Menu

A settembre ritorna Tremendautore 2019

Tramedautore 2019 torna a settembre!

Scopri il programma on-line e acquista i biglietti!

11 spettacoli, 10 Camp degli Autori,

incontri tra autori e traduttori, eventi nel Chiostro Nina Vinchi

 

«…siamo obbligati a decidere se il confine è limen o limes, soglia o barriera, luogo dove ci trinceriamo o dove arriva lo sguardo, la volontà e il desiderio»
Massimo Cacciari
 

Tramedautore 2019 si cala nella cultura euromediterranea per il suo carattere intrinsecamente plurale, per creare un percorso drammaturgico e spettacolare che indaghi le regole della convivenza e delle relazioni per aiutarci a ricomporre orizzonti, senso, a superare solitudini.
Numerosi sono i segnali, vibranti, che si evincono dalle proposte artistiche degli autori e degli artisti con cui condivideremo questa edizione, che anticipano quelli che sono i cortocircuiti, le fratture di una società che cerca di ridefinirsi. 
Sul versante nazionale, il Festival privilegia gli artisti più prossimi al Mediterraneo (Sicilia e Campania) essendo i più esposti, inevitabilmente, alle dinamiche dei suoi scenari e, sul fronte internazionale, uno spettacolo dal Kosovo e un gruppo di artisti multilingue (francese, rumeno, italiano) che si interroga con il suo Making of, sulla gioventù europea.

Quest’anno, insieme a una programmazione ancora più ricca e variegata dove si alternano spettacoli e “semi manufatti” (questi al chiaro scopo di fornire agli spettatori chiavi di lettura di tutto il processo teatrale), uno degli elementi di forza che contraddistingue il festival è la creazione di un sistema a rete che unisce saperi, competenze e risorse: innanzitutto grazie all’apporto del Piccolo Teatro; a mare culturale urbano per Camp degli Autori; a CLAPS per lo spettacolo Madre di Balletto Civile; all’Accademia di Brera, per l’installazione nel Chiostro; a StratagemmiUniversità degli Studi di Milano e l’associazione Tri-Boo per “l’osservatorio critico”. In questo modo di operare c’è la spinta a intraprendere azioni comuni per costruire progetti organici per la promozione delle nuove voci del teatro italiano e internazionale, secondo un criterio di complementarità delle fisionomie di ognuno. 

 

SCOPRI IL PROGRAMMA!

ACQUISTA I BIGLIETTI!

 

Leggi tutto...

Francesco Bianconi l'11 luglio al Teatro Romano di Fiesole

 

FRANCESCO BIANCONI 

l'11 luglio al Teatro Romano di Fiesole con la lettura di 

EURIALO E NISO 

tratto dal libro IX dell'Eneide.

CON L'ACCOMPAGNAMENTO MUSICALE DI 19'40"

(Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro)

 

C'è anche Francesco Bianconi tra i protagonisti della rassegna "ENEIDE, UN RACCONTO MEDITERRANEO" ideata da Sergio Maifredi con la consulenza letteraria di Andrea Del Ponte e inserita nel programma dell'"Estate Fiesolana". In cartellone, oltre a Francesco, anche Paolo Rossi, Maddalena Crippa, David Riondino e Dario Vergassola, Massimo Wertmuller e Nicola Gardini.

Giovedì 11 luglio alle 21.30, accompagnato da Enrico Gabrielli Sebastiano De Gennaro, nella meravigliosa cornice del Teatro Romano di Fiesole, Francesco Bianconi leggerà alcuni estratti del Libro IX dell'Eneide:
"Mi hanno chiesto di leggere in pubblico un canto dell'Eneide a mia scelta. - scrive Francesco.
Dopo essermi tormentato per una settimana prima di dare una risposta ("perché proprio io? Non leggo l'Eneide dai tempi del liceo, e non sono poi tanto sicuro di averla letta bene, neanche a quei tempi") ho cercato conforto negli altri.
Pensavo: sarebbe bello farlo con una colonna sonora dal vivo, antica e moderna insieme, sospesa nel tempo; ho chiesto quindi a Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro e loro hanno subito accolto l'idea; ovvero quella di trasformare la lettura in una specie di grande ballata. Restituire all'epica il ritmo e la musica. Il loro entusiasmo mi ha travolto, quindi ho letto un po' del poema, mi sono appassionato, perché mi è sembrato nuovo, moderno, attualissimo. Ho scelto il nono canto. Dove si parla di guerra, dove scorre sangue a fiumi, dove ci si interroga, con secoli di anticipo sul nostro presente, su quanto nero sia il cuore degli uomini, su chi siano davvero gli eroi, su quale vento scuro li muova."


La parte musicale, come già detto, è stata affidata ad Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro, ovvero a due quarti del progetto 19'40'': un contenitore artistico di musica anti-classica che sviluppa al suo interno sia un'etichetta discografica che progetti performativi (tutte le informazioni su http://www.19m40s.com/).
"Piaccia agli Dei, noialtri di 19'40'' accompagneremo la lettura di Francesco Bianconi del nono libro (quello che parla di battaglie cruente, di Aurialo e Niso e di una torre che viene divelta dalle armate di Turno) per un concerto al Teatro Romano di Fiesole il prossimo 11 luglio - scrivono Gabrielli e De Gennaro.
Minima moralia per cominciare ad approcciare la materia: serve il testo dell'Eneide completa (se si è solidi e avvinti nelle letture poderose) o parziale (se non si possiede tempo a sufficienza e i Rutuli ci rincorrono dalla mattina alla sera). 
Poi serve dividere tale testo in parti così da individuare una possibile drammaturgia musicale. 
In seguito è necessario scegliere gli strumenti (in questo caso perloppiù un pianoforte, percussioni d'orchestra e flauto traverso), decidere un "abitat" sonoro (qui la tentazione è quella di far rinvenire, come dei fagioli in ammollo, la parte più monodiosa, arcaicista e classica che ci portiamo dentro), usare spunti storici (per l'occasione useremo il primo brano di musica scritta giunto a noi dal secondo secolo avanti Cristo: l'Epitaffio di Sicilo), comporre il tutto (ed è la parte più divertente), eseguire (ed è la parte più delicata) e perchè no? registrare (ovviamente la parte più celebrativa). 
Le parti in gioco sono queste.
Il risultato speriamo che convinca dotti, indotti e condotti. E non ce ne voglia Virgilio di cui non è dato sapere se avesse preferito in epoca moderna essere un motore di ricerca o un Cicerone degli inferi."


Le prevendite per lo spettacolo sono già attive al link http://bit.ly/Eneide_Bianconi.

Tutte le informazioni sono disponibili sull'evento Facebook ufficiale a questo link.

Leggi tutto...

Per la prima volta anche Milano avrà il suo Fringe Festival!

Per la prima volta anche Milano avrà il suo Fringe Festival!

NOLO FRINGE FESTIVAL
MILANO – dal 3 al 9 giugno 2019

TEATRO DA BERE

Dal 3 al 9 giugno a Milano si terrà il NoLo Fringe Festival, una rassegna di arti performative che invaderà NoLo, il quartiere a nord di Loreto che sta avendo in questi anni una grande trasformazione.

Il NoLo Fringe Festival si svolge con il patrocinio del Municipio 2 di Milano, e fa parte del programma più vasto di Lacittàintorno di Fondazione Cariplo, che consiste in diverse azioni e attività, volte a favorire il protagonismo e la partecipazione dei cittadini promuovendo e producendo attività culturali e artistiche nei quartieri e integrando questi ultimi nelle “nuove geografie” cittadine.

A Milano ci sono molti festival teatrali. Ma non è mai stato organizzato un festival così!

Il Nolo Fringe Festival intende essere collettore delle varie anime che vivono e rendono speciale il quartiere: dalla comunità virtuale molto coesa e affiatata del gruppo Nolo Social District, all’entusiasmo propositivo dei genitori del Parco Trotter, dalla varietà multietnica e colorata delle tante attività commerciali di Via Padova, fino a chi nel quartiere non ci abita, ma trova nei locali della zona un’atmosfera unica in città.

Il NoLo Fringe Festival nasce dall'esigenza di un quartiere, grazie a un coinvolgimento artistico a più livelli. Da una parte nella creazione di spettacoli, come per esempio lo Shakespeare itinerante lungo Via Padova, nato da una call tra gli abitanti della zona; dall'altra nella creazione degli allestimenti, nati da una raccolta, molto partecipata, di materiali di scarto, sopratutto plastica e vestiti,  che tingeranno di fuxia le vetrine dei negozi, le finestre della scuola di Via Venini e i palchi del festival.

 

Il festival è diviso in due parti: il programma ufficiale in cui sette compagnie, selezionate tramite bando, ogni sera si alterneranno sui quattro “palchi” principali del festival, e poi un Fringe Extra che raccoglie altri spettacoli, performance e incontri in diversi luoghi del quartiere. Tutti gli spettacoli del programma ufficiale e del Fringe Extra sono a ingresso libero, senza prenotazione, ad accezione di Otello di Tournée da Bar.

PROGRAMMA UFFICIALE

4 palchi, tre locali e una palestra della zona
7 spettacoli 
selezionati, ripetuti ogni giorno dal 4 al 9 giugno
ingresso gratuito 
agli spettacoli


Dalle oltre 160 proposte ricevute, da tutta Italia e anche dall’estero, sono stati scelti sette spettacoli che andranno in scena ogni sera nei diversi “palchi” del festival.

Nello spazio alternativo del CrossFit NoLo per la prima volta in Italia il collettivo londinese Haste Theatre con lo spettacolo Where the hell is Bernard?, una performance mozzafiato in cui le quattro attrici, con doti di mimo e clownerie, trascinano il pubblico in un mondo distopico a metà strada tra Blackmirror e The Matrix. Al GhePensi M.I., il locale che anima le notti di piazza Morbegno, si alterneranno Stay Hungry – indagine di un affamato, di e con Angelo Campolo, una storia d’amore in cui “la fame” diventa metafora della spinta al riscatto sociale e Cosa sarà mai, di e con Corinna Grandi: spettacolo intenso sull’essere donna oggi. Allo Spazio HUG, cuore del festival, andranno in scena Riportami là dove mi sono perso, di Officine Gorilla, una riflessione tra sociologia e umorismo, sulle relazioni e la loro crisi e Signorina, lei è un maschio o una femmina (Compagnia Giacopini/Vacis), in cui le rocambolesche disavventure della protagonista offrono lo spunto per una riflessione sul gender e sulle contraddizioni del nostro tempo. Lo spazio intimo de La Salumeria del Design ospita due one-man show molto diversi: il vorticoso nonsense di Fabio Paroni con la drammaturgia di Greta Cappelletti in Di Fabio in Frasca e la stand-up comedy più tradizionale di Luca Cupani (comico italiano residente a Londra, già vincitore di premi al Fringe di Edimburgo) che racconta la sua vita in Parole in Corso, con la regia di Carlo Turati.

FRINGE EXTRA

Il 7 giugno (ore 21.00) presso Zelig Cabaret ci sarà una serata speciale: Otello di Tournée da Bar. Tournée da Bar da anni porta i classici shakespeariani nei locali, tra la gente e ha creato un pubblico di affezionati che li segue ovunque: persino nei teatri!
Shakespeare si presta al gioco e alle azioni corali, ed è proprio quello che accadrà nello spettacolo itinerante lungo Via Padova Shakespeare di quartiere, Romeo e Giulietta su Via Padova, un progetto di Beppe Salmetti, Paula CarraraCarla Stara (8 e 9 giugno, ore 18.00).
La cultura alta portata là dove meno la si aspetta è il motto di un altro progetto che animerà le “tavole” di NoLo: Il Menù della Poesia. Attori professionisti, vestiti da eleganti camerieri, presentano una selezione di poesie nei ristoranti e locali del quartiere (cena 7 e 8 giugno presso Osteria della Stazione e Crespi14, brunch 8 e 9 giugno presso Spazio Hug).
È quasi poesia la scrittura stralunata di Gianni Celati e Lunario del Paradiso è un reading a ritmo di jazz. In scena Michele Di Giacomo e le musiche di Jonathan Pappalardi, presso Spazio Hug, il 7 giugno (ore 18.30).

Il Parco Trotter è uno dei parchi più belli e frequentati di Milano; durante il festival ospiterà diversi eventi dedicati a un pubblico meno strettamente teatrale. Presso la ex-chiesetta del parco, l’8 giugno (ore 16.00) si potrà assistere a Con-Tatto, restituzione alla cittadinanza dell’esito di un workshop organizzato dall’associazione Arti Girovaghe con gli abitanti di Via Padova; a seguire (ore 18.00) Le voci del tempo presente, performance di un gruppo di adolescenti di diverse nazionalità, diretti da Luca Malinverni. Infine, sempre l’8 giugno (ore 21.30), si potrà ascoltare il grande coro Hispano-americano di Milano.

Nel Teatrino del parco, il 9 giugno (ore 18.00) andrà in scena uno spettacolo pensato anche per un pubblico di adolescenti: In qualunque posto mi trovi, della giovane compagnia Cicconi/Radice, sulla difficoltà, tutta contemporanea, di destreggiarsi tra reale e virtuale. Inoltre, l’esedra di Via Giacosa, grazie anche alla sperimentazione TréntaMI che ha provvisoriamente sostituito le auto parcheggiate con fioriere, panchine e arredo urbano, sarà la cornice ideale per spettacoli per bambini, mimo e clownerie (8 giugno, tutto il giorno, a partire dall ore 11.00).

A metà strada tra teatro, installazione e gioco con Macchina per il teatro incosciente della compagnia La Voce delle Cose, tutti i giorni dal 5 al 9 giugno (dal 5 all'8 giugno  dalle ore 17.00 alle 20.00, 9 giugno dalle ore 15.00 alle 18.00) presso lo Spazio Hug, sarà possibile sperimentare in prima persona nei ruoli intercambiabili di attore e spettatore.

Come in ogni festival che si rispetti, anche questo avrà il suo vincitore. Ma siamo pur sempre a un Fringe, e non sarà una giuria di pochi esperti a decretarlo, bensì gli spettatori, che al termine di ogni spettacolo riempiranno una scheda con un voto. Il premio consiste nella possibilità di inserire lo spettacolo vincitore nella stagione 2019/20 di due teatri partner del NoLo Fringe Festival: il Teatro Linguaggicreativi di Milano e Oltheatre di Peschiera Borromeo. Durante la serata conclusiva del 9 giugno (ore 23.30 presso Spazio Hug) verrà resa pubblica la classifica ottenuta dal conteggio delle votazioni.

ECO NOLO FRINGE FESTIVAL

L'amore per la Terra e il rispetto delle risorse ambientali arriva anche al cuore del NoLo Fringe Festival. Durante tutta la manifestazione verranno messe in atto pratiche virtuose per abbassare gli sprechi, grazie anche alla supervizione di Legambiente. La sostenibilità ambientale diventa inoltre, per il NoLo Fringe Festival anche un fattore creativo: verranno realizzate delle bellissime balene, simbolo di NoLo, utilizzando materiali di scarto. Alla fine del festival (15 giugno presso Spazio Hug) le balene, e gli altri elementi decorativi installati nel quartiere, non saranno gettati, ma avranno una nuova vita: si trasformeranno  in oggetti di uso comune. In particolare lo smaltimento delle due balene in plastica sarà il vero spettacolo: verrà allestito un laboratorio temporaneo nel quale la plastica sarà tritata e plasmata dai macchinari di BackBo, progetto innovativo di trasformazione della plastica, che utilizza la tecnologia all’avanguardia di Precious Plastic. Gli oggetti di uso quotidiano che verranno in questo modo creati saranno donati durante la festa: un piccolo, ma importante messaggio su quanto sia facile avere un comportamento sostenibile, ogni giorno.

CONTATTI

NoLo Fringe Festival

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 351 5931369

  1. nolofringe.com

www.facebook.com/nolofringefestival/

 

blog www.rocktargatoitalia 

Leggi tutto...

IL SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO

fino al 2 giugno

IL SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO

Prima Nazionale

di Fëdor Dostoevskij

 

Traduzione e drammaturgia di

Fausto Malcovati e Mario Sala

regia Lorenzo Loris

con Mario Sala

 

scena Daniela Gardinazzi,

costumi Nicoletta Ceccolini

luci e fonica Luigi Chiaromonte

consulenza musicale Ariel Bertoldo,

collaborazione ai movimenti Barbara Geiger

assistente alla regia Davide Pinardi

Interventi pittorici in locandina di Giovanni Franzi

 

Produzione Teatro Out Off

Spettacolo in abbonamento Invito a Teatro

 

Un uomo ripercorre la sua vita e le ragioni per cui si è sempre sentito estraneo alla società. Ogni interesse, ogni impulso vitale sembra in lui ormai drammaticamente destinato a esaurirsi nel nulla,  quando ecco la svolta salvifica presentarglisi in forma di sogno.

La felicità sulla Terra può esistere, e cercarla non solo ha senso, ma è forse l’unica cosa che abbia senso fare. Ora l’uomo ridicolo lo sa, il suo sogno gliel’ha mostrata, l’ha vista e toccata con mano, e ciò che si è visto c’è,  non può non esserci.

 

ORARI SPETTACOLO :

martedì / mercoledì e venerdì ore 20.45

giovedì e sabato ore 19.30

domenica ore 16.00

 

per info e prenotazioni

02/34532140

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

blog www.rocktargatoitalia.eu

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?