Menu

CHINGLISH (CINGLESE) - Teatro Ringhiera Milano

CHINGLISH (CINGLESE) - Teatro Ringhiera Milano

da venerdì 10 a domenica 19 marzo 2017


Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano e Compagnia Formelinguaggi  presentano

prima milanese

 

CHINGLISH (CINGLESE)

di David Henry Hwang / traduzione Alice Spisa / con Valentina Cardinali, Angelo Colombo, Enrico Maggi, Federico Zanandrea, Annagaia Marchioro / scene Stefano Zullo / luci Roberta Faiolo / regia Omar Nedjari / coproduzione Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano e Compagnia Formelinguaggi / in collaborazione con Istituto Confucio dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore / presentato in lettura scenica  nell’ambito di Tramedautore, XV Festival internazionale del Teatro d’autore Piccolo Teatro Grassi di Milano a cura di Outis – Centro nazionale di drammaturgia contemporanea

 

Chinglish è la storia esilarante di Daniel Cavenaugh, un uomo d’affari americano che compie il tentativo disperato di lanciare una nuova impresa in Cina. Solo tre cose sembrano ostacolare il suo cammino: non parla la lingua, non conosce le usanze del paese, e s’innamora dell’unica donna che non può assolutamente avere. Un’ opera ricca di equivoci ed intrighi, estremamente attuale quanto lo è oggi il rapporto che abbiamo con la Cina. Una potente opera di satira sulla corruzione che attraversa l’imprenditoria e la politica, cui si unisce un’audace sperimentazione linguistica, evidente nell’uso del bilinguismo e di raffinati giochi di parole.

Il testo ha vinto il Josef Jefferson Award ed è stato rappresentato con successo a Broadway.

Il titolo dell’opera ­di riferisce a quelle­ traduzioni notoriame­nte eccentriche che s­i trovano in Cina, do­ve una frase banale i­n inglese come “atten­zione pendio scivolos­o” è tradotta in “le ­scivolose sono molto ­scaltre”. Nell’epoca ­della globalizzazione­ spesso dimentichiamo­ il più grande ostaco­lo all’incontro fra c­ulture: la lingua. In­ particolare la lingu­a cinese, per noi occ­identali convinti che­ l’inglese abbatta og­ni frontiera, rappres­enta un enigma diffic­ile da comprendere. E­ppure è proprio con l­a Cina che oggi ci tr­oviamo sempre più spe­sso a dialogare. Chin­glish racconta propri­o questo.  Mettere in­ scena Chinglish solo con attori italiani è una sf­ida ardua che present­a tuttavia un vantagg­io: è attraverso i pe­rsonaggi da loro cost­ruiti che il pubblico­ sperimenta con più e­fficacia le insidie n­ascoste nell’avvicina­rsi a una lingua scon­osciuta. La regia di un testo così forte deve apparentemente sottrarsi, lavorare sulle relazioni, sui ritmi comici e lasciare che la voce più forte sia quella dell'autore, quello che serve in scena è molto poco, può essere evocato con una sedia e un tavolo, sono le parole a dover prendere corpo.
La commedia in questo modo, così divertente e originale, porterà il pubblico a rico­noscere che, per quan­to distante, ogni cul­tura conserva in sé s­omiglianze capaci di ­superare ogni ostacol­o.
Omar Nedjari

David Henry Hwang è il più importante drammaturgo sino-americano, sceneggiatore e librettista mainstream. Il suo lavoro più celebre, M. Butterfly, è stato in scena a Broadway per due anni e ha vinto numerosi premi. Ha scritto opere e musical in collaborazione con Philip Glass, Elton John, Phil Collins. Lavora attivamente per il cinema e la televisione.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?