Menu

Il concorso musicale Ego Art - Voci 2021

Sogni di fare il cantante? Sei un cantautore ma nessuno ha mai sentito la tua musica? Il premio Ego Art potrebbe essere la tua occasione.

Di cosa si tratta

Il premio Ego Art nasce dall’idea di Carola Cora, che insieme a Francesca Lensi, Stefano Petrini e Andrea Ravizza, sceglie di dare spazio agli Artisti e alla loro Arte. Quest’anno si terrà in particolare il Premio Ego Art- VOCI 2021; per il futuro invece si pensa ad organizzare il concorso per altre forme d’arte, in modo tale da dare alla cultura in tutte il giusto spazio.

Chi può partecipare

Con il fine di incoraggiare il talento musicale, sono state create delle apposite categorie per permettere a tutti coloro di un’età superiore ai 12 anni di gareggiare. A seconda dell’anno di nascita si rientrerà rispettivamente nella categoria Junior, Major o Senior. Discorso a parte per i cantautori che gareggeranno in una singola categoria senza alcuna distinzione di età.

Dove e quando

Il concorso prenderà luogo nelle città di Torino e Collegno e sarà articolato in tre fasi. La prima di queste si terrà tra giugno e luglio, quando ciascun candidato avrà modo di esibirsi (sono previste anche esibizioni online qualora il concorrente sia impossibilitato dal raggiungere la città). La seconda fase invece sarà il 18 settembre presso il Teatro Lavanderia a Vapore a Collegno; in questa occasione saranno nominati i finalisti e invece verrà premiato il vincitore della categoria Junior. Il giorno seguente, sempre nello stesso luogo, si terrà invece la finale per tutte le altre categorie.

Ricchi premi per i vincitori

Tutti i vincitori riceveranno l’attestato del Premio Ego Art. Il primo premio assoluto prevede una cifra di € 1.000, un’intervista e il passaggio su GRP Radio ma non di canzoni inedite Support Band (Spalla/ Apertura di un Concerto Professionale). Ci sarà poi un premio per l’interpretazione il cui ammontare sarà pari a 150 euro e verrà data al vincitore di questo titolo la possibilità di una performance in un locale e un buono di 50 euro da Merula Strumenti Musicali. Un premio poi sarà attribuito per la tecnica vocale, uno per il talento e uno per ciascuna categoria. E molto altro…per conoscere maggiori dettagli visitate il sito ufficiale del concorso, dove è possibile scaricare il regolamento completo: https://www.egoart.org/?fbclid=IwAR0kUaGFyqcnk1QgNQASp8v7ORW9T92MFzlgaeTd0XjilVKJsLVhEfLV8DQ

Come partecipare

Per poter gareggiare basterà compilare l’apposito modulo d’iscrizione e versare l’importo di 50 euro entro il 31 maggio. Allegando tutti i documenti richiesti, in pochi e semplici passaggi si diventerà concorrenti del premio Ego Art.

Insomma, non ci resta che dirlo: che vinca il migliore!

 

Blog: Rocktargatoitali.eu

Eleonora Corso

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

"IO VOLEVO SOGNARE PIÙ FORTE" il nuovo disco di EDOARDO DE ANGELIS

EDOARDO DE ANGELIS

IO VOLEVO SOGNARE PIU' FORTE

(Etichetta IL CANTAUTORE NECESSARIO - edizioni MUSICA DEL SUD - Distribuzione EGEA MUSIC - CD e DIGITALE - Pubblicazione 15 gennaio 2021)

Un sogno in musica per l'Europa nel video racconto di Edoardo De Angelis e Jonathan Giustini: Guarda il video


I sogni non possono morire, la loro materia è inestinguibile. Possono cadere, infrangersi, o attraversare in volo tutti i mari in tempesta per giungere a un’anima che sappia ascoltarli, abbracciarli e dar loro conforto.

Ce n’è voluto del tempo perché un’idea straordinariamente felice come quella dell’Europa unita si facesse strada nel tempo, nelle discordie, nel sangue, fino alle tragiche esperienze delle guerre mondiali del secolo scorso, delle persecuzioni razziali, dei lager. 

 

Il cantautore romano festeggia il cinquantesimo anno di attività con un nuovo album in cui approfondisce parte delle tematiche da cui non si è mai distolto e su cui l’Europa si fonda: la difesa dei diritti (L’apertura della caccia), l’attenzione verso i più fragili (Lettera dall’inferno, Il lupo non verrà), il confine tra sogno e realtà (L’orso e la stella), la cura dei sentimenti (Nel mio cuore, Cuore selvatico), la posizione dell’uomo nel mondo e nella storia (Il dolore del mondo). Un album che si segnala anche per un tratto politico, forte e dichiarato, in favore dell’Europa unita, quasi un manifesto europeista, vedi le canzoni Prima d’essere l’Europa e Le strade d’Europa, scritte a quattro mani con Francesco Giunta.

Dall'inizio degli anni settanta, epoca d'oro del Folkstudio e del cantautorato italiano, Edoardo De Angelis ha scritto per sé e per altri, prodotto astri nascenti che si sarebbero poi affermati (Francesco De Gregori) e altri nel pieno della maturità artistica (l'indimenticabile Sergio Endrigo), credendo fortemente nella diffusione dello scrivere e interpretare la canzone come strumento principe della narrazione. Di questo suo amore per la canzone come forma d'arte, De Angelis ha fatto una ragione di vita e di lavoro. Più di venti album, in quasi mezzo secolo di attività, e infinite collaborazioni, da Mina a Tosca e Paola Turci, da Albertazzi, Camilleri, Paolini, Marcorè, a De André, Battiato, Dalla e moltissimi altri. Tra i suoi impegni sociali spicca quello contro la violenza, soprattutto nei confronti dell’universo femminile.  

Edoardo De Angelis

Facebook: www.facebook.com/edoardo.deangelis.125

YouTube: www.youtube.com/channel/UC1SIohaSaywn8QymmmbUohA

 

Blog: https://www.rocktargatoitalia.eu/

GIOVANNI TAMBURINO

 

Leggi tutto...

Gli ascolti di gennaio 2021. articolo di Roberto Bonfanti

 - Anno nuovo… no, niente, come non detto. Meglio lasciar perdere i preamboli e andare direttamente al sodo iniziando il 2021 con la nostra abituale carrellata su qualche album italiano che vale la pena ascoltare in questo periodo.

Tutorial dei torinesi I Fasti si presenta come una vetrina ironica e pungente sulle piccole nevrosi di noi esseri umani del ventunesimo secolo. Otto brani in cui elettronica a bassa fedeltà e suoni distorti accompagnano una serie di riflessioni pungenti e di storie al confine fra il cinico e il surreale scandite da uno spoken word dall’incedere cadenzato che spesso esplode in ritornelli diretti come una filastrocca andando a comporre un quadretto intrigante e graffiante capace di mettere a nudo con le giuste dosi di sarcasmo e lucidità dei bei nervi scoperti della nostra società.

È un universo sonoro ombroso quello in cui si affonda Si comincia così di Nicola Lotto: sei canzoni suadenti, notturne ed evocative da ascoltare in totale silenzio in una stanza buia. Un lavoro che parte dal rock alternativo più intimo per accarezzare la canzone d’autore dalle tinte più cupe e andare a bagnarsi i piedi nella poesia, presentandoci un cantautore sensibile che ama lasciarsi cullare dalla malinconia e giocare in modo naturale con i lati più inquieti della propria anima.

Agnese Valle è una cantautrice raffinata capace però anche di non rinunciare alla giusta dose di leggerezza pop. Ristrutturazioni, il nuovo album dell’artista romana, riesce a muoversi in perfetto equilibrio fra queste due anime, alternando ballate sognanti e delicatissime costruite attorno a poche note di pianoforte con canzoni che, pur senza rinunciare all’eleganza, riescono a cavalcare melodie giocose condite con un pizzico di ironia. Un progetto fresco e intrigante che saprà attirare l’attenzione degli amanti della canzone d’autore più pura.

Quello di Marco Trentacoste è un nome che i più attenti osservatori dell’underground rock italiano conoscono bene da tempo. Dopo innumerevoli esperienze come chitarrista e produttore, l’artista milanese ha deciso, con “Consequence”, di lanciarsi in un progetto interamente a proprio nome: un album rock strumentale moderno, cupo e spigoloso che appare come la summa del tocco musicale del musicista lombardo.Un vero viaggio inquieto fra suoni distorti, loop ossessivi, tinte scurissime, trip psichedelici irrequieti e un’indole marcatamente rock.

La domanda che è difficile non porsi istintivamente la prima volta che si ascoltano gli Ho.Bo è: “ma questi sono davvero italiani?”. I paesaggi che ci si parano davanti ascoltando A man with a guns lives here sono infatti quelli dell’America più profonda: un immaginario che la band biellese rievoca impastando con grande padronanza blues, alt-rock inquieto, sprazzi di folk intimista e lampi di country notturno. Un lavoro affascinante capace di trasportarci realmente dall’altra parte dell’oceano.

Roberto Bonfanti
[scrittore e artista]

www.robertobonfanti.com

Blog RockTargatoItalia.it

 

Leggi tutto...

AVERE ANNI 20 con Giorgieness e Cara

AVERE ANNI 20 con Giorgieness e Cara

di Andrea Ettore Di Giovanni

In questa puntata di Avere Anni 20 Andrea Ettore Di Giovanni, frontman della band pavese Il Pesce Parla, presenta i due brani della settimana: Successo di Giorgieness e Tevere di Cara.

Nel corso del video, pubblicato sul canale YouTube di Rock Targato Italia, offre una personale interpretazione dei due singoli e una propria chiave di lettura, spaziando dal tema del desiderio di fama di un artista, fino alla riflessione sulla reticenza nell'accettare la fine di una relazione.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?