Menu

Non solo rock. Torna sul podio dei Pomeriggi Musicali il direttore principale ospite Alessandro Cadario

Torna sul podio dei Pomeriggi Musicali il direttore principale ospite Alessandro Cadario per i concerti in programma questa settimana per la 78a Stagione 2022/2023 al Teatro Dal Verme di Milano giovedì 3 novembre alle ore 20 (con replica sabato 5 alle ore 17; biglietti da 8 a 20 euro + prevendita). Per la prova generale di giovedì alle ore 10 in Sala ci saranno anche gli studenti di alcune scuole milanesi e gli abbonati alla serie “In anteprima” dei Pomeriggi Musicali.

Il programma musicale si apre con il celebre e intenso Adagio per archi di Samuel Barber seguito dal Concerto per violino dello stesso statunitense affidato all’archetto di Roman Simovic, primo violino della London Symphony Orchestra, che torna attesissimo con il suo Stradivari 1709. Quindi nella seconda parte atmosfera diversa con le suite da due celebri pagine di Manuel de Falla, El amor brujo e El sombrero de tres picos.

«Nasce su entrambe le sponde dell’Atlantico – scrive nelle note di sala Raffaele Mellace – la musica in programma, concepita in un’unica stagione, la finestra temporale tra la Prima e lo scoppio della Seconda guerra mondiale: un quarto di secolo in cui la musica d’arte è alla caccia di vie nuove, ricerca cui soccorrono in misura determinante linguaggi periferici rispetto alla tradizione centroeuropea. Di quella congiuntura storico-estetica rappresentano casi emblematici, ancorché molto diversi, Manuel de Falla e Samuel Barber. Il secondo, americano di West Chester, Pennsylvania, classe 1910, scrisse in gioventù entrambi i lavori in programma, entrambi baciati da notevole successo. Straordinario addirittura quello del primo, l’Adagio per archi op. 11, che si è imposto come la pagina più celebre d’un autore dalla produzione prolifica e varia, per due volte Premio Pulitzer. Barber lo estrapolò dal Quartetto per archi n. 1 composto nel 1936 a Roma. Il pezzo non poteva avere esordio più fortunato, poiché lo tenne a battesimo Arturo Toscanini, il 5 novembre 1938 a New York con l’Orchestra dell’NBC. […] L’anno dopo il debutto dell’Adagio Barber mise mano a una composizione sinfonica più ambiziosa, un concerto per violino, oggi probabilmente il più popolare lavoro del genere proveniente d’Oltre Atlantico».Sulla sponda europea ritroviamo Manuel de Falla e due suoi celebri balletti El amor brujo e El sombrero de tres picos dei quali saranno preparate delle suite da concerto. «Il compositore andaluso scrisse il primo, la “gitanería” El amor brujo, al rientro in Spagna dalla cruciale esperienza a Parigi, dove aveva consolidato la consapevolezza […] delle potenzialità straordinarie del patrimonio musicale iberico. […] Documentatosi sulle tradizioni dei gitani, gli zingari stanziatisi in Spagna, Falla vi ricrea lo spirito del folklore iberico profondo, di cui intende esaltare […] il carattere primitivo e quasi materico. Di questa partitura vitalissima, che s’affermò sulla scena internazionale sempre a Parigi dal 1928, il compositore aveva tratto già nel 1916 una suite sinfonica. Tali caratteristiche si ripropongono amplificate nelle due suite tratte dal balletto successivo, El sombrero de tres picos, commissionato da Sergej Djaghilev per i Ballets russes, che lo proposero il 22 luglio 1919 all’Alhambra Theatre di Londra, con la direzione di Ernest Ansermet, le scene e i costumi di Picasso e la coreografia di Léonide Massine, che vi danzava il ruolo principale. È l’immagine sonora d’una Spagna rutilante di colori quella trasmessa da questo adattamento del racconto El corregidor et la molinera di Pedro Antonio de Alarcón, in cui un giudice con il tricorno di ordinanza corteggia una mugnaia, rendendosi ridicolo davanti alla popolazione locale, che lo tratterà come un fantoccio».

Sabato 5 novembre alle ore 15, nella Sala Terrazzo del Teatro Dal Verme, prosegue il ciclo di incontri condotti da Michela Fregona e intitolato “Milano racconta - La città di scena”: quattro appuntamenti dedicati alla città di Milano, protagonista di alcuni recenti romanzi e di un grande classico. Attraverso il dialogo con i suoi ospiti, Michela Fregona evoca aspetti diversi della città, in questo caso quella della moda, del lusso e della proiezione in avanti – sempre, nelle pagine di Dress Code Rosso Sangue (Mondadori) di Marina Di Guardo, presente naturalmente all’incontro (ingresso libero sino ad esaurimento dei posti disponibili). Il jet set milanese, i locali più esclusivi e ambigui della città della moda e giù in fondo al cuore, a volte nerissimo, dei suoi protagonisti.

«In quattro movimenti» afferma Michela Fregona, curatrice del ciclo, «una convocazione a teatro del mondo di fuori: il racconto della città e delle sue storie nella voce di chi ne ha scritto, per festeggiare, in una delle scene che l’immaginazione ha tenuto viva per oltre un secolo, i centocinquant’anni del Teatro Dal Verme».

Teatro Dal Verme

giovedì 3 novembre ore 10.00 in anteprima

giovedì 3 novembre ore 20.00

sabato 5 novembre ore 17.00

Orchestra I Pomeriggi Musicali

Direttore Alessandro Cadario

Violino Roman Simovic

Samuel Barber (1910 - 1981)

Adagio per archi op. 11

            Molto adagio

Concerto per violino e orchestra, op. 14

Allegro

Andante

Presto in moto perpetuo

 

Manuel De Falla (1876 - 1946)

El amor brujo (Suite)

El sombrero de tres picos (Suite n. 1)

Roman Simovic violino

Il brillante virtuosismo, l’innata musicalità e un’ampia immaginazione hanno portato Roman Simovic a esibirsi in tutto il mondo, nelle più importanti sale da concerto. I numerosi premi vinti in concorsi internazionali (Rodolfo Lipizer, Sion-Valais, Yampolsky Violin Competition, Henryk Wieniawski Competition) lo hanno imposto come uno dei più importanti violinisti della sua generazione. Come solista si è esibito con alcune tra le più prestigiose orchestre al mondo (London Symphony Orchestra, Orchestra del Teatro Mariinskij, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Franz Liszt Chamber Orchestra, Camerata Salzburg, Poznan Philharmonia, Prague Philharmonia, BBC Scottish Symphony Orchestra) con direttori quali Gergiev, Pappano, Harding, Noseda, Kristjan Järvi, Belohlavek, Heras-Casado, Znaider, Wilson, Elder. Regolarmente invitato a suonare nei più importanti festival internazionali, collabora stabilmente con musicisti quali Leonidas Kavakos, Yuja Wang, Gautier Capuçon, Tabea Zimmermann, Mischa Maisky, Shlomo Mintz, François Leleux, Itamar Golan, Simon Trpčeski, Janine Jansen, Julian Rachlin. Molto attivo anche in ambito didattico, tiene frequenti masterclass negli Stati Uniti, Regno Unito, Corea del Sud, Serbia, Montenegro, Israele e Italia. Simovic è primo violino solista della London Symphony Orchestra e suona un violino Stradivari del 1709 donato da Jonathan Moulds, presidente della Bank of America.

  1. com

Alessandro Cadario direttore

Musicista eclettico nel repertorio e attento alla prassi esecutiva dei diversi stili, ha diretto nel corso della sua carriera concerti sinfonici, opere e balletti nelle stagioni dei principali enti lirici e festival italiani ed internazionali, salendo sul podio di importanti orchestre come l’Orchestra del Teatro Mariinskij, il Coro e l’Orchestra del Teatro Regio di Torino, l’Orchestra Filarmonica di Monte Carlo, l’Orchestra Filarmonica della Fenice, l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice, il Coro e l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, il Coro e l’Orchestra del Teatro Petruzzelli, l’Orchestra Regionale della Toscana, l’Orchestra Haydn, la Filarmonica Toscanini. Nel 2015 ha diretto al Teatro alla Scala, nella cornice del Festival delle Orchestre Internazionali e, dal 2016, è Direttore ospite principale dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano. Nel 2017 è stato scelto dalla Presidenza del Senato per dirigere il concerto istituzionale, trasmesso in diretta su Rai1 dall’Aula del Senato. Nel 2018 ha debuttato al Teatro Mariinskij di San Pietroburgo e nel 2019 ha inaugurato al Teatro Filarmonico la stagione sinfonica della Fondazione Arena di Verona. Nella stagione 2020-2021 ha debuttato al Rossini Opera Festival con Il viaggio a Reims e ha diretto al Teatro Carlo Felice di Genova L’elisir d’amore e una nuova produzione della Serva padrona abbinata a Trouble in Tahiti. Tra gli impegni recenti e prossimi il ritorno alla Royal Opera House di Muscat, al Festival del Maggio Musicale con la prima assoluta di Jeanne Dark di Fabio Vacchi e la prima assoluta di Opera italiana di Nicola Campogrande al Festival della Valle d’Itria.

  1. com

I concerti della 78a Stagione sono programmati come sempre il giovedì alle ore 20 e il sabato alle ore 17 al Teatro Dal Verme.

Una novità: Trenord diventa Travel partner della Fondazione I Pomeriggi Musicali e offre ai propri abbonati con la tessera “Io viaggio” lo sconto del 25% sui biglietti e gli abbonamenti.

 

Teatro Dal Verme

via San Giovanni sul Muro, 2 - 20121, Milano

Tel. 02 87 905 – www.ipomeriggi.it

 

La biglietteria del Teatro Dal Verme è aperta da martedì a sabato ore 10:30 – 18:30

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / tel 02 87905 201

 

Vendita online www.ticketone.it

Floriana Tessitore

Ufficio stampa I Pomeriggi Musicali

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

+ 39 3387339981

blog www.rocktargatoitalia.eu

 

Leggi tutto...

SHINEDOWN: biglietti validi per il concerto di ALTER BRIDGE

 

 

 

A seguito della cancellazione dell’intero tour europeo da parte di SHINEDOWN (che prevedeva anche una data a Milano il 18 novembre), Vertigo comunica che sarà possibile partecipare al concerto di ALTER BRIDGE + Halestorm + Mammoth WVH – in programma al Mediolanum Forum di Assago (Milano) il prossimo 25 novembre – presentando agli ingressi il biglietto acquistato per il concerto degli SHINEDOWN.
Il settore a cui si potrà accedere sarà il parterre.

In alternativa i possessori del biglietto di SHINEDOWN possono chiedere il rimborso del tagliando su https://www.rimborso.info/

Di seguito i dettagli della data di ALTER BRIDGE:
ALTER BRIDGE
+ Halestorm
+ Mammoth WVH
Mediolanum Forum Assago (Milano)
25 novembre 2022

 

blog www.rocktargatoitalia.eu

 

Leggi tutto...

POLYPHIA live Milano

Siamo lieti di comunicare che, dopo poche ore dall'apertura delle prevendite, lo show di POLYPHIA, inizialmente previsto alla Santeria Toscana di Milano il 23 maggio viene spostato all'Alcatraz per via della grande richiesta di biglietti.

I biglietti acquistati per Santeria rimangono validi per l'Alcatraz.
Prevendite disponibili su circuito Ticketone.

I dettagli della data:
POLYPHIA
23 maggio 2023 – Milano, Alcatraz

ORARI
Apertura cancelli: 19:00
Inizio concerti: 21:00

BIGLIETTI
https://www.ticketone.it/artist/polyphia/
Prezzo del biglietto in prevendita: €27 + prevendita
Prezzo del biglietto in cassa il giorno del concerto: €32

Leggi tutto...

Biko Live- Concerti

Concerti Biko Live

venerdì 21 ottobre 2022 - doors 21.45

Sottoscrizione 10€+ tessera Arci obbligatoria / ARCI Membership Card mandatory

BIKO Milano in collaborazione con CHULLU Agency presenta:
Special Adaptations (US)
Opening act: Raffaele fiengo quartet

Dopo il tour del 2019, Special Adaptations torna in Italia!

Special Adaptations, ad oggi trio, ha preso la sua prima forma come progetto collaborativo tra i musicisti americani Alex LevineBen Rolston e Stephen Boegehold, e i musicisti italiani Stefano Grasso e Andrea Jimmy Catagnoli.

Il quintetto è nato da una residenza artistica che ha avuto luogo a Milano nel novembre 2019, cui è seguito un tour del nord Italia.

La magica atmosfera che si è creata tra i musicisti e il flusso spontanea della musica sono state registrate allo storico Guscio Recording Studio in quei giorni e pubblicate nell’aprile 2021 dall’etichetta berlinese AUT Records.


In trio come in quintetto, Special Adaptations suona musica originale del chitarrista e compositore Alex Levine. La musica viene studiata con particolare attenzione a ogni singola sezione, ripetuta come un mantra e assorbita nella memoria del corpo, poi ritagliata e modificata in tempo reale per dare vita a infinite differenti possibilità combinatorie. Gli elementi di ogni brano sono così liberi di emergere indipendentemente da ogni musicista.
Il continuo cambio di relazioni tra solista, leader e band crea un equilibrato e sorprendente ecosistema in cui improvvise sfumature di differenti atmosfere disegnano i contorni di un unico e multiforme organismo sonoro.

La poetica di Special Adaptations risiede nell’estetica cruda, essenziale, simil-haiku del chitarrista, estetica che la band tratta sia con estrema libertà che con estrema devozione.
In questo modo idee spontanee danno forma a fiumi di suono, montagne di colori, mari di atmosfera, cieli aperti ricchi di aria fresca.
Alex Levine - chitarra
Ben Rolston - contrabbasso
Stefano Grasso - batteria

Raffaele fiengo quartet
Il gruppo nasce a Milano da un'idea del sassofonista Raffaele Fiengo.
La formazione è completata da Thomas Umbaca al pianoforte, Enrico Palmieri al contrabbasso e Antonio Marmora alla batteria. Il repertorio del quartetto verte prevalentemente su composizioni originali del sassofonista influenzate dal Jazz contemporaneo, oltre ad arrangiamenti di movimenti/sonate autografate da musicisti del '900 come Vincent Persichetti, Béla Bartók e Arthur Honegger, per una musica trasversale e stimolante.

 

sabato 22 ottobre 2022

Apertura porte h 21.30

ViaAudio in collaborazione con BIKO presenta:
Savana Funk in concerto

SAVANA FUNK tornano al BIKO dopo il soldout dello scorso anno: questa volta presenteranno il nuovo attesissimo album in uscita il 14 ottobre, mentre vola già alto il singolo apripista Ghibli, piazzatissimo nelle playlist internazionali Spotify come Global Groove.
Il loro cocktail di funk, rock e blues viene servito con sciabolate di groove irresistibili che ha portato i Savana Funk a suonare oltre 100 date in tutta Europa con il loro Tindouf Tour, collezionando tantissimi soldout, l'apertura ai Red Hot Chili Peppers a Firenze Rocks e quella con i Kokoroko per A Cielo Aperto

Ingresso 13€ + d.p: 

https://www.mailticket.it/

Tessera Arci obbligatoria // Admission only with Arci membership Card

 

domenica 23 ottobre 2022

Apertura porte h 21.30
Tessera Arci obbligatoria // Admission only with Arci membership Card
sottoscrizione 10€

WAU WAU COLLECTIF live

Suoni cosmici d'avanguardia dal Senegal, Yaral Sa Doom è un album rivoluzionario che abbraccia confini e scene musicali. Ispirato alla tradizione dell'Africa occidentale, alle canzoni Sufi, al jazz spirituale e ai ritmi dub, l'effetto è un genere che sfida l'ingresso nel suono internazionale.
Loop ipnotici di percussioni su pad, canti di chiamata e risposta si sovrappongono a ritmi elettronici e le voci dei bambini cantano le registrazioni delle onde che si infrangono.

Nel 2018, l'archeologo musicale svedese e musicista di sinistra Karl Jonas Winqvist si è recato a Toubab Dialaw, in Senegal, un piccolo villaggio di pescatori diventato il fulcro della scena artistica bohémien del Senegal. Nelle settimane successive, musicisti locali, percussionisti, poeti e beat maker si sono riuniti, abbozzando idee e registrando improvvisazioni libere. Winqvist è tornato in Svezia, scambiando registrazioni avanti e indietro su WhatsApp con il collaboratore senegalese e ingegnere di studio Arouna Kane.
Yaral Sa Doom è una frase Wolof che significa 'educare i giovani'.
Al centro dell'album c'è questo tema dell'educazione, con canzoni che affrontano direttamente le questioni sociali che devono affrontare il Senegal contemporaneo, l'istruzione e l'immigrazione. "Oggi devi educare i bambini con uno strumento e un'arte, quando insegni loro uno strumento insegni loro a usare il loro spirito", dice Djiby Ly.
Con oltre 20 artisti provenienti dal Senegal e dalla Svezia, l'album risultante è stratificato e complesso, ma mantiene una visione centrale.
"È come tuffarsi in mare", spiega Kane. "Ci sono tutte le diverse specie di pesci che nuotano in giro, ma insieme formano l'oceano". Tuttavia, è anche un'anomalia geografica, resa possibile solo dallo scambio dell'era di Internet. Una registrazione eccezionale di per sé, Yaral Sa Doom è un ingresso visionario nel futuro della collaborazione transglobale.

 

Lunedì 24 ottobre 2022 - dalle 20.00

Corso di Tango al BIKO con Roberto Angelica e Natalia Cristofaro

h. 20.00 - 22.00 interm/avanzati
sottoscrizione al corso + tessera Arci

Elegante e raffinata coppia di ballerini professionisti e maestri di Tango Argentino. Esprimono bellezza e sensualità attraverso l'uso di una tecnica tesa alla ricerca di un movimento armonico ed elegante.
Vantano oltre 20 anni di esperienza in ambito professionale sul palco e nell' insegnamento di Tango, Danza e Teatro.
La loro personale ricerca è tesa all´esplorazione di un tango che si nutre di sperimentazione nel rispetto delle forme più tradizionali di questo ballo.
Il loro metodo d'insegnamento si basa principalmente su uno sviluppo consapevole e organico del movimento, sullo sviluppo di un ascolto ed una connessione profonda e reale, requisiti essenziali per una comunicazione efficace nel rispetto dei ruoli, con l'impiego del minimo sforzo per la massima resa.

sottoscrizione 7€ / tessera Arci obbligatoria

Ritorna la Milonga irRIVErente con la selezione di tango argentino e non argentino a cura di dj Ausländer

Free entry per chi non balla ma si vuole fare una serata di buona musica
www.sullerivedeltango.it/

 

 

venerdì 28 ottobre - porte h 21.45
tessera Arci obbligatoria / ARCI Membership Card mandatory
ingresso 20€+d.p. dice.fm

BIKO Milano presenta:
The HELIOCENTRICS (UK) in concerto

Malcolm Catto (batteria, percussioni), Jake Ferguson (basso), Dan Smith (chitarra, elettronica), Danny Keane (violoncello, elettronica, tastiere), Sylvia Hallett (Sarangi, ghironda), Barbora Patkova (voce)


L'ensemble cosmico, psichedelico-funk del Regno Unito pubblica il suo secondo album per l'etichetta del produttore anticonformista MadlibMadlib Invazion.
Gli album degli Heliocentrics attingono in egual modo dall'universo funk di James Brown, dalla disorientante asimmetria di Sun Ra, dalla portata cinematografica di Ennio Morricone, dalla fusione sublime di David Axelrod, dalla musique concrète accesa di Pierre Henry e dal ritmico Krautrock di Can. A prescindere della label con cui hanno pubblicato la loro musica - il sound degli Heliocentrics è un nuovo tipo di psichedelia, che poteva venire solo da una band di musicisti affermati che sono anche fan ossessivi della musica dai gusti davvero eclettici.
Il batterista Malcolm Catto e il bassista Jake Ferguson, le menti e i produttori degli Heliocentrics, due figure eccentriche nel panorama musicale contemporaneo, suonano insieme da quasi due decenni e costruiscono la loro voce unica all’interno di una galassia alternativa dove le orbite della musica funk, jazz, psichedelica, elettronica, avant-garde ed "etnica" ruotano tutte attorno a "The One". Con l'etichetta Madlib Invazion di Madilb per Telemetric Sounds, gli Heliocentrics sono tornati a sviluppare la loro visione epica del funk psichedelico, esplorando le possibilità create dalle loro innumerevoli influenze: latine, africane e altro ancora.

 

Sabato 29 ottobre 2022 - doors 21.45

tessera Arci obbligatoria / ARCI Membership Card mandatory
ingresso 15€+d.p. dice.fm

Collettivo Immaginario in concerto
opening act: Letizia Kasala

Il live ensemble ideato dal batterista e produttore Tommaso Cappellato, tra jazz ed elettronica, suoni ancestrali e ritualistici, improvvisazione e beat tape culture.
In formazione: Alberto Lincetto (fender rhodes/synth), Nicolò Masetto (electric bass), Tommaso Cappellato (drums).

Dopo aver dato vita nel passato a progetti in solo come Aforemention con Astral Travel, o collaborativi come Dreamweavers insieme a Mark de Clive e A. Lombardini, ha creato nel 2021 Collettivo Immaginario, trio jazz strumentale, che ha preso forma attraverso alcune live session tenute tra Los Angeles e Milano.

Collettivo Immaginario invita ora gli ascoltatori ad uno scintillante viaggio di evasione cosmica attraverso Trasforma, il loro album di debutto pubblicato il 23 settembre per l'etichetta di Los Angeles Domanda Music. Il collettivo nasce come laboratorio creativo in cui esplorare le influenze musicali e sperimentare in chiave retrofuturista suoni provenienti dal jazz elettrico, dal funk e dall'elettronica.
Trasforma
 distilla l'energia esuberante delle acclamate esibizioni dal vivo del trio in un album in studio lussureggiante e cinematografico, che intende sottilmente rendere omaggio a giganti del genere come Azymuth, Lonnie Liston Smith, Herbie Hancock e i compositori di colonne sonore come Piero Piccioni e Piero Umiliani. Nel corso della sessione, suddivisa nell'album in nove tracce, l'ascoltatore viene trasportato in un paesaggio sonoro che è sia organico che trascendente.
instagram.com/collettivo_immaginario/
facebook.com/collettivoimmaginario/

opening act: Letizia Kasala
https://www.mixcloud.com/domanda/domanda-radio-2-letizia-kasala/

Dopo il concerto:
ABSTRACT, collezionista di dischi, selector e direttore artistico della scena underground Milanese, da The Electricalz allo storico DUDE Club.
L’influenza musicale è profondamente radicata nei suoni jazz e soul che contraddistinguono i suoi dj set.

AARON DUNKIES
Cresciuto musicalmente come batterista del coro della chiesa evangelica protestante che frequentava, costantemente esposto a generi musicali come Highlife, Gospel, Soul e Black Spiritual Music. Non amando le etichette si e’ sempre definito un “music lover”, la sua collezione spazia dall’ Avant-guard Jazz piu’ sperimentale ai classici house.

 

Paolo Musto

Divinazione Milano S.r.l. Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 5831 0655 mob. 3932124576 3925970778

e-mail: paolomustoQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. web:

www.divinazionemilano.it www.rocktargatoitalia.eu

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?