Menu

OVERFLOWING, tra flussi musicali e realtà oniriche si raccontano a Rock Targato Italia. Da vedere a Milano il 3 ottobre

OVERFLOWING, tra flussi musicali e realtà oniriche si raccontano a Rock Targato Italia. Da vedere a Milano il 3 ottobre

Rock Targato Italia - Finali Nazionali XXIX/a edizione. 

intervista ai OVERFLOWING

a cura dell' Ufficio Stampa Divinazione Milano,

in programma il 3 ottobre LegendClub Milano

 

1- Tutti noi dobbiamo il nostro "svezzamento musicale" ad un imprinting diretto, un amore a prima vista. Sicuramente i nostri genitori, avendo vissuto in anni in cui la cultura musicale era molto forte hanno contribuito alla crescita di questa passione e con il passare degli anni ciascuno di noi ha deciso di intraprendere studi accademici per accrescere le proprie conoscenze.

2 - Gli Overflowing nascono nel 2015 con l'idea di creare un flusso musicale in continuo movimento immerso in una realtà onirica. Abbiamo cambiato più formazioni col tempo ma questo non ci ha indeboliti, al contrario ci ha dato modo di crescere come gruppo e ampliare anche i nostri confini, musicali e di pensiero. Le influenze della psichedelia, del blues, dell’hard rock anni 70 hanno contribuito alla creazione di un sound particolare e caratterizzante.

3- Un'esibizione è un po' come uno spettacolo teatrale. Devi immedesimarti nel brano e nelle emozioni che hanno dato vita al brano stesso. È un po' da masochisti. Ma nel momento in cui sei sul palco e dai tutto te stesso al pubblico, e quella forza, quella sofferenza o quella gioia, quell'emozione che stai donando ti ritorna indietro...quando capisci di essere arrivato ad almeno una persona che sta lì davanti a te...beh, quello ripaga ogni sforzo.

4-  Tutto ciò che ci dà dubbi, che ci affascina o ci ostacola ha motivo di essere scritto. A volte è puro istinto, altre volte è una ricerca costante sul carattere un brano. Si parte da un'idea o un soggetto in particolare e da li si inizia a descrivere.

5- Jimi Hendrix, Frank Zappa, Janis Joplin, Led Zeppelin, Deep Purple, Iron Butterfly, Siouxie And The banshees, Joy division, Ultravox, RadioHead, James Blake; ma anche i nostrani Afterhours, Teatro degli orrori, Subsonica, Marlene Kuntz, Pfm, Banco del Mutuo soccorso, Le Orme...per non parlare di De André,  Guccini, Dalla e la scuola cantautorale in generale. Per non parlare poi del jazz (Coltrane, Davis, Armstrong) o della classica (Bach, Mozart,Ravel, Wagner). Tutti i nostri studi e ascolti favoriscono la commistione di generi e caratteri che cerchiamo di dare ad ogni brano.

6- Il panorama musicale odierno è un programma televisivo per passare il tempo, un gioco a premi figlio della spazzatura mediatica che ci propinano. A causa di talent in cui oramai tutto si vede fuorché talento (che non è da confondere con la tecnica) la musica è diventata purtroppo un macello e riciclo annuale che porta ad un impoverimento della qualità di sé stessa. Vince il più immediato, il belloccio, il più vendibile, ma invece di costruire il percorso duraturo a cui ogni artista dovrebbe anelare, il malcapitato vincitore ha una data di scadenza: l'inizio della nuova edizione. Purtroppo è una strada che affascina perché con poco sei subito una star...ma per chi fa musica ricercata è molto improbabile sperare di non cadere nel mattatoio dei perdenti. Fortunatamente la musica indipendente è ancora fuori a questo meccanismo tritatutto.

7- Il consiglio più grande che posso dare è: Fatelo. Credeteci e intraprendete questo percorso, che per quanto difficile e crudele ti porta in un universo dove si riscopre il piacere delle piccole cose, dei piccoli successi. Imparare di nuovo a sognare, a dedicare il tempo giusto alle cose, questo è il mondo delle arti.

Jimi Hendrix disse "Qualche volta tu vorrai rinunciare a suonare la chitarra, tu odierai la chitarra. Ma se le sarai fedele, lei ti ricompenserá"

E non aggiungo altro.

 

 Rock Targato Italia - Sono aperte le iscrizione per partecipare alla XXX/a edizione

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?