Menu

Milano l’autrice Vanna Vinci e Balthazar Pagani di 24 ORE Cultura presentano la Graphic Novel TAMARA DE LEMPICKA graphic novel di Vanna Vinci pubblicata da 24 ORE C

Mercoledì 6 maggio 2015 alle 19.30
presso Spazio b**k
via Porro Lambertenghi, 20 – Milano
l’autrice Vanna Vinci e Balthazar Pagani di 24 ORE Cultura
presentano
la Graphic Novel

TAMARA DE LEMPICKA
graphic novel di Vanna Vinci
pubblicata da 24 ORE Cultura
a seguire booksigning

“Tamara de Lempicka sarebbe felicissima di questa graphic novel di Vanna Vinci: era una vera star dalla vita spericolata, ora è una popstar, un’affascinante trasgressiva elegante eroina da fumetto!”
Gioia Mori

Tamara nasce in una ricca famiglia di Varsavia – nel 1898, dicono i suoi biografi, ma le date non sono fatte per le signore: Tamara è sempre giovane e sempre moderna, sempre bella e spregiudicata. Imparò a conoscere la bellezza viaggiando giovanissima a Firenze, Roma e Venezia; il giorno dopo le nozze con un nobile playboy, si lasciò corteggiare da un diplomatico siamese; incontrò Marinetti e con lui decise di andare a bruciare il Louvre; frequentò assiduamente festini omo ed etero sessuali, non negando nulla al suo erotismo, ma si trovò anche costretta a fuggire prima dalla rivoluzione bolscevica, poi dall’Europa delle persecuzioni naziste, per ricrearsi una esistenza negli Stati Uniti.
La sua vita, dunque, ben si presta al racconto e la matita di Vanna Vinci ne restituisce tutta l’avvincente e appassionante vicenda in questa graphic noverl che 24 ORE Cultura pubblica in occasione della mostra monografica in programma a Palazzo Chiablese di Torino (19 marzo – 30 agosto 2015).
Protagonista del bel mondo di San Pietroburgo, Parigi, Hollywood e New York, Tamara fu donna elegante, sfrontata e di una sensualità irrequieta; amante di uomini del mondo intellettuale del tempo e di donne della società bene, trasferì tutta la sua passione per la vita e l’erotismo nella sua arte.
La mano di Vanna Vinci restituisce ai lettori un appassionato ritratto di questa straordinaria donna e artista, in un’avvincente biografia a fumetti che ben illustra l’esistenza trasgressiva della grande Tamara de Lempicka.

VANNA VINCI – autrice e illustratrice, ha cominciato la sua carriera sulle pagine della storica rivista di fumetti “Nova Express”. Da allora le sue storie e le sue graphic novel sono state pubblicate dalle migliori case editrici italiane e straniere. L’arte e il personaggio di Tamara de Lempicka e gli anni leggendari in cui ha vissuto sono stati per Vanna una fonte inesauribile d’ispirazione.


Ingresso gratuito
Per informazioni: Spazio b**K Telefono: 02 8706 3126

Leggi tutto...

Domenica 24 Maggio 2015, La Tana del Coniglio

Domenica 24 Maggio 2015, alle h. 19.00 al termine della giornata/fiera dedicata ai fiori, organizzata dal Comune di Pieve Albignola,

La Tana del Coniglio Vi aspetta alla Pizzeria "Il Fermento" di Pieve Albignola

L'evento è dedicato alla presentazione dell'ultimo romanzo "Il Libro della Vita" della scrittrice Debora De Lorenzi.

Non la solita presentazione ma una " danza che vi avvolgerà, di occhi, mani, parole, suoni per portarvi dentro questo romanzo, complici
scrittori, scrittrici, artisti e musicisti".....

Vi aspettiamo !
Daniela


La Tana del Coniglio
L’Officina delle Idee
Dott.ssa Daniela Bellomi
Via Marconi, 44
27020 Dorno (PV)
Tel e Fax 0382.84065
Phone 335224415
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.latanadelconiglio.it

Leggi tutto...

Di sicuro qualcuno se la prenderà con noi perché ridiamo delle cose serie. Ma ridere di quelle buffe è troppo facile, no?

IL CAVALIER SERPENTE

Perfidie di Stefano Torossi
4 maggio 2015

BARBECUE SUL GANGE

In un bell’articolo del 30 aprile Giampaolo Visetti descrive le migliaia di pire accese in riva al fiume Bagmati, sotto il tempio di Shiva, per le esequie dei nepalesi morti nel terremoto. Incenso, fiori, legni odorosi, olii essenziali versati sulle braci, offerte di cibo e monete, insieme ai profumi della cremazione, per accompagnare il morto e le sue ceneri nel viaggio sulle acque verso l’aldilà. In un silenzio rispettoso e drammatico.
A proposito di profumi: 1973, eravamo appena arrivati a Benares, la città più santa dell’India. Quella dove ogni buon fedele desidera concludere il suo viaggio terreno. Schiere di dignitosi vecchi santoni, ma anche di mendicanti, storpi, malati dei più ributtanti morbi: lebbra, elefantiasi, infezioni; moribondi che si trascinavano verso l’accesso alla vita futura, il Sacro Fiume dei roghi. Un’orda orribile, forse troppo identificabile con lo stereotipo, eppure vera (di sicuro non era uno spettacolo messo su per noi stranieri) e drammaticamente angosciosa.
Ci mettemmo a seguire il flusso. Ormai vicini al Gange ci salì al naso un certo qual profumino di braciolette alla griglia (piuttosto fuori luogo secondo il nostro pensiero di impreparati fricchettoni, oltretutto obnubilati da fumi di altro genere, in un paese principalmente vegetariano e impla-cabilmente affamato) che aumentava sempre più. Finché, arrivati ai ghat ci rendemmo conto che effettivamente c'erano fuochi accesi e carni che bruciavano, ma non si trattava di un barbecue all’aperto, bensì dello spazio riservato alle pire funebri dei bramini. Membri di casta alta, quindi meglio nutriti degli altri indiani; superiore la qualità della legna delle cataste e anche quella degli olii rituali, le braci ben calde: ecco spiegato l’equivoco olfattivamente appetitoso.
Naturalmente sempre con tutto il rispetto per le credenze altrui.


Da che pulpito… Titolo su La Repubblica, pagina 28: “La battaglia di Francesco per la parità delle donne – Scandaloso pagarle meno”. Siamo tutti d’accordo, è ovvio, sull’argomento, sull’ingiustizia della situazione e sulla necessità di trovare una soluzione.
Un po’ meno nel constatare che questo accorato appello viene dal capo di una istituzione che le donne non pensa nemmeno a lasciarle entrare, se non con qualifiche di bassissimo livello. Probabilmente il massimo a cui una femmina può aspirare in Vaticano è il ruolo di cuoca di qualche cardinale, di cameriera che rifà il letto al Santo Padre o, vogliamo esagerare? di segretaria in ufficio. Non ci pare un gran che.
NB. I due signori in fotografia non sono la stessa persona.


Fuori tempo massimo. Facciamo un passo indietro (di calendario) e scendiamo un gradino (di argomento). MACRO, 16 aprile, inaugurazione di una mostra di Nakis Panayotidis “Guardando l’invisibile”. Opere degli ultimi dieci anni. Vetri rotti, sedie coperte di stracci e questa bella carriola piena di sveglie.
Presentazione fantozziana: microfono spento con conseguente vana agitazione degli addetti, incapaci di farlo funzionare; infelice ubicazione dell’evento sul pianerottolo accanto a un ascensore che fa din don a ogni apertura di porta. E altre piacevolezze tipiche della nazionale incapacità di organizzare anche un piccolissimo evento. In compenso, buone le cibarie e le bevande del rinfresco (almeno questo…)
Il perché del nostro titolo? Queste trovate ce le presentavano già anni fa, raggiungendo spesso l’obiettivo di scandalizzare il pubblico dei benpensanti per aprire la strada a nuove correnti. Riesu-marle oggi come frutti tardivi di inizio terzo millennio: questo ci sembra fuori tempo massimo.
Come obsolete erano le numerose, canute code di cavallo (maschili) in giro per le sale.


Quotazioni. Tanto per rimanere nel campo, abbiamo fatto un salto ai magnifici Musei di S. Salvatore in Lauro: chiostri, saloni, sotterranei, scale e scalette, per finire in un giardino segretissimo chiuso da alte mura.
Cocktail di presentazione dei quadri in vendita all’asta dalla Christie’s.
Non facciamo parte del mercato dell’arte, e questo di sicuro spiega la nostra ignoranza, ma ci hanno davvero stupito gli abissi che separano l’una dall’altra le quotazioni di artisti italiani più o meno contemporanei e per noi più o meno dello stesso valore estetico, e quindi (ingenui!) anche commerciale.
600.000 euro per un taglio di Fontana, media grandezza, 150.000 per un Severini più grande (e più bello). Inspiegabili 300.000 euro per un Paolo Scheggi (mai coverto), e 30.000 ciascuno per due oli di Vedova e Capogrossi. Mah!
Non avendo né il contante né l’intenzione di acquistare, per fortuna ci è rimasto, come in molte altre situazioni simili a Roma, il piacere di andare in giro per spazi bellissimi e spesso inaccessibili al pubblico.
E gratis.


------------------------------------------


L’archivio del Cavalier Serpente, o meglio la covata di tutte le sue uova avvelenate, sta al caldo nel suo blog. Per andare a visitarlo basta un click su questo link: http://blog.libero.it/torossi

Leggi tutto...

le Perfidie di Stefano Torossi. Anastilosi

Perfidie di Stefano Torossi
27 aprile 2015

ANASTILOSI

Anastilosi: s.f. In archeologia, ricostruzione di edifici ottenuta mediante la ricomposizione, con i frammenti originali, delle antiche strutture.
21 aprile, Natale di Roma. Brezza tiepida, sole scintillante. Notizie lette qua e la ci dicono di un programma di anastilosi sulle colonne del Tempio della Pace, due delle quali dovrebbero essere visibili proprio oggi.
L’idea di ritrovare in piedi monoliti che giacciono da secoli sdraiati e a pezzi ci fa saltare sulla sedia, e usciamo di corsa.
Folla di turisti chiassosi e distratti. Incomprensibile attenzione dei più su insignificanti scemenze: il ragazzotto accovacciato a terra con musica tecno che dipinge orribili paesaggi con le bombolette spray, il chitarrista che rifà a modo suo i Pink Floyd, e poi, se avanza qualche neurone, un’occhiata al Colosseo.
Di anastilosi si intravvede appena un accenno. C’è un’impalcatura con un alto tendone che co-pre e scopre, a seconda della brezza, un paio di cilindri di granito che potrebbero essere le famose colonne, e da cui provengono rumori di attività.
Suoni artigianali che fanno pensare alla bottega di Mastro Geppetto piuttosto che a un cantiere in grande stile, ma in ogni caso qualcosa si muove e prima o poi porterà a un risultato.
In compenso ci sono i papaveri nuovi che a nostro parere stanno benissimo insieme ai marmi vecchi. Della brezza abbiamo parlato, del sole anche. Ci pare proprio che per festeggiare il compleanno di Roma non serva altro.


Un concerto informale “.in my life.” 23 aprile, Parco della Musica
Un evento di Contemporanea è normalmente considerato un’occasione molto seriosa (e spesso molto noiosa). Noi invece ci siamo fatti un sacco di risate.
In primo luogo perché siamo arrivati alla biglietteria già dotati del propedeutico Negroni che al bar dell’Auditorium preparano così bene. Poi perché l’atmosfera che ci ha accolto era davvero informale: l’amico Enrico Marocchini, compositore in forza a Nuova Consonanza, anche senza Ne-groni era al meglio delle sue caratteristiche di sublime cazzeggiatore. Fausto Sebastiani, uno degli autori in programma, inappuntabile e garbato maestro di cerimonie, è stato capace, durante la performance del suo bel pezzo per chitarra ed elettronica, di buttarsi a sedere sul pavimento per manovrare le manopole del cassone tecnologico.
Il decano Marcello Panni presentando il suo brano che chiudeva la manifestazione, scritto, come usava negli anni Sessanta in forma di gioco colorato ad arbitraria disposizione degli esecutori (omaggio alla Settimana Enigmistica) ne ha dette tante, e divertenti, fra cui una che facciamo nostra per la sua indiscutibile, sorprendente verità. “La musica aleatoria è l’unica veramente fedele al pensiero del suo compositore. Perché, se un mezzoforte scritto da Beethoven in partitura sarà inevitabilmente interpretato dall’esecutore in un modo forse giusto per lui stesso, ma non necessa-riamente corrispondente all’intenzione dell’autore, l’esecuzione, appunto aleatoria, proprio perché ogni volta diversa, coincide esattamente con quanto indicato dal compositore con l’uso di questo termine“.
A noi è sembrato ineccepibile. Forse il Negroni?


Risotto al barrito. Abbiamo gustato questo insolito piatto al tramonto di lunedì 20 nella sede dell’Associazione dei Veneti a Roma.
Eravamo invitati a un incontro su Ercole Venetico e l’eredità politica di Ottaviano Augusto, nonché alla presentazione di un libro; il tutto seguito da una degustazione.
L’argomento im¬pegnativo e la temperatura tropicale in sala (finestre ermeticamente chiuse: pubblico in età) a un certo punto ci hanno suggerito di sgattaiolare fuori e rifugiarci nella adiacente magnifica ter¬razza con affaccio sulla jungla (vedi foto).
Dal folto della quale hanno cominciato a salire terrificanti barriti, ruggiti paurosi e altri inquietanti richiami non identificabili, ma di sicuro esotici e primordiali.
Finita la conferenza (noi sempre in esterno e colpevolmente assenti agli applausi), è apparso il rinfresco promesso: pentoloni fumanti di risotto tipico veronese. Mentre i selvaggi ululati aumentavano, uno dei cuochi ci ha soccorso nel nostro smarrimento: “Nol se preocupi, siòr, xe l’ora del pasto e i animali del zoo, che i ga fame come noialtri, i fa un gran bacàn”.
Insomma, niente Salgari, siamo a Roma: sul retro del terrazzo e precisamente in Via Al¬drovandi ci passa il tram, e, di fronte, la foresta pluviale altro non è che gli alberi rigogliosi di Villa Borghese.
E le bestie feroci ci sono, sì, ma nelle gabbie del Giardino Zoologico.


---------------------------------------------------------


L’archivio del Cavalier Serpente, o meglio la covata di tutte le sue uova avvelenate, sta al caldo nel suo blog. Per andare a visitarlo basta un click su questo link: http://blog.libero.it/torossi

 

Leggi tutto...

L'ultima risposta


L’ultima risposta.
Dentro a un pomeriggio solitario e uggioso, lontano dall’eco delle celebrazioni si sente solo silenzio (e buona musica). E’ in quei momenti che nascono le domande. Alcune sono le solite, altre sono nuove.
Fuori dalla finestra che si affaccia sul cortile, alcune piante di una vicina che non conosco, sono fiorite. Un albero nel parco ha le foglie di uno strano rosso ruggine più adatto ad un autunno incombente che alla primavera inoltrata. Un ragno lavora febbrilmente per costruire la sua trappola accanto ad una crepa nel muro. E’ davvero bello rimanere immobile a guardarlo lavorare.
Tutto sembra fermo e in pace. E’ calma apparente sottolineata dalla voce calda di Lou Reed.
E’ così che, quando l’orizzonte è più vicino, quando ci si accorge di aver passato il punto di non ritorno, ci si guarda indietro.
I nativi del Paraguay “Guarani” credono nel mito della Terra senza Male, io non più. Siamo passati attraverso troppi conflitti, troppa stupidità e troppe speranze infrante. Ci siamo passati in mezzo nel nostro quotidiano, nel pezzo di Storia che abbiamo attraversato e, ora, non ci resta che un lungo rassegnato addio.
Dalla guerra globale a quelle più piccole e prosaiche del Ventesimo Secolo a questa nuova senza soluzione di continuità, abbiamo gettato nell’immondizia l’immane sacrificio di sangue che oggi si celebra con i soliti discorsi infarciti di retorica vuota e con corone di alloro che domani inizieranno a rinsecchire.
Sappiamo dove stiamo andando ma non riusciamo a fermarci. Aristotele, se ci avesse conosciuto adesso, avrebbe rivisto la sua definizione dell’uomo come animale ragionevole …
Eppure non ci possiamo fare niente. Anzi, non ci dobbiamo fare niente perché se facessimo qualcosa saremmo giudicati pazzi o peggio. Una volta ci avrebbero chiamati eroi.
Oggi siamo solo residuati anacronistici, filosofi da bar, rivoluzionari da operetta, sognatori offuscati dalla musica del diavolo. Chi non accetta lo stato dell’arte è ridicolo … forse drogato o alcolizzato (mi viene da dire “da che pulpito” vivendo in un Paese che ha nello Stato il grande biscazziere!).
Mi accorgo che ho solo domande e nessuna risposta. Cerco di sforzarmi di trovarne almeno una …
Raccolgo una foglia che ha un disegno strano. Penso … godiamoci la Festa della Liberazione, domani continueremo a essere schiavi dei padroni del rating.
di Paolo Pelizza
© 2015 Rock targato Italia

Leggi tutto...

Recensione film Whiplash

Ho imparato a leggere prima di iniziare le scuole elementari. Ho uno dei ricordi più belli associati a mio padre che appartiene a quel periodo: lui che pazientemente mi aiuta a ritagliare macchinine, gonne, occhiali, cravatte ed ogni altro tipo di immagine presa dalle riviste già sfogliate. Avevamo un quaderno tutto per noi, un album per quel momento di creatività domenicale che rendeva entrambi felici, una ad incollare i pezzetti colorati, l’altro a scriverne sotto il nome e ad insegnare.
Arte, amore, dedizione e attesa, gli ingredienti che mi hanno portato a sviluppare una vera e propria passione per la scrittura e tutto il mondo letterario.


Quando però inizia a fare capolino lo zampino dell’ordine, dell’imposizione dall’alto, quando la scelta personale non è più la forza che move il sole e l’altre stelle, si può facilmente cadere preda di una paralisi creativa, di una dialettica d’amore-odio verso la disciplina prima tanto osannata e si rischia di metterla in disparte per qualche periodo. Il momento di straniamento a me capitò a causa di una maestra che, per tenermi allenata, mi costrinse a tenere giornalmente un diario, in cui annotare pensieri quotidiani, pena scrittura di pagine e pagine consecutive delle parole sbagliate cerchiate in rosso fuoco.


Cambiate oggetto, la musica e l’amore per la batteria, e soggetti, un adolescente determinato che studia al conservatorio e un insegnante al limite tra lo spingere al massimo le capacità degli alunni e il trattarli come il Sergente Maggiore Hartman in Full Metal Jacket, e avrete Whiplash.
Il film, vincitore di tre premi oscar, ha visto finora numerosi premi assegnati a J.K.Simmons, attore che interpreta Terence Fletcher, il dittatoriale educatore della migliore orchestra del conservatorio di Manahattan. Fletcher è il tipico maniaco del controllo, che gioca con le debolezze dei suoi “discepoli”, terrorizzati anche solamente a guardarlo dritto negli occhi. Un solo ragazzo incrocia volontariamente il suo sguardo, catturandolo per sempre: Andrew Neiman.


Andrew, spinto solo dalla sua grinta e dall’amore profondo per i grandi batteristi del passato, tra sudore, dita insanguinate, ritmo frenetico e massima velocità, si rifugia nell’unico mondo capace di comprendere a fondo la sua anima e il suo spirito ribelle che anela a dimostrare le proprie capacità, a diventare uno dei migliori batteristi jazz del presente. La maturità e il talento del ragazzo lo portano a farsi strada dapprima nella classe di Fletcher, di cui diventa membro titolare nonostante la sua giovane età, per poi arrivare ad ottenere anche le prime esibizioni sul palcoscenico, suonando alla perfezione il difficile brano Whiplash.
Lontano da un padre che sembra non appoggiare a fondo i suoi sogni, soffocando sul nascere possibili relazioni amorose che potrebbero distrarlo, Andrew continua imperterrito per la sua strada, che si rivela però troppo in salita a causa dello stesso insegnante che vorrebbe solamente aiutarlo a mettere in gioco il suo potenziale. Come ammette lo stesso Fletcher: “Ero lì per spingere le persone oltre le loro aspettative. Era quella la mia assoluta necessità”.


Andrew rimarrà sepolto da questa carica di lavoro fisico e mentale o riuscirà a emergere e a dimostrare, soprattutto a se stesso, che tutti i suoi sforzi sono valsi la pena?
Il mio intimo e profondo amore per la lettura e scrittura non è scomparso dopo quell’episodio avvenuto tempo addietro. Ci sono pause che ricaricano per più tenaci riprese, regalando una forza inaspettata. Le belle sorprese, se legate a qualcosa che amiamo con tutto il nostro cuore, non finiscono mai: perché siamo noi stessi che ce le creiamo, indipendentemente da chi ci sostiene o mette in difficoltà.

 


Titolo originale: Whiplash
Regia e sceneggiatura: Damien Chazelle
Paese di produzione: Stati Uniti
Lingua originale: inglese
Anno: 2014
Durata: 105 minuti
Colore: colore
Audio: sonoro
Genere: drammatico

Leggi tutto...

INFERNO 1914 - 1918, Mostra I Guerra Mondiale di Tom Porta. FAMEDIO: Monumentale di Milano


PRESENTAZIONE MOSTRA.

Finalmente Porta ritorna a Milano, nella magnifica sede del Famedio, al Cimitero Monumentale, in mezzo agli spiriti dei grandi che li vi dimorano. Lo fa con la nuova mostra dedicata al centenario della I Guerra Mondiale, curata da Mario Giusti, cui sta lavorando ormai da due anni e della quale, nella prima settimana di novembre, è stata vista un’anteprima di 6 opere. Niente di meglio delle sue parole per illustrarne il contenuto, la storia:

“… A cento anni dall'inizio della Grande Guerra realizzerò un'esposizione di nuove opere dedicate allo scontro di culture, ideali, pensiero, tecnologie e uomini iniziato nel 1914.
L'importanza e l'influenza che questa guerra ha avuto sul 900, sulle arti, la politica, il pensiero moderno è incalcolabile, quanto lo è stata la tragedia umana che hanno vissuto tutti coloro che ne sono stati coinvolti.
Durante la Grande Guerra si realizza, con una grandiosità senza precedenti, il fallimento dell'uomo nel comunicare e prende corpo una straordinaria capacità di distruzione morale e fisica.
Questi due elementi sono l'esatto contrario dell’opera di Dante di cui mi avvalgo come canto di accompagnamento, inesauribile fonte di ragionamento e capolavoro dell'arte della parola. Da questo punto decido di partire abbinando il viaggio all'Inferno all'esperienza umana della Prima Guerra Mondiale.

Le opere conterranno elementi ottocenteschi, il secolo le cui idee cadranno nel fango dei campi di battaglia europei, così come visioni moderne idealmente figlie dell'intenzione rinnovatrice che ha trascinato nel conflitto artisti di tutti i paesi.
Creerò un percorso emotivo attraverso il formato dei lavori, ora di grandi tele di due metri, di carte, ora di piccole tavolette di legno di quaranta centimetri che desidero porti l'osservatore a vivere gli albori della cinematografia documentaristica di guerra.

I versi di Dante, presenti all'interno delle opere saranno la compagnia ed il compendio narrativo della mia ispirazione: come la silenziosa osservazione di luoghi e macchine, privi di significato, non fossero stati la tela bianca su cui si è dipinto col sangue di milioni di uomini la storia indiavolata del ‘900.
La ricerca non sarà però documentale ai fini storici, bensì un'ideale rappresentazione, attraverso volti e luoghi, famosi e non, della catarsi vissuta nei quattro anni di conflitto.
Inferno 1914-1918 costituisce altresì un prequel coeso e ragionato del mio percorso di ricerca sulla guerra e ne conterrà le sintesi pittoriche e grafiche che ho, fino ad oggi, raggiunto.

Tom Porta, Milano giugno 2013
Dal catalogo: “… Dante arriva nell’opera di porta portandosi dietro il titolo INFERNO, che diventerà un contenuto vivo e carnalmente impegnativo, tanto quanto l’incontro con Virgilio nella Divina Commedia fu determinante per la Via del racconto.
Ma arriva da più lontano che la presenza in quella prima opera che noi chiamiamo Il Soldatino.
C’è una grande tela del 2011, Checkpoint: un marine in primo piano tiene a bada un prigioniero in posa Guantanamo, inginocchiato, vestito Armani e con un sacco in testa per renderlo cieco, deprivarlo di realtà e collocazione. Il sacco è a griffe Vuitton, uno sberleffo alla Porta e sul muro sbrecciato, in fondo, compare sbiadita una scritta: “… fatti non foste a viver come bruti…”. L’eterno incipit di Ulisse nel canto XXVI dell’Inferno, uno dei pezzi più belli in assoluto della poesia italiana, ecco per me quello fu il vero inizio di questa mostra…

… Oggi la soddisfazione è constatare come le opere non siano un caleidoscopio iconografico di date e appuntamenti, piuttosto un legame logico, emotivo tra il ciclo di Extinction, in cui Porta distrugge tutti i simboli architettonici della civiltà moderna, e la sua visione della guerra, in particolare questa.
Ha ragione John Milton, l’avvocato del diavolo, anzi il diavolo in persona: “…E chi, sano di mente, potrà mai negare che il XX secolo è stato interamente mio?...”

… E’ come se l’angelo vendicatore ed i cavalieri dell’Apocalisse concentrassero i loro ricordi del periodo più buio del ‘900 e guidassero la mano di Porta per darci una testimonianza attualissima dell’efferatezza umana: una mostra contro la volontà di dominio che racconta il tormento dell’uomo nell’eterno conflitto tra la sua immortale umanità ed il desiderio di INFERNO… Potrebbe fondare a pieno titolo il movimento degli Impressionanti.

Consapevole di ciò, in questa mostra c’è un tenero tentativo di normalità con una nuova presenza femminile: è chiaramente una ricerca influenzata dalla sua passione per Boldini, di cui molti scorgono parecchie tracce, da sempre. In particolare nei dipinti di tre donne. Oggi però, davanti ad una serie di ritratti molto riusciti, dal Barone Rosso al milite ignoto in trincea, alla donna ritratta in un interno distrutto, posso affermare che si sente forte questo desiderio di racchiudere nella forma umana del viso, della postura, una ricerca di scoperta interiore.
Chiudo col racconto di una generosità insolita: Porta si è reso disponibile ad accompagnare alcuni studenti ad una visita guidata alla sua mostra, in ogni città dove sarà esposto…”

SVILUPPO DELLA MOSTRA. Un articolato interessante sarà, in ognuna delle 4 città previste e con la collaborazione degli assessorati competenti, l’organizzazione di visite guidate con l’artista che hanno come scopo la conoscenza dei temi storico sociali che hanno portato alla Guerra Mondiale.
A MILANO, dal 29 aprile al 24 maggio 2015 presso il Famedio del Cimitero Monumentale. La mostra è inserita nell’ambito delle manifestazioni di “EXPO in Città” e gode dunque del patrocinio del Comune. Sono previste 4 visite guidate: 2 organizzate dall’Associazione Amici del Monumentale che si occupa proprio del patrimonio storico e culturale artistico all’interno del Famedio e del cimitero e altre due con gli studenti. Il 24 maggio poi, in occasione della giornata storica e della chiusura della mostra, il Comune con l’Assessorato al Commercio e Attività produttive, organizza una lezione sul tema di Milano ed il suo ruolo nella I Guerra Mondiale. Saranno analizzati il ruolo del Sindaco Caldara e la realizzazione di una prima grande rete di assistenza sociale nell’ambito della cosa pubblica. E’ prevista anche un’asta di beneficenza con un’opera da hoc di Tom Porta per raccogliere fondi per il restauro del sacrario della I Guerra.


ALCUNI DATI TECNICI.
PERIODO: dal 29 aprile al 24 maggio 2015 – orario: 08-17.30
LA MOSTRA.
10 tele, acrilico su tela, 150x200cm.
18 tele, acrilico su tela, 100x150cm
9 di diverse dimensioni: 60x60cm – 100x100cm
30 fra disegni, studi e carte di varie misure.

CATALOGO di 130 pagine, in 2000 cp, brossurato, a colori. Oltre alle opere, disegni e materiali vari, anche una serie di interventi di Mario Giusti, il curatore della Mostra, l’artista ed amico di Porta, Alessandro Papetti ed un saggio critico curato da Igor Zanti.

La mostra proseguirà a Firenze, Palazzo Medici Riccardi, nella Galleria delle Carrozze, dal23 settembre - 14 ottobre 2015, per raggiungere poi Roma in luogo ancora da definire con l’amministrazione ed a GENOVA, a Palazzo Ducale, da marzo ad aprile 2016.

 

Leggi tutto...

CA' DI FRA': Alberto Korda, La resistenza delle Immagini

 ALBERTO KORDA

La resistenza delle Immagini

Seconda mostra di Alberto Korda.

Se possibile, ancora più intrigante, almeno dal punto di vista della Storia della fotografia. Circa 30 foto Vintage, fatto non più così usuale, nemmeno nelle mostre proposte da Istituzioni e Musei.

Alberto Dìaz Gutièrrez (1928-2001), noto in tutto il mondo come Alberto Korda, avrebbe potuto essere un classico fotografo di moda cubano, invece incontrò la Storia e si ritrovò a vivere un periodo unico: la Rivoluzione cubana. Divenne il fotografo personale di Fidel Castro e per dieci anni lo seguì ovunque, considerando questo un onore; eppure la sua fama mondiale doveva legarsi ad un altro uomo: Ernesto "Che" Guevara. Universalmente noto lo scatto: il “Guerrillero Heroico”; l’indomabile ed indomato Che; sguardo fermo seppur velato rivolto alla folla riunita per il funerale delle vittime della nave La Coubre (5 marzo 1960).
Quella immagine divenne, grazie a Korda e ad un giovane Giangiacomo Feltrinelli, l’icona del guerrigliero che combatte per la Libertà, la Giustizia, l’Uguaglianza, nonostante tutto, nonostante se stesso. L’uomo Che, intimo ed umanamente fragile era destinato a diventare il Mito Che, un Universale, un Simbolo. Immortale.
Si tratta dell’immagine più riprodotta della storia della fotografia. Fu, certo, l’immagine più famosa di Korda, ma non l’unica. Egli ebbe modo di immortalare in differenti momenti di vita, sia Che Guevara, sia Fidel Castro. Nella mostra del 2012, abbiamo mostrato soprattutto gli uomini Castro e Guevara, cogliendo i loro momenti di svago (es. pesca d’altura, partita a golf) cosi’ come i momenti di lavoro quotidiano (Che Guevara mentre taglia canne da zucchero oppure prova nuovi macchinari agricoli); la mostra del 2015, invece, punta l’attenzione soprattutto sui momenti “politici", sui ritratti " ufficiali".
L’opera di Korda è importante sia da un punto di vista puramente artistico sia come testimonianza storica e sociale.
Per ricordare di ricordare….

Manuela Composti

 

INAUGURAZIONE GIOVEDI’, 7 Maggio 2015

Ore 18.00 – 21.00

Termine mostra Venerdì, 5 Giugno 2015
Orari galleria: LUN – VEN 10-13 / 15-19
SABATO SOLO PER APPUNTAMENtTO

 

Leggi tutto...

CA' DI FRA': Alberto Korda , La resistenza delle Immagini

 ALBERTO KORDA

La resistenza delle Immagini

Seconda mostra di Alberto Korda.

Se possibile, ancora più intrigante, almeno dal punto di vista della Storia della fotografia. Circa 30 foto Vintage, fatto non più così usuale, nemmeno nelle mostre proposte da Istituzioni e Musei.

Alberto Dìaz Gutièrrez (1928-2001), noto in tutto il mondo come Alberto Korda, avrebbe potuto essere un classico fotografo di moda cubano, invece incontrò la Storia e si ritrovò a vivere un periodo unico: la Rivoluzione cubana. Divenne il fotografo personale di Fidel Castro e per dieci anni lo seguì ovunque, considerando questo un onore; eppure la sua fama mondiale doveva legarsi ad un altro uomo: Ernesto "Che" Guevara. Universalmente noto lo scatto: il “Guerrillero Heroico”; l’indomabile ed indomato Che; sguardo fermo seppur velato rivolto alla folla riunita per il funerale delle vittime della nave La Coubre (5 marzo 1960).
Quella immagine divenne, grazie a Korda e ad un giovane Giangiacomo Feltrinelli, l’icona del guerrigliero che combatte per la Libertà, la Giustizia, l’Uguaglianza, nonostante tutto, nonostante se stesso. L’uomo Che, intimo ed umanamente fragile era destinato a diventare il Mito Che, un Universale, un Simbolo. Immortale.
Si tratta dell’immagine più riprodotta della storia della fotografia. Fu, certo, l’immagine più famosa di Korda, ma non l’unica. Egli ebbe modo di immortalare in differenti momenti di vita, sia Che Guevara, sia Fidel Castro. Nella mostra del 2012, abbiamo mostrato soprattutto gli uomini Castro e Guevara, cogliendo i loro momenti di svago (es. pesca d’altura, partita a golf) cosi’ come i momenti di lavoro quotidiano (Che Guevara mentre taglia canne da zucchero oppure prova nuovi macchinari agricoli); la mostra del 2015, invece, punta l’attenzione soprattutto sui momenti “politici", sui ritratti " ufficiali".
L’opera di Korda è importante sia da un punto di vista puramente artistico sia come testimonianza storica e sociale.
Per ricordare di ricordare….

Manuela Composti

 

INAUGURAZIONE GIOVEDI’, 7 Maggio 2015

Ore 18.00 – 21.00

Termine mostra Venerdì, 5 Giugno 2015
Orari galleria: LUN – VEN 10-13 / 15-19
SABATO SOLO PER APPUNTAMENtTO

 

Leggi tutto...

(x) Si tratta di un attacco acuto di pigrizia primaverile

Carissimi amici e lettori (in realtà le due categorie ne formano una sola),
per cause che dipendono interamente dalla nostra volontà(x), questa settimana il Cavalier Serpente non ha deposto il consueto uovo avvelenato.
Ci scusiamo con voi e vi diamo un arrivederci a domenica prossima.
Stefano Torossi e il Cavalier Serpente

(x) Si tratta di un attacco acuto di pigrizia primaverile

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?