” scritta da Stefano Ferro è interpretata da Vittorio Reale e Manuel B, edito da VSG Edizioni questo il link all'ascolto on line su Spotify:

https://open.spotify.com/album/3HOOpaQo0V0tOynaJ2R1bu

Info

FRANCESCO CAPRINI

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Mob. 3925970778 393 2124576 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

Nuovo singolo de, LO STATO DELLE COSE, Vincitori di Rock Targato Italia 2018

 

Dal 22 febbraio in tutte le radio e webstore

“PERDERSI”

il nuovo singolo de

 LO STATO DELLE COSE

Vincitori di Rock Targato Italia 2018

Il 22 febbraio uscirà “Perdersi” il singolo che anticipa la pubblicazione dell’EP di debutto “Lo Stato Delle Cose” dell’omonima band vincitrice della 30a edizione di Rock Targato Italia

Perdersi” è una canzone dedicata a tutte quelle persone che hanno paura di farsi trascinare dalle loro passioni, perché non potrebbero sopportare di nuovo il dolore, o di avere nuove delusioni. Preferiscono così rimanere dei “laghi salati”, fiumi che avevano sognato di diventare mare, e che ora hanno dimenticato cosa esso sia.

LO STATO DELLE COSE

Lo Stato delle Cose è un gruppo dell’Hinterland Milanese Pop-indie Rock nato nel Novembre del 2015 da un’idea di Valentina Brocadello (basso), Davide Ripamonti (pianoforte, chitarra acustica) e dall’incontro con il cantante vicentino Alessandro Mop (voce e chitarra elettrica).

A marzo è prevista la pubblicazione di “Lo Stato delle Cose”, primo EP della band omonima. La copertina dell’Album è curata dal fotografo messicano Hector Chico.

Neorealismo di anime, in perenne ricerca, che non trovano soluzioni. Tratto dal titolo di un film di Wim Wenders "Lo Stato delle Cose" vuole essere una riflessione sul destino: "tutto va scomparendo, dobbiamo affrettarci se vogliamo vedere ancora qualcosa”. Nato come concept album, le cinque tracce hanno come filo conduttore la decadenza e la fragilità dei rapporti. Sono istantanee di uno stato di fatto, polaroid di resistenze, di malinconie, di immobilismo. Non vogliono descrivere storie, ma soffermarsi solo su alcuni fotogrammi in bianco e nero di istanti ben precisi. Il suono è semplice, diretto ma curato. Accosta parti elettriche alle linee acustiche con aperture melodiche emozionanti.

NEL WEB:

Instagram: www.instagram.com/lsdc_lostatodellecose/?hl=it

Facebook: www.facebook.com/Lo-Stato-delle-Cose-288491078025192/

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCOpvD56PBjGOllu6ehH1_5g

 

Francesca Giovanetti e Carolina Nardella

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 58310655 Mob. 3925970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

Nuovo ingolo de, LO STATO DELLE COSE, Vincitori di Rock Targato Italia 2018

 

Dal 22 febbraio in tutte le radio e webstore

“PERDERSI”

il nuovo singolo de

 LO STATO DELLE COSE

Vincitori di Rock Targato Italia 2018

Il 22 febbraio uscirà “Perdersi” il singolo che anticipa la pubblicazione dell’EP di debutto “Lo Stato Delle Cose” dell’omonima band vincitrice della 30a edizione di Rock Targato Italia

Perdersi” è una canzone dedicata a tutte quelle persone che hanno paura di farsi trascinare dalle loro passioni, perché non potrebbero sopportare di nuovo il dolore, o di avere nuove delusioni. Preferiscono così rimanere dei “laghi salati”, fiumi che avevano sognato di diventare mare, e che ora hanno dimenticato cosa esso sia.

LO STATO DELLE COSE

Lo Stato delle Cose è un gruppo dell’Hinterland Milanese Pop-indie Rock nato nel Novembre del 2015 da un’idea di Valentina Brocadello (basso), Davide Ripamonti (pianoforte, chitarra acustica) e dall’incontro con il cantante vicentino Alessandro Mop (voce e chitarra elettrica).

A marzo è prevista la pubblicazione di “Lo Stato delle Cose”, primo EP della band omonima. La copertina dell’Album è curata dal fotografo messicano Hector Chico.

Neorealismo di anime, in perenne ricerca, che non trovano soluzioni. Tratto dal titolo di un film di Wim Wenders "Lo Stato delle Cose" vuole essere una riflessione sul destino: "tutto va scomparendo, dobbiamo affrettarci se vogliamo vedere ancora qualcosa”. Nato come concept album, le cinque tracce hanno come filo conduttore la decadenza e la fragilità dei rapporti. Sono istantanee di uno stato di fatto, polaroid di resistenze, di malinconie, di immobilismo. Non vogliono descrivere storie, ma soffermarsi solo su alcuni fotogrammi in bianco e nero di istanti ben precisi. Il suono è semplice, diretto ma curato. Accosta parti elettriche alle linee acustiche con aperture melodiche emozionanti.

NEL WEB:

Instagram: www.instagram.com/lsdc_lostatodellecose/?hl=it

Facebook: www.facebook.com/Lo-Stato-delle-Cose-288491078025192/

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCOpvD56PBjGOllu6ehH1_5g

 

Francesca Giovanetti e Carolina Nardella

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 58310655 Mob. 3925970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

Leggi tutto...

SYLVANO BUSSOTTI “Memorie e frammenti di vita (privata)” a cura di Stefano Sbarbaro

catalogo con testo critico a cura di Stefano Sbarbaro

inaugurazione 27 febbraio h. 18.30 | Foro Buonaparte, 48 | 20121 Milano

dal 28 febbraio al 28 aprile 2019

Parma, via Emilio Lepido, 3/13       Milano, Foro Buonaparte, 48

SYLVANO BUSSOTTI “Memorie e frammenti di vita (privata)” a cura di Stefano Sbarbaro  

La Galleria Clivio è lieta di invitarvi alla mostra dedicata a Sylvano Bussotti che verrà inaugurata nella giornata di mercoledì 27 febbraio dalle ore 18.30 presso lo spazio espositivo di Milano. In quest’occasione sarà presentata un’inedita serie di collages realizzati su materiali di recupero e su mobilio provenienti direttamente dall’abitazione dell’artista. Il percorso espositivo proposto intende valorizzare un aspetto spesso sconosciuto del poliedrico artista fondatore del Gruppo70 ed esponente del movimento d’avanguardia internazionale Fluxus. Come sottolinea il curatore della mostra Stefano Sbarbaro che definisce Sylvano Bussotti: ”…artista poliedrico, dal percorso creativo multidisciplinare che non trova riscontri nel panorama culturale internazionale e che, proprio in ragione di una spontanea e indomita versatilità, sfugge ribellandosi a qualsiasi tentativo di definizione, secondo un atteggiamento che in parte ne costituisce la più evidente cifra stilistica…”, la cui produzione più intima di collages riconducibile al periodo degli anni ’60 e ’70 “……fonda sul processo di reminiscenza il proprio immaginario poetico, celebrato attraverso la forza evocativa dell’immagine e delle sue possibili rappresentazioni. Non è dunque un caso che nella produzione di Sylvano Bussotti la tecnica del collage assuma con il passare degli anni una sempre maggiore importanza, diventando in età matura una pratica quasi ossessiva che si è inoltrata dalla sua produzione artistica, musicale e teatrale insinuandosi inaspettatamente anche nella quotidianità, arrivando persino a incrostare mobili della sua abitazione, ripiani di scrivanie, comodini, mensole e librerie, tavoli e comodini, ante e sponde di armadi. Nell’affastellarsi di conoscenze e di esperienze biografiche e artistiche, il collage assume il valore di una necessaria sintesi visiva per contenere il flusso inarrestabile delle immagini che sedimentandosi nel tempo si mostrano come stratificati accumuli di memoria; il ritaglio è dunque un distillato simbolico e metonimico che, sradicato dal suo contesto, passa attraverso il filtro autobiografico per ricombinarsi coerentemente in una rappresentazione, o apparato visivo, con rinnovate strutture di senso...”. Con questa mostra la galleria intende far scoprire l’opera visiva dell’artista interfacciandola con la straordinaria carriera musicale, compositiva, di regia e di scenografia creando, così, un’endiadi perfetta per comprendere il quadro artistico di Sylvano Bussotti.

blog rocktargatoitalia

 

Leggi tutto...

MATTEO LANCINI, Il ritiro sociale negli adolescenti

MATTEO LANCINI

Il ritiro sociale negli adolescenti
La solitudine di una generazione iperconnessa


Il libro traccia il profilo di una generazione cresciuta “nella rete”, inducendo gli adulti a interrogarsi su come distinguere un uso adattivo dei social e dei videogiochi da un sintomo di malessere o dipendenza. Cyberbullismo, sexting, gioco d’azzardo e, in modo particolare, il ritiro sociale sono alcuni dei comportamenti affrontati in questo testo, ricco di indicazioni sui motivi della loro diffusione e sulle modalità di intervento.
La rivoluzione digitale ha creato ambienti espressivi nei quali gli adolescenti non solo sperimentano nuove possibilità di realizzazione ma si rifugiano in occasione di gravi crisi evolutive, in una forma di autoricovero che esprime sia il dolore sia un tentativo di risolverlo, come avviene nel ritiro sociale, la più significativa manifestazione del disagio giovanile odierno. A partire dall’esperienza maturata negli ultimi quindici anni, gli autori inquadrano la psicodinamica del ritiro sociale e presentano gli orientamenti clinici che guidano la presa in carico dell’adolescente in una prospettiva evolutiva.

L'autore

Matteo Lancini, psicologo e psicoterapeuta, è presidente della fondazione Minotauro di Milano e insegna presso il dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano Bicocca. Nelle nostre edizioni ha pubblicato Giovane adulto (con F. Madeddu, 2014) e curato Il ritiro sociale negli adolescenti (2019).

 

blog rocktargatoitalia

Leggi tutto...

Dal 22 febbraio in tutte le radio e webstore “PERDERSI” il nuovo singolo de LO STATO DELLE COSE Vincitori di Rock Targato Italia 2018

Il 22 febbraio uscirà “Perdersi” il singolo che anticipa la pubblicazione dell’EP di debutto “Lo Stato Delle Cose” dell’omonima band vincitrice della 30a edizione di Rock Targato Italia.

Perdersi” è una canzone dedicata a tutte quelle persone che hanno paura di farsi trascinare dalle loro passioni, perché non potrebbero sopportare di nuovo il dolore, o di avere nuove delusioni. Preferiscono così rimanere dei “laghi salati”, fiumi che avevano sognato di diventare mare, e che ora hanno dimenticato cosa esso sia.

LO STATO DELLE COSE

Lo Stato delle Cose è un gruppo dell’Hinterland Milanese Pop-indie Rock nato nel Novembre del 2015 da un’idea di Valentina Brocadello (basso), Davide Ripamonti (pianoforte, chitarra acustica) e dall’incontro con il cantante vicentino Alessandro Mop (voce e chitarra elettrica).

A marzo è prevista la pubblicazione di “Lo Stato delle Cose”, primo EP della band omonima. La copertina dell’Album è curata dal fotografo messicano Hector Chico.

Neorealismo di anime, in perenne ricerca, che non trovano soluzioni. Tratto dal titolo di un film di Wim Wenders "Lo Stato delle Cose" vuole essere una riflessione sul destino: "tutto va scomparendo, dobbiamo affrettarci se vogliamo vedere ancora qualcosa”. Nato come concept album, le cinque tracce hanno come filo conduttore la decadenza e la fragilità dei rapporti. Sono istantanee di uno stato di fatto, polaroid di resistenze, di malinconie, di immobilismo. Non vogliono descrivere storie, ma soffermarsi solo su alcuni fotogrammi in bianco e nero di istanti ben precisi. Il suono è semplice, diretto ma curato. Accosta parti elettriche alle linee acustiche con aperture melodiche emozionanti.


NEL WEB:
Instagramwww.instagram.com/lsdc_lostatodellecose/?hl=it
Facebookwww.facebook.com/Lo-Stato-delle-Cose-288491078025192/ 
YouTubehttps://www.youtube.com/channel/UCOpvD56PBjGOllu6ehH1_5g


Francesca Giovanetti e Carolina Nardella

Divinazione Milano S.r.l.
Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network
Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano
Tel. 02 58310655 Mob. 3925970778
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web: www.divinazionemilano.it

 

Leggi tutto...

Dal 22 febbraio in tutte le radio e webstore “PERDERSI” il nuovo singolo de LO STATO DELLE COSE Vincitori di Rock Targato Italia 2018

Il 22 febbraio uscirà “Perdersi” il singolo che anticipa la pubblicazione dell’EP di debutto “Lo Stato Delle Cose” dell’omonima band vincitrice della 30a edizione di Rock Targato Italia.

Perdersi” è una canzone dedicata a tutte quelle persone che hanno paura di farsi trascinare dalle loro passioni, perché non potrebbero sopportare di nuovo il dolore, o di avere nuove delusioni. Preferiscono così rimanere dei “laghi salati”, fiumi che avevano sognato di diventare mare, e che ora hanno dimenticato cosa esso sia.

LO STATO DELLE COSE

Lo Stato delle Cose è un gruppo dell’Hinterland Milanese Pop-indie Rock nato nel Novembre del 2015 da un’idea di Valentina Brocadello (basso), Davide Ripamonti (pianoforte, chitarra acustica) e dall’incontro con il cantante vicentino Alessandro Mop (voce e chitarra elettrica).

A marzo è prevista la pubblicazione di “Lo Stato delle Cose”, primo EP della band omonima. La copertina dell’Album è curata dal fotografo messicano Hector Chico.

Neorealismo di anime, in perenne ricerca, che non trovano soluzioni. Tratto dal titolo di un film di Wim Wenders "Lo Stato delle Cose" vuole essere una riflessione sul destino: "tutto va scomparendo, dobbiamo affrettarci se vogliamo vedere ancora qualcosa”. Nato come concept album, le cinque tracce hanno come filo conduttore la decadenza e la fragilità dei rapporti. Sono istantanee di uno stato di fatto, polaroid di resistenze, di malinconie, di immobilismo. Non vogliono descrivere storie, ma soffermarsi solo su alcuni fotogrammi in bianco e nero di istanti ben precisi. Il suono è semplice, diretto ma curato. Accosta parti elettriche alle linee acustiche con aperture melodiche emozionanti.


NEL WEB:
Instagramwww.instagram.com/lsdc_lostatodellecose/?hl=it
Facebookwww.facebook.com/Lo-Stato-delle-Cose-288491078025192/ 
YouTubehttps://www.youtube.com/channel/UCOpvD56PBjGOllu6ehH1_5g


Francesca Giovanetti e Carolina Nardella

Divinazione Milano S.r.l.
Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network
Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano
Tel. 02 58310655 Mob. 3925970778
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
web: www.divinazionemilano.it

 

Leggi tutto...

ROCK TARGATO ITALIA. Favorevole alla legge che promuove in Radio e TV la musica italiana emergente

ROCK TARGATO ITALIA

Un contributo alla discussione sulla diffusione della musica italiana e sostegno alle realtà emergenti. Favorevole alla legge che promuove in Radio e TV la musica italiana emergente (Francesco Caprini, ideatore della rassegna)

 1) Chi ci conosce sa che da anni ci battiamo affinchè la nuova normativa riguardo la diffusione della musica italiana in radio e Tv sia portata al 70% la quota di brani prodotti in italia. (come succede in Francia). Abbassandola o richiedere il paletto al 30% peggiorerebbe di molto la già fragile scena culturale musicale e economica italiana emergente e non solo.

2) La promozione deve avere maggior spazio con programmi radiofonici e televisivi a doc, Facendo attenzione che ci sia un controllo da parte dei produttori nostrani e non, da rappresentanti di etichette discografiche e non solo che, sotto falso nome, in realtà, promuovono prodotti delle multinazionali che hanno già abbondantemente invaso il settore musicale italiano,  azzerando di fatto le diversità culturale dei territori,  secondo una loro democrazia operativa mondiale che è tutta, naturalmente dalla loro parte.

Gli interventi o iniziative per garantire la qualità della filiera musicale nazionale, (tanto per interderci per salvaguardare il lavoro dei produttori, arrangiatori, studi di registrazione, uffici stampa, artisti, autori e compositori, ecc ecc,) devono essere gestiti da persone competenti e di grande esperienza nel settore è una condizione imprescindibile.

3) Sostenere la piccola impresa musicale italiana anche con il contributo della SIAE e di tutti gli altri Istituti preposti (andare oltre il monopolio) pe l'acquisizione di economie dei diritti musicali, editoriali grazie al lavoro fatto degli artisti stessi. Cosi come il recupero di diverse economie che non vengono ridistribuite e utilizzati per diversi fattori (che non sto ad elencare per questione di spazio ma sono sempre disponibile al dibattito) e che ora attraverso i bandi (cmq importanti) sono impegnati a sostegno di  autorevoli iniziative favorendo meeting incontri festival e rassegne, ma purtroppo anche, per meccanismi vari e mancanza di addetti operativi sul territorio (decentramento), premiano burocrati della musica, amici e parenti e non i creativi veri, musicisti, operatori del settore, che oltre alla qualità del prodotto garantiscono una imprenditoriale nazionale di livello.

4) Valorizzare i nostri talenti? C'è bisogno anche e soprattutto di interventi del Ministero alla Cultura e Assessorati Regionali alla Cultura) con interventi mirati al territorio con, ad esempio, la promozione e contributi finanziari per festival e rassegne varie, C'è bisogno di minore burocrazia, maggiore fantasia e fiducia da parte degli Enti Pubblici (al contrario norme anche severe per i furbetti di quartiere), affinchè anche musicisti operatori del settore, nel loro piccolo si attivano a realizzare prodotti nazionali, non messo in difficoltà o penalizzato, ma al contrario valorizzato.

Bisogna guardare con favore alla produzione e promozione della nostra cultura musicale ed essere unici, originali, propositivi e positivi. Ma non basta ci vuole chiarezza e un dibattito continuo estremamente positivo e collaborativo. Basta guardare come nel tempo il successo dell' imprenditoria della Moda, Design, Food, di cui tutti ne beneficiamo dei risultati ottenuti a livello di immagine ed economia, sia cresciuta nel mondo. Confrontiamoci, organizziamoci facciamo valere le nostre competenze operative e qualità artistiche. Abbiamo arte e musica importanti da comunicare

Come? ecco alcuni esempi  creando e favorendo la produzione di  programmi a doc in tal senso si ricorda  Mezzanotte su Italia1 e DOC sulla Rai ( ma sono diversi i programmi che meritano attenzione nel campo della musica emergente) che hanno creato un mercato nazionale davvero importante favorendo una scena musicale economica di valore come la scena rock Italia.

blog rocktargatoitalia 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?