Menu

Articoli filtrati per data: Marzo 2019

Vincitori semifinali Area Lombardia

In riferimento alle serate organizzate il 4 e 26 marzo 2019 al LegendClub Milano si comunicano i nomi degli artisti che parteciperanno alla FINALE della Lombardia in programma a Milano l'11 giugno:

Prossimamente sarà comunicato l’organizzazione dell’evento.

Grazie a tutti gli artisti che hanno partecipato alle serate e tutti coloro i quali hanno contribuito alla realizzazione dell’evento.

Leggi tutto...

“I COLORI DELLA PRIMAVERA“ La musica indipendente, by Rock Targato Italia

Playlist

“I COLORI DELLA PRIMAVERA“

La musica indipendente, by Rock Targato Italia

SPOTIFY:

https://open.spotify.com/playlist/4Z6hsLiQ9V6L4zv3X2EuOk

 

Realizzata da:

Ormai è una vera tradizione: dopo “I colori dell’estate”, “I colori dell’autunno” e “I colori dell’inverno”, lo staff di Rock Targato Italia ha scelto di accompagnare anche la primavera con una nuova playlist.

Ecco dunque “I colori della primavera”, una serie di sedici canzoni che spaziano fra rock, punk, pop, elettronica e canzone d’autore provando a mettere a fuoco una fotografia variegata e irrequieta della vitalità che continua a circolare nel sottobosco musicale del nostro Paese.

TRACKLIST:

Il rumore della tregua – Mercoledì di festa

Inquietudini eleganti, malinconie crepuscolari e suggestioni poetiche di spessore.

Cieli neri sopra torino – L'ombra

Fra canzone d’autore, approccio punk e affascinante decadenza post industriale.

Massimo Volume – La ditta di acqua minerale

Un monumento del rock alternativo italiano che non perde mai intensità poetica.

Le capre a sonagli Elettricista

Sguardo surreale e approccio irriverente e trascinante. Fra punk futurista e rock naif.

Gomma – Fantasmi

Scrittura diretta, voglia di raccontarsi e approccio punk sincero e casereccio.

Tersø – Petali

Una via alternativa, sporca, moderna e riflessiva al trip-hop.

L'equilibrio – Saluti da Rimini

Malinconie estive, intimismo profondo, atmosfere solitarie e pop d’autore.

Tre allegri ragazzi morti – AAA Cercasi

I profeti dell’eterna adolescenza e del punk-rock più fresco non si smentiscono mai.

Ultimo attuale corpo sonoro – Gigli e oleandri

Chitarre che sanguinano e quintali di rabbia e disillusione. Un pugno dritto in faccia.

Nylon  – Guendaline

Un viaggio etilico notturno nei meandri di Barcellona fra folk e canzone d’autore.

Giulio Wilson Modigliani

Delicatezza d’autore, atmosfere lievi, richiami al mondo dell’arte e sentimenti puliti.

Edda – Vanità

Un personaggio unico nel mondo della musica italiana. Sempre fuori da ogni schema.

Marian Trapassi Blu

Grazia femminile, scrittura pulita e sincera e malinconie pop.

Krank Le vie del mare

Le chitarre sposano l’elettronica per dipingere paesaggi desolati, amari e disincantanti.

Guido Maria Grillo – Nessuna cura

Una voce sontuosa d’altri tempi. Pop d’autore in chiave sinfonica.

Silvia Salvagnini – Rave al call center

Poesia cruda. Voce recitata. Elettronica straniante. Un progetto davvero personale.

  1. rocktargatoitalia.eu
    www.divinazionemilano.it
    fb Rock Targato Italia
    fb Divinazione Milano
    https://www.youtube.com/user/rocktargatoitalia

 

FRANCESCO CAPRINI – FRANCO SAININI

Ufficio Stampa DIVI IN AZIONE

Via Andrea Palladio 16 – 20135 Milano

Tel. 02 58310655 – 392 5970778 – 393 212456

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  1. divinazionemilano.it

Blog RocktargatoItalia.eu

Leggi tutto...

“IL NUMERO UNO” il nuovo videoclip dei FANALI DI SCORTA

da oggi 27 marzo in anteprima nazionale su JAM SESSION 20

Guarda l'anteprima: https://goo.gl/i7Bgqe

Il nuovo videoclip, “Il Numero Uno” dei Fanali Di Scorta band torinese formata da Daniele Chiarella e Carlo Peluso è da oggi in anterpima nazionale sul portale musicale JAM SESSION 20https://goo.gl/i7Bgqe.

Fanali di Scorta cambiano nuovamente direzione e con il nuovo singolo omaggiano la scena rock-demenziale italiana degli anni 70'- 80' con l'aiuto di Giovanni Spada (leader della punk band demenziale Disforia Psichica) e del rapper TUFU.

Una canzone ironica a tinte rock derivata dalla esperienza di Daniele Chiarella come chitarrista della FREAK OUT BAND  di Alessandra Mostacci compagna dell' indimenticato leader  degli  SKIANTOS FREAK ANTONI.

Nel videoclip si narra di un Talent di provincia, il tutto si svolge nel teatro di Borgaro Torinese dove si incontrano personaggi disparati alla ricerca di un po' di effimera celebrità decretata da una giuria "folkloristica" e un pubblico poco attento. Tutti vogliono essere a loro modo Numeri 1.

Il singolo è già disponibile in tutti i webstore e in radio. Nel brano, la band si diverte ad analizzare la moderna tematica della popolarità a tutti i costi, rimanendone involontariamente invischiata. Una canzone ironica, a tinte rock, che ricalca e omaggia la lezione di Freak Antoni degli Skiantos.

Per l’occasione, i Fanali Di Scorta sono accompagnati dal rapper TUFU e da Giovanni Spada, storico leader della band punk-demenziale Disforia Psichica

FANALI DI SCORTA

Fanali Di Scorta sono una band dell’underground torinese con oltre 600 live all’attivo, sempre alla ricerca di stimoli e situazioni nuove dove portare e condividere il loro mood vivace. Guidati dal polimorfico performer Daniele Chiarella, accompagnato dal polistrumentista Carlo Peluso, hanno calcato diversi palchi italiani, sempre rimanendo fedeli al loro “freak’n’roll”. 

“Il problema dell’umanità è che gli stupidi sono strasicuri, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi.” … Bertrand Russell

Sul web:

Sito web: www.fanalidiscorta.com

Facebook: www.facebook.com/fanalidiscorta

Instagram: www.instagram.com/fanalidiscorta

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UChpaMK8LjmiHxbMdXfmxGuA

Leggi tutto...

GARBAGE, ANNUNCIATA UNA DATA A ROMA

GARBAGE

ANNUNCIATA UNA DATA A ROMA

8 luglio 2019 - Roma - Villa Ada
Apertura porte: ore 20:00
Inizio concerto 21:00
Ingresso 25€ + d.p.
Biglietti in vendita a partire da martedì 26 marzo alle ore 10:00 su TicketOne: http://bit.ly/garbage_roma 

www.dnaconcerti.com
 

25 anni e 14 milioni di copie vendute fa, nascevano i Garbage, una delle band alternative rock più apprezzate nel panorama internazionale grazie al loro stile inconfondibile e al fascino carismatico della frontwoman Shirley Manson.
A luglio finalmente torneranno in Italia e faranno una tappa a Roma. 

 

Oltre al fatto che potremo vederli dal vivo molto presto, tutto quello che sappiamo sulle loro attività recenti è che hanno passato l’ultimo anno in studio per comporre e registrare quello che sarà il loro ottavo ed attesissimo nuovo album, del quale non si conosce ancora alcun dettaglio, compresi titolo e data di pubblicazione. 

Fin dal loro album d’esordio, l’omonimo “Garbage” del 1995, Shirley Manson, Butch Vig, Steve Marker e Due Eriksonn sono stati salutati dal pubblico mondiale come una delle band più originali e accattivanti degli ultimi anni. Durante la loro carriera hanno pubblicato sei album di successo, ricevuto diverse nomination ai Grammy Award (compresa quella di Album of the Year nel 1998, dopo l’uscita di “Version 2.0”), prodotto la theme song della colonna sonora di uno dei film della saga di James Bond, suonato in più di 35 paesi diversi e scalato le classifiche di tutto il mondo.

Dopo la pubblicazione del disco di platino “Beautiful Garbage” nel 2001, nel 2005 hanno raggiunto la quarta posizione della Billboard Top 200 Album Chart con “Bleed Like Me”, seguito da “Not your kind of people” pubblicato dopo sette anni di pausa sulla loro stessa etichetta STUNVOLUME, quest’ultimo non meno fortunato considerando il fatto che è stato incluso nella Top 50 Album della rivista Rolling Stone e accolto da Pitchfork come “alternative to everything”. Dopo aver intrapreso un lungo e quasi tutto esaurito tour per i dieci anni del loro disco d’esordio nel 2015, pubblicano “Strange Little Birds”, il loro ultimo album che ha scalato la vetta della Billboard’s Top Rock and Alternative Albums e si è guadagnato un altro posto nella Billboard Top 200 Album Chart. 

Nel 2017 hanno pubblicato un libro “This Noise is That Keeps me Awake” ed hanno intrapreso un tour in Nord America al fianco di Blondie seguito da un altro tour nel 2018 per festeggiare il ventesimo anniversario del loro secondo album “Version 2.0”. 

Nell’ultimo anno si sono chiusi in studio per scrivere e registrare nuova musica che speriamo di ascoltare in anteprima durante la loro l’esibizione dal vivo, tra un grande successo e l’altro.  

 

blog rocktargatoitalia.eu

Leggi tutto...

LIBERA I TALENTI DEL TUO BAMBINO

Sperling & Kupfer
14 x 21 cm
208 pp.
16,00 €
in libreria il 2 aprile

LIBERA I TALENTI DEL TUO BAMBINO

RICONOSCI E VALORIZZA L’UNICITÀ DI TUO FIGLIO
Francesca Valla

“Ogni bambino è unico, irripetibile e quindi speciale. Ognuno a modo suo.”

L’autrice presenterà il volume all’interno del programma Stem in the City
mercoledì 3 aprile alle 18.30
presso la Libreria Rizzoli Galleria
Galleria Vittorio Emanuele II – Milano
con un talk sul talento
Dialoga con l’utrice Annalisa Monfreda, direttrice di Donna Moderna

Come possiamo noi genitori riconoscere i talenti di nostro figlio o di nostra figlia? Cosa possiamo fare per aiutarli a esprimerli al meglio, a coltivarli e a trarre felicità dalle loro passioni?
Francesca Valla, insegnante e counselor, in Libera i talenti del tuo bambino, edito da Sperling & Kupfer, ci accompagna a scoprire come il talento possa esprimersi in mille direzioni, se riusciamo a orientare i bambini nel modo opportuno.
Il volume è strutturato per una lettura a più livelli, dalla prima all’ultima pagina. Ogni capitolo tratta un tema e contiene box di approfondimento per recuperare riferimenti e indicazioni dei focus di attenzione, che insieme alle storie e agli esempi cercano di dare un contesto oltre a momenti di confronto.
Quali sono i passi per incoraggiare i nostri bambini a sperimentare in maniera libera le proprie capacità e inclinazioni? Quali sono le parole, i gesti, gli sguardi che danno loro fiducia e spontaneità? Che cosa dobbiamo evitare per non gravarli di troppe aspettative, per non proiettare su di loro un nostro concetto di successo legato alle nostre predisposizioni personali o a una meta professionale?
Attraverso storie, riflessioni e ispirazioni esploreremo l’empatia, l’autenticità, l’ascolto e le emozioni: un approccio efficace per prenderci cura di nostro figlio, rispettandolo e lasciandolo libero di diventare se stesso. Perché l’obiettivo di noi adulti - genitori, insegnanti, nonni - è che tutti i passi che faremo insieme ai nostri bambini possano consegnare al mondo di domani donne e uomini felici, capaci e consapevoli dei propri talenti.

Francesca Valla insegnante di scuola primaria, formatrice nei corsi di educazione genitoriale, counselor, esperta educational sui media, ma soprattutto mamma. Sostiene colloqui individuali e corsi di formazione genitoriale attraverso workshop ed eventi. In televisione ha partecipato come esperta a S.O.S Tata, Mattina in famiglia, Verissimo e La Prova del Cuoco. È autrice dei libri S.O.S Tata, Cara Francesca… (entrambi per Kowalski), Una rima tira l’altra
(Gribaudo), Facciamo la pappa. A tavola coi bambini ed È facile fare la mamma… se sai come si fa (Mondadori Electa).

 

blog www.rocktargatoitalia.eu

Leggi tutto...

IL MIRAGGIO DELLA BOCCIOFILA.

IL MIRAGGIO DELLA BOCCIOFILA.

Qualcuno ha scritto che la vita non si misura in anni ma in momenti. Forse ha ragione ma, purtroppo, sono gli anni quelli che lasciano i segni più evidenti sul nostro fisico e nella nostra anima. Quando cominci a sentirti inadeguato e percepisci la distanza tra te e quelli delle generazioni più recenti.

Ad esempio,  quando non riesci a considerare un conflitto generazionale, quello tra il gusto musicale del ragazzino stregato dall’hip hopparo de noiartri e il tuo porre come argomentazione contraria il superato concetto di considerare che non può competere con Houses of Holy degli Zeppelin. Ti sbagli. E’ il Nuovo Corso.

Come puoi non provare la sensazione di essere ormai superato … che ne può un testo di Dylan con quelli di rapper  e trapper. I trapper, poi! Tu consideravi che fossero cacciatori di pellicce della prima metà dell’Ottocento. Gente dura che viveva nei boschi. Erano anche gli amici di Zagor, il protagonista di un fumetto della Bonelli che leggevi da giovane. Invece no! I trapper fanno il rap senza le rime (che è un po’ come fare il pollo arrosto senza il pollo), consigliandoci di considerare le donne come giocattoli sessuali e assumere hashish. Che originalità! Temi mai toccati da nessuno!!!

Il rifiutare questo conflitto generazionale e non accettare il fatto che sei andato come una mozzarella scaduta la settimana scorsa,  ti fa immediatamente puzzare di vecchio, rincoglionito e moribondo. Usa come esempio, The Court of The Crimson King e sei già in avanzato stato di decomposizione. I giovani hanno il futuro davanti e tu ce lo hai dietro. Come puoi pretendere di capirli!!! Tu che sei cresciuto credendo che la musica si facesse con oggetti creati apposta per farla dal nome aulico di strumenti musicali. Potevano essere elettrificati o meno ma servivano a quello (sintetizzatori inclusi)… Niente di tutto questo è più vero: la musica la fanno gli informatici, non i musicisti. Non solo ma, anche, il mercato di questa è gestito sulla rete da algoritmi pensati per portare avanti quello che costa meno ed è di più facile comprensione. Perché vogliono venire incontro a tutti! Questo è il nuovo concetto di democrazia. Si abbassa il livello!

Tu pensi che il primo bacio venga ancora dato su una panchina del parco come è successo a molti di quelli della tua generazione. Vedi che sei un cavernicolo? Ormai si fa anche il sesso in modo virtuale. Perché il nuovo è anche questo: tutto e a casa tua. Senza uscire. Senza sbattimenti. Senza vedere nessuno: hai una applicazione per gestire anche l’interazione nell’intimità.

Tu credevi (a questo punto devo usare l’imperfetto così capisci che sei passato) che per soddisfare le tue curiosità dovevi comprare o consultare molti testi, frequentare librerie e biblioteche … Ma di che anno sei? Del Settecento? C’è internet … tutto quello che vuoi sapere è lì. Certo in forma liofilizzata e acritica ma è lì dentro, in un click e sotto forma di sequenze di zero e di uno. Se il  giovane vuol fare bella figura può serenamente rivolgersi all’oracolo digitale e sciorinare agli amici in che anno è nato Wittgenstein o quando è morto Roberspierre o chi ha scritto “Il Fu Mattia Pascal”. Non serve a niente è ovvio. Non a mettere qualche mattoncino per costruirsi un senso critico, una rete interpretativa per provare a capire il mondo ma ci potrà fare il gradasso intellettuale mentre gli amici commentano il video di punta della webstar di turno.

Per te che sei vecchio, capire i classici era un modo per possedere degli attrezzi per vivere nel mondo, per capire i cambiamenti, per stare con gli altri, per aspirare a un mondo migliore. Tu che ricordi l’incipit del Leviatano … Quando Hobbes supplica il Sovrano affinché il popolo non venga mai a conoscenza dei classici perché potrebbe rivendicare una libertà che gli spetta di diritto. Avevi capito che saresti stato quello che avresti saputo, giusto? Noooo! Che senso ha? E’ contrario al progetto di omologazione felice in atto.

Nel mondo nuovo saranno felicissimi. Non faranno un cazzo ma potranno comprare quello che vogliono tramite i devices elettronici.

Mi domanderai: ma come faremo a comprare qualcosa se non lavoreremo? Perché sei vecchio e ignorante! Lavoreranno in tantissimi: quelli che ti porteranno a casa gli abiti, la spesa e il nuovo tablets. Non ci saranno più i negozi e le città verranno consegnate al degrado e alla criminalità. Ma a te non deve  interessare perché vivrai recluso in casa. Che lavoro farà tuo nipote per potersi mantenere nel nuovo mondo? Bhé … potrà scegliere tra sviluppare apps o algoritmi, o software o farà l’analista di reti digitali o di sistemi gestionali. Scusa? Ha studiato filosofia? Bene, ti porterà la cena a  casa in bicicletta rischiando la vita per tre euro a consegna. Anche tu! Potevi spiegargli che lo studio del pensiero è desueto quanto l’atto del pensare! Tra l’altro, pensare non ha mai reso felice nessuno mentre il nuovo prodotto Apple, sì.

Sai cosa ti dico? Stai anche assumendo una strana postura … cominci a fermarti a osservare i lavori stradali chinato leggermente con il busto in avanti e le mani dietro la schiena. Camminando per strada ascolti i discorsi sui tram, scrivi su un sito di nostalgici ascoltatori di un genere musicale morituro, pensi che gli Stones siano più importanti di Jay Z … e ti fermi con uno strano senso di commozione mista ad eccitazione di fronte a un campo da bocce. Come se uno strano miraggio ti avesse rapito.

Amico mio, rassegnati. E’ cominciata una nuova era dove si guarda il dito e fanculo alla luna.

di Paolo Pelizza

© 2018 Rock targato Italia

Leggi tutto...

Vincitori di Rock Targato Italia 2018, LO STATO DELLE COSE sono al debutto discografico

“LO STATO DELLE COSE”
il nuovo EP de
LO STATO DELLE COSE


Vincitori di Rock Targato Italia 2018

Dal 29 Marzo in tutti i web-store e nei negozi di dischi


E' in arrivo il 29 Marzo l’omonimo EP di debutto “Lo Stato delle Cose”, anticipato dal singolo “Perdersi” già disponibile in rotazione radiofonica e in tutti i web-store digitali.

Le cinque tracce dell’EP (concept EP) hanno un filo conduttore: la fragilità e la rottura dei rapporti. Sono istantanee di uno stato d’essere e di fatto, polaroid di resistenze, di malinconie. I brani non descrivono storie, ma, piuttosto, si soffermano su alcuni momenti, “scatti” in bianco e nero di istanti ben precisi. Ad accompagnare tali fotogrammi, un suono diretto, antitetico, che accosta parti elettroniche a delle linee prettamente acustiche. Il risultato è, però, semplice, curato ed emozionante.


Tracklist:

1. PERDERSI
La canzone è dedicata a tutte quelle persone che hanno paura nel farsi trascinare dalle loro passioni perché non potrebbero sopportare di nuovo il dolore, o di avere nuove delusioni, di perdere nuovamente. Preferiscono così rimanere dei “laghi salati”, fiumi che avevano sognato di diventare mare e che ora hanno dimenticato cosa esso sia.
“Un lago salato dimentica di essere un fiume addormentato, aveva sognato di diventare mare”

2. IMPERFETTI SCONOSCIUTI
In una coppia, le aspettative mancate, le delusioni lavorative, la routine che la società moderna ha imposto, intaccano la loro armonia. Si spengono le passioni, i sentimenti, gli sguardi, le sintonie, i progetti. La voglia di solitudine è più forte di ciò che li lega o che li ha tenuti fino ad ora insieme
“come vorrei che noi due ritornassimo ad essere degli (im)perfetti sconosciuti?”

3. LO STATO DELLE COSE
Una coppia è di fronte ad una scelta: fingere o mettere tutto di nuovo in discussione. Si fa di tutto per tenere in piedi anche la più bella storia d'amore, ci si fa spazio per non calpestarsi, si lotta, si accetta tutto. Ma, al tempo stesso, tutto è in trasformazione, tutto quello che ha un inizio, può avere una fine anche se non si vuole ammettere che qualcosa possa terminare.
"tu pensi che sia banale ma lo stato delle cose è capire che è Normale"

4. TUTTO E NIENTE
La canzone fotografa una persona allo specchio, davanti al suo egoismo, che l'ha portato a
volere tutto senza risparmiarsi. Ed è quindi solo alla fine che si accorge di non avere più niente: di aver tradito le persone che gli sono state vicino e di aver tradito sè stesso, le proprie idee, i propri sogni i propri sentimenti.
“quello che non ho l’ho perso di vista, distratto da un’immagine che non è più la mia”
5. BUONA FORTUNA
Nonostante la voglia e l'impegno per far funzionare una relazione, nonostante il crederci, a volte, ciò che serve per farla funzionare è la fortuna. La fortuna di trovare una persona che ascolti e capisca, una persona che rimanga anche se ci sono problemi o differenze caratteriali. La coppia della canzone, all’inizio di una relazione, si augura buona fortuna perché frasi come ‘ti amerò per sempre’ e ‘sei l'amore della mia vita’ lasciano il tempo che trovano.
“e ti guardo ascoltare, mi chiedo se sarai quella che non andrà via”

LO STATO DELLE COSE

Lo Stato delle Cose è un gruppo dell’Hinterland Milanese Pop-indie Rock nato nel Novembre del 2015 da un’idea di Valentina Brocadello (basso), Davide Ripamonti (pianoforte, chitarra acustica) e dall’incontro con il cantante vicentino Alessandro Mop (voce e chitarra elettrica).

Dopo aver vinto la 30esima edizione di Rock Targato Italia, il 22 Febbraio, il gruppo milanese lancia “Perdersi”. Il singolo, la cui copertina è curata dal fotografo messicano Hector Chico, anticipa la pubblicazione dell’EP di debutto “Lo stato delle cose” in uscita il prossimo 29 Marzo.

Tratto dal titolo di un film di Wim Wenders "Lo Stato delle Cose" vuole essere una riflessione sul destino: "tutto va scomparendo, dobbiamo affrettarci se vogliamo vedere ancora qualcosa”.

FRANCO SAININI
Divinazione Milano Srl - Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network
Via Andrea Palladio 16 – 20135 Milano
Tel. 0258310655 - 3925970778
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

blog www.rocktargatoitalia.it

Leggi tutto...

Vincitori Area Puglia

In riferimento alla serata organizzata il 23 marzo al POSTO 55 di Oria (BR) si comunicano i nomi degli artisti che parteciperanno alle finali nazionali in programma a Milano il 9 - 10 - 11 settembre 2019

Prossimamente sarà comunicato l’organizzazione dell’evento.

Grazie a tutti gli artisti che hanno partecipato alle serate e tutti coloro i quali hanno contribuito alla realizzazione dell’evento

Leggi tutto...

Vincitori Centro Sud Italia

In riferimento alla serate organizzate il 10, 24 febbraio e 17 marzo al ROUTE 66 di Roma si comunicano i nomi degli artisti che parteciperanno alle prossime selezioni.

Grazie a tutti gli artisti che hanno partecipato alle serate e tutti coloro i quali hanno contribuito alla realizzazione dell’evento

Leggi tutto...

LORENZO CASTELLUCCIO con i racconti di MILANO MERAVIGLIOSA.

LORENZO CASTELLUCCIO

28 marzo alle ore 19,15

Bricks via Ascanio Sforza 31 Milano

con i racconti di MILANO MERAVIGLIOSA.

Le strade di Milano hanno qualcosa da raccontare, anche se per i detrattori la città è grigia. noiosa, fredda, sempre uguale a se stessa. Il fatto è che Milano non è sfacciatamente bella; è una città da amare per le sue storie, le sue leggende e le sue curiosità. Alcune di queste sono descritte nelle pagine di “Nell’omonima via – I racconti del Drago Verde”,  un’antologia di racconti a cura di nove scrittori, fra i quali Rino Morales, Maurizio De Filippis, Giovanni Francavilla, Gian Luca TavecchiaNicola Chinellato e Raffaele Maddalena. Emerge una metropoli vista con gli altri occhi, che consentono di individuare itinerari insoliti tra le pieghe della modernità. Gli autori stuzzicheranno la curiosità del pubblico, insieme al giornalista e scrittore Ermanno Accardi e al cantante, attore e regista Lorenzo Castelluccio, con il suo ampio repertorio di monologhi e canzoni popolari meneghine.

Lorenzo Castelluccio è un attore, cantante e regista diplomatosi alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano, dotato di una preparazione variegata che comprende l’espressione corporea e vocale (diploma di baritono conseguito nel 1994 presso il Conservatorio G. Verdi di Milano).

La sua preparazione poliedrica lo ha portato a collaborare con importanti registi nel teatro di prosa, quali G. Salvatores, F. Crivelli, F. Quadri, P. Poli ed E. De Capitani, nonché come baritono in prestigiosi teatri d’opera in Italia ed all’estero (Teatro alla Scala di Milano, Teatro S. Carlo di Napoli, Teatro Massimo di Palermo).

Curriculum Vitae sintetico Lorenzo Castelluccio Attore, cantante e regista.

Sito web: http://www.lorenzocastelluccio.it

 

FRANCESCO CAPRINI

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Mob. 392 5970778 - 393 2124576

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

web: www.divinazionemilano.it

 

blog www.rocktargatoitalia.eu

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?