Menu

L'importante è fare teatro, il resto non conta. Ferruccio Soleri

Dal 1500 fino al 1746, dal 1947 al 2015, la Commedia dell’Arte, conosciuta in tutto il mondo come “commedia all’italiana”, prosegue la sua storia, grazie alle personalità che ne hanno fatto un vanto che non sembra intenzionato a spegnersi.
Ispirato dall’improvvisa del XVI secolo Goldoni scrisse un’opera quasi sotto forma di canovaccio, due secoli dopo che quel modo di fare arte era esploso trascinando le compagnie di comici italiani in giro per il pianeta. E fu grazie a Strehler che quella stessa opera vide la rinascita, proprio come quello stile ormai perduto che necessitava di essere ritrovato. “Arlecchino servitore di due padroni” debuttò nel dopoguerra e ancora oggi resta in cartello al Piccolo Teatro di Milano, vedendo alternarsi e sostituirsi attori fra i volti più noti del panorama italiano. Ma uno fra tutti resta, invece, al centro della rappresentazione, come il suo personaggio.

Inizialmente solo sostituto per la tournée americana del precedente interprete Marcello Moretti, dal 1963 Ferruccio Soleri porta in scena il proprio Arlecchino, rendendolo il personaggio attorno a cui tutto il resto della compagnia ruota. Dall’esuberanza e l’agilità feline, il personaggio dello Zanno ha acquisito negli anni una personalità definita e un’impronta prepotentemente cucita addosso allo stesso attore. L’idea iniziale dell’Arlecchino di Moretti è stravolta dalle acrobazie e dalle gestualità da gatto di Soleri, che per 210 minuti salta e rotola sulla piattaforma che rappresenta il palco, circondata dalla storicizzazione di un metatesto che trova, anch’esso, nelle azioni fuori scena della maschera ludica la massima verità.
Ferruccio Soleri, dai natali fiorentini che fieramente continua a portare avanti nella propria parlata, alla veneranda età di 86 anni continua instancabile le proprie performance senza accusare le difficoltà dell’età. Grazie a un’impostazione del lavoro diligente e seria, agli allenamenti che porta avanti da mesi prima di ri-assaporare le luci della ribalta, nonostante non abbia più la tenera età di quando prese il ruolo 52 anni fa, la sua agilità non crolla e il suo modo di rappresentare la propria maschera burlesca resta il medesimo fresco e affascinante capolavoro. Arlecchino continua a conservare il proprio posto nel mondo anche, o forse soprattutto, grazie a lui, che ne ha fatto il proprio costume e che si è fatto ambasciatore del suo verbo e della sua cultura.

Oltre allo spettacolo di Strehler, infatti, all’attore va il merito della scrittura drammaturgica di ben quattro opere sul personaggio: “Arlecchino e gli altri”, “Ritratti di commedia dell’arte”, “Arlecchino l’amore e la fame”, “Arlecchino: fame…fame…fame…”. È proprio con quest’ultimo spettacolo, e con la sostituzione una volta a settimana nella rappresentazione del Servitore di due padroni, che l’attore sta passando al proprio allievo Enrico Bonavera il testimone della maschera più amata al mondo.
Attore anche di altre grandi opere, come ad esempio “La tempesta” di Shakespeare o la “Vita di Galileo” di Brecth, Soleri è anche professore e professatore della propria arte, e ad oggi insegnante di Commedia dell’arte alla Scuola di Teatro di Giorgio Strehler del Piccolo Teatro di Milano. Una carriera coronata dal riconoscimento del Guinness World Record per l’interpretazione teatrale dello stesso personaggio per più tempo, e dal Leone d’oro alla carriera.
Un personaggio ineguagliabile, un attore dalle doti magiche e dalla serietà invidiabili, un artista unico nel suo genere non solo in Italia ma nel mondo, che porta avanti la propria arte con passione dopo tanti anni e che, malgrado il tempo, non sembra intenzionato ad abbandonare il palcoscenico.

Siamo onorati di porgere i nostri auguri a un pilastro del teatro italiano per i suoi 86 anni, sperando che chi non ha ancora conosciuto in prima persona la sua passione artistica, possa colmare le proprie lacune il prima possibile.

Leggi tutto...

cerchiamo “ASSISTENTE DI PRODUZIONE ED EVENTI” -

RICERCA
“ASSISTENTE DI PRODUZIONE ED EVENTI”
Siamo una delle più qualificate strutture teatrali del territorio,L’Associazione Culturale Teatrando da 21 anni opera nel settore della didattica teatrale e della ricerca teatrale, in un ottica di inserimento nel proprio organico, ricerca una risorsa da inserire nella funzione di “ASSISTENTE DI PRODUZIONE ED EVENTI. “
La risorsa scelta verrà inserita in un contesto lavorativo moderno, giovane, culturalmente dinamico ed organizzato, in un ambiente strutturato che pianifica la crescita professionale e personale acquisendo nel tempo responsabilità sempre più elevate.
Siamo alla ricerca di una persona giovane di talento, intraprendente, neolaureata, preferibile conoscenza del mondo in cui opererà. Si richiede, la residenza non oltre 10 km dalla sede lavorativa,disponibilità ad eventuali spostamenti,automunito/a, competenze nel mondo web e utilizzo dei principali sistemi operativi.
La persona che ricerchiamo, infatti, si occuperà della gestione delle attività di Teatrando Produzioni e della Compagnia Stabile. Il/la candidato/a ideale possiede ottime capacità organizzative e relazionali, predisposizione al lavoro in team , iniziativa ed orientamento agli obiettivi.
Iniziale progetto di “assistente” per un periodo di prova di quattro mesi con rimborso spese, con seria possibilità di inserimento nell’organico
Il colloquio è subordinato alla valutazione del curriculum vitae e della disponibilità immediata.
INVIARE CURRICULUM VITAE A :
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Leggi tutto...

S.O.S “NEGLI OCCHI” ANNIVERSARIO TOUR - L’agenda di Luglio

S.O.S “NEGLI OCCHI” ANNIVERSARIO TOUR - L’agenda di Luglio

NDS Music presenta il gradito ritorno sulla scena live degli S.O.S. (Save Our Souls), band lombarda rivelazione degli anni '90.

Vincitori delle importanti manifestazioni Rock Targato Italia nel 1993 e di Ritmi Globali nel 1995, pubblicano nello stesso anno il secondo album: “Negli Occhi”. Il Disco, che vede alla produzione artistica Paolo Fanzaga e alla consolle l'ingegnere del suono John Grimes (già al lavoro con gli U2), vende oltre 5000 copie ed ottiene entusiastici consensi da critica e pubblico.

Gli S.O.S. sono: Marco Ferri "Bruco" (autore, voce), Simone Trevisàn (chitarra), Milly Fanzaga (batteria), Nicola Mazzucconi(basso).

NEGLI OCCHI ANNIVERSARIO TOUR

celebra, i 20 anni dall'uscita del disco “Negli occhi” (di cui la versione “Remastered è disponibile in CD e sugli store digitali), prosegue nel mese di luglio con i seguenti appuntamenti: 

sabato 4 luglio:Festa delle Associazioni a Morengo (BG), che vedrà come ospite speciale al basso Stefano Forcella (Fixforb e Modà);
martedì 7 luglio: Beer on the Road a Caravaggio (BG), serata condivisa sul palco con i Fixforb (Diego Arrigoni, Stefano Forcella e Milly Fanzaga);
venerdì 10 luglio: La Tana degli Elfi a Brescia (Via L. Manara 41/C), serata all’insegna della buona musica e dell’ottima cucina

 


NDS DEMO TOUR

programma

Ore 19.30 - aperitivo e NDS Music Demo: Gli endorsers di NDS Music presenteranno una gamma di strumenti ed accessori musicali, rimanendo a disposizione di coloro che vorranno toccare con mano il mondo di NDS.

Ore 21.00 - cena con menù a € 24: antipasto, primo, dolce, acqua, bicchiere di vino e caffè; A seguire: S.O.S. Save Our Souls in acustico

È gradita prenotazione 030311780 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


Links di riferimento:

sosrock.band  (S.O.S. - Sito Ufficiale)

ndsmusic.com (NDS Music – Sito Ufficiale) 

https://www.facebook.com/ndsmusicitaly  (NDS Music - pagina Facebook)

Leggi tutto...

Conclusa l'edizione di Scintille 2015 al Teatro Menotti di Milano

SCINTILLE 2015
ASTI 19-20 GIUGNO
MILANO / TEATRO MENOTTI 20-21 GIUGNO
Si è conclusa la sesta edizione di Scintille - il nuovo teatro in vetrina - il concorso rivolto a giovani compagnie under 35, finalizzato alla produzione di uno spettacolo teatrale da promuovere sul territorio nazionale. Nei cortili del centro storico di Asti (19-20 giugno) e presso il Teatro Menotti di Milano (20-21), si sono esibite le otto giovani compagnie finaliste, i cui spettacoli sono stati votati da una giuria popolare e da una giuria tecnica, composta da operatori del settore.
Tenuto conto del giudizio del pubblico di Asti e di Milano, la giuria del Premio Scintille 2015 ha premiato all’unanimità lo spettacolo Sulla morte, senza esagerare, delTeatro dei Gordi, “in quanto ha ritenuto il progetto meritevole di sviluppo e sostegno per l’originalità della costruzione drammaturgica, la cura dei dettagli, il lavoro attoriale e di regia, che lo proiettano decisamente verso una dimensione creativa di probabile livello internazionale. La giuria ha voluto premiare anche il coraggio della giovane compagnia di intraprendere la linea di un teatro senza parole, che riesce a comunicare in maniera efficace, suggestiva e poetica attraverso il movimento, il gesto, le invenzioni scenografiche”.
La compagnia vincitrice si aggiudica il premio di 8.000€ per la produzione definitiva dello spettacolo, contributo erogato in collaborazione con TieffeTeatro, il Comune di Asti e la Fondazione Live Piemonte dal vivo; inoltre, lo spettacolo sarà nel cartellone 2015/2016 del Teatro Menotti e del Teatro Alfieri di Asti.
Menzioni Speciali vanno alla compagnia nO (Dance first.Think later), per lo spettacolo Città/Inferno, “per la qualità e l’originalità del linguaggio scenico sviluppato da un ottimo gruppo di interpreti, che alternano la recitazione alla danza, costruendo uno spettacolo di grande efficacia, ritmo e impatto”, e alla compagnia Nastro di Möbius/Scenari Visibili, per La marcia lunga, “per la coraggiosa messa in scena di un tema delicato come la criminalità organizzata, attraverso la metafora sportiva e la multirazzialità”.
La giuria del Premio Scintille 2015: Presidente Emilio Russo, Angela Calicchio, Paolo Cantù, Rosario Coppolino, Milvia Marigliano, Mario Nosengo, Enza Pineda, Carlo Roncaglia, Giovanna Rossi, Giordano Sangiovanni, Paolo Zanchin.
Le compagnie finaliste: Giulia Lombezzi (Quater-diario di un’ape operaia), Lostello dei Dispersi (MAT! Misure di annientamento totale), Nastro di Möbius/Scenari Visibili (La marcia lunga), nO -Dance fisrt/Think later- (Città/Inferno), Quei Due (Due-come si fa a far andare bene una coppia?), S.N.C. Granara/Mariottini/Sorrentino/Strazza (Proclami alla Nazione), Teatro dei Gordi (Sulla morte, senza esagerare), Tedacà (Strani-Oggi).

PREMIO SCINTILLE 2015:
Teatro dei Gordi
Sulla morte, senza esagerare
di e con Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti e Matteo Vitanza
regia di Riccardo Pippa
maschere di Ilaria Ariemme
Sulla soglia dell’Aldilà, dove le anime prendono definitivo congedo dai corpi, c'è la nostra morte. Ha un contratto a tempo indeterminato, molto lavoro da sbrigare e un capo molto esigente. I vivi la fuggono, la sfidano, la cercano, la gufano, la negano, la invocano, e lei ne ha abbastanza di imprevisti, ritardi, tentativi maldestri, anime rispedite al mittente. Ha già spedito la sua lettera di licenziamento e attende notizie dai piani alti. Maschere contemporanee di cartapesta, figure familiari raccontano di incontri con la nera parca, di occasioni mancate, di addii; raccontano storie semplici con un linguaggio tragicomico, per parlare della morte, sempre senza esagerare

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?