Menu
Francesco Caprini

Francesco Caprini

Tre album per agosto 2018: Il Fieno, Le Fleurs Des Maladives e Capabrò.

Tre album per agosto 2018: Il FienoLe Fleurs Des Maladives e Capabrò.
articolo di Roberto Bonfanti

Estate. Tempo di zanzare, di notti sudate, di tuffi rumorosi in una qualunque pozza d’acqua, di caos ovunque e di tormentoni estivi che in questo 2018 sembrano sciamare come moscerini. Proviamo a salvarci da tutto questo con un disco pop, un disco rock e un disco d’autore.

Il Fieno, band che vede al proprio interno alcuni soggetti attivi già da tempo nell’underground musicale di Milano e dintorni, dimostra con “Riverberi” che, quando si hanno le giuste dosi di talento e sensibilità, è possibile essere pop senza cadere nel banale e, al tempo stesso, strizzare l’occhio ad alcune delle sonorità che vanno per la maggiore in ambito indie, fra delay e richiami alla new wave anni ’80, senza per questo lasciare da parte la propria personalità o appiattirsi sulla mediocrità più modaiola. Il risultato è un insieme di canzoni molto ben scritte, intrise di intimismo e spesso velate di malinconia, che non rinunciano però a melodie pulite e ritornelli esplosivi che, grazie anche a una produzione curatissima fin nei minimi dettagli, colpiscono dritti al segno già al primo ascolto.

Riffoni taglienti, batteria martellante e approccio cazzone stracolmo di ironia: questa è la sostanza dei Le Fleurs Des Maladives, trio comasco che con “Il rock è morto” condensa tutta la propria visione del mondo e della musica in un pugno di canzoni al fulmicotone figlie del punk, del grunge e del rock’n’roll più sanguigno e genuino. Una proposta musicale che sa di birra, di sudore e di sale prove polverose e che sembra provare un gusto particolare nel giocare con un mix di sarcasmo e cinismo per raccontare in modo caustico quella che loro definiscono “la grande truffa dell’indie-rock” e punzecchiare le nevrosi di quella parte di mondo incentrata sul sacro rito dell’aperitivo.

Già vincitori di Rock Targato Italia due anni fa, i marchigiani Capabrò confermano con il loro album d’esordio “Musicanormale” quanto di positivo avevano avuto modo di mostrare sui palchi del concorso: una verve trascinante e divertente che si incarna in una sorta di teatro canzone disimpegnato debordante ironia e giocosità, fra melodie pop, ritmiche da ballare, arrangiamenti puliti, atmosfere dal gusto retrò, storie surreali da raccontare e soprattutto una voglia infinita di fare sorridere gli ascoltatori. Una band originale e divertente come un circo musicale, perfetta per riempire in modo diverso la calura dei pomeriggi estivi.

Roberto Bonfanti
[scrittore e artista]

www.robertobonfanti.com

 

ORGANICO RIDOTTO alle Finali Nazionali di Rock Targato Italia

@Rock Targato Italia Finali Nazionali della XXX edizione al @LegendClub di Milano. 24 - 25 - 26 settembre. (Programma fondo all'articolo) 

Siamo in dirittura d'arrivo per quella che si presenta una finale musicale importante, ricca di talenti artistici. da seguire con interesse. Sono 17 le band che si affrontano sul palco del prestigioso locale rock milanese, per contendersi i diversi premi messi in palio da Divinazione Milano a sostegno delle qualità e della promozione degli artisti emergenti, selezionati da una giuria competente. 

sarà nostro impegno presentare, giorno per giorno, i protagonisti delle Finali Nazionali di Rock Targato Italia attraverso le interviste e i loro videoselfie: oggi i nostri ospiti sono ORGANICO RIDOTTO

Domande:

1)      Cosa ti ha spinto a diventare un musicista? Come è nata la tua passione per la musica?

La musica non è una scelta ma un’esigenza. E’ lei a scegliere noi come vettori e noi ad essa ci dobbiamo abbandonare.

2)      Quale è la tua storia (o della tua band)? 

Organico Ridotto è una band nata da poco mentre i singoli componenti sono musicisti da molto tempo.

3)      Cosa provi quando devi cantare dal vivo?

La giusta tensione che prevede il comunicare con il pubblico attraverso la musica. 

4)      Come nascono le tue canzoni? Ci sono particolari fattori che ne influenzano la stesura?

Non credo esista una formula esatta. Possono essere fattori esogeni o endogeni: una storia, una notizia, un’emozione. 

5)      Quali sono i tuoi artisti preferiti e come hanno contribuito alla tua formazione musicale?

Difficile stilare una classifica o un elenco. Personalmente non ho mai fatto discriminazioni tra generi o autori. Direi che la buona musica è sempre un’influenza potente a prescindere dagli autori, esecutori o dai generi.

6)      Che cosa ne pensi del panorama musicale italiano odierno?

No comment

7)      Ci sono tanti ragazzi che vorrebbero diventare musicisti. Quali sono i tuoi consigli per loro?

Escludo possa esistere un tracciato comune a tutti i musicisti. Quello che credo sia importante  è il fine: non bisogna cercare nell’arte una forma di rivalsa o di vanesia affermazione di se stessi, piuttosto la volontà di dare il meglio di sé e di comunicare le proprie urgenze. Sicuramente è essenziale esercitare la propria creatività, di cover band ce ne sono anche troppe.

PROGRAMMA FINALI NAZIONALI

24 settembre 

Andrea Marzolla (TO)Pervinka (MO)  – Nylon (PV) -  Blank (AN) – Lo Stato delle Cose (MI) - Generale D (AG)

25 settembre

The Travel Mates (CH) - Inside The Hole (PA) - Vxa Rockband (TO) - Rolling Carpets (VE) - Under the Snow  (MI) - Ground Control (RE)  

26 settembre

Dei Perfetti Sconosciuti (LU)Organico Ridotto (CH) – Bakan Rock Gang (Capodistria SL) - The Fool (VA) – Roccaforte (AL)

SONO APERTE LE ISCRIZIONE PER PARTECIPARE ALLA NUOVA EDIZIONE DI ROCK TARGATO ITALIA

Info: ufficio Stampa Divinazione Milano

cell. 393 2124576

JACK ANSELMI: "Libero" nella playList "I Colori dell'estate"

 

Play-List

 

“I COLORI DELL’ESTATE”

 

La musica indipendente, by Rock Targato Italia

 

 Su spotify: https://goo.gl/ScsQcU

 

 Realizzata da: Divinazione MilanoLele Battista e Roberto Bonfanti

 

 La musica non è solo letteratura, storia, comunicazione, è una continua confessione, un modo della vita, di infinite vite di raccontarsi e vivere insieme. 

15 artisti, un collettivo non ufficiale, nato per dare un contributo forte a celebrare la musica, soprattutto la musica indipendente. La musica indipendente vista da artisti/artiste e band underground, le uniche in grado di generare fermento a fare nascere una nuova scena. Una scossa culturale, in un contesto dominato dalle logiche economiche “prenditoriali” in cui l'ignoranza è forte e legittimata più che mai. Aprite i vostri occhi.

Oggi siamo con Jack Anselmi. Titolo del brano  "Libero"

Il teatro canzone sposa il folk nell’era dell’eterno precariato. Un brano pungente che, con le giuste dosi di ironia e disillusione, ci racconta uno spaccato dell’Italia del 2018. "Ciao, io sono Libero. Sì, di nome, non di fatto. E, all’atto pratico, ho due figli ed uno sfratto."

Il cantautore milanese JACK ANSELMI, immerso nella sua dimensione ideale, quella del live, presenterà i brani del nuovo album “Via Emilia”, affrontando temi come i rapporti umani, il sociale, la vita quotidiana e le proprie esperienze a cavallo tra Milano e l'Emilia Romagna.

Tra atmosfere acustiche e leggere e  un suono genuino, l'artista racconterà le sue storie, i suoi pensieri e le riflessioni, affrontandoli talvolta in maniera ironica e piacevole. In un'epoca in cui si fa gara a chi alza di più la voce, l'artista ha voluto, in modo decisamente contrario, raccontare le sue storie abbassandola. 

Jack Anselmi, all'anagrafe Giacomo, ha preso parte, come cantante e chitarrista, in diverse band rock, come la Jacks Daniel’s Band o i Just Peanuts.

Jack Anselmi ha già prodotto un primo EP dal titolo “JACK” contenente 5 pezzi inediti e una cover di Massimo Riva, realizzato con la collaborazione nella produzione/arrangiamenti del chitarrista Mauro Palermo.

Con la Jack & Jack Band, invece ha pubblicato l’EP “L’America in un Bar”, preceduto dal singolo “America”. L'EP presentato in giro per l'Italia in diverse occasioni, - come aperture ai concerti di grandi chitarristi come Maurizio Solieri (Vasco Rossi), Alberto Radius (Lucio Battisti), Ricky Portera (Lucio Dalla) – ha ottenuto lusinghieri successi.

 

 

"I Colori dell'Estate"15 artisti di grande qualità: Martinelli SottoponziopilatoNOTFabio CintiIL FIENO Marian TrapassiGABENAlia Roberto CasanoviUliBeatrice Campisi Fabio MercuriGiuseppe Fiorii, Giacomo Jack AnselmiAndrea DevisMaurizio Icio Caravita

 

MusicOff - La grande comunità online per musicisti Corriere Tv Corriere della Sera La Stampa La Repubblica XL Radio Capodistria / Musica Radio Città del Capo IlGiornaleOFF Rai1 Il Messaggero.it Claudio Formisano Radio Popolare Rock Targato Italia (Italian music lovers) musica.com Radio2 Musica LIVE music blog :: Concerts, Festivals, Culture, News & More

 

Ufficio Stampa Divinazione Milano

 

 

Fabio Concato & Paolo Di Sabatino Trio in “Gigi”

Martedì 31 luglio 2018

Fabio Concato & Paolo Di Sabatino Trio in “Gigi”


Da sempre, per voce, stile e ironia, il lavoro artistico di Fabio Concato rappresenta un eccellente punto di incontro tra una raffinatissima canzone d'autore e il grande filone della musica jazz.

Nel corso degli anni, ha saputo ritagliarsi uno spazio importante per le sue canzoni, narrando in modo molto personale le piccole grandi storie della quotidianità.

Passato dall’importante crogiolo artistico del Derby di Milano, pubblica il suo primo disco nel 1974, ma è nel 1982, con il lavoro “Fabio Concato”, che l’artista mette a fuoco il suo percorso e raggiunge il successo, confermato con l’album, omonimo come il precedente, del 1984. Figlio di una poetessa e di un musicista, Gigi, autore e divulgatore di musica jazz, il DNA di Fabio sembra essere sempre più focalizzato sul linguaggio jazz, dialogando musicalmente con esponenti importanti, tra cui Julian Oliver Mazzariello e Fabrizio Bosso.

L’amore di Paolo Di Sabatino per le canzoni di Fabio Concato è la genesi dell’ultimo album “Gigi”, uscito il 12 maggio 2017 per Egea Music, che rivisita alcuni successi di Concato, arrangiandoli con sonorità vicine al jazz acustico.

Dell’ultimo disco Fabio dice «Gigi è mio padre. Ascoltava molto jazz - la sua musica preferita - insieme a quella brasiliana…per festeggiare i miei 40 anni di musica, scritta e cantata ho deciso di farmi un regalo: reinterpretare in chiave jazzistica alcune mie canzoni con l’aiuto di Paolo Di Sabatino. Gigi, chissà se ti piacerà?» (Fabio Concato)

Fabio Concato - voce

Paolo Di Sabatino - pianoforte

Marco Siniscalco - basso

Glauco Di Sabatino – batteria

Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?