Menu
Elisa Gobbi Frattini

Elisa Gobbi Frattini

Selezioni area Veneto e Friuli per Rock Targato Italia: intervista ai "Rèver"

Loro sono i ‘Rèver', si esibiranno il 30 aprile presso il Greenwich Risto Pub & Live Music di Curtarolo (Padova) per le selezioni area Veneto e Friuli di Rock Targato Italia!

Rispondono alle nostre domande così:

Come vi siete avvicinati alla musica?

In media abbiamo diciotto anni, ovviamente ciascuno ha la propria storia, ma abbiamo tutti iniziato a far musica circa dieci anni fa. Fra di noi c'è chi è cresciuto con la musica classica, chi con il jazz, e altri che hanno conosciuto la musica suonando quello che sentivano alla radio. Nel gruppo abbiamo preso quelli che secondo noi sono gli aspetti positivi di tutti questi approcci diversi, creando un qualcosa di nostro. Scrivere canzoni nostre ci ha permesso di comunicare cose nuove, con una profondità che prima non conoscevamo. Questo ci ha fatto avvicinare alla musica, ancor più di quanto lo fossimo prima, e ha rafforzato il legame che c'è fra noi. 

Da quanti componenti è formato il gruppo e come vi siete conosciuti?

I Rêver sono formati da cinque elementi. Francesco Cenci (chitara ritmica) e Matej Sancin (batteria) si conoscevano fin​ da piccoli, e hanno sempre suonato assieme in diversi complessi. Ad una festa hanno conosciuto Massimo Bertocchi (basso), si sono chiusi in una stanza e hanno iniziato a suonare. Mancava la voce per poter suonare decentemente assieme, e Massimo ha consigliato una ragazza che aveva sentito cantare su Facebook: Margherita Fonda. I quattro hanno subito iniziato a fare musica, ma mancava ancora qualcosa che potesse rendere il tutto più completo. A settembre 2015 si è unito Gabriele de Leporini (chitarra solista).

Come definireste la vostra musica e qual è lo stile?

Definire la nostra musica sta a chi ci vuole ascoltare, dato che la creiamo anche per esprimere qualcosa (oltre che per nostro divertimento). Vogliamo trasmettere potenza ed energia, ma in contemporanea avere suoni puliti e moderni, vogliamo catturare l'orecchio dei giovani, senza però cadere nel banale, come tende a succedere sempre più spesso oggi. I nostri punti di riferimento sono vari, e vanno da Springsteen ai Bring me the Horizon, ai Mumford and Sons ai Kings of Leon; lo stile potrebbe essere definito come una via di mezzo fra gli ultimi due.

Da dove avete preso spunto per il nome della band?

''Rêver'' significa ''sognare'' in francese. Semplicemente è quello che ci piace fare tramite la musica.

Cosa ne pensate dei talent show?

Sono una realtà della musica odierna, per lo meno in Italia, che ci piaccia o no. Evitarli non ha senso, dipenderci ancor di meno. Ci sono tanti giri sporchi all'interno dei grandi talent, ed è molto facile prendersi gioco dei sogni altrui. Tuttavia non è il caso di generalizzare: ce ne sono di musicisti bravi, e c'è gente appassionata di musica, che vuole promuoverne di nuova.

Quali sono i locali nel veneto o in italia dove vi piacerebbe suonare, e quali quelli nel vostro paese di origine?

In Veneto c'è il Revolver club che ci interessa, e a volte all’ Alacover fanno degli eventi nei quali lasciano spazio per diverse band. Ovviamente c'è anche il New Age club, dove sarebbe stupendo fare da opening band. 

Ce ne sono poi tanti che ci piacciono, soprattutto a Roma e Milano, come il Lanificio159,il Satellite music club, Orion, il Rock town, ecc... Alcuni accessibili, altri ovviamente di meno. Noi siamo di Trieste, dove purtroppo c'è poco interesse per la musica emergente, ma stiamo organizzando una serata al Tetris, che apprezziamo tanto.

Avete già fatto dei live? E quale risposta avete avuto dal pubblico?

Sì. Per ora sempre abbastanza positivo. Dipendendo dalle occasioni il pubblico può essere più o meno partecipe. Suonare su Sofar ci ha aperto gli occhi alla bellezza di essere molto intimi con il pubblico, sicuramente vorremmo ripetere l'esperienza!

Di cosa ci sarebbe bisogno in Italia a livello musicale?

Dimostrare un po di appoggio in più ai musicisti emergenti, e dare una mano economicamente maggiore nelle serate, potrebbe cambiare molto le cose. Ce ne sono tanti di musicisti bravi, ma lasciar stare perché si perde la speranza è sempre più facile.

Quali sono i vostri progetti futuri? 

Stiamo finendo di registrare il nostro primo EP agli Angel's Wings Recording Studios (UD). I prossimi mesi saranno dedicati alla pubblicizzazione di esso.

Selezioni area Veneto e Friuli per Rock Targato Italia: intervista ai "Blend"

Loro sono i ‘Blend', si esibiranno il 23 aprile presso il Greenwich Risto Pub & Live Music di Curtarolo (Padova) per le selezioni area Veneto e Friuli di Rock Targato Italia!

Rispondono alle nostre domande così:

Da quanti componenti è formato il gruppo e come vi siete conosciuti?

Il gruppo è composto da 5 elementi (ultimo innesto da alcuni mesi) composto da 4 componenti dal 2010.  La band nasce da un incontro amichevole tra il cantante ed il chitarrista nel 2001. Gli altri vari componenti si sono inseriti man mano nel corso negli anni dal 2010.

Come definireste la vostra musica e qual è lo stile?

Lo stile del gruppo lo definiremo come ''BLEND'' una miscela di stili, vista anche la diversa provenienza di cultura musicale dei vari componenti.

Da dove avete preso spunto per il nome della band?

E' stato scelto cercando una parola che fosse visibile il più possibile ma inerente alla musica. In effetti oltre a miscela (BLEND), in ambito musicale può essere tradotta come armonizzare/accordarsi

Cosa ne pensate dei talent show?

Potrebbero essere una buona opportunità ma sono rivolti ad un ''gruppo'' ristretto di eletti. Sono utili per le case discografiche in quanto la parte di pubblicità/visibilità della band viene gestita da altri.

Quali sono i locali in Veneto o in italia dove vi piacerebbe suonare, e quali quelli nel vostro paese di origine?

Sicuramente ALCATRAZ a Milano. Nel nostro paese (Arsiero) non vi sono locali adatti per le band. Il più vicino potrebbe essere il TOTEM a Vicenza

Avete già fatto dei live? E quale risposta avete avuto dal pubblico?

Cantante e chitarrista hanno esperienze Live dal 2001. Con la formazione attuale abbiamo effettuato poche Date (Emergenza Festival finale Regionale) ed altri live nei vari locali della nostra zona con buona risposta da parte del pubblico

Di cosa ci sarebbe bisogno in Italia a livello musicale?

Ci sarebbe bisogno di più spazio per le band Emergenti anche a livello radio/ascolti. E maggiori eventi per dare visibilità

Quali sono i vostri progetti futuri?

Ultimare la registrazione del secondo Demo autoprodotto e portarlo in live

Selezioni area Veneto e Friuli per Rock Targato Italia: intervista ai "La Via"

Loro sono i ‘La Via’, si esibiranno il 23 aprile presso il Greenwich Risto Pub & Live Music di Curtarolo (Padova) per le selezioni area Veneto e Friuli di Rock Targato Italia!

Rispondono alle nostre domande così:

Da quanti componenti è formato il gruppo e come vi siete conosciuti?

Siamo in quattro: le voci e le chitarre di Enrico e Giorgio che oltre ad essere amici di vecchia data sono i fondatori del gruppo e anche gli autori dei brani e Francesco e Giuseppe che sono rispettivamente basso e batteria subentrati di recente al posto degli storici Simone e Vinicio che purtroppo per problemi diversi non hanno più potuto continuare.

Come definireste la vostra musica e qual è lo stile?

La nostra musica potrebbe essere definita come "rock intimo" che racchiude la dolcezza di armonie vocali con l'energia del rock, atmosfere profonde create dagli arrangiamenti di chitarre in contrasto con una ritmica d'impatto. 

Da dove avete preso spunto per il nome della band?

"La Via" è il percorso musicale che abbiamo intrapreso insieme. Una strada che ci porta a scoprire noi stessi attraverso la musica. Un percorso che ad ogni fermata ci permette di conoscere nuovi artisti, modi diversi di intendere la musica, grandi emozioni raccolte in canzoni.

Cosa ne pensate dei talent show?

Riteniamo che siano degli spettacoli televisivi pensati per ottenere audience. 

Anche se all'apparenza può sembrare che possa essere l'unica strada per emergere noi crediamo fortemente che non sia così, per questo cerchiamo di conquistare i nostri successi sul campo.

Quali sono i locali in italia dove vi piacerebbe suonare?  e quali quelli nel vostro regione di origine?

In Toscana non abbiamo ancora avuto il piacere di suonare e speriamo di poterlo fare presto ed in generale ci piacerebbe suonare nei locali storici della musica come Le Scimmie a Milano, il Piper a Roma o, tornando dalle nostre parti, al Vapore di Mestre o al New Age di Treviso.

Possiamo dire che nel frattempo qualche soddisfazione siamo riusciti a togliercela calcando il palco centrale di Sanremo in piazza Colombo; il Roxy Bar a Bologna; il palco del Ferrock di Vicenza, L'Asino che Vola a Roma.

Avete già fatto dei live? E quale risposta avete avuto dal pubblico?

Il live è un'esperienza unica e per questo cerchiamo di farne il più possibile. In quest'ultimo anno siamo riusciti a farne molti e sembra proprio che la cosa piaccia.

Di cosa ci sarebbe bisogno in Italia a livello musicale?

Ci sarebbe bisogno di un po' di cultura musicale. La voglia e la pazienza di prestare attenzione a qualcosa di diverso dal solito, la curiosità di scoprire qualcosa di inedito.

Quali sono i vostri progetti futuri?

Al momento vogliamo promuovere al meglio il nostro EP che presto uscirà nei digital store e nelle altre piattaforme digitali e continuare a fare più live possibili. Poi più avanti torneremo in studio perché abbiamo ancora molti pezzi che non hanno ancora visto la luce e vorremmo incidere.

Selezioni Trentino Alto Adige per Rock targato Italia, intervista ai 'Hush Puppies'

Loro sono gli ‘Hush Puppies’, si esibiranno il 31 marzo presso Le Bistrot di Pergine Valsugana per le finali area Trentino Alto Adige di Rock Targato Italia!

Rispondono alle nostre domande così:

Come vi siete avvicinati alla musica?

La band ha origini a Bolzano fra il 95' e 96' dall'incontro del chitarrista Roberto “Bebe” Massa con il bassista Alberto Frascati e il batterista Pietro Giacchino che, riarrangiando i vari pezzi realizzati da Roberto, danno vita agli Hush Puppies. Dopo una lunga pausa di circa 10 anni, nei quali i vari componenti fanno esperienze musicali con altri gruppi, la band si ritrova e rispolvera i vecchi pezzi inediti.

Da quanti componenti è formato il gruppo e come vi siete conosciuti?

La Band attualmente è formata da 5 componenti che formano il cuore del gruppo: chitarrista – Roberto “Bebe” Massa, bassista – Alberto Frascati, chitarrista – Mathis Pesarin, cantante – Simone Olivetti, batterista – Roberto Ratamacue formata 

Come definireste la vostra musica e qual è lo stile?

Le varie influenze musicali dei componenti si fondono in uno stile funk-rock con variazioni pop-blues e acid jazz comunque sempre caratterizzate da un groove trascinante con testi in italiano o in inglese

Da dove avete preso spunto per il nome della band?

Il nome del gruppo deriva dal slang americano usato dai pescatori per indicare delle polpette usate come pastura per i pesci e anche usata per zittire (hush) il cane o cuccioletto (puppies).

Cosa ne pensate dei talent show?

I talent show sono una merda, sono solo un business per commercializzare la musica e mettere sotto contratto artisti ritenuti potenzialmente utilili per far soldi

Quali sono i locali in Italia dove vi piacerebbe suonare, e quali quelli nel vostro paese di origine?

Non ci sono particolari locali, l'importante e che siano posti frequentati da amanti della musica dal vivo e che ha voglia ballare, divertirsi o anche bersi una birra con buona musica

Avete già fatto dei live? E quale risposta avete avuto dal pubblico

Abbiamo fatto svariati live in varie situazioni diverse, locali come pub, contest musicali, feste musicali con palchi e service più che decenti, e la risposta del pubblico è stata sempre positiva e coinvolgente

Di cosa ci sarebbe bisogno in Italia a livello musicale?

Spazi per provare, opportunità di proporre la propria musica nelle varie manifestazioni specifiche e non, più permessi ai locali per la musica del vivo, scuole e borse di studio per incentivare i giovani ma non solo per la musica classica e il conservatorio

Quali sono i vostri progetti futuri? 

L'obbiettivo della band è e sarà sempre quello di divertirsi e divertire con la propria musica a prescindere dal palco o locale in cui si riesca ad andare perchè per noi l'unica cosa che conta è l'amicizia e l'amore per la musica

Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?