Menu

"LIVE", il ritorno di FRANCESCO BELLUCCI

 Milano, 23 novembre 2020  

Comunicato stampa 

 

“LIVE!”  

il primo album dal VIVO di  

FRANCESCO BELLUCCI  

Dal 27 novembre disponibile in tutti i web store  

L’album è pubblicato dall’etichetta: Terzo Millennio 

 

Il 2020 è stato un anno particolare per Francesco Bellucci, impegnato nella pubblicazione del suo secondo album, “Situazioni sconvenienti”, premiatissimo dalla stampa specializzata, senza avere avuto l’opportunità di poterlo presentare in concerto nei live-club e festival nazionali. Il disco annunciato per il marzo 2020, a causa del lockdown è stato poi pubblicato a fine settembre. 

LIVE! è un disco che nasce dall’idea di lasciare una testimonianza e un antidoto a questo anno di rinunce. Una sorpresa e un regalo a tutti coloro che avrebbero voluto esserci. 

I sette brani di “LIVE!” sono stati registrati in presa diretta durante l’unica esibizione di Francesco Bellucci che è stato possibile organizzare; a Salerno alla fine di settembre. 

Nel concerto, all’Arena del Mare di SalernoBellucci parla, scherza, racconta di sé e si confessa a chi lo ascolta. Tra il senso di libertà, il sarcasmo e i suoni più hard rock de “Il mondo sta girando”, fino all’intimità di “Vuoto” e “Che sfiga però”. E non resta fermo: si prende la rivincita sulle fatiche e sulle difficoltà affermando una fiducia verso il futuro in “Domani andrà meglio”, per poi tirare fuori gli artigli nella conclusione dissacrante di “Stanotte uccido mio padre”.  

In questo 2020, che ci ha costretto alle distanze, soprattutto nella musica dal vivo, “LIVE!” ci permette di incontrare la grinta e la naturalezza sul palco di Bellucci. L’artista, infatti, si dimostra perfettamente capace di plasmare l’ambiente dell’Arena a seconda di ciò che vuole suscitare, passando con disinvoltura dall’attitudine da rockstar ad un romanticismo mai smielato.   

Il concerto è stato interamente video registrato. Per tutti i brani in scaletta sono stati realizzati dei videoclip che saranno pubblicati a puntate sul canale YouTube dell’artista. Sarà quindi possibile rivivere le atmosfere del concerto di Francesco Bellucci all’Arena del Mare di Salerno.  

Il disco è pubblicato dall’etichetta Terzo Millennio Records. Tutti i brani del concerto sono estratti dall’album “Situazioni sconvenienti” (2020 ad eccezione della prima e quinta traccia,   presenti in Siamo Vivi” (2017). 

Musicisti  

Batteria: Eric Ombelli  

Basso: Davide Lodesani  

Chitarra: Marco Mazzuoccolo  

Chitarra: Francesco Bevini  

Missaggio e mastering: Davide Guerri  

 

Tracklist  

1) Il mondo sta girando  

2) Qualcuno ti pensa ancora  

3) Che sfiga però  

4) Vuoto  

5) Vivere davvero  

6) Domani andrà meglio  

7) Stanotte uccido mio padre  

 

IL FATTO QUOTIDIANO: Cantautori come Francesco, è quel che di questi tempi, musicalmente bui, fa ben sperare.  

ROCKIT: Francesco ci regala 9 perle di rock sincero e genuino.  

ROCK REBEL MAGAZINE: Il mondo visto in nove tracce, attraverso la trasparenza di un artista a cuore aperto. Francesco Bellucci.  

TUTTOROCK MAGAZINE: Un disco che fa bene alla musica italiana, che va ascoltato tutto di un fiato.  

DISTOPIC: 7,8/10 Senza dubbio uno dei migliori dischi italiani del 2020.  

MUSICALNEWS: “Situazioni sconvenienti” è ineccepibile da qualunque punto di vista lo si guarda.  

FARE MUSIC: 4/5 Finalmente un cantautore con il fuoco dentro. La musica ne ha un gran bisogno.  

IT MAGAZINE:“Situazioni sconvenienti” è una raccolta del caleidoscopico spettro di emozioni che configurano le relazioni umane. 

TRAKS MUSICA INDIPENDENTE: Nove canzoni forti e d’impatto, destinate a trovare consenso e anche a funzionare bene dal vivo. 

 

Facebook: https://www.facebook.com/ilBelluc/   

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCDERiUJvOCr8iS4CDX9IfrQ   

Instagram:  https://www.instagram.com/ilbelluc/?hl=it   

 

NADIA MISTRI – GIOVANNI TAMBURINO  

Divinazione Milano S.r.l.   

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network   

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano   

e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   

web: www.divinazionemilano.it  

Leggi tutto...

I colori dell’autunno 2020

La musica indipendente, by Rock Targato Italia

SPOTIFY: https://spoti.fi/36F5qdK 

Realizzata da: Divinazione Milano e Roberto Bonfanti (scrittore/artista)

L’autunno è iniziato da più di due settimane però, vista la vicinanza delle finali di Rock Targato Italia, era giusto fare un passo per volta rimandare di qualche giorno la pubblicazione della tradizionale playlist stagionale. Ancora una volta abbiamo provato a scattare un’istantanea di ciò che si muove nel sottobosco musicale italiano trovando l’ennesima conferma che, a dispetto dei luoghi comuni, c’è ancora molto da scoprire, fra cantautori coraggiosi, rocker tenaci, artisti fuori da ogni schema e talentuosi autori pop.

Lucio Leoni - Il fraintendimento di John Cage

Un attento osservatore delle dinamiche umane con un brano moderno e personale.

Gran Zebrù - Mr.Turn

Fra alternative rock e canzone d’autore. Chitarre sporche e malinconia.

Giovanni Lindo Ferretti - L’imbrunire

Lo sguardo chirurgico di Ferretti si posa sul 2020 e lo viviseziona.

Charles Muda - Tutta pubblicità

Trap? Pop? Rock? Punk? Forse l’unione di tutto questo. O forse qualcos’altro.

Francesco Bellucci - Stanotte uccido mio padre

Un cantautore rock dalla scrittura tanto diretta quanto stratificata e irriverente.

Roberto Casanovi - La mia calligrafia

Malinconia, poesia, delicatezza e un emozionante senso di fragilità.

Stefania Tasca - Oceano

La dimostrazione che si può suonare pop contemporaneo anche senza banalità.

Francesco Sacco - Berlino Est

Un brano raffinatissimo fra intimismo, atmosfere sognanti e aperture orchestrali sintetiche.

Rumo - Salazar

Una filastrocca surreale incastrata in un brano rap minimalissimo.

Le Rose E Il Deserto - Sabbia

La leggerezza dell’indie-pop incontra la canzone d’autore più introspettiva e minimale.

L’avvocato Dei Santi - Luci Accese

Pop dalle tinte notturne e dal retrogusto anni ’80 che non rinuncia però all’immediatezza.

Rota Carnivora - James D.

Sonorità psichedeliche a bassissima fedeltà accompagnano una filastrocca pop.

Emma Nolde - Resta

Un viaggio sincero ed elegante nell’animo di una giovanissima cantautrice.

Mastice - Preghiera

Riff di chitarra claustrofobici e ritmica massiccia. Rock, rabbia e sudore.

Emiliano Mazzoni - Senza perdere nessuno

Una voce suadente per un brano elegante nel segno della canzone d’autore.

De Mian - Senza forma

Sapore anni ’80, rock, elettronica e un pizzico di follia.

Umberto Palazzo - La riviera

Un nome storico del rock italiano ci accompagna in un viaggio balneare demodé.

Laser - Codeina

Profumo di Seattle anni ’90 per una canzone robusta e viscerale.

Riccardo Inge - Fulmicotone

Una canzone genuinamente e semplicemente pop. A volte serve anche questo.

Leanò - Autunno

Minimalismo acustico, spontaneità e tanta delicatezza.

a cura di Roberto Bonfanti (scrittore e artista) 

blog www.rocktargatoitalia.it

Leggi tutto...

Gli ascolti di ottobre: L.Leoni, Gran Zebrù , F.Sacco, F.Bellucci e S.Tasca.

Articolo di Roberto Bonfanti

Stanno crollando molte cose, in questo periodo. Crollano le certezze e le ideologie, per esempio. Ma soprattutto, nelle ultime settimane, abbiamo visto crollare parecchie maschere, da quelle delle finte divisioni fra le forze politiche fino a quelle del ribellismo di facciata di diverse star della musica nostrana. È un dato interessante, no? Questo spazio però è nato per parlare d’altro. Così, lasciando per un attimo da parte i crolli, cerchiamo di raccontare di chi sta provando a costruire delle vie interessanti all’interno della nostra canzone d’autore.

Lucio Leoni sembra un attentissimo osservatore delle dinamiche umane che riesce a raccontare con estrema lucidità e profondità. Dal punto di vista musicale, il suoDove sei Vol.1 si presenta come un lavoro inafferrabile e moderno in cui la canzone d’autore più imprevedibile incontra l’elettronica, lo spoken word, il pop e mille altre contaminazioni dando vita a un mix eterogeneo, metropolitano ma per nulla incoerente che accompagna molto bene le riflessioni quasi mai accomodanti dell’artista.

Dietro al nome Gran Zebrù si celano quattro ottimi musicisti che girano da oltre vent’anni anni, con diversi progetti, nell’underground milanese più polveroso. L’esperienza del quartetto si condensa in EP1”: un esordio in cui un rock alternativo dall’indole shoegaze si frappone fra un’anima cantautorale e una post rock dando vita a quattro canzoni bagnate di malinconia e graffiate da un ottimo sound chitarristico deviato.

Raffinatezza ed eclettismo sono le colonne su cui si basa la scrittura di Francesco Sacco. Fra pianoforte, strumenti acustici, synth e theremin, La voce umana è un album tessuto con grande delicatezza e intelligenza, ricamando atmosfere sognanti e momenti di estremo intimismo alternati ad aperture orchestali e lampi d’ironia. Un artista dallo stile elegante ma per nulla ripiegato su sé stesso.

Sarebbe un errore, ascoltando “Situazioni sconvenienti” di Francesco Bellucci, fermarsi alla prima impressione. Dietro a una facciata che richiama da vicino il lato più mainstream del rock italiano degli anni ’90, infatti, il cantautore modenese sa sviscerare una scrittura diretta, ironica, provocatoria e decisamente stratificata. Nove canzoni che ci presentano un artista sensibile dalla scrittura fresca e irriverente.

Stefania Tasca è un’artista pop. E non parliamo del pop così detto indie ma di un pop cantato da un’ottima voce e infarcito di venature black e di sonorità dal respiro mainstream internazionale. Accanto a questo però le canzoni di “Odio” riescono a porre una scrittura sincera e intima che gli donano un’intrigante vena cantautorale e le rendono fruibili a più livelli e ci dimostrano che il termine pop non deve per forza essere sinonimo di banalità.

Roberto Bonfanti
[scrittore e artista]

www.robertobonfanti.com

blog www.rocktargatoitalia.it

 

Leggi tutto...

Rock Targato Italia Premia MARIO LUZZATTO FEGIZ

MARIO LUZZATTO FEGIZ domani sarà presente al LegendClub per ritirare il PREMIO COMUNICAZIONE STAMPA RADIO E TV di Rock Targato Italia! Il premio è stato assegnato a Fegiz, storico giornalista del  Corriere della Sera , unico e originale, inventore della figura del critico musicale mainstream, come riconoscimento del suo lavoro.


A consegnare il premio domani sera alle 18:30 ci sarà Francesco Caprini ideatore del festival!
#marioluzzattofegiz #rocktargatoitalia

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?