Menu

Gli ascolti di marzo 2021.

Articolo di Roberto Bonfanti

Questo spazio è nato per parlare dei dischi che, fra le uscite recenti, mi sembrano più interessanti. Dopotutto sono cresciuto con gli album e la dimensione del singolo, che in questi ultimi anni è tornata a prendere il sopravvento, l’ho sempre trovata un po’ limitante. Questa volta però voglio concedermi un’eccezione e iniziare rendendo merito ai 2Elementi, che qualcuno ricorderà come vincitori di Rock Targato Italia nel 2016, e al loro nuovo singolo intitolato “Alfavil”: un brano che travalica i generi musicale e che, con un linguaggio moderno incentrato su una fortissima verve teatrale impastata di rock, pop e fantasmi “burtoniani”, riesce a scattare una fotografia volutamente caricaturale e per nulla didascalica ma proprio per questo incisiva del tempo presente.

Tornando a parlare di album:

Amerigo Verardi è un artista che ha attraversato da eterno outsider tutta la storia del rock indipendente italiano, dagli anni ’80 vissuti con gli Allison Run fino alle più recenti avventure da solista passando per i Lula negli anni ’90 e un numero considerevole di altre esperienze vissute con una coerenza rara. “Un sogno di Maila”, il nuovo album dell’artista brindisino, è l’ennesimo tassello personalissimo di un percorso importante: un concept album onirico, delicato e fuori moda accarezzato da un vento di psichedelia dal sapore anni ’60 e richiami alla spiritualità orientale.

L’onda del rap” di FarfaMan suona come un concentrato di rabbia in puro stile rap vecchia scuola. Un lavoro che sembra fare un salto indietro nel tempo recuperando il valore del rap come fenomeno di denuncia politica e sociale, ma che al tempo stesso affonda decisamente i piedi nel presente provando a passare come un rullo compressore sulle contraddizioni dei giorni che stiamo vivendo e provando a scagliarvisi contro senza mezze misure.

Gli amanti del rock più puro troveranno sicuramente soddisfazione in “Vita imperfetta”, il nuovo lavoro discografico di Alteria: un concentrato viscerale di suoni distorti, inquietudini ed energia che sa però concedersi anche la giusta dose di delicatezza e intimismo. Un lavoro rock fino al midollo, impastato di modernità e approccio anni ’90, che valorizza benissimo la voce graffiante della cantante e il suo animo da donna rock.

Un po’ rapper e un po’ cantautore pop, ma sempre con un approccio rock e soprattutto con un’indole sincera da narratore di storie di provincia: questa è l’essenza di Francesco Setta. Un’essenza che il suo nuovo album intitolato “Fenice” riesce a fotografare in tutte le sue sfaccettature, oscillando fra delicate canzoni pop e momenti rap intrisi di ombre notturne, catrame e bicchieri di amaro consumati al bancone del bar, ma soprattutto raccontando i chiaroscuri della provincia con una schiettezza degna di nota.

Chiudo i consigli di questo mese di marzo con “Someting stranger”, il primo lavoro che Lorenzo Parisini firma col suo nuovo progetto solista chiamato Bear Of Bombay: un particolare viaggio fra elettronica dal retrogusto anni ’80, atmosfere notturne e una scrittura pop molto curata dal sapore piacevolmente malinconico. Un album intrigante in cui synth, loop e chitarre riescono a sposarsi fra loro creando un impasto sonoro particolare.

Roberto Bonfanti
[scrittore e artista]

www.robertobonfanti.com

blog www.rocktargatoitalia.eu

 

 

Leggi tutto...

Storia Rock Targato Italia 1993/96 - Intervista di Roberto Bonfanti a Francesco Caprini (I^ Parte)

Rock Targato Italia 1993 – 1996 - ANNI STRAORDINARI

VideoIntervista di Roberto Bonfanti (Scrittore e artista) a Francesco Caprini (Ideatore e promoter di Rock Targato Italia. Postproduzione Andrea E. Di Giovanni

 Quando il riff iniziale di “Senza vento” dei Timoria risuona per la prima volta con la sua forza dirompente si ha la netta impressione di trovarsi di fronte a un vero spartiacque, non solo per la carriera della band bresciana ma per l’intero universo musicale del nostro Paese.

Corre l’anno 1993, nell’aria si respira una grande energia e i tempi sono ormai maturi perché il rock italiano possa uscire dalle cantine e proiettarsi in una dimensione diversa: i Litfiba sono una realtà ormai affermata, le major iniziano a interessarsi alle nuove contaminazioni aprendo etichette dedicate (si veda per esempio la BlackOut), le radio alternative e le riviste di settore iniziano a dare sempre maggiore spazio alle band nostrane e anche Videomusic capisce che il fermento giovanile non è da sottovalutare dando una spinta importantissima all’intero movimento.

Nel giro di quattro anni, fra il 1993 e il 1996 esordiscono band fondamentali come i Marlene Kuntz, i Modena City Ramblers, gli Estra, i Bluvertigo, i Negrita, i Radiofiera, gli Yo Yo Munde i Massimo Volume, tanto per fare solo i nomi più in vista. A queste si aggiungono gli Afterhours, che proprio in quegli anni decidono di dare una svolta alla propria carriera passando dall’inglese all’italiano, e altre realtà come i Ritmo Tribale, i Casino Royale, i Gang o gli Ustmamò che, dopo aver navigato per anni nella polvere dell’undergound, troveranno casa presso case discografiche più blasonate.

Discorso a parte meritano gli ex CCCP che, dopo essersi sciolti nel 1990 ed essere tornati fugacemente sul palco due anni dopo, in questi anni rinascono col nome di C.S.I. incarnando una delle realtà più importanti della nostra storia musicale e dando vita anche a un’enorme fucina di talenti chiamata Consorzio Produttori Indipendenti che, insieme alla neonata Mescal, diventerà una delle etichette di riferimento del mondo indipendente.

Nel 1995, mentre Ligabue impazza in tutte le radio, nel tentativo di coordinare e dare una rilevanza istituzionale alle tante piccole realtà che sgomitano nell’underground più profondo, nasce il MEI, che nel corso degli anni assumerà un’importanza sempre maggiore.

Chiudiamo questo capitolo della storia nel 1996, quando una giovanissima rocker catanese di nome Carmen Consoli sale sul palco del Festival di Sanremo compiendo così un altro passo verso il riconoscimento del movimento rock italiano anche agli occhi di un pubblico più nazionalpopolare.

di Roberto Bonfanti (Scrittore e artista)

 

vedi sul canale youtube di Rock Targato Italia

https://www.youtube.com/watch?v=lOFD5k4xiEc

ascolta la playList  su SPOTIFY: https://spoti.fi/3pem8qc

 

FRANCO SAININI -

Divinazione Milano S.r.l.

Ufficio Stampa, Radio, Tv, Web & Social Network

Via Andrea Palladio n. 16 - 20135 Milano

Tel. 02 58310655 mob. 393 2124576 392 5970778

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

  1. divinazionemilano.it

 

Leggi tutto...

La PlayList di ROCK TARGATO ITALIA 1993 -1996. Una storia Straordinaria

è disponibile la nuova compilation

ROCK TARGATO ITALIA 1993 -1996

A cura di Roberto Bonfanti (scrittore, musicista)

Pubblicata dall’etichetta Terzo Millennio Records

Ascolta su SPOTIFY:  https://spoti.fi/3pem8qc

Quando il riff iniziale di “Senza vento” dei Timoria risuona per la prima volta con la sua forza dirompente si ha la netta impressione di trovarsi di fronte a un vero spartiacque, non solo per la carriera della band bresciana ma per l’intero universo musicale del nostro Paese.

Corre l’anno 1993, nell’aria si respira una grande energia e i tempi sono ormai maturi perché il rock italiano possa uscire dalle cantine e proiettarsi in una dimensione diversa: i Litfiba sono una realtà ormai affermata, le major iniziano a interessarsi alle nuove contaminazioni aprendo etichette dedicate (si veda per esempio la BlackOut), le radio alternative e le riviste di settore iniziano a dare sempre maggiore spazio alle band nostrane e anche Videomusic capisce che il fermento giovanile non è da sottovalutare dando una spinta importantissima all’intero movimento.

Nel giro di quattro anni, fra il 1993 e il 1996 esordiscono band fondamentali come i Marlene Kuntz, i Modena City Ramblers, gli Estra, i Bluvertigo, i Negrita, i Radiofiera, gli Yo Yo Mundi e i Massimo Volume, tanto per fare solo i nomi più in vista. A queste si aggiungono gli Afterhours, che proprio in quegli anni decidono di dare una svolta alla propria carriera passando dall’inglese all’italiano, e altre realtà come i Ritmo Tribale, i Casino Royale, i Gang o gli Ustmamò che, dopo aver navigato per anni nella polvere dell’undergound, troveranno casa presso case discografiche più blasonate.

Discorso a parte meritano gli ex CCCP che, dopo essersi sciolti nel 1990 ed essere tornati fugacemente sul palco due anni dopo, in questi anni rinascono col nome di C.S.I. incarnando una delle realtà più importanti della nostra storia musicale e dando vita anche a un’enorme fucina di talenti chiamata Consorzio Produttori Indipendente che, insieme alla neonata Mescal, diventerà una delle etichette di riferimento del mondo indipendente.

Nel 1995, mentre Ligabue impazza in tutte le radio, nel tentativo di coordinare e dare una rilevanza istituzionale alle tante piccole realtà che sgomitano nell’underground più profondo, nasce il MEI, che nel corso degli anni assumerà un’importanza sempre maggiore.

Chiudiamo questo capitolo della storia nel 1996, quando una giovanissima rocker catanese di nome Carmen Consoli sale sul palco del Festival di Sanremo compiendo così un altro passo verso il riconoscimento del movimento rock italiano anche agli occhi di un pubblico più nazionalpopolare.

Tracklist:

Timoria - Senza Vento (1993)

Almamegretta - Figli di Annibale (1993)

Gang - Kowalsky (1993)

C.S.I. - A tratti (1994)

Negrita - Cambio (1994)

Modena City Ramblers - In un giorno di pioggia (1994)

Casino Royale - Anno zero (1995)

La Crus - Nera signora (1995)

Ligabue - Vivo, morto o x (1995)

Afterhours - Dentro Marylin (1995)

Ritmo Tribale - Base luna (1995)

Radiofiera - Tutti innocenti (1995)

Litfiba - Lacio Drom (1995)

Bluvertigo - Iodio (1995)

Massimo Volume - Il primo Dio (1995)

Andrea Chimenti - L’albero pazzo (1996)

Estra - Signorina (1996)

Marlene Kuntz - Ape Regina (1996)

Ustmamò - Baby dull (1996)

Yo Yo Mundi - La canzone di fuga e speranza (1996)

Carmen Consoli - Amore di plastica (1996)

 

  1. rocktargatoitalia.eu

 

Ufficio stampa

FRANCO SAININI

Divinazione Milano S.r.l.

Leggi tutto...

Gli ascolti di febbraio 2021. Giancarlo Frigieri, Pietro Spanò, Yuri Beretta, Prevosti, Vasco Brondi a cura di Roberto Bonfanti

Gli ascolti di febbraio 2021Giancarlo FrigieriPietro SpanòYuri BerettaPrevostiVasco Brondi
articolo di Roberto Bonfanti

“Occorre essere attenti, per essere padroni di sé stessi occorre essere attenti”, cantava Lindo Ferretti diversi anni fa. Una frase che suona più importante che mai, in quest’epoca in cui persino il senso delle parole sembra mutare di giorno in giorno. Occorre essere attenti. E, guardandosi attorno, verrebbe in mente anche quell’altra frase, forse più incisiva, di De André, su cosa bisogna diventare per credere che esistano poteri buoni. Intanto però non smettiamo di concederci anche delle parentesi di bellezza e consigliamo, come ogni mese, qualche disco recente da ascoltare.

Giancarlo Frigieri, che chi ha seguito la scena indipendente di inizio millennio ricorderà come leader di Joe Leaman, sembra avere ormai raggiunto un’enorme maturità nel suo percorso solista da autentico cantautore. “Sant’Elena”, il suo nuovo album, è infatti un disco cui in il folk più cupo e dolente di matrice americana si sposa perfettamente con una serie di polaroid sincere e toccanti di una manciata di storie ambientate nella provincia emiliana più profonda. Storie strapiene di vita raccontate in modo profondo e sentito andando a comporre un disco cosparso di fuliggine pervaso da un affascinante senso di sconfitta.

Coniugare pop, raffinatezza e intelligenza è da sempre una sorta di sacro Graal per molti cantautori. Pietro Spanò, con il suo nuovo album intitolato Prospettiva cosmica, sceglie di imboccare esattamente quella strada e riesce a percorrerla in modo naturale e credibile. Nove canzoni dalle melodie pulitissime in cui suoni sintetici e pianoforte si intrecciano in modo spontaneo completando il tutto con testi che riflettono in modo personale, coniugando uno sguardo attento sul mondo e una patina di apparente leggerezza, su sfumature non banali della contemporaneità.

Il periodo di clausura generale sembra avere dato una spinta importante alla creatività di Yuri Beretta che, dopo il pop di Cara pace e le sperimentazioni di “Diario”, pubblica il terzo album in poco più di dodici mesi dando spazio questa volta alla sua vena da cantautore più intimista e puro. “Cantare l’amore” è un disco confidenziale costruito attorno alla voce di Yuri, alle sue parole e a pochi suoni a bassa fedeltà che esaltano il senso di fragilità emanato dalle canzoni, con la scrittura dell’artista lombardo che si abbandono senza remore al suo lato più introspettivo, malinconico e sensibile.

Il varesino Prevosti si presenta come il nuovo pupillo di Giorgio Canali, che non a caso si è occupato della produzione artistica del suo album d’esordio intitolato “Le gabbie dei tori”, pubblicato già da qualche mese ma di cui arrivo colpevolmente a parlare solo adesso: un disco dallo stile immediato, figlio del lato più cantautorale degli anni ’90 rock del nostro Paese ma capace di guardare anche oltre accarezzando il pop e concedendosi qualche apertura folk. Canzoni dirette ed essenziali incentrate su una scrittura eclettica ma decisamente incisiva capace di unire sensibilità, cinismo, lucidità, rabbia, disillusione, richiami alla storia della miglior canzone d’autore italiana e slanci poetici.

È un album live registrato durante i concerti della scorsa estate e intitolato Talismani per tempi incerti”, il primo lavoro musicale firmato da Vasco Brondi con il proprio nome di battesimo. Un live la cui scaletta spazia fra classici de Le Luci Della Centrale Elettrica, qualche cover (quattro delle quali tratte dal repertorio dei CCCP\CSI\PGR o comunque curiosamente già interpretate anche dalla voce di Giovanni Lindo Ferretti) e intermezzi dedicati alla lettura di poesie. Un progetto che non sposta le coordinate del Vasco Brondi solista rispetto a quanto già mostrato nell’ultima fase del progetto Le Luci Della Centrale Elettrica ma che comunque risulta un piacevole momento di transizione in attesa di scoprire il futuro dell’artista.

Roberto Bonfanti
[scrittore e artista]

www.robertobonfanti.com

blog rocktargatoitalia.it

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Contatti

ROCK TARGATO ITALIA
c/o Divinazione Milano Srl
Via Palladio 16 20135 Milano
tel. 02.58310655
info(at)rocktargatoitalia.it

Log In or Sign Up

Password dimenticata? / Nome utente dimenticato?