Menu
Francesco Caprini

Francesco Caprini

MaLaVoglia a Rock Targato Italia

Al LegendClubMilano di Milano la rassegna Rock Targato Italia XXX edizione. Cerchiamo di conoscere meglio gli artisti in programma con una intervista a cura dell'Ufficio Stampa Divinazione Milano

Noi siamo i MaLaVoglia...   la band, il genere, cosa pensiamo dei talent, dei social, della scena musicale e i nostri progetti futuri

Ci siamo tutti avvicinati  sin da piccoli al mondo della musica e ognuno di noi ha portato avanti un suo percorso personale,artistico e di vita, durante gli anni... fino a quando non ci siamo ritrovati a convergere tutti su questa stessa strada.

Siamo in sei. Due chitarre, tastiere, batteria, voce e basso.

Il nostro nome è soltanto un richiamo ai MaLaVoglia di verga. In realtà è inteso proprio come "MaLaVoglia di fare, provarci, crederci, vivere..." e tutto ciò che di bello può esserci per chi insegue un sogno.

La nostra musica deriva dalla nostra voglia di proporre, di fare, di creare e di vivere questa nostra realtà che ci siamo creati col tempo. Come? Raccontando del mondo, di vita, dei paradossi assurdi in cui tutti viviamo la nostra quotidianità...talvolta immaginando contesti surreali, a volte invece soltanto raccontando cio che vedo.

I talent dovrebbero e potrebbero essere una buona via per poter avere visibilità, ormai, in realtà, sono diventati l'unica. O una delle poche. Il talento, inserito in un talent, può avere possibilità di esprimersi.

La musica vera rimane, però, quella al di fuori dei talent. È meno costruita. Secondo nostro modesto parere.

Abbiamo avuto la fortuna di suonare in diversi contesti importanti e in tante situazioni belle, locali o eventi.

Non abbiamo una preferenza di locali. Vogliamo suonare, punto.

Locali da noi, nel Milanese, ce ne sono diversi. Ci piacerebbe il Memoclub di Milano e il live di Trezzo.

Il problema vero è che un'organizzazione non c'è. Si va su ciò che va al momento o cosa fa più comodo proporre e così non si apre nessuno nuovo circolo. L'aria è viziosa, le band (per lo più cover) che si alternano nei locali e nei circoli arci sono sempre le stesse. Non c'è una programmazione  per diversificare e alternare gli artisti dal vivo e anche il pubblico, dopo un po', è sempre lo stesso. Così non si creano i presupposti per creare nuovi giri, mischiare idee, collaborazioni...è tutto un circolo vizioso.

Basterebbe dare più possibilità a tutti, avere un po' più di coraggio.

Oggi i social sono diventati fondamentali.. ma anche lì, come i talent, la cosa è sfuggita di mano. Non si capisce più se conta di più un artista valido o uno con più seguito sui social.

I nostri progetti futuri sono quelli di portare la nostra musica in giro, cercando live e possibilità per farci ascoltare. Abbiamo un Ep pronto e stiamo definendo i brani da inserire in un album. Abbiamo intenzione di fare uscire un singolo in primavera e di portarlo in giro grazie ad un tour. Abbiamo voglia di essere ascoltati. MaLaVoglia di fare musica, è sempre tanta.

 

Bruschetta Brothers "Anglicismi a Minchiam" videopromo Rock Targato Italia

 

 

Cecio è un grande musicista ma anche un bravissimo attore e un istrione nato. Tutti i componenti dei #BruschettaBrothers sono bravi e avete modo di verificarlo voi direttamente, ascoltando il loro brano "Anglicismi ad Minchiam" sulla compilation di #RockTargatoItalia "Ignoranza e pregiudizio" al Link della compilation su Spotify: @https://goo.gl/hA5mwG

Ufficio stampa @Divinazione Milano

Bruschetta Brothers "Anglicismi a Minchiam" videopromo Rock Targato Italia

 

 

Cecio è un grande musicista ma anche un bravissimo attore e un istrione nato. Tutti i componenti dei #BruschettaBrothers sono bravi e avete modo di verificarlo voi direttamente, ascoltando il loro brano "Anglicismi ad Minchiam" sulla compilation di #RockTargatoItalia "Ignoranza e pregiudizio" al Link della compilation su Spotify: @https://goo.gl/hA5mwG

Ufficio stampa @Divinazione Milano

VEGA'S a Rock Targato Italia - Milano LegendClub

Parte dal 22 gennaio al LegendClubMilano di Milano la rassegna Rock Targato Italia XXX edizione. Cerchiamo di conoscere meglio gli artisti in programma con una intervista a cura dell'Ufficio Stampa Divinazione Milano

- Nome artista: Vega's

- Come vi siete avvicinati alla musica?:

--Andre Vox
<< Dicevano che i cantanti cuccavano un sacco, avevano ragione>>

--Andre Drum (Bison)
<<Mio padre ha sempre ascoltato stazioni radio che trasmettevano musica rock e io ho fatto lo stesso ... nonostante siano passati un po' di anni, non ho mai voluto cambiare genere>>

--Dott Rob
<< ...con cautela! >>

--Ivan
<<È la musica che si è avvicinata a me....la chitarra ha saputo che frequentandomi avrebbe avuto ottime possibilitá di rimorchiare >>

--Mike
<<all'età di 11 anni suonando prima il corno francese"il budello". Poi la tromba fino a 16 anni. A 14 anni il primo cd dei The Clash ed infine a 18 anni il primo basso elettrico >>

- Da quanti da quanti componenti è formato il gruppo, e come vi siete conosciuti?:

--I Vega's sono:
Andrea Spinelli "Andre" voce dei Vega's.
Come membri onorari, Roberto Brigatti e Ivan Arena. Il primo Dott Rob, scrittore e poeta errante, con quel fare scorbutico e sfacciato da vero punkrocker. Il secondo, Ivan "quello studiato", suoi gran parte degli arrangiamenti e pazienti notti di ricerca per suoni e/o rumori.
Al basso Michele Moretti, "Mike" ma senza "fat" anche se ci stiamo lavorando sodo!
Infine ad abbassare l'età media la sezione ritmica il cuore pulsante Andrea Allevi, il maestro Allevi, anche si detto "the Bison".

La radice del gruppo si forma con l'incontro, tramite un social per artisti, tra Dott Rob e il Bison, con larrivo poi di Ivan. I tre hanno scritto e in parte abbozzato delle registrazioni con le idee che Dott Rob teneva nel cassetto da qualche anno.
Poi la ricerca degli elementi mancanti, dopo un po di stalking e provini vennero trovati dei papabili, che poi furono, una voce graffiante ed un basso basseggiante! 

- Con parole vostre come definireste la vostra musica?

--La nostra musica è rock cantato in italiano con varie contaminazioni dovute ai diversi generi che hanno accompagnato le adolescenze e le vite dei compositori. In sostanza se quello che passa per la testa a colui che scrive piace anche agli altri si fa, anche se si trattasse di una canzone liscio.

- Come nasce il nome della band?

--Vega's perchè amo Tarantino e i testi hanno un non so che di pulp qua e là...ed i fratelli Vega mi hanno ispirato 

(Dott Rob)

- Cosa ne pensate dei talent show e in generale della musica che gira intorno?

-- il talent è un modo fantastico per farsi conoscere e per imparare, si ha la possibilità di confrontarsi ed essere corretti da artisti veri, ridurremmo però la valutazione tecnica dell'artista per valutare di più il contenuto a livello di messaggio del testo. Il testamento artistico del significato è importante e quasi fondamentale.

- Avete già fatto dei live? E quale risposta avete avuto dal pubblico?

--Nei live la risposta del pubblico è stata ottima,ci ha sinceramente sorpresi.
Anche per questo forse nei molti momenti di difficoltà nessuno di noi ha ancora gettato la spugna.
Abbiamo dei pezzi onesti che chiedono solo di esser suonati dal vivo.

- Quali sono i locali in italia dove vi piacerebbe suonare?  e quali quelli nella vostra regione di origine?

--Dove almeno ti pagano in birra e panini (versione realistica)
Ci piacerebbe suonare nei vari templi del rock dove abbiamo assistito ai concerti delle nostre band preferite...l'elenco è lungo. (Versione utopica)
Non c'è una preferenza particolare, il poter aprire un palco agli artisti per noi fondamentali sarebbe già motivo d'orgoglio. 

-  Cosa fareste per migliorare in Italia l’organizzazione a livello musicale?

-- Per migliorare l'organizzazione a livello nazionale non siamo noi le persone a cui chiedere...non sapremmo!?!?

Noi nel nostro piccolo possiam solo portare in giro la nostra musica in locali dove già per il fatto che non fai cover sei svantaggiato...ma ai Vega's piace partire senza che nessuno si aspetti qualcosa di buono da loro.


- Cosa ne pensate della promozione, dei Social e della musica distribuita dai negozi virtuali?

--La musica promossa sui social perde forse un pò del romanticismo che si respirava in un negozio di dischi ma è necessaria e al passo coi tempi.

- Quali sono i vostri progetti futuri?

--visto l'ultimo periodo, di malattie e complicazioni, come direbbe un puro razza Mustang nel Wyoming innevato... <<sopravvivere all'inverno>>

Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?