Menu
Irene Inzaghi

Irene Inzaghi

"CALAMITE" di MECNA: Esce oggi il VIDEO del singolo estratto da "MENTRE NESSUNO GUARDA"

Esce oggi su Youtube il video di “Calamite”, il nuovo singolo estratto dal repack di “MENTRE NESSUNO GUARDA”, l’ultimo disco di Mecna, pseudonimo di Corrado Grilli, rapper e cantautore italiano, certificato DISCO D’ORO.

MENTRE NESSUNO GUARDA”, ultimo disco di Mecna, usciva otto mesi fa e grazie ad esso è riuscito ad ottenere la seconda posizione della classifica Fimi/GfK riscuotendo un grande successo dal pubblico e dalla critica. Un lavoro che ha definito la direzione artistica di uno tra i più importanti esponenti della scena del rap d’autore nazionale del momento. La sua forza, o meglio ciò che lo caratterizza di più, è quella di riuscire a spaziare e ad aprirsi sempre a nuovi generi, sonorità e collaborazioni pur rimanendo sempre coerente con il suo percorso, fatto di testi e barre. Con i suoi pezzi, Mecna, cerca di rivelare i propri mondi interiori con un senso di leggerezza, di ironia, ma soprattutto di consapevolezza.

Nel corso del tempo, il cantante è riuscito ad arricchire sempre di più, passo dopo passo, il suo linguaggio, ed è riuscito a renderlo personale e unico. Come il suo linguaggio, anche la strada professionale e artistica di Mecna è cambiata e lo ha portato ad essere apprezzato da un pubblico sempre più ampio, soprattutto dopo la pubblicazione del suo sesto album in studio. 

Oltre ai brani già conosciuti, “Soli” e “Mille Cose”, il repack conterrà altri 6 brani che sintetizzano  le tematiche delle quattordici tracce di "Mentre Nessuno Guarda".

Canzoni sentimentali si alternano a tracce rap, pezzi ballabili a liriche intime, in un equilibrio che riesce a tener insieme stati d’animo opposti tra loro. Dopo i featuring con Guè Pequeno, Ernia, Izi, Frah Quintale e Madame, Mecna chiama a raccolta cinque nuovi artisti di successo: Francesca Michielin, CoCo, Jlord, Ghemon e Ginevra. 

Il lavoro è stato realizzato da Richard Wilson, già curatore della cover di “Mentre Nessuno Guarda” la cui gigantografia ha occupato per un mese un intero muro lungo via Festa del Perdono, antistante l’Università degli Studi di Milano Statale.

MECNA è stato la rivelazione della stagione 2012/2013, con il suo album d’esordio “Disco Inverno” (Macro Beats/Audioglobe) che ha conquistato subito i media specializzati, il pubblico Hip Hop e tutta la scena indipendente italiana.

TRACKLIST

01. Calamite
02. Vestito Bianco feat. Francesca Michielin
03. Voodoo feat. J Lord
04. Come No

05. For You feat. CoCo

06. Nuova Tipa

07. Mille Cose

08. Soli feat. Ghemon e Ginevra

 

Di seguito le date del tour, calendario in costante aggiornamento:

26/06 - Roma - Cavea Auditorium

01/07 - Milano - Carroponte (SOLD OUT)

02/07 - Milano - Carroponte

04/07 - Ferrara - Ferrara Sotto le Stelle (SOLD OUT)
29/07 - Cosenza - Be Alternative Festival

07/08 - Vicenza - Lumen Festival
04/09 - Bari - Acqua In Testa (SOLD OUT)
05/09 - Napoli  - Ex Base Nato

07709 - Caserta - Caserta Music Festival (SOLD OUT)
11/09 - Bologna - Arena Puccini

 

BLOG: Rock Targato Italia 

IRENE INZAGHI 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

"PITTURE" DI PIER PAOLO CALZOLARI - A CURA DI MARIA CHIARA VALACCHI

Cabinet, lo spazio indipendente milanese pensato e gestito dalla curatrice Maria Chiara Valacchi, inaugura “Pitture”, la mostra personale di Pier Paolo Calzolari, pittore e artista nato a Bologna nel 1943.

Il progetto è composto da sole tre opere in tela, di cui due inedite, scelte per relazionarsi con le caratteristiche architettoniche di Cabinet.
“Moon Umbrella”, “Haïku Luna Bianca” e Rideau, rappresentano una congiunzione alla poetica di Calzolari, che mescola riferimenti differenti, dalla tradizione pittorica italiana (soprattutto grazie all’uso di tecniche classiche quali la tempera grassa, la tempera all’uovo, pigmenti a colla e, infine, l’olio e la grafite) fino ad arrivare all’uso di un’iconografia lirica e rarefatta, ma anche momenti più severi del periodo poverista come il l'uso del piombo o le canne di bambù, terminando il lungo percorso nella realizzazione di cristallizzazioni superficiali e nell'uso di un’ostrica (elemento quasi bizzarro per un'opera d'arte).

Calzolari inizia il suo percorso artistico nella Bologna degli anni ’60, e in breve tempo sviluppa la sua esperienza nella cosiddetta “Arte Povera“, da cui si distaccherà presto per dedicarsi a una poetica più libera e svincolata. Potremmo dire che da quel momento in poi Calzolari incarnerà la perfetta figura del Doppengalger – letteralmente “doppio viandante” – una parola tedesca che descrive la presenza di un alter ego, un Io nascosto che nasce con noi. 

La mostra sarà accessibile dal 24 maggio al 4 luglio - dal mercoledì al venerdì dalle 16.00 alle ore 19.00 solo su appuntamento.

 

via alessandro tadino 20
20124, Milano

Mail to: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mob: +39.338.3032422

www.spaziocabinet.com

 

BLOGRock Targato Italia 

IRENE INZAGHI 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

TEATRO OUT OFF: ACQUISTA ORA I TUOI BIGLIETTI PER "TUTTA CASA, LETTO E CHIESA"

Un'Estate Sforzesca quella che avrà luogo il prossimo 5 luglio presso i Cortili delle Armi del Catello Sforzesco, a partire dalle ore 20,45, con la presentazione e la messa in scena di uno spettacolo in live intitolato "Tutta casa, letto e chiesa". E' uno dei primi spettacoli in cui l’universo femminile è realmente raccontato partendo dal punto di vista delle donne, con un’ironia pungente volta a porre fine all’era “maschilista” e a sfatare il quasi ossessivo comportamento dell'uomo. Scritto da Dario Fo e Franca Rame con Monica Bonomi e con la partecipazione di Tommaso Di Pietro, regia di Lorenzo Loris 

La scena si divide in tra brani distinti per tre donne esilaranti.

Il primo brano intitolato "UNA DONNA SOLA", è dominato dalla vena spiritosa di una casalinga che sembra disporre di tutto ciò che vuole all’interno del suo nucleo familiare, ad eccezione della cosa più importante: il rispetto della propria dignità femminile.

La seconda storia "ABBIAMO TUTTE LA STESSA STORIA" è la raffigurazione di un rapporto sessuale fra un uomo e una donna. In questa seconda parte appare anche una sorta di favola che attraversando i luoghi narrativi più comuni e noti (come ad esempio il lupo, la strega ecc.) mette a confronto una brava bambina con la sua bambola parlante che si esprime in modo scurrile e maleducato. Queste due figure sono di fatto la stessa persona. Due caratteri forti che vengono messi a confronto. La mite bambina è la parte che subisce e la bambola, invece, la parte più autoritaria che cerca di ribellarsi. 

L'ultimo brano, infine, viene definito fulminante, agghiacciante e risolutivo perché, servendosi di una lingua antica del Cinquecento, sembra riprendere la MEDEA di Euripide, una tragedia andata in scena per la prima volta ad Atene.

Franca Rame scriveva: “Lo spettacolo è comico e grottesco perché noi donne sono duemila anni che andiamo piangendo e questa volta ridiamo insieme e ci ridiamo anche dietro e poi perché un signore che di teatro se ne intendeva, un certo Molière, diceva: "Quando vai a teatro e vedi una tragedia ti immedesimi, partecipi e piangi, piangi, piangi, poi vai a casa e dici: come ho pianto questa sera! E dormi rilassato. Il discorso politico ti è passato addosso come l’ acqua sul vetro. Mentre invece per ridere ci vuole intelligenza, acutezza. Ti si spalanca nella risata la bocca, ma anche il cervello e nel cervello ti si infilano i chiodi della ragione.”

Lo sketch è stato inserito nel Palinsesto del Comune di Milano “I talenti delle donne".

Il Teatro Out Off vi invita fortemente ad acquistare online i biglietti dello spettacolo. Acquistare online ci aiuterà a evitare assembramenti e vi garantirà il posto di vostra scelta in platea. Prevediamo il tutto esaurito!

Biglietti:

INTERO € 10+ 1,22 d.p

RIDOTTO € 5 + 1,22 d.p (ridotto dedicato a Under 25 e Over 65)

Ridotto dedicato a disabili ed accompagnatori - scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.per l'assegnazione del posto.

Per maggiori informazioni: www.teatrooutoff.it 

 

BLOG: Rock Targato Italia 

IRENE INZAGHI 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Dal 4 all’11 luglio la XXIX edizione di Iseo Jazz con Ferra, Zambrini, Intra, JW Orchestra, Premazzi, Plankensteiner e molti altri

In programma dal 4 all’11 luglio, la ventinovesima edizione di Iseo Jazz, che avrà l'obbiettivo di ripresentare, quasi interamente, lo schema che era stato previsto per il 2020 (caratterizzato solo da un concerto ideato come omaggio per onorare le vittime del Covid - 19). Una ripartenza che segna la ripresa di una continuità, di una coerenza, ma soprattutto di una rinascita che solo la cultura può veramente guidare.

L'evento, negli anni, è diventato un punto di riferimento della scena italiana, un approdo importante per i nostri musicisti di jazz. Un festival che pone la musica al centro, dove non esistono più pregiudizi stilistici, ma solo spazi significativi per le nuove generazioni, senza dimenticarsi, però, delle grandi personalità della scena jazzistica. 

La singolarità di Iseo Jazz risiede nel fatto di essere una manifestazione che privilegia la cultura musicale e non l’intrattenimento e anche il programma di quest’anno lo dimostra ampiamente. Dal solo di Bebo Ferra (il 7 luglio a Sale Marasino), evocativo e ricco di spunti eterogenei, alla rilettura in chiave jazzistica di Mozart (l’11 luglio a Iseo) a opera della JW Orchestra di Marco Gotti (premio Iseo alla carriera per l’originalità e l’importanza del suo lavoro di band leader e arrangiatore); dalla libera improvvisazione del duo Remondini-Manera (Iseo, 9 luglio) alla varietà propositiva del nuovo quartetto di Antonio Zambrini (Clusane, 10 luglio); dal trio di Simona Premazzi, pianista italiana affermatasi a New York (Iseo, 11 luglio), al quartetto di baritoni, che viaggerà nella storia del jazz più recente, della sassofonista Helga Plankensteiner (Palazzolo sull’Oglio, 4 luglio). Da segnalare, inoltre, la rilettura del rock progressivo da parte del gruppo del trombettista Marco Mariani (Iseo, 9 luglio), mentre lo spazio ai giovani e ai talenti emergenti sarà dedicato al quartetto del contrabbassista Andrea Grossi, che si muove nell’ambito del rapporto tra poesia e musica (Palazzolo sull’Oglio, 4 luglio). Infine, il duo di Enrico Intra, il vero testimonial musicale della rassegna, che il 10 luglio a Clusane dialogherà con una giovane musicista di talento (Margherita Carbonell), partendo da spunti legati agli studi tecnici per contrabbasso.

Un cartellone che evidenzia, da una parte, la presenza del jazz al femminile, lo sguardo del jazz al mondo del rock e, infine, l’attenzione per le forme di improvvisazione contemporanea e i rapporti con l’elettronica. 

Anche quest'anno, l'evento musicale è caratterizzato anche dalla presenza di una mostra fotografica “diffusa”, allestita nei negozi del centro del capoluogo del Sebino, per creare un ideale “vestito” jazzistico come cornice del festival. 

 

BLOG: Rock Targato Italia 

IRENE INZAGHI 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?