Menu

A gianCarlo Onorato la TARGA MIGLIOR LIVE per l’affascinante tour “LITURGIE”

I PREMI DI ROCK TARGATO ITALIA EDIZIONE 2022: TARGA MIGLIOR LIVE

E’ stata assegnata a gianCarlo Onorato la TARGA MIGLIORE LIVE per l’affascinante tour “LITURGIE”

gianCarlo Onorato nell'ultimo anno ha fatto una bellissima serie di concerti molto particolare, suonando con strumenti accordati a 432Hz, in posti inusuali (spesso in piccole chiese), alternando canzoni sue e cover e mischiando il rock con diverse forme di spiritualità e diverse culture”

gianCarlo Onorato “Un artista dalla sensibilità sopraffina e dallo sguardo chirurgico capace di scavare con eleganza fra spirito e carne, elevando il primo senza dimenticare la seconda.” Roberto Bonfanti (Scrittore Artista).

foto di Francesca Collio 

 

Francesco Caprini

Divinazione Milano S.r.l. 

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network 

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano 

Tel. 02 5831 0655 mob. 3932124576  3925970778

e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

web: www.divinazionemilano.it 

Leggi tutto...

MonofonicOrchestra "Carnival"

Ci sono dei legami che durano nel tempo. Questa potrebbe essere la sintesi di questo album. Tanti anni fa, nei famigerati anni ’80 milanesi, quando Maurizio Marsico era il produttore più irregolare della scena, in avventuroso bilico tra avanguardia e dance, e Mauro Tondini, metà Tipinifini, surfava le onde dell’italo-disco, Roger Stanza, che era un fan della loro musica, era come una sorta di Mr. Wolf per i due spericolati amici. Non che lui vivesse lontano dai guai, ma rispetto a M & M poteva apparire persona sobria, e, di fatto, risolveva problemi. Diciamo che riuscì a sbloccare alcune situazioni piuttosto complicate. Da allora i tre non si sono mai persi di vista, anche se la vita, si sa, ha i suoi percorsi che tendono a prendere strane direzioni, più o meno parallele. Così Maurizio e Mauro, dopo anni di distanza ravvicinata, sempre attivi a Milano, si sono ritrovati e hanno deciso per la prima volta di collaborare, iniziando a lavorare a uno strano progetto. Un album: “Carnival”.

Carnival come quello di Rio o di Schumann, il Carnival degli animali di Saint-Saens e quello in Bourbon Street, il Carnival dei Festival e delle poltrone, il Carnival della politica e della geopolitica, il Carnival social che sterilizza qualsiasi realtà e quello infodemico che amplifica e confonde ogni emergenza. Insomma, il Carnival tragicomico della vita, che appena ti diverti è già Quaresima”.

 

Sessions fruttifere, che però a un certo punto i due ritenevano necessitassero di un terzo intervento, o meglio di un intervento terzo, qualcuno che dal di fuori risolvesse problemi. E qui torna in ballo Roger Stanza. Italo-americano, Roger ha lasciato Milano a fine di quegli anni ’80, trasferendosi a Brighton, dove seguì prima il faro dell’acid-house, DJ con il nome di *+§’ìf7 allo Zap e animatore di molti leggendari party segreti, e dove continua a vivere oggi dirigendo, fuori dal contesto musicale, gli uffici di Geography Enterprises, sulla scia delle sue specializzazioni in geografia comparata, campo in cui è un luminare a livello mondiale. Maurizio e Mauro si ricordavano delle strane produzioni che Roger gli aveva fatto sentire, e sono riusciti a convincerlo a salire a bordo mandandogli il materiale registrato – dove nel frattempo si erano aggiunte collaborazioni come quelle di Stefano Di Trapani, gli ODRZ, Francesco Zago e Massimo Mariani - e formulandogli una domanda precisa: “Che disco stiamo cercando di fare?”. “State cercando di fare un disco psichedelico, non ho dubbi”, la risposta. Alla quale i due controbatterono: “Ti va di metterci mano? Hai carta bianca”. “Ok Roger”, rispose Roger dalla torre di controllo, dove si chiuse per un weekend intero. Ne uscì con in mano delle bobine fumanti, che Maurizio e Mauro accolsero con entusiasmo, scambiandole per pizze capricciose. “Eccolo! È lui l’album!”. A uscirne un disco effettivamente multigusto dove ci sono pomodoro e mozzarella ma poi tante altre strane creature, da una Satellite Of Love che sembra una zombie jam tra Lou Reed, Phil Spector e Lee “Scratch” Perry, un inquietante messaggio telefonico ai Kraftwerk di Trans Europa Express, mutanti quadretti di piano solo, lastre noise, Moroder in oppiacei, una versione di Hoola Hoola, la hit bubblegum dei Can, che sembra uscire dalla mitologia afro-cosmic di Daniele Baldelli, scimmiesche arance meccaniche, fughe di coyote, sigle funk. La colonna sonora di un cartone animato? La simpatia malmostosa di un bad trip? Un carnevale di freaks? Il primo album della Monofonic Orchestra in line-up allargata? Senz’altro, e molto, molto di più… E tutto in un disco in vinile che è uno shock cromatico, il cui artwork “glue, scissors & colors” è stato realizzato da Roberto Giannotti intervenendo con infinite variazioni degli elementi costitutivi, ogni copia diversa dall’altra così come ogni ascolto di “Carnival” vi condurrà ogni volta in un trip differente.

https://recordu.lnk.to/carnival

https://plasticamarella.bandcamp.com/album/carnival-the-roger-stanza-sessions

www.plasticamarella.com  

blog www.rocktargatoitalia,it

    

Leggi tutto...

SNAKECHARMER - Disponibile il nuovo album dei punk rockers The Brokendolls

In un mondo di band punk rock che ripetono gli stessi vecchi cliché, The Brokendolls osano essere diversi. Il loro nuovo lavoro "Snakecharmer" è qui per testimoniarlo!!
L’album è disponibile da oggi 29 Aprile, su tutte le piattaforme digitali e di streaming online e in copia fisica.
Snakecharmer mescola riff pesanti, voci hardcore e hook orecchiabili. E' un frenetico otto volante musicale di 26 minuti alimentato dai ritmi fragorosi del loro nuovo batterista. Segna inoltre un enorme passo avanti rispetto a quanto prodotto precedentemente dalla band.
Ecco cosa dichiara  David Lee Ross, frontman dei Brokendolls:
"Amiamo profondamente la scena punk rock / action rock scandinava della fine degli anni '90", ma volevamo amalgamarla con le nostre influenze personali che spaziano dal rock and roll al metal classico. Ovviamente non stiamo reinventando la ruota qui, ma penso che suoniamo, nel bene e nel male, come nessun'altra band sulla scena".
L'album è stato scritto poco prima della pandemia e registrato durante quel famigerato lungo periodo di distanziamento sociale. Quindi, mentre la parte principale delle tracce era già stata scritta, molte nuove idee e arrangiamenti sono state definite poi durante il lockdown con uno scambio di e-mail tra Casey e Nino.
Un modo insolito, ma produttivo di arrangiare canzoni. A differenza degli incantatori di serpenti della vita reale, questo album non è stato creato per attirare le persone con il classico gusto per il rock n' roll standard e prevedibile.
Volevamo scrivere di cose che viviamo e sentiamo davvero. Nei nostri testi non c'è spazio per ragazze sexy, macchine americane o balli con il diavolo. Ho deciso di parlare delle mie esperienze personali e delle cose che amiamo”
David Lee Ross.

Tracklist
1. Snakecharmer
2. No Return
3. I Am Right
4. The Only Casey
5. Death On The Road
6. Teaching The Teachers
7. Weer All Crazee Now
8. You Will Always Walk Alone
9. I Love Myself For Hating You


Credits Album
Snakecharmer - Luxnoise Records and Tornado Ride Records.

Testi: David Lee Ross tranne "Weer All Crezee Now" di IlMetius

Musica: Casey  tranne "You Will Alwais Walk Alone di Nino / No Returns di Casey e Lester Greenowski / Weer All Crezee Now di Casey e IlMetius

Registrato ai "Casa Strana Studio" (Rovigo) da Bruno Altieri e La Distilleria (Bassano) da Maurizio "Icio" Baggio.
Mix e Master a cura di Maurizio "Icio" Baggio presso La Distilleria.

Artwork: a cura di Error Design (Barcellona - Spain)

The Brokendolls sono:

David Lee Ross : Vocals
Nino: GuitarsGiordy: Bass
Casey: Guitars
So: Drums

The Brokendolls, Furious punkrockers from Italy!!!
Amplificatori tirati a 11, tatuaggi, alcool e un attitudine Punk Rock. Se incontrate un gruppo di amici con queste caratteristiche, con ogni probabilità si tratta dei The Brokendolls. La loro storia comincia nel 2007 quando una cassa di birra ed una bottiglia di Whisky trasformano David Lee Ross nel frontman della band. E’ con l’arrivo di Casey (ex Thee S.T.P.) nel 2013 e di So (ex As I Conceit) nel 2017 che i cinque capiscano di avere quella carica esplosiva ed incontenibile che li trasforma in animali da palcoscenico live dopo live.

C’è un unico problema, una volta saliti sul palco nessuno riesce a trattenerli! Dopo il primo album d’esordio “No Ice in My Drink” i Brokendolls sono stati costantemente in giro per l’Italia e in Europa. I loro show sono sempre più coinvolgenti e spettacolari. La loro amicizia diventa più forte ed il palco diventa la loro seconda casa. L’energia inarrestabile dei Brokendolls lascia il segno anche in concerti al fianco di Backyard Babies. Hardcore Superstar, Valient Thorr, Peter Pan Speedrock, Nashville Pussy etc.

La passione per questo stile di vita e la voglia di non smettere mai di suonare, portano la band di nuovo in studio. Così, ciò che hanno da dire si trasforma in altri due Lp (Two Fiftynine e Wolves Among Sheep) e nell’ Ep Carillon Infernale.

Il Rock’n’Roll continua a scorrere nelle vene e sulla pelle dei Brokendolls ed il loro sound è sempre nuovo ed in continua evoluzione. E’ questo che troveremo nel nuovo disco “Snakecharmer”, un mix perfetto di heavy riff e attitudine punk rock.

Segui la band attraverso gli spazi social:

www.thebrokendolls.com
www.instagram.com/the_brokendolls
www.facebook.com/thefuriousbrokendolls


UFFICIO STAMPA - ASSOCIAZIONE ROCK MY LIFE

 

Dal Blog: Rock Targato Italia

 

Leggi tutto...

"OGGI E' DOMENICA" Il nuovo singolo di ANDREADIECI

In Radio e in tutti i Digital Stores

“Oggi è domenica”

Il nuovo singolo di ANDREADIECI

Pubblicato dall’etichetta: Terzo Millennio Records

Ascolta in streaming: https://frontl.ink/jrznzn0

 “Oggi è domenica” è il titolo del nuovo singolo del cantautore ANDREADIECI, disponibile a partire da oggi 22 aprile in Radio e in tutti i Digital Stores.

Abbandonate le sonorità raccolte e le riflessioni intimiste di “Un secondo”, l’artista propone qualcosa di completamente nuovo: un brano ballabile e spensierato, nel quale il desiderio di trascorrere una notte libera dai problemi fa da contraltare alla delusione d’amore appena vissuta.

Ritrovarsi con gli amici al bar, abbandonarsi allo svago che una notte tutta da bere può garantire, diventa quindi una via di fuga dai problemi di quella quotidianità che, al calar del sole, passa in secondo piano, anche soltanto per qualche ora.

«È ora di ubriacarsi! Per non essere schiavi martirizzati dal Tempo, ubriacatevi, ubriacatevi sempre! Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare», scriveva Baudelaire (Ubriacatevi! in Lo Spleen di Parigi); e sfuggire alla schiavitù del Tempo è proprio ciò che l’artista cerca di fare: con il vino, in questa domenica senza pensieri, e con la poesia, mettendo in parole e musica i suoi problemi quotidiani, che si elevano così a una dimensione artistica.

BIOGRAFIA

ANDREADIECI, nome d’arte di Andrea Di Lauro, nasce a Milano il 28 gennaio 1976. Se Andrea è il nome di famiglia, il suo nome d’arte invece nasce da un augurio per il suo futuro, il numero 10 ha molti significati: è il numero che artisticamente meglio si adatta alla sua persona, che riflette la fiducia in sé stessi perché è il numero dei campioni; è anche simbolo di moltitudine perché simboleggia un tratto della sua personalità, quello di saper imitare molte voci.

Fin dal suo approccio alla musica in età adolescenziale, si capisce che Andrea ha il potenziale di un artista poliedrico: all’ascolto di musica rap, soprattutto dei brani dei sottotono e degli Articolo 31, affianca quello di Antonello Venditti, Claudio Baglioni e Alberto Camerini.

Conosce la musica americana durante il liceo, avvicinandosi al blues americano e al gruppo musicale dei Doors e dei Dire Straits, che diventano importanti punti di riferimenti per “I Semplici”, il suo gruppo musicale. Col tempo, il gruppo cambia nome in “I Nativa”, avvicinandosi al mondo dei Nirvana, del rock, feste e concerti.

A vent’anni frequenta il QG Studio, i B-Nario e gli Indako; al tempo stesso affianca al lavoro una sua produzione personale: prende in mano la chitarra e inizia a comporre le sue canzoni. Milano è stata il suo palcoscenico: non solo perché suona in locali quali il “Legend”, il “Tunnel” e le “Scimmie”, ma anche perché gli permette di isolarsi per conoscere meglio sé stesso e al tempo stesso di stare immerso tra la gente.

Tutto ciò permette di intuire la profonda curiosità che lo contraddistingue: gli piace definirsi un autodidatta cresciuto per imitazione, preparato, dinamico, creativo e riflessivo. Innamorato di Morrison e di Gianluca Grignani, Ungaretti e Rimbaud, si fa chiamare “un ragazzo di strada” (citando quelli che lui stesso chiama “i mitici Corvi”).

Ha lavorato per 10 anni con il gruppo musicale dei B-Nario come tecnico, tour manager, occupandosi dell’organizzazione dei concerti e assistendoli in studio. Ha conosciuto Alioscia Arioli, musicista e produttore musicale (che ha collaborato per 7 anni con Gianluca Grignani), con cui ha collaborato per l’arrangiamento del singolo Mary Love, una sorta di favola, metafora dei sentimenti e dei comportamenti umani analizzati attraverso una chiave musicale rock. Nel gennaio 2022 ha già pubblicato il singolo “Un secondo”

NEL WEB:

Facebook: https://www.facebook.com/andrea.dieci

Instagram: https://www.instagram.com/dieciandreaofficial/

 

GIUSEPPE MARTINO – PAULA RUCOI

Divinazione Milano S.r.l. 

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network 

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano 

Tel. 02 5831 0655  mob. 3925970778

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

web: www.divinazionemilano.it

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?