Menu

MOKA QUARTET a Rock Targato Italia - Area Emilia Romagna

MOKA QUARTET a Rock Targato Italia - Area Emilia Romagna

Si avvicina l'appuntamento con le selezioni regionali area Emilia Romagna di Rock Targato Italia in programma al Cambusa Wave in data 26 maggio. Un appuntamento particolare, nell'ambito della scena musicale italiana,  che permette. infatti, agli artisti e gruppi musicali di proporre brani proprio e originali (No Cover). Un evento da seguire con curiosità. Tra i protagonisti della giornata i Moka Quartet, di seguito la loro intervista a cura dell'ufficio stampa @Divinazione Milano -       

Nome artista Moka Quartet

-       Come sei/siete avvicinati alla musica?

Già da molto giovani, per lo più autodidatta, abbiamo sempre sentito dentro di noi l'impulso che ci spingeva ad usare il linguaggio universale della musica e la nostra lunga amicizia ha facilitato il nostro destino

-       Qual'è stata la scintilla che ha fatto scattare la fantasia e la necessita di cantare brani propri?

L'immensità dell'anima e il vuoto che l'accompagna.

Più che una cosa tangibile un momento.

E' quando arrivi a conoscere la tua solitudine, sentirne la sofferenza, riuscire a pescare i sogni dalla realtà che tutto diventa naturale. Il bisogno di scrivere canzoni è come quando sei sott'acqua e hai bisogno di respirare.

-       Con parole vostre come definireste la vostra musica?

Rock  d'autore, genuino, semplice, puro, essenziale 

-       Il nome della band o il nome da artista, come nasce?

Vista la lunga amicizia che ci lega non abbiamo fatto altro che formare un quartetto col soprannome del cantante e compositore, da sempre conosciuto come Moka

-       durante i vostri concerti cosa vi stimola a dare di più e cosa cercate dal pubblico?

Sicuramente la partecipazione e l'apporto del pubblico sono le cose che ci spingono alla massima resa nel concerto ma che il pubblico si diverta e passi una buona serata è la cosa più importante.

-       Qual'e un risultato che maggiormante vi aspettate dalla vostra produzione musicale e cosa non vorreste?

Ci aspettiamo che ci porti un po in giro, tra radio, feste e locali mettendo sempre al primo posto l'appagamento personale, poi a produzione finita quello che viene viene.

La cosa che cerchiamo di evitare assolutamente è di diventare mercato, di essere inglobati in questa pazza palla zombie rotolante che sta calpestando l'arte della musica.

-       La musica è relazione condivisione partecipazione, lavoro, economia, svago divertimento, altro?

Per noi la musica è stare bene, è coscienza, ricerca, delirio, sofferenza, libertà, è eterna, è colore. la musica è umiltà è saggezza. La musica non è barare, è vita c'è poco da aggiungere

-       Realizzare un singolo o CD o EP autoprodotto vi affidate ad un arragiatore? Contattate lo studio di registrazione?  Una volta realizzato, distribuirlo prevede un piano di lavoro,  come vi organizzate?

Ci affidiamo all'amico e compagnio di viaggio Andrea Fontanesi del Vox Recording Studio di Reggio Emilia, finora l'unico in grado di capire ed arricchire i nostri pensieri, praticamente il quinto elemento del quartet.

A lavoro finito facciamo tutto da soli, cosa che non gioca proprio a nostro vantaggio, consegnare cd ai locali, alle radio, la comunicazione sui social… così facendo si commettono errori, certo, ma poi c'è molta più gratificazione quando succedono cose belle, come esser scelti per le selezioni di Rock Targato Italia.

Non siamo figli di Onassis da permetterci una buona distribuzione e agenzia di booking e neppure riteniamo queste cose intellettualmente molto corrette, per questo siamo totalmente indipendenti.


-       Il significato di etichetta indipendente? Il suo ruolo è ancora importante?, è diminuito? non serve?  è cresciuto? qual'è la tua opinione

Per noi non hanno senso di esistere, il termine etichetta non ci piace e di conseguenza le etichette

-       Cosa fareste per migliorare in Italia l’organizzazione a livello musicale? Sale prove, produzione discografica, promozione, organizzazione concerti. Altro?

la conoscenza è il fondamento della nostra società, quindi per migliorarla inogni suo aspetto c'è solo bisogno di investire nella scuola, per quel che riguarda la musica pensiamo sia doveroso instaurare un sistema meritocratico, come nelle maggiori capitali europee , dove si investe su chi fa principalmente musica propria e nei locali o istituzioni che la pomuovono (ma questa è mera utopia nel nostro paese)

Crediamo ci sia troppo lucro attorno alla grande massa di gente che suona, troppa gente che paga per avere visibilità, per suonare nel tal posto... questo è mercato, non ha niente a che vedere con l'arte della musica e lo scrivere canzoni.

La colpa è anche di chi suona, si dovrebbe pensare meno al successo e più a SCRIVERE CANZONI , si dovrebbe suonare solo se pagati e non si dovrebbe delegare terzi a fare i nostri interessi

-       Nei vostri sogni quali sono i locali in italia dove vi piacerebbe suonare?  e quali quelli nel vostro regione di origine?

Beh! Ai nostri sogni piacciono gli stadi, dopo aver provato l'ebrezza dello Stadio del Tricolore di R.E. vogliamo San Siro o l'Arena di Verona hahaha.. a livello nazionale pure il Teatro Ariston non sarebbe male;))

Nella nostra cara Emilia Romagna, abbiamo avuto l'occasione di realizzare il sogno di suonare all'Osteria delle Dame di Bologna e siccome siamo sognatori, ci piacerebbe calcare i palchi dei vari Fuori Orario, Vibra, Vox, Locomotiv, Covo e chi più ne ha più ne metta…

-       Quali sono gli artisti che vi hanno maggiormente influenzato

Per non dovervi annoiare eccone due su tutti, Bob Dylan e Fabrizio de André. Oltre, ovviamente, ai nostri nonni e genitori, artisti del martello e la cazuola dall'enorme cuore

Cosa pensate dei talent show e in generale della musica che gira intorno?  

è triste vedere gente anche brava che si riduce a una corrida, il talento non te lo da una giuria ma te lo possono togliere, come la dignità. Stendiamo un velo pietoso

Progetti futuri?

Scrivere tante canzoni, vorrebbe dire aver vissuto ancora tante esperienze e chissà quali avventure. Unica certezza è che a fine anno si tornerà in studio per un progetto acustico, forse solista chissà e sicuramente un video dal nostro ultimo album Libera i tuoi passi. Quel che verrà sarà… ci vediamo a San Remo! ;)))

Intervista a cura dell'ufficio stampa Divinazione Milano

 

APPUNTAMENTO 

Cambusa Wave (Via G. L. Bernini 11 - Reggio Emilia) è uno studio multimediale situato a Reggio Emilia. Specializzato in produzioni audio/video il quale collabora attivamente con numerosi professionisti riconosciuti nel settore.

Per quanto riguarda la divisione audio, le figure di riferimento per lo studio sono i produttori; Roberto Drovandi e Fulvio Ferrari. I fonici:  Roberto Barillari, Dario Casillo e Nicolò Romani,  ed il fonico per la sezione live e manager Giovanni Pigino.

Il dipartimento video è sotto la gestione di Andrea Bonvicini, cinematografo e titolare della struttura

Domenica 26 maggio 2019 - inizio concerti ore 15.00

Programma:

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?