Menu

Articoli filtrati per data: Dicembre 2016

Compilation Rock Targato Italia 2014

Tracklist

THE FOTTUTISSIMI Daniela
ZIBBA & ALMALIBRE L'Ultimo Giorno
RADIOFIERA El miracoeo
DADA CIRCUS Stammi a sentire
MARIPENSA Fatto Di Plastica
MANIA Il pianoforte
ODETTE DI MAIO Sento
NINFEANERA Eden
RAT MOUSQUE' That's Ok!
MESSERE Brivido
10 DIAZ Nella notte
MILD A testa in giù

periodo di pubblicazione: settembre 2014
etichetta: Divinazione/Terzo Millennio - distribuzione: PIRAMES INTERNATIONAL

Leggi tutto...

Compilation Rock Targato Italia 2013

Tracklist

  • PUNTOG Quorinrivolta
  • LE ORIGINI DELLA SPECIE Un Attimo Di Eternità
  • F.O.O.S. In My Pocket
  • PROF. PLUM Le Streghe
  • MENABO' Pere Lachaise
  • UNDERDOSE Camera 206
  • BAKAN ROCK GANG Ragazza Svegliati
  • DEPT_12 Indifferente
  • POLLYROCK Fiaba Controcorrente
  • AUDIORAMA Non Ci Siamo Detti Ciao
  • SETTEMBRE ADESSO Corpi
  • SUPERSTEREO Rambo
  • LE HIBOU Nell'attesa Dell'alba
  • IL RE DEVE VEDERLIR.A.I.

periodo di pubblicazione: settembre 2011
etichetta: Divinazione/Terzo Millennio - distribuzione: PIRAMES INTERNATIONAL

Leggi tutto...

Compilation Rock Targato Italia 2011

Tracklist

  • EUGENIE In Sospensione
  • SKIVER Imprendibili
  • ITALIAN FARMER In-Certi Sogni
  • THE FOTTUTISSIMI Guru
  • TRIFASE Gioco
  • SWORDFISH PROJECT Secondo Posto
  • NERAVIRTU' Tele Bianche
  • EMANUELE DE FRANCESCO Niente E’ Per Niente
  • KATMAI Facile
  • PAPATACI Tutto Ok
  • COEMME2 Viola
  • I DEPUTATI Nicole Minetti
  • ADRIANO CELENTANO Il Ribelle
  • ENZO JANNACCI El Portava I Scarp Del Tennis
  • LITTLE TONY Quando Vedrai La Mia Ragazza
  • ROBERTO NESSUNO Dio Ti Ama (Vincitore Ma.Ca.Co Rassegna Comico Demenziale)

periodo di pubblicazione: settembre 2011
etichetta: Divinazione/Terzo Millennio - distribuzione: SELF

Leggi tutto...

Compilation Rock Targato Italia 2010

Tracklist

  • THE FOTTUTISSIMI We Will Not Survive
  • ZIBBA & ALMALIBRE Nella Notte Che Verrà
  • THE BANKROBBER Away
  • ITALIAN FARMER M'Angegné per Capì
  • LUCA ANCESCHI Nina Mala
  • STECCA Leccami Il Cuore
  • OBC SLIM Sole sulla Pelle
  • MARIPENSA Fatto di Plastica
  • GUIDO FODDIS Fitness (feat. Marzio Bruseghin)
  • KISSTHESKY Sola
  • SWEET POISON Venere di Carta
  • NERAVIRTU' Chimera
  • AGENZIA TORMENTI Siamo Sempre Fuori
  • COMEDI CLUB Mi vuoi o no?
  • PU.DE.RO. Miraggi (Ballata della Follia)
  • WINDMILL PROJECT A game of Chess
  • OVERTAKE Majorettes
  • THE JUNKLE Scary Fandango
  • MAXENA TACE Tigerman

periodo di pubblicazione: settembre 2010
etichetta: Divinazione/Terzo Millennio - distribuzione: SELF

Leggi tutto...

Compilation Rock Targato Italia 2009

tracklist

  • ZIBBA & ALMALIBRE Feat TONINO CAROTONE Margherita
  • THE FOTTUTISSIMI Cuore Spento
  • FEDERICO POGGIPOLLINI Incredibile Potere
  • STECCA Il Vivere Che Vuoi
  • PORNOPILOTS Beatiful Day
  • CLOCK Muro Bianco
  • GUIDO FODDIS Sabato Con Te
  • MARIPENSA Bugia
  • MICAPUNGO La Consolle Della Sony
  • THE MURO Sciansonie’
  • S.O.S. De Sang Froid
  • FUORI ORARIO Invenzioni
  • F.L.A.G. Invulnerabile
  • KALIKENDO Di Soprassalto
  • OBC SLIM Danza Scalza
  • UNITA' DI DISTRUZIONE DEL SUONO Giovani Parole
  • SUPERCANIFRADICIADESPIAREDOSI In The Kitchen
  • PALCONUDO Sara

periodo di pubblicazione: settembre 2009
etichetta: Divinazione/Terzo Millennio - distribuzione: SELF

Leggi tutto...

Compilation Rock Targato Italia 2008

tracklist

  • RADIOFIERA Fioi
  • GENNAIO Quale Origine?
  • FUORISERIE Mi Perdo In Quisquilie
  • ESSERETEMPO Prendere A Calci Il Cielo
  • SEBASTIAN Nausea Pop
  • STEREOTIPI La Capsula
  • ENDIGMA Nuts
  • MALADIVES La Mano I Fiori
  • HATTORI HANZO Dementia Brevis
  • OBC SLIM Dimmi Senti Balla
  • DISCOREVOLVER Patty
  • AUDIORAMA Parole Al Vento
  • ZIBBA & ALMALIBRE La Karimba Di Natale
  • SOON Dormi
  • F.L.A.G. Alibi
  • LAMIA Eufonia Del Piano
  • DUEMINUTIEMEZZO Ti Scrivo Una Rima
  • KLORD Preferisco Il Technicolor

periodo di pubblicazione: settembre 2008
etichetta: Divinazione/Terzo Millennio - distribuzione: SELF

Leggi tutto...

Compilation Rock Targato Italia 2007

tracklist:

  • MARLENE KUNTZ La Canzone Di Domani
  • RADIOFIERA Tutti Innocenti
  • HISONZ STREET BAND Moda
  • ESTRA Dentro Quest’uomo
  • SCISMA Dimensioni Parallele
  • MAJORA In Alto
  • ATECHE Solo Nel Letto
  • SUBURBIA Anche Perche’
  • ALIBIA La Strada
  • NEUROX Egon
  • GEISHA Servidei
  • INDOVENA L’inerzia Di Nelson Nel Sonno
  • L'INFERNO DI ORFEO Necessita’
  • PASSAGGIO X IL PARADISO Contro - L - Preside
  • INTUASSENZA Sui Bordi
  • CLAMIDIA Zerodue
  • PORNOPILOTS Beatiful Day
  • AURA Voce Della Paura
  • CLOCK Muro Bianco

periodo di pubblicazione: settembre 2007
etichetta: Divinazione/Terzo Millennio - distribuzione: SELF

Leggi tutto...

Cucina Naturale: In edicola il numero di febbraio.

Cucina Naturale
In edicola il numero di febbraio
con il libro Cucina metropolitana

La rivista

La fine dell’inverno si veste di allegria. Il Carnevale, certo, lo festeggiamo a modo nostro, con dei dolcetti light e colorati del servizio Ricette leggere di Giuseppe Capano e con i ravioli dolci fritti di Simone Salvini del Dulcis in fundo.
I cavoli nelle tante forme e combinazioni continuano a proteggere la nostra salute, come ci spiega Marco Bianchi, ma soprattutto ad arricchire la nostra cucina: il servizio di Ricette di stagione della cuoca Diletta Poggiali sono originali combinazioni di cavoli e legumi.
Questo numero offre tantissime ricette di primi piatti, pasta, riso e non solo.
Chi vuole iniziare un percorso di depurazione ha a disposizione il servizio di Scuola di cucina sulle verdure amare, oltre alla dieta di stagione settimanale, questo mese sul tema del piccante.
Emanuele Patrini ha realizzato un doppio, romantico menu per festeggiare in coppia San Valentino, anche se... non è obbligatorio essere giovani fidanzatini per realizzare quelle splendide ricette!
Federico Francesco Ferrero è il nostro ospite del mese.

 

Il libro: Cucina metropolitana di Emanuele Patrini

Nell’immaginario collettivo cucina e metropoli non corrono sempre sullo stresso binario: si pensa infatti che la preparazione dei piatti richieda sempre tempo e dedizione, debba quindi essere lenta, mentre la città ha un ritmo frenetico, è veloce...
Ma la metropoli è anche il luogo dell’incontro e della commistione di culture e cucine diverse, da cui possiamo trarre vantaggio e idee nuove.
Blogger e nostro autore di ricette, Emanuele Patrini, nel volume che sarà in vendita col prossimo numero della rivista, spiega come si può realizzare una cucina metropolitana di qualità, salutare e buona, mettendo in tavola piatti gustosi e invitanti in poco tempo, sia per i pasti quotidiani sia per occasioni particolari come una cena per gli amici o un aperitivo, senza ripiegare necessariamente su qualcosa di acquistato già pronto.
Ecco allora 80 ricette da preparare in soli 20 minuti, molte delle quali corredate di foto per aiutarvi anche visivamente nell’esecuzione dei piatti proposti.

L'autore

Emanuele Patrini, classe 1975, manager di una multinazionale, si occupa di consulenza nel mondo della sanità. Terzo classificato alla prima edizione di Bake Off Italia ha aperto per gioco il blog di cucina Cravatte ai fornelli che sta diventando sempre più importante nella sua vita e nella sua professione. Adora sperimentare in cucina e applicare in casa le tecniche della grande ristorazione. Da due anni collabora con Cucina naturale ed è uno degli autori di GQ per la sezione Food & drinks.

 

© 2015 Tecniche Nuove SpaIl futuro non si prevede, si prepara

Leggi tutto...

Cà di Frà: Nanda Vigo "Mix Light"

 Cà di Frà

Via Carlo Farini 2

20154 Milano

tel +390229002108

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

NANDA VIGO  Mix Light

 

INAUGURAZIONE:

GIOVEDI, 5 Febbraio 2015

Ore 18.00 – 21.00 

 

Termine mostra Venerdì, 27 Marzo  2015

Orari galleria:  LUN – VEN 10-13 / 15-19

SABATO SOLO PER APPUNTAMENTO

 

All’epoca “ lo Spirito del Tempo”, ma stavano firmando la Storia dell’Arte. 

Il Gruppo Zero (1957 - 1966) teorizzava il superamento di ogni  esperienza plastica artistica passata. Carica di significato e di conseguenze intellettuali – filosofiche   era  l’idea di  “arte allargata”. L’arte si appropriava dell’ambiente  ed  affiancava al colore, con pari dignità e potenzialità espressive, la luce e lo spazio percepito attraverso il movimento.

Nanda Vigo, architetto – designer – artista, proprio rivendicando un’assoluta libertà da ogni corrente e filosofia creativa, incarna perfettamente l’artista che opera nella “Zero - Zone”, insieme a Otto Piene, Heinz Mack, Guenther Uecker, Piero Manzoni, Lucio Fontana, Jean Tinguely, Yves Klein. 

Luce e movimento  i due fari da seguire; la luce come struttura portante del progetto, il movimento come scintilla per presentire, cogliere lo spazio; luogo fisico dove la percezione assume un’importanza maggiore della forma. Cronotopi, Light Project, Light Tree, Totem sono generatori di energia e di armonia.

La smaterializzazione dell’oggetto, soprattutto nei Light Project, invece,  una sottile operazione concettuale. Il progetto sostituisce la  realizzazione diventando materializzazione dell’oggetto stesso.

I  Cronotopi, generatori di “vibrazioni” psicologiche,  procedono alla smaterializzazione dell’immagine, quindi, dell’ Io.

La personale di Nanda Vigo scompone e ricompone l’ambiente tra Passato e Presente.

Cronotopi, Light Tree, Light Project, ma anche Genesis, Totem “reinventano” lo spazio della galleria

Manuela Composti

 

Cenni di Vita…

Nanda Vigo è nata a Milano nel 1936. Vive e lavora tra Milano e l’Africa orientale.

Dimostra interesse per l’arte fin dalla tenera età, quando ha occasione di trascorrere del tempo in compagnia di Filippo de Pisis, amico di famiglia, e di osservare le architetture di Giuseppe Terragni da cui – si può azzardare a dire – ha imparato l’attenzione alla luce.

Dopo essersi laureata all’Institut Polytechnique di Lausanne e un importante stage a San Francisco, nel 1959 Vigo apre il proprio studio a Milano. Da quel momento il tema essenziale della sua arte diventa il conflitto/armonia tra luce e spazio, che l’artista utilizza nel proprio lavoro, anche come architetto o designer. Dal 1959 frequenta lo studio di Lucio Fontana prima, e poi si avvicina agli artisti che avevano fondato la galleria Azimut a Milano, Piero Manzoni ed Enrico Castellani. In quel periodo tra i diversi viaggi per le mostre in tutta l’Europa (più di 400 mostre collettive e personali), Vigo conosce gli artisti e i luoghi del movimento ZERO in Germania, Olanda e Francia.

Nel 1959 inizia la progettazione della ZERO house a Milano, terminata solo nel 1962. Tra il 1964 e il 1966 ha partecipato ad almeno tredici mostre ZERO, compresa NUL 65 allo Stedelijk Museum di Amsterdam e ZERO: An Exhibition of European Experimental Art alla Gallery of Modern Art di Washington D.C. Nel 1965 l’artista ha curato la leggendaria mostra ZERO avantgarde nello studio di Lucio Fontana a Milano, con la partecipazione di ben 28 artisti.

Tra il 1965 e il 1968 ha progettato e creato con Gio Ponti la Casa sotto la foglia, a Malo (Vi). Nel 1971 Vigo viene premiata con il New York Award for Industrial Design per il suo sviluppo delle lampade (Lampada Golden Gate) e nello stesso anno progetta e realizza uno dei suoi progetti più spettacolari per la Casa-Museo già di Remo Brindisi a Lido di Spina (Fe).

Nel 1976 ha vinto il 1° Premio St. Gobain per il design del vetro.

Nel 1982 l’artista ha partecipato alla 40a Biennale di Venezia.

Nel 2007 ha curato l’allestimento della mostra “Piero Manzoni – Milano et Mitologia” a Palazzo Reale a Milano. Nella sua attività Vigo opera con un rapporto interdisciplianare tra arte, design, architettura, ambiente, è impegnata in molteplici progetti sia nella sua veste di architetto che di designer che di artista. Quello che contraddistingue la sua vivace carriera è l’attenzione e la ricerca dell’Arte, che la spinge ad aprire collaborazioni con i personaggi più significativi del nostro tempo ed a intraprendere sempre progetti volti alla valorizzazione dell’Arte come la mostra ITALIAN ZERO & avantgarde 60’s al MAMM Museum di Mosca.

Dal mese di aprile 2013 alcune opere di Vigo sono presenti nella collezione del Ministero degli Affari Esteri. Nel 2014 espone nella mostra: Coundown to Tomorrow, 1950s-60s al Guggenheim Museum di New York.

 

 

 

Leggi tutto...

LE VISIONI DI PAOLO: IL BAZAAR DELL'ASSURDO E I LIMITI DELLA LIBERTÀ.

Abbiamo sofferto con la Francia durante le ore tragiche degli attacchi vigliacchi a persone inermi ma, anche, al fondamento della libertà.
Abbiamo pianto con il popolo francese i suoi morti. Abbiamo manifestato insieme a loro la comunione d'intenti nel volerci battere contro la barbarie e nel dichiarare con orgoglio che non abbiamo paura. Che non sono riusciti a spaventarci.

L'applauso è stato pressoché unanime, così come l'abbraccio consolatorio.

Poi ...

Poi qualcuno ha pensato che essere liberi preveda un limite fondamentale. Il limite della responsabilità, dice qualcuno. Escono le nuove vignette su Charlie Hebdo. Maometto ne è, ancora una volta, il protagonista.

La tiratura (neanche a dirlo) è da record. Il mondo islamico s'infiamma contro chi li ha offesi. Contro chi ha offeso il Profeta.
Così molti autorevoli intellettuali e persino il Sommo Pontefice prendono le distanze.
Noi restiamo perplessi e paralizzati di fronte a questo cambio di rotta, a questa frattura.
Saranno le vignette satiriche a fermare il dialogo tra le religioni? Si può negoziare la libertà di pensiero, di critica e di satira in cambio di più
sicurezza, del quieto vivere?

Noi siamo con Benjamin Franklin: " Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza".
Questo volendo essere seri. Ma, la serietà non può essere la categoria con cui si analizza questo argomento. Non c'è nulla di serio.
E' un mercato dell'assurdo dove oggi è un altro giorno. Un bazaar dove si comprano gli articoli dell'oggi e si cerca un compromesso sulla prudenza
assurda di domani. E' il mercato al ribasso dei limiti della libertà. Oggi ci si indigna, domani si invoca equilibrio o, meglio, equilibrismo …

Ieri era ieri e non avevamo paura. Avevamo ancora negli occhi l'orrore, tuttavia, la voglia di andare avanti, di non perderci, di stringerci l'uno all'altro per confortarci ma, anche, per urlare che siamo in piedi, non ci mancava. Dichiaravamo con chiarezza: non siamo disposti a derogare nessuna delle libertà così a caro prezzo ottenute.
Urlavamo "Je suis Charlie"! Lo recitavamo come un mantra.
Oggi, tutto sommato ... un po' di paura l'abbiamo. Poi, è ingiusto essere offensivi nei confronti di questa o quella civiltà. Le religioni sono culture e/o tradizioni che vanno rispettate. Non bisogna scherzare con il sacro.

Ragionando sull'etimologia delle parole religione e sacro, possiamo scoprire cose interessanti. La prima deriva dal latino e significa "legare" o, se preferite, tenere insieme. La seconda è di derivazione greca e significa "separato" cioè su un piano diverso. Com'è possibile che chi dovrebbe tenere insieme, divida così tanto ed in modo così drammatico? Perché qualcosa che è su un altro piano (di percezione o di realtà) dovrebbe determinare scelte che possono cambiare così radicalmente il nostro modo di vivere o di pensare? La prima risposta che mi verrebbe è perché siamo stupidi.
Io lo sono di certo e, allora, mi metto a ragionare su un'altra parola abusata, in questo periodo: civiltà. La ho usata anch'io, più sopra. Cos'è la civiltà?
Esiste la civiltà o le civiltà?
Chi scrive vi chiede di ragionare non un atto di fede. Zarathustra si congeda dai suoi discepoli dicendo loro che forse li ha ingannati. Cammineranno da soli per il mondo e cercheranno da soli le loro verità.
Esiste solo l'umanità che lotta, soffre e ride per le stesse ragioni a qualunque latitudine, di qualunque razza o religione. Diremo con John Donne che ogni morte di uomo ci diminuisce perché ognuno di noi partecipa dell'umanità.
Diremo che l'unica vera civiltà è l'empatia.

Diremo che non è vero che il nostro prossimo è nostro fratello, noi siamo il nostro prossimo. Non possiamo ucciderlo senza commettere assassinio anche

verso noi stessi. Che noi e lui dobbiamo poterci esprimere anche in modo blasfemo, offensivo e provocatorio nei confronti di chiunque e di qualunque cosa. Perché le opinioni non fanno male, le armi sì. Diremo che sul Corano è scritto che chi salva un uomo salva tutta l'umanità, chi uccide un uomo uccide tutta l'umanità. Diremo che chi deroga sui principi fondanti dell'essere umani è disumano e (sì!) è responsabile della più terribile deriva. Diremo che non debba esistere nessun li mite sull'esprimersi liberamente.
Diremo che vanno aboliti i così detti "reati d'opinione".

Diremo con Voltaire che non siamo d'accordo con quello che dici ma, siamo disposti a morire perché tu possa continuare a dirlo. Da qualunque posto tu
venga. Qualunque cosa tu dica.

Una cosa non faremo mai. Non uccideremo.

di Paolo Pelizza

2015 Rock targato Italia

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?