Menu

Premio fotografico PUNCTUM: Sinestesie Cromatiche

La Fondazione Maimeri con il patrocinio scientifico dell'Università degli Studi di Milano, in collaborazione con MIA -Milan Image Art Fair- e grazie alla partecipazione dell'Associazione Nazionale Fotografi Professionisti - TAU Visual- presentano la prima edizione del Premio Fotografico Punctum, Intitolato "Sinestesie Cromatiche".

Mia Fair è nata nel 2011 ed è la prima e più importante fiera d'arte dedicata alla fotografia in Italia. Come obiettivo si propone di mettere in evidenza il ruolo trasversale che la fotografia e l'immagine in movimento hanno acquisito tra i linguaggi espressivi dell'arte e del suo sistema contemporaneo. MIA Fair prevede, inoltre, un vasto programma culturale, con eventi e conferenze, che mira a sostenere un collezionismo consapevole con approfondimenti e ospiti di rilievo nel panorama artistico italiano e internazionale.

Partecipare al concorso permetterebbe di ottenere svariati vantaggi quali una certificazione estetica per la fotografia proposta. Inoltre, i lavori dei partecipanti vincitori verranno presentati nella prossima edizione del 2021 di MIA -Milan Image Art Fair- e una selezione di opere verrà esposta, sempre durante il 2021, presso il Museo Marino Marini di Firenze e in seguito anche in una sede milanese di prestigio. Il premio finale verrà accompagnato da un volume in cui saranno raccolte le fotografie vincenti insieme a quelle più meritorie, corredate da testi che avranno il compito di approfondire il lavoro di ciascun autore. L'iscrizione è rivolta a tutti i fotografi e gli artisti, professionisti e non, che lavorano con il medium fotografico.

Le iscrizioni saranno aperte fino al 18 luglio 2021 e per avere la possibilità di partecipare al concorso è necessario registrarsi sul sito del Premio e scaricare il regolamento.

Blog: Rock Targato Italia

Stefano Romano: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

Chant: il nuovo singolo di Mattia Cupelli

Dogmatismo e sacralità. Queste sono le parole chiave per decifrare CHANT, uno dei brani più importanti di RUINS. Un lungo assolo di piano elettrico pesantemente processato fa da preludio a un’esplosione di synth e cori." – afferma Mattia Cupelli su ‘CHANT’, il terzo singolo tratto da ‘RUINS’, il nuovo album in arrivo in tutti i Digital stores il 9 luglio per l’etichetta discografica Believe Digital Distribution.

Anticipato dai precedenti singoli ‘Monolith’ – un brano evocativo e vibrante il cui video riprende magnifiche e sontuose statue riconducibili all’arte classica, una riflessione sull’identità umana in correlazione con il tempo, e di come l’uomo vi si interfacci attraverso l’arte - ed ‘Egeria’ – un brano dal forte impatto emotivo, attraversato da una grande componente spirituale e mitologica riconducibile al contesto della cultura dell’Antica grecia, presente in tutto il disco – ‘RUINS’ è il terzo album di Mattia Cupelli.

Affascinato da artisti di fama mondiale, tra cui nomi del calibro di Nils Frahm, Nicolas Jaar e David August, Mattia Cupelli emerge nella scena neo classica grazie alle sue canzoni cariche di pathos ed emotività, imparando l’arte di far coesistere strumenti acustici ed elettronici in modo tale da produrre, nei suoi brani, un suono uniforme capace di unire due aspetti fondamentali ma opposti della musica: l’acustica e l’elettronica.

RUINS’ rappresenta una rinnovata direzione artistica per Mattia Cupelli, dove strumenti tradizionali si fondono con synth dilatati, tra attimi più riflessivi e introspettivi (come in ‘Eurydice-Chant’) che si alternano ad altri rarefatti e momenti euforici (‘Egeria’) che scandiscono il ritmo e l’andamento tematico del disco, legato da un unico filo conduttore: il Tempo, e di come l’essere umano si interfaccia con esso attraverso l’Arte imparando ad apprezzarla non solo per l’aspetto estetico, ma anche da altri punti di vista come il significato simbolico e intrinseco dell’opera d’arte.  

 

Blog: Rock Targato Italia

Stefano Romano : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

Dimora Artica: Siamo venuti per guardare

Dimora Artica presenta Siamo venuti per guardare, prima mostra personale di Lorenzo D’Alba. La mostra, che si tiene dal 31 maggio al 2 luglio, indaga il tema dell'atto creativo e del suo rapporto con la diversità rispetto al canone.
La ricerca nasce dalla consapevolezza del potenziale dormiente dell’atto creativo umano. La relazione con il mondo fuori di sé, l’assimilazione e la comprensione dell’altro vivono per lui nella contrattazione costante tra superficie e spazio, tra plastica e sperimentazione dei materiali. La pratica dell’artista parte da un immaginario soggettivo nel quale le suggestioni si mescolano a fascinazioni di un altrove misterioso, per dare luogo a paesaggi sconosciuti ma in un certo modo familiari, dove il mondo dell’immaginazione si tramuta in forme plastiche e narrazioni visive. Il nome della mostra trae ispirazione da Storia della tua vita di Ted Chang, racconto secondo il quale il rapporto con l’altro può avvenire a pieno solo se si è in grado di guardare il mondo anche dal suo punto di vista. Allo stesso modo l’artista plasma ed educa le proprie storie per farle diventare realtà autonome, paesaggi abitati e abitabili che insegnino a chi le esperisce a immedesimarsi in un altrui prima sconosciuto.
Presso Dimora Artica sono esposti un ciclo di acquarelli e alcune sculture realizzate da Lorenzo D’Alba, i quali convivono con un’installazione che occupa tutto l’ambiente espositivo, trasformandolo in una natura grottesca. Infine un wall drawing si sviluppa lungo le pareti in volute e pittogrammi di ascendenza preistorica. L’intervento dell’artista non viene effettuato su un punto specifico, ma è pensato per colonizzare qualsiasi spazio gli venga concesso, sia esso una parete bianca o un interno domestico, dove spalancare nuove dimensionalità.

Blog: rocktargatoitalia.eu

Stefano Romano: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Leggi tutto...

ArtVerona Digital: appuntamenti d'arte in digitale

In questo periodo di pandemia, il mondo dell'arte si trova in grande difficoltà a causa delle restrizioni che costringono i musei e le gallerie a rimaneStefano Romanore chiusi causando ingenti perdite economiche. Una soluzione pratica è quella di adottare un metodo di fruizione delle opere in digitale.

ArtVerona Digital, in collaborazione con Artshell e ANGAMC, propone un programma di diffusione dei lavori artistici suddiviso in 4 appuntamenti online, ciascuno della durata di un giorno, dalle 9 alle 21. Tramite questa iniziativa le gallerie partecipanti hanno la possibilità di presentare le proprie ricerche artistiche inerenti a un tema specifico. In occasione della Giornata Internazionale dei Musei, tenutasi il 18 maggio, è stato organizzato un appuntamento digitale, progettato da ICOM-international council of museums, tramite il quale le gallerie partecipanti hanno presentato opere che sono esposte nelle mostre, nei musei e nelle istituzioni italiane e internazionali. ArtVerona ha deciso di coinvolgere le fondazioni che nel 2020 hanno partecipato a Level 0, permettendogli di presentare le loro iniziative di quest'anno. Il programma di ArtVerona Digital proseguirà il 5 giugno in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente e si concluderà il 26 novembre con il Black Friday dell'arte contemporanea. Se si è già visitato il sito di ArtVerona Digital, con le stesse credenziali si potrà accedere alla piattaforma, implementata da Artshell. Se, invece, non si è ancora registrati si può creare un account e accedere alla piattaforma dall'homepage del sito di ArtVerona.

Sostenere questo tipo di iniziative è fondamentale per tentare di aiutare innumerevoli musei e istituzioni che, a causa della pandemia, stanno vivendo un momento di grande difficoltà.

 

Blog: rocktargatoitalia.eu 

Stefano Romano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?